Gotham City: Impostors

Provato
A cura di drleto - 12 Dicembre 2011 - 0:00

Londra – La rinnovata fama di Batman, legata al doppio successo della (futura) trilogia cinematografica e agli splendidi exploit di Rocksteady, ha spinto Warner a cercare di valorizzare il più possibile la licenza, proponendo videogiochi ispirati all’universo creato da DC Comics.
Recentemente infatti siamo stati in una fredda e ventosa Londra, presso gli studi Warner Bros., per provare in anteprima Gotham City Impostors, l’ultima fatica dei Monolith Productions celebri per aver creato serie come quella di F.E.A.R. e di Condamned.

Licenza sì, ma anche no…
Quello proposto dai ragazzi di Seattle è un nuovo FPS competitivo in arrivo per tutte le piattaforme digitali nei primissimi mesi del 2012, al costo di circa 15 euro. La licenza in oggetto è stata sfruttata prima di tutto per caratterizzare le due fazioni che si combatteranno, i Bats e i Jokerz, e inoltre per dare riconoscibilità architettonica ai diversi livelli o per rendere riconoscibili alcune armi. A parte questo i Monolith si sono sbizzarriti nel cercare di proporre personaggi assolutamente folli e armi altrettanto curiose, in grado di dare un tocco di personalità in più al prodotto. Parliamo infatti di uno shooter online che propone battaglie tra due squadre di 6 giocatori impegnate in modalità piuttosto classiche come Team Deathmatch, o varianti di Cattura la Bandiera e Re della Collina. Le mappe proposte, per ora solo 4, sono di piccole dimensioni per non diluire l’azione tra il numero esiguo di partecipanti. Il loro design è buono e consente diversi approcci alla partita. Grazie anche allo sviluppo verticale di alcune architetture sembrano piuttosto articolate e bilanciate, spingendo i giocatori a studiarle al meglio per sfruttarne i vari punti di forza e debolezza.
Raccontato in questo modo Gotham City Impostors non riesce ad esprimere le sue potenzialità, che si concentrano principalmente in una profonda customizzazione di ogni elemento del proprio soldato virtuale ed in un gameplay molto frenetico e divertente.

Loadout
A differenza di molti sparatutto convenzionali, in Gotham City Impostors il proprio aspetto fisico inciderà sulle vostre prestazioni: in base alla vostra stazza e l’altezza varieranno la resistenza ai colpi nemici, la velocità e la forza. Questi fattori, combinati con le decine di armi e gadget a disposizione, danno vita a molteplici stili di gioco, tra i quali ognuno potrà trovare il più adeguato alle proprie caratteristiche. Una gigantesca montagna di muscoli, facile da colpire, ma resistente come non mai, armata di lanciagranate potrebbe essere un brutto incontro in spazio chiusi, mentre un personaggio più sottile ed agile è indicato per saltare sui tetti di un edificio da dove bersagliare, non visto, gli avversari. Se la corporatura incide sulle prestazioni, lo stesso non si può dire sui vestiti, assolutamente ininfluenti a livello di gameplay, ma altrettanto vari e folli da divenire sicuramente in futuro uno degli sbloccabili preferiti dai giocatori. Ignorando completamente la piega seriosa del Batman cinematografico, i personaggi di Gotham City Impostors vestiranno capi davvero pazzi e non passerà molto tempo prima che un avversario o un compagno si presenti vestito solo con un paio di slip leopardati (ovviamente del colore della fazione) o con strane maschere. Le possibilità sono molteplici e sarà un piacere controllare il personaggio più grottesco e divertente della sessione.

Gadget
Un’altra peculiarità di Gotham City Impostors è data dall’arsenale che ogni giocatore avrà a disposizione: oltre a variazioni umoristiche delle bocche da fuoco classiche per il genere, come fucili a pompa, mitragliette o bombe a mano, arriveranno tutta una serie di gadget, da assegnare ai dorsali del pad, in grado di rendere molto più dinamico lo scontro. Si andrà da pattini a rotelle capaci di aumentare la velocità di corsa, ma che rallentano gli spostamenti laterali, ad un rampino con in quale compiere diversi metri di strada in un batter d’occhio, o arrampicarsi sui tetti, passando per batarang che scombussoleranno i comandi dell’avversario colpito. Le opzioni a disposizione, anche in questo caso, sono molteplici e consentono di bilanciare al meglio il proprio soldato e di adattarlo al proprio stile. Questi oggetti infatti avranno anche ulteriori gadget ed accessori da sbloccare per differenziare ulteriormente i loro effetti. Come se non bastasse, durante la partita, compariranno in maniera randomica bonus di varia natura, che potrebbero conferire invulnerabilità o semplicemente maggior esperienza a coloro che li raccolgono.
Il gameplay che ne risulta beneficia dei molteplici approcci possibili, ovvero della possibilità di giocare “piedi a terra” imbracciando un fucile, o saltare da un edificio all’altro, dispensando confusione con i batarang o aiutando i compagni suonando una musica rinvigorente tramite un carillon.
Tecnicamente il prodotto Warner presta il fianco a qualche critica, soprattutto per la pulizia delle texture o del motore in generale, molto fluido e solido, ma non particolarmente rifinito, con ambientazioni scure, un po’ anonime e povere di dettagli.


– Elevata customizzazione
– Gameplay divertente
– Gadget folli






Gotham City Impostors è un prodotto che punta tutto sul divertimento e la frenesia degli scontri tra personaggi altrettanto fuori di testa. Sbloccare, personalizzare e sperimentare il proprio alter-ego è infatti altrettanto divertente che scontrarsi sulle mappe messe a disposizione dagli sviluppatori. Tra salti sui tetti, boomerang stordenti e carillon rinvigorenti ce n’è davvero per tutti i gusti. Peccato che al momento attuale sembra che l’offerta ludica sia piuttosto limitata, con solo tre modalità e quattro mappe a disposizione, ma da qui all’uscita, prevista per i primi mesi del 2012, con oltretutto una fase di beta in mezzo, si spera che gli sviluppatori arricchiscano l’esperienza.




TAG: gotham city impostors