Recensione di Ryse: Son of Rome

Copertina Videogioco
  • Piattaforme:

     Xbox One
  • Genere:

     Azione
  • Sviluppatore:

     Crytek
  • Distributore:

     Microsoft
  • Data uscita:

     22 novembre 2013 - 10 ottobre 2014 (PC)
5.0
Voto lettori:
7.0
- Tecnicamente maestoso e davvero "next gen" - Sistema di combattimento semplicistico e mal calcolato
- Struttura della campagna spaventosamente ripetitiva e lineare
- Narrativa scialba
- Breve
Loading the player ...
A cura di Aligi Comandini (Pregianza) del
Un impero che ha cambiato per sempre il mondo, trasformato e inglobato intere culture e popolazioni, dominato terre vastissime e assicurato la sua eterna memoria con opere magnifiche sparse un po' ovunque. Questa è Roma. 
E allora perché i titoli dedicati a questo tumultuoso e affascinante periodo storico si contano sulle dita di una mano? Perché poche opere sono riuscite a sfruttare le infinite possibilità offerte dagli intrighi politici, dalle terribili battaglie, e dalle personalità leggendarie dell'era dell'impero? 
Non lo sappiamo, sinceramente. Forse è dovuto all'effettiva difficoltà di gestire una massa di avvenimenti storici simile, e ai rischi che ciò comporta in sede di sviluppo. Fatto sta che alcuni sviluppatori, ogni tanto, ci provano, e di conseguenza catturano con facilità l'attenzione di molti appassionati. Così è accaduto con Crytek e Ryse, titolo inizialmente previsto per Kinect e poi magicamente trasformatosi in un hack n' slash comune, pensato allo scopo di mostrare i muscoli della nuova macchina di Microsoft. 
Il gioco ha stupito subito, sia positivamente che negativamente. Da una parte la grafica è sempre sembrata da svenimenti multipli e mascelle implose, ma dall'altro il gameplay non ha soddisfatto i redattori che hanno avuto modo di testarlo, per via di un sistema di combattimento un po' abbozzato. Noi ci abbiamo sperato fino alla fine, catturati dall'ambientazione ricca di potenziale e dalle incredibili capacità tecniche degli sviluppatori di Crytek. Alla fine, purtroppo, solo i nostri occhi sono usciti appagati dall'esperienza. 


Forse Marius la sua storia l'ha un po' pompata
Di solito tentiamo di descrivere il comparto tecnico alla fine di un articolo, in un paragrafo dedicato, ma qui dobbiamo stravolgere un pochino la tipica struttura dei nostri pezzi. Questo perché Ryse è uno dei pochissimi titoli ad essere "davvero" next gen, un passo avanti grafico galattico rispetto a quanto visto nella generazione attuale, il cui comparto tecnico stupisce al punto da sovrastare ogni altro fattore, avvolgendo l'insieme come una morbida coperta. Il problema di Ryse è che, tolta questa meravigliosa copertura, non resta assolutamente nulla. 
Partiamo dalla narrativa, che non rappresenta uno degli elementi peggiori del titolo, ma brilla molto meno di quanto avremmo sperato. Nei panni di Marius, prode soldato dell'esercito Romano, vivrete il massacro della vostra famiglia ad opera dei barbari, per poi lanciarvi in un conflitto terribile contro le tribù bretoni, in una storia di vendetta ricchissima di violenza e morti. C'è intrigo nella storia di Ryse, c'è misticismo, e c'è onore, peccato che tutto sia a un livello da seconda elementare, con plot twist prevedibilissimi, una trama che avanza in modo alquanto banale, e personaggi estremamente piatti. 
La cosa assurda? Tutto risulta comunque godibile, sempre grazie al folle engine del titolo Crytek. I personaggi sono sciatti, ma le animazioni iper realistiche gli donano carattere: l'espressività degli eroi lascia trasparire la loro forza interiore, le smorfie e le movenze lascive dei malvagi rendono quasi impossibile non odiarli, e le tante scene epiche durante gli scontri spingono ad avanzare, quasi solo allo scopo di osservare qualche nuova meraviglia grafica. E' una strana dualità, dove alla fine però l'impatto grafico soccombe, poiché, ammirato l'ammirabile, non resta niente che meriti di essere ricordato dal giocatore.


