Tony Hawk’s Pro Skater 3

By |30/12/2001|Categories: Recensione|Tags: |

Agli appassionati dei videogiochi arcade non sembrerà vero, ma indiscutibilmente questo periodo natalizio sta vedendo i proiettori puntati su un bel po’ di giochi adrenalinici. Si è cominciato con il grande SSX Tricky, si continua con Shaun Palmer’s Pro Snowboarder (non perdetevi la recesione sempre su questi schermi) e si arriva a Tony Hawk’s Pro Skater 3 (THPS3), il primo episodio su PS2 sapientemente convertito da Activision e Neversoft.
Una breve introduzione ai non addetti ai lavori mi sembra doverosa. Tony Hawk altri non è che la leggenda vivente dello skateboard e al suo nome Activision ha sviluppato una serie fortunatissima su quello che potremmo definire uno sport estremo. Ovviamente lo skateboard non ha certo bisogno di presentazioni e risulta praticato da moltissimi ragazzi sprezzanti del pericolo (e talvolta dei passanti). Tuttavia se qualcuno di voi non sapesse bene di cosa si tratta, il filmato introduttivo del DVD lo spiega molto bene. THPS3 è il primo titolo che invece di presentarci introduzioni sofisticate al computer o col motore grafico della PS2, torna indietro ai sani filmati realizzati dal vivo e gli attori di questa presentazione sono campioni di skateboard che si esibiscono. Finita la presentazione la voglia di giocare sale alle stelle ma una volta arrivati nello Skate Shop (= menu principale) si rimane a bocca aperta per la presenza di una vastissima serie di modalità e sottomodalità. Questo vasto assortimento ci offre ben due modalità per principianti: una TUTORIALS dettagliata che ci spiegale combinazioni di tasti, senza tuttavia svelarci tutto, e una FREE SKATE nella quale possiamo divertirci a fare pratica senza limiti di tempo. Naturalmente solo la prima pista è disponibile mentre le altre occorrerà sbloccarle nelle altre modalità. Una volta presa la confidenza necessaria col “mezzo” ci possiamo tuffare in una SINGLE SESSION dove poter compiere evoluzioni a punti in un tempo limite stabilendo nuovi primati.
Tutte queste modalità fungono da riscaldamento alla CAREER, vera sfida del gioco. In questa modalità si parte dalla prima pista (una fonderia) e per completarla occorre raggiungere ben nove obiettivi alcuni dei quali riusciranno a mettere a dura prova anche i migliori. Gli obiettivi sono misti e riguardano punteggi da raggiungere, lettere da raccogliere (per formare la parola SKATE), evoluzioni particolarmente difficili da realizzare e persino qualche divertente enigma da risolvere; ma non posso mica svelarvi tutto! State tranquilli perché per sbloccare la pista successiva non sono necessari tutti gli obiettivi ma solo una parte via via crescente.
Nel menu principale non poteva mancare la classica sfida a due giocatori con schermo condiviso che risulta immediata e divertente e contiene diverse sfide per i giocatori che aggiungono un pizzico di sale alla competizione. La vera novità di questo titolo NETWORK che sebbene sia futurista adesso, ci ricorda che tra breve potremo sfidare gli amici a distanza. Abbiate pazienza e tra poco Hard Disk e Modem saranno una piacevole realtà.
Infine potrete fare l’editing del nostro skater preferito personalizzandolo come più vi piace dal colore della pelle all’abbigliamento. Oops scusate, dimenticavo di dirvi che potete creare anche le vostre piste sfoderando fantasia e senso del rischio. L’ultima cosa da menzionare di questo assortito menu è la voce delle OPZIONI tra le quali potrete selezionare la voce per inserire i trucchi che si trovano in giro sulla rete delle reti.

Grafica
La veste grafica di THPS3 è di prim’ordine e vanta una fluidità e una cura per i dettagli molto buona. Il gioco non risente di incertezze e trasmette l’idea di velocità in modo impressionante. Le potenzialità della PS2 sono state ben sfruttate soprattutto se pensate che siamo di fronte ad una conversione.

Sonoro
L’audio complessivamente è valido per ciò che riguarda gli effetti ed è splendido per le musiche che sono perfettamente allineate al gioco e sono, tra l’altro, casualmente abbinate alle piste e quindi non potrete certo dire di annoiarvi a sentire sempre lo stesso pezzo sulla stessa pista.

Giocabilità
Dal punto di vista della giocabilità THPS3 rasenta la perfezione grazie al perfetto uso del Dual Shock 2 che rende naturali tutti i movimenti e le evoluzioni. Gli stick analogici sono stati ben programmati e l’uso della levetta destra per ruotare la telecamera rende l’esplorazione della pista molto bella e sempre possibile.
La giocabilità è anche aiutata dalle varie modalità di pratica e l’unica pecca che possiamo cercare riguarda il livello di difficoltà che per i nuovi adepti dello skateboard può risultare elevato. Raggiungere tutti gli obiettivi di ogni pista può richiedere giorni di paziente e abile lavoro.

Longevità
Tantissime modalità; infinite personalizzazioni di piste e skaters; decine di spettacolari evoluzioni da imparare; otto piste da sbloccare; nove obiettivi da raggiungere per completare la pista; decine e decine di trucchi da usare; possibilità di giocare in rete. Beh che dire? La longevità di THPS3 non ha limiti e non serve dire che siamo di fronte all’ennesimo gioco di skateboard perché l’impegno di Activision per dare alla luce un gioco che possa soddisfare tutti per giorni e giorni è stato centrato alla grande. Non è esagerato dire che i maniaci del genere potrebbero giocarci fino alla prossima generazione di console senza aver visto tutto!!!


Infinite modalità e personalizzazioni. Splendida giocabilità.


Un po’ difficile per i neofiti.


9.0

In conclusione THPS3 è un videogioco praticamente imperdibile e presenta punti di forza da tutte le parti. Sicuramente è in grado di competere con SSX Tricky e probabilmente il sogno degli amanti dei giochi arcade di questo tipo è di possederli entrambi. Volete un consiglio? Se avete chiesto SSX Tricky a Babbo Natale potete chiedere THPS3 alla Befana. Al peggio vi sentirete rispondere che non esistono!