Advanced V.G. Limited Edition

By |21/11/2007|Categories: Recensione|Tags: |

I picchiaduro sono il genere più ricorrente tra quelli appartenenti alla ludoteca per la console di casa Sega, e Advanced VG va ad aggiungersi all’elenco, che è sempre più fornito. La trama del gioco è incentrata sul torneo di arti marziali femminile… che ha lo scopo di decidere qual è la cameriera più forte del Giappone! I tornei sono sponsorizzati da una serie di ristoranti che in cambio ottengono un po’ di lavoro e popolarità. La vincitrice del torneo si aggiudica il titolo di “Dea Vergine”, più un premio in denaro di dieci miliardi di Yen e una casa costruita in un punto qualsiasi del pianeta dove lei abbia scelto. Cosa chiedere di più dalla vita?

Un po’ di storia
Variable Geo, così si chiama la serie da cui discende il gioco, ha riscosso un discreto successo in Giappone, grazie alla realizzazione di svariate edizioni per PC all’inizio e per console in seguito. Oltre ai vari videogames, sono stati realizzati anche tre OAV che riproducono fedelmente la trama del videogioco, anche se con qualche cambiamento. Subito dopo la versione per PC di Variable Geo fu realizzata quella per Pc Engine nel 1994, chiamata “Advanced VG”, poi l’anno seguente uscì quella per Super Famicom intitolata “Super VG”. In seguito uscì la versione di Advanced VG per Playstation e Saturn, inoltre per quest’ultima console fu realizzata la versione Limited Edition che è appunto questa che stiamo esaminando adesso. In seguito per Playstation ha visto la luce Advanced VG 2 che offre molte caratteristiche in più rispetto alla precedente versione, ma su Saturn non è mai uscita. Oltre a queste edizioni di Variable Geo, in seguito, ne sono state realizzate altre per PC, vale a dire VG Custom, VG Max, VG Adventure, VG Rebirth, VG Rebirth Dash ed in fine VG Neo.

Edizione limitata
Spesso sentiamo nominare l’edizione limitata di alcuni titoli e questo ci fa sorgere la curiosità di sapere che cosa cambia rispetto alla versione normale. Dobbiamo ammettere che tale curiosità è lecita, visto che in alcuni titoli è indice di differenze più o meno interessanti e piacevoli, non solo sugli optional allegati al titolo ma anche su cambiamenti nel gioco stesso.
Advanced VG Limited Edition per Saturn, offre rispetto all’edizione normale un pacco enorme che contiene un puzzle dedicato composto da più di 1000 pezzi e la colla per fissarlo una volta completato, per il resto il gioco è identico alla normal version. Tornando a parlare degl elementi chiave di questa produzione, entriamo nel dettaglio delle combattenti a vostra disposizione.

Yuka Tacheuchi – Yuka è la protagonista della serie, praticante di Karate e abita a Tokyo. Dopo che i suoi genitori sono morti quando lei ancora era piccola, è stata cresciuta da suo nonno e addestrata con le tecniche delle arti marziali, tra cui karate e la manipolazione dell’energia Ki.
Yuka partecipa la torneo VG semplicemente per promuovere se stessa e confrontarsi contro avversari forti. Fra i vari combattenti riesce a farsi degl’amici, come Chiho Masuda, Jun Kubota e Satomi Yajima, di cui è stata la migliore amica per anni.

Chiho Masuda – E’ un’esperta ninja. Una volta è stata l’erede apparente della sua famiglia del clan dei ninja. Tuttavia ella desidera una vita di libertà al punto di aver scelto di scappare, diventando così una “Missing-nin”. Chiho partecipa al torneo nella speranza di utilizzare il premio in denaro e la libertà immobiliare per finanziare la sua nuova vita.

Jun Kubota – E’ una Wrestler con ingenti quantità di forza, Jun una volta partecipò alle olimpiadi quando era alle superiori. Tuttavia ella è stata espulsa dai giochi a causa dei suoi ripetuti comportamenti scorretti. Più tardi s’iscrive al torneo VG, perché lì può trattare i suoi avversari come le pare. Nonostante questo però, Jun ha un suo codice d’onore da rispettare. Lei ritiene che l’uso di armi in un incontro di arti marziali è inaccettabile.