Il pancrazio qui non serve
Il vero problema di Ryse non sta ad ogni modo nella narrativa scialba, bensì nell'elemento che fin dalle prime presentazioni aveva destato le maggiori preoccupazioni, il combat system. Eviteremo inutili perifrasi, e non indoreremo la pillola in alcun modo: siamo davanti a un gameplay pessimo. In un action hack 'n' slash le meccaniche sono re e regina, IL fondamentale dell'intera produzione, la colonna portante di tutta la struttura. In Ryse questa colonna è fatta di cartone e riempita di sabbia, poiché quel che ci troviamo davanti è un combat system che scimmiotta il free flow visto nella serie Arkham, e cerca senza successo di applicarvi alcune modifiche legate alle tempistiche delle mosse.
Marius avrà a disposizione due tipi di attacchi, veloci e potenti, una schivata, e una parata difensiva con lo scudo. In battaglia punterà automaticamente sul nemico più vicino in base alla direzione dell'analogico, e potrà eseguire combinazioni con facilità usando a raffica i colpi rapidi. Esattamente come nelle opere Rocksteady, le serie di colpi verranno indicate da un counter numerico, che, tuttavia, non sbloccherà le esecuzioni bensì una modalità chiamata "aquila di fuoco", che rende il nostro protagonista più rapido e si avvia solo dopo l'esecuzione di un tot di attacchi dal tempismo perfetto (per "tempismo perfetto" si intende far partire l'attacco successivo esattamente nel momento in cui la daga colpisce la carne nemica). Questo non significa però che le esecuzioni siano assenti, semplicemente derivano dai danni fatti e non dal counter delle combo, rappresentando una meccanica centrale del nuovo sistema. I colpi di grazia, infatti, una volta attivati, faranno partire un breve qte, che donerà invulnerabilità a Marius e a seguito dell'uccisione offrirà un bonus al danno, all'esperienza, alla furia o alla salute, in base a una passiva scelta con i direzionali. L'idea di fondo di unire tali bonus alle esecuzioni non è malvagia, ma il loro numero in Ryse è eccessivo, e i vantaggi ottenuti facilitano mostruosamente le battaglie, assicurando che non si resti quasi mai a corto di energia o rabbia. Proprio nell'appena citata furia poi è insita la maggior facilitazione del sistema, trattandosi di una tecnica attivabile che rallenta i nemici e rende inutile qualunque tipo di difesa derivante dagli scudi o dalla stazza dell'avversario. E' efficace a tal punto da rendere quasi insignificanti le serie perfette descritte poco fa, ed è un pessimo segno quando una meccanica mette in ombra le altre per la sua esagerata possanza.
Il free flow funzionava nei titoli dedicati a Batman, perché appaiato a fasi esplorative e ad altri sistemi di gioco, qui invece rappresenta l'ottanta per cento della campagna, pervasa da scontri continui che, negli ultimi capitoli, vengono facilmente a noia. La situazione migliorerebbe se ci fosse una notevole diversificazione degli avversari, ma, ora della fine, abbiamo contato sì e no cinque tipologie totali, dove la differenza di approccio è rappresentata solo dall'obbligo di schivare certi attacchi imparabili di alcuni nemici, di sfruttare i colpi potenti per spezzare le guardie degli avversari armati di scudo, o di usare la parata perfetta per contrattaccare. Se siete puristi di giochi di questo tipo, e magari vi siete fatti il palato fino, questo titolo vi farà morire un po' dentro. 


Soldati, sui binari!
Va detto che gli scontri all'arma bianca non sono l'unico elemento di cui Ryse si compone, ma vi consigliamo di non aspettarvi troppo dalle poche varianti. Si parla di fasi di comando, nelle quali a Marius viene dato il controllo di una truppa per conquistare determinate postazioni. Non è una sezione strategica, ma solo un linearissimo avanzamento della squadra su binari, ove al giocatore viene solo concessa la possibilità di alzare gli scudi per pararsi dai proiettili avversari e di contrattaccare a forza di lance.
I giavellotti sono utilizzabili come proiettili anche nell'avanzamento normale, eppure vengono spesso sfruttati in momenti altrettanto scriptati. Sono variazioni basilari, più noiose anche dei combattimenti comuni, e il fatto che non siano moltissime è forse un bene più che altro. L'uso del Kinect per chiamare il supporto di qualche arciere è, a sua volta, dimenticabile.
Persino le mappe sono limitate e chiuse, a causa di un'esplorabilità dei luoghi limitatissima, e correlata al ritrovamento di qualche collezionabile di poco conto. 
Ora della fine, non c'è scampo per il gameplay di Ryse. Le esecuzioni basate sui due attacchi si possono evitare, ma si è spinti ad usarle di continuo perché velocizzano scontri che in caso contrario si allungano fin troppo per ciò che offrono, le fasi alternative sono piatte e insulse, la varietà degli antagonisti è scarsa, la libertà d'azione inesistente, e persino lo sviluppo del personaggio è ridicolmente limitato a potenziamenti passivi e a esecuzioni extra, senza mosse, poteri, o combinazioni in più capaci di aggiungere brio alla formula. 
Credeteci quando vi diciamo che la cosa intristisce noi più di chiunque altro, perché avremmo desiderato con tutto il cuore un gameplay in grado di sorreggere il promettente background del lavoro di Crytek. Ma quando giocando ci si deve sforzare per apprezzare gli elementi minori del sistema di combattimento, in modo da ottenere un minimo di svago da una formula stantia e ripetitiva fino allo sfinimento, è chiaro che ci sono stati errori madornali a livello di game design. 


