Dragonball Final Bout

By |18 anni fa|Categories: RECENSIONE|Tags: |

Dragonball Final Bout è uscito in Giappone il 21 Agosto 1997. Si tratta di un picchiaduro 3D che riprende la struttura di gioco dei vari Tekken e Virtua Fighter.
All’inizio del gioco si può scegliere tra Goku adulto, Pan, Goku bambino, Vegeta Super Saiyan, Gohan, Cell, Majin Bu, Cooler e Piccolo. Procedendo, si possono attivare altri personaggi tra cui i Super Saiyan ai vari livelli.
Oltre alla classica barra di energia esiste una ulteriore barra che si consuma quando sparate l’onda energetica e nel caso raggiunga lo zero, il personaggio rimane stordito per alcuni secondi. Non utilizzando la propria forza interiore invece la barra si ricarica progressivamente.
I personaggi normalmente dispongono di 2-3 attacchi a energia e varie combinazioni di attacchi semplici ad alta velocità.
Il sistema di controllo è molto semplificato: esiste un tasto per i calci, uno per i pugni, uno per effettuare la parata e uno per lanciare a sfera di energia.
Interessante la possibilità di alzarsi in volo e continuare a combattere. Peccato però che nelle lotte in volo il gioco non allinea automaticamente i personaggi. Di conseguenza si possono verificare situazioni in cui si producono colpi a vuoto nonostante una relativa vicinanza tra i contendenti.
Il punto debole di questo titolo è sicuramente la giocabilità. il sistema di controllo dei personaggi non è molto accurato. Inoltre, utilizzare le combo è troppo facile e se considerate che una semplice combo può mandare subito KO il proprio avversario capite che le cose non vanno proprio per il verso giusto.
Da un punto di vista grafico abbiamo dei personaggi che, seppur in bassa risoluzione e costituiti da pochi poligoni, riescono a trasmettere il feeling delle controparti ammirate nella serie televisiva. Ben realizzate le sfumature dei poligoni che rivelano un ottimo uso dei colori.
L’audio riproduce fedelmente quello originale della serie e anche le voci dei lottatori sono doppiate con cura.
La longevità è minata dalla struttura del gioco che potrebbe rivelarsi troppo semplice e quindi destinata a stancarvi facilmente. Tuttavia se siete appassionati della serie vi divertirete a controllare i numerosi personaggi presenti.










7

In conclusione un picchiaduro che può contare su di un nome di richiamo e su una realizzazione tecnica discreta. I problemi vengono dal punto di vista della giocabilità troppo semplificata e che presenta alcuni difetti evidenti. Certamente il titolo non può reggere il confronto con Tekken 3, tuttavia se siete appassionati di Dragonball e siete stanchi del picchiaduro Namco potete prenderlo in considerazione.