Manami Kusunoki – Ha quindici anni, ed è la concorrente più giovane nel Torneo VG. Oltre alla sua giovinezza, è anche tragicamente immatura, infatti, spesso si comporta come una ragazzina che ha metà dei suoi anni! Nonostante questo però, lei è incredibilmente intelligente e abile nel combattere, incorporando la naturale vitalità di un bambino e la vivida immaginazione nel suo stile di combattimento. La ragione della sua partecipazione al torneo è unicamente di ricevere il grande premio in denaro dedicato al vincitore. Lei è la più incosciente tra le varie partecipanti, poiché considera il torneo come un grande gioco.

Satomi Yajima – E’ una ragazza che vive insieme a suo fratello minore, Daisuke. Lei guadagna i soldi per vivere e per studiare lavorando part-time, inoltre deve prendersi cura di suo fratello. Satomi è una ragazza semplice e onesta, e quando ci sono situazioni che riguardano il denaro sa essere molto realistica. Questo accade poiché lei non ha altri parenti che possono aiutarla finanziariamente, così spesso è costretta ad accettare svariati lavori per far quadrare i conti.

Ayako Yuuki – E’ la stella del “Soto”, un tecno/rave dance club e ristorante dove abbaglia i visitatori con la sua appariscente danza. Mentre fuori appare come niente di più che una bella “Party Girl”, Ayako spende molto del suo tempo fornendo servizi di volontariato ai bisognosi e senza tetto. Il suo passatempo è di scovare e punire gli stupratori, i rapinatori e i bracconieri, ma soprattutto detesta le persone che fanno cose ingiuste alle donne.

Erina Goldsmith – Nota anche come Eririn, è di sangue americano, nata e cresciuta ad Osaka. Lei è forte e schietta, appassionata di umorismo. Possiede e gestisce un proprio ristorante, “The Rival”, e partecipa al Torneo VG nella speranza di portare la sua nonna paterna dagli Stati Uniti a vivere con lei in Giappone. Erina non pratica una particolare arte marziale, ma combatte con metodi imparati dopo anni di Street-brawling, praticato a causa del trattamento subito da parte di altra gente, che aveva dei pregiudizi verso gli stranieri come lei.

Kaori Yanase – E’ una diciannovenne, tecnico, esperta di computer, specializzata nell’arte del Tae Kwon Do. Lei inizialmente si è iscritta al Torneo VG per testare la propria abilità, ma si è trovata umiliata nella fase finale da Reimi Jahana. Da allora ha deciso di allenarsi duramente per sconfiggere la campionessa in carica. Nonostante ciò, Kaori apparentemente non ha cattive intenzioni verso la sua potenziale rivale, ma considera la sua sconfitta come una parte del percorso che si deve attraversare per diventare più forti.

Reimi Jahana – E’ il capo del gruppo Jahana, l’organizzazione che sovrintende i tornei VG. Reimi è ricca, molto intelligente e molto bella. Lei è anche un’artista marziale qualificata e ha vinto tre tornei VG. Reimi inizialmente vedeva le competizioni come la possibilità di dimostrare che lei è la più bella e la più forte di tutte le guerriere e prova un senso di perverso piacere nel guardare chi perde contro di lei, umiliando i perdenti in vari modi. Dopo essere stata sconfitta da Yuka, ritenta partecipando al Torneo VG nella speranza di riprendersi il suo titolo.

