Recensione di Fighter Within

Copertina Videogioco
  • Piattaforme:

     Xbox One
  • Genere:

     Picchiaduro
  • Sviluppatore:

     Daoka
  • Distributore:

     Ubisoft
  • Data uscita:

     22 novembre 2013
- Il nuovo Kinect legge in modo ottimo i movimenti... - ...ma il gioco non riesce minimamente a stargli dietro
- Combat System semplicistico
- Roster poco ispirato
- Responsività che fa rimpiangere il vecchio Kinect
Loading the player ...
A cura di (Pregianza) del
Ve li ricordate i tempi in cui i giocatori inveivano contro al Kinect, colpevole di non leggere degnamente i loro movimenti durante il gioco? O i fantastici momenti passati a ricalibrare di continuo la periferica perché con la luce mattutina non era in grado di trovarvi? Fantastico, perché quei tempi non sono ancora passati, ma stavolta non è colpa del povero Kinect, bensì degli sviluppatori. Date quindi il benvenuto a Fighter Within, fantastico titolo che riesce sia ad essere un brutto picchiaduro che a devolvere il nuovo motion sensor di Microsoft, tutto in una botta sola.


Lotta tra i Medioman
La storia nei picchiaduro è di norma dimenticabile o parecchio stramba, tolte alcune rare eccezioni alla regola. In Fighter Within è al di là del dimenticabile, è un insieme di clichè vaporosi che vi scorreranno addosso senza lasciare nemmeno una macchiolina di interesse. Nei panni di Matt, uno stereotipato ragazzetto cresciuto a pane e botte per la strada, dovrete sfidare una crudele scuola di kung fu per motivazioni insulse. The end.
I personaggi non aiutano certo a immergersi nella storia, essendo piatti e stereotipati quanto le loro vicende. Si va dal succitato Matt a ninja senza personalità, bestioni privi di carisma, e una copia di Tong Po più tatuata del normale. Creare un roster più banale sarebbe stato difficile anche impegnandosi.
Il bello è che tutta questa mediocrità impallidisce quando si prova il gameplay, a dir poco terribile. Vediamola così: il nuovo Kinect funziona, sul serio, non vi stiamo prendendo per i fondelli. Legge facilmente i movimenti del giocatore, delineando la sua silhouette senza problematiche di sorta e cogliendo ogni spostamento. 
Il gioco, invece, non lo fa. Tirate un pugno troppo veloce e l'animazione si fermerà a metà senza colpire, tentate di utilizzare movimenti simili a quelli delle arti marziali reali per sferrare un gancio e il vostro alter ego si metterà in guardia senza motivo il più delle volte, tentate di spostarvi di scatto mantenendo una posa difensiva e i movimenti non si tradurranno in un necessario passo in avanti o all'indietro. Insomma, è come usare il caro vecchio Kinect per Xbox360 con tutte le sue magagne, solo che in un titolo next gen.


Un Kinect sprecato, il che è tutto dire
Il combat system, dal canto suo, non è che sia calcolato a meraviglia. Le manovre disponibili sono pochette, e tentano goffamente di mimare le meccaniche dei picchiaduro seri senza successo. 
Il giocatore ha a disposizione pugni diretti, che funzionano piuttosto bene se sferrati a velocità bassa, ganci, che costringono a movenze da gorilla per esser percepiti, calci ai fianchi, scarsamente utili, prese, che verranno lette una volta sì e due no, e la possibilità di mettersi in guardia alta o bassa. Poca roba, a cui vanno ad aggiungersi un paio di manovre ambientali legate alla presenza di pali su cui saltare o bastoni da utilizzare, e un sistema legato al ki, che attiva delle "mosse speciali" di vario tipo. Le mosse speciali fanno danni elevati, ma la loro utilità è marginale e lasciano scoperti, poiché costringono a caricare l'energia mettendosi in posa alla Dragonball. C'è un sistema di counter in risposta alle semplici combinazioni automatiche del titolo, forse l'unico elemento tecnico del gameplay, ma è responsivo quanto i colpi descritti sopra, quindi traete le vostre conclusioni.
Ora della fine, invece di essere un titolo capace di sfruttare le potenzialità della nuova periferica, Fighter Within non è altro che un fighting game abbozzato e rozzo, che risponde malamente ai movimenti dell'utente. La sua unica utilità è quella di party game con gli amici, vantando un multiplayer locale piuttosto caotico, o di "stimolo per fare ginnastica", a patto di avere un salotto abbastanza grande per essere inquadrati in toto dal Kinect. 
Tecnicamente almeno ci attestiamo su livelli accettabili, con una modellazione 3D dei combattenti passabile e animazioni sufficienti. Non si può dire lo stesso tuttavia del sonoro, a causa di doppiaggi di qualità infima. Da queste parti, in poche parole, non c'è niente che si salvi.
Recensione Videogioco FIGHTER WITHIN scritta da PREGIANZA Fighter Within è un titolo che, pur potendo contare su una versione nettamente potenziata del Kinect, presenta esattamente le stesse terribili magagne che i predecessori avevano sul motion sensor di Xbox 360. Basterebbe questo a far capire quanto scadente sia questo titolo, ma voi aggiungete all'insieme anche un roster poco ispirato, poche modalità, un comparto tecnico appena passabile e un combat system penoso, e capirete all'istante come mai su questa recensione torreggia una bocciatura netta. Il Kinect 2.0 ora offre agli sviluppatori molte più opzioni e possibilità rispetto al passato, è ora di usarlo come si deve.
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
caricamento in corso...

 
 
SCREENSHOTS
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.