Entrando in gioco
Come già avrete intuito, Advanced VG è un picchiaduro sulla falsa riga di Street Fighter 2, con la differenza di essere composto unicamente da ragazze lottatrici. Già abbiamo visto in precedenza altri titoli simili, come Pretty Fighter X o Asuka 120% Burning Fest. Lo scopo del gioco è sempre quello, bisogna aggiudicarsi due round su tre per proseguire il gioco fino ad arrivare al boss finale. Ma cosa cambia in questo gioco rispetto a Street Fighter 2, oltre al fatto di essere totalmente al femminile? Dunque, dopo la presentazione, in stile anime, molto carina seguita da una sigla abbastanza piacevole, simile a quella per Super Famicom, ci troviamo di fronte al menu principale che comprende tre modalità di gioco. La prima è la più classica, “Normal Mode” dove possiamo selezionare la nostra lottatrice preferita fra le nove disponibili, ognuna con la sua tecnica di attacco. Da notare la possibilità di settare la velocità di gioco con i grilletti laterali del joypad, durante la schermata di selezione del personaggio. In questa modalità si affronteranno tutte le sfidanti una dopo l’altra come accade in tutti i picchiaduro più classici. Il “Vs Mode” è la seconda modalità di gioco dove possiamo giocare contro un amico, contro il computer oppure computer vs computer; in questa modalità è possibile sbloccare altri due lottatori segreti. Infine c’è lo “Story Mode” che ci vede nei panni di Yuka, e non possiamo usare nessun’altro personaggio al suo posto. Questa tuttavia, è la modalità più interessante del gioco, poiché è realizzata come un fumetto animato con splendidi disegni stile anime e con i personaggi che possiedono anche la voce per recitare i vari dialoghi, come in un cartone animato. In ogni capitolo dello Story Mode, si deve affrontare un avversario comandato dal computer e deve essere sconfitto per poter proseguire il gioco. Sarebbe stato bello se lo Story Mode era disponibile per ogni personaggio, ma anche così come è offerto risulta abbastanza apprezzabile. Non mancano poi le opzioni dove si può regolare la difficoltà di gioco, il tempo limite, la configurazione dei tasti e il sound test.

Realizzazione tecnica
Graficamente Advanced VG appare un po’ come i giochi per console a sedici bit, con personaggi e fondali realizzati in modo semplice e con poche sfumature di colore, però questo non significa che il gioco sia brutto, ma semplicemente ci viene da dire “si poteva fare di più…”. Le animazioni sono a nostro avviso migliorabili e i movimenti delle varie guerriere appaiono poco fluidi e scattosi. Una nota positiva va alle ombre dei personaggi che rispettano fedelmente tutti i movimenti, inoltre nello stage della discoteca c’è anche l’effetto specchio sul pavimento e la colorazione cangiante della luminosità del locale. Sempre restando in tema di fondali, sono da notare le varie animazioni presenti come le cameriere che fanno il tifo per Yuka o i bambini che assistono al combattimento nello stage di Chiho, oltre al fatto che è presente nelle pavimentazioni dei vari stage il mitico parallasse infinito già visto in Street Fighter 2 Champion Edition, molto apprezzato e realistico.
Le musiche si mantengono nella media, piacevoli e intonate, non disturbano e fanno il loro dovere, così come gli effetti e il parlato, abbastanza buoni. La giocabilità si mantiene su livelli medio alti, nonostante la rigidità di alcuni personaggi, i combattimenti si svolgono senza sensi di frustrazione da parte dell’utente, capace di effettuare mosse, super mosse e combo come accade in altri picchiaduro famosi. Yuka ad esempio possiede delle mosse speciali simili a quelle di Ryu, ovvero, la Fire Ball, il Dragon Punch e una rincorsa che finisce con un calcio. Inoltre ho notato che sono presenti alcune mosse segrete non riportate sul manuale, effettuabili solo quando la barra vitale è al 30% e lampeggia, però sta a voi scoprirle. La longevità è su discreti livelli, con ben tre modalità di gioco, numerose tecniche di combattimento praticabili in base al lottatore scelto, e la possibilità di giocare in due. Forse non il migliore esponente del genere ma un gioco particolare ed accattivante.


– Buon il character design…
– Piacevole lo Story Mode
– Molto giocabile


– … ma animazioni migliorabili
– Grafica a livelli di 16 bit


7.5

Advanced VG Limited Edition risulta essere un picchiaduro dei più classici, che punta ad attirare il pubblico con il fascino delle pulzelle in minigonna e uno stile anime molto piacevole e tipicamente giapponese. La presenza dello Story Mode da un tocco di classe in più al gioco, che nonostante la grafica non sia delle migliori, lo rende insolito e piacevole, inoltre, le lottatrici possiedono tecniche di attacco molto diverse. Le musiche sono nella norma così come il parlato e gli effetti. La risposta al joypad è molto buona con mosse speciali facilmente eseguibili, così da poter essere apprezzato anche dai neofiti. La Limited Edition può essere particolarmente apprezzata dai collezionisti, composta da un puzzle componibile con accessori e scatola.