Roma è la città più bella del mondo
L'unico elemento su cui non si può recriminare è, per l'appunto, la grafica. Parliamo di un titolo maestoso, uno dei pochi prodotti davvero degno di essere definito "next gen". I modelli tridimensionali di Ryse sono spaventosamente dettagliati, e indipendentemente che si tratti di scene d'intermezzo o gioco vero e proprio pare a tratti di trovarsi all'interno di un filmato cg interattivo. le animazioni sono superlative, precise al millimetro e ulteriormente nobilitate da tanti piccoli dettagli legati alla fisica di gioco. Carni che si spostano all'impatto, grasso di nemici pasciuti che si muove quando questi corrono, armature luccicanti, amputazioni con ossa visibili e sangue a fiumi, illuminazione superlativa con riflessi magnifici, strutture così dettagliate da lasciare a bocca aperta, ed effetti particellari superlativi vi ipnotizzeranno dall'inizio alla fine della campagna, e come un urlo dritto in faccia affermeranno con forza "la next gen può fare questo". 
Ci sono bug, problemi di interpolazione poligonale, modelli ripetuti e un pattinamento brutale dei combattenti durante le battaglie, dovuto al riposizionamento degli stessi dopo i colpi inferti e ricevuti, ma sono inezie davanti a tanta bontà divina. Ryse è, innegabilmente, il gioco più bello da vedere tra i primi spuntati per la nuova generazione di console. 
Proprio questo splendore è la caratteristica più triste del titolo. E bello, bellissimo, sublime da vedere, ma la consapevolezza che questo spettacolo visivo poggia sul vuoto sarà un colpo terribile per chi lo attendeva con ansia. 
Cotanta mediocrità rende quasi un bene che la campagna duri solo cinque o sei ore. Almeno non morirete per il tedio prima della sua conclusione. Per i veri masochisti, comunque, c'è anche una modalità multiplayer cooperativa (giocabile anche in solo), che vi metterà nei panni di un prode gladiatore contro numerosi avversari presi di peso dalla campagna in missioni a obiettivi. Tolta la possibilità di sbloccare oggetti con cui personalizzare il protagonista, peraltro parzialmente acquistabili con le microtransazioni, o alcuni poteri limitati legati all'affiliazione a una divinità, non c'è davvero nulla che renda l'online degno di essere affrontato.

Recensione Videogioco RYSE: SON OF ROME scritta da PREGIANZA Ryse è uno spreco terribile. Da una parte è uno dei pochi titoli a poter realmente vantare di appartenere alla next gen, grazie al suo stratosferico comparto grafico, ma sotto al mare di meraviglie poligonali dell'opera di Crytek non c'è nulla, solo un action hack 'n' slash con un sistema di combattimento approssimativo, e una struttura lineare e tremendamente ripetitiva. E' sconsolante vedere tale potenziale buttato alle ortiche, ma chissà che in futuro questi sviluppatori non riescano a fondere tanta bontà visiva a meccaniche all'altezza.
Appuntamenti LIVE e Video Rubriche
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
    Numero commenti: 575
  • Morfeus
    Livello: 3
    1593
    Post: 299
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da scorpion90

    Dopo aver completato il gioco e provato tutte le modalità presenti si può dire tranquillamente che 5 non è un voto assegnabile a questo titolo. Com'è possibile dare un'insufficienza del genere? riconosco che ci siano degli aspetti negativi( come in tutti i giochi del resto) ma comunque bisogna considerare i pregi principalmente. La grafica parla da sola, la realizzazione tecnica dei modelli lo stesso. Il gameplay è semplicistico? è quasi identico a quello dei vari Batman in pratica.... si basa sostanzialmente sulla tempistica del contrattacco. Sarà pure ripetitivo ma la struttura è piacevole e solida. Le esecuzioni sono spettacolari e diversificate pur non essendoci la possibilità di variare arsenale rispetto a quello in dotazione. Ammetto che la longevità lasci a desiderare così come la linearità dei livelli. Tuttavia 5 è un voto dettato da un (pre)giudizio e da un'analisi frettolosa del gioco. Si deve considerare che è stato uno dei primi titoli per xbox one. Difatti, se si osservano le recensioni di altri siti si nota che effettivamente un 7 lo poteva meritare....
    concordo... il 5 della recensione è un parere molto approssimativo del recensore ... gli stessi magari che danno poi 9 a i vari COD... io lo prenderò per PC
  • scorpion90
    Livello: 1
    155
    Post: 77
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Dopo aver completato il gioco e provato tutte le modalità presenti si può dire tranquillamente che 5 non è un voto assegnabile a questo titolo. Com'è possibile dare un'insufficienza del genere? riconosco che ci siano degli aspetti negativi( come in tutti i giochi del resto) ma comunque bisogna considerare i pregi principalmente. La grafica parla da sola, la realizzazione tecnica dei modelli lo stesso. Il gameplay è semplicistico? è quasi identico a quello dei vari Batman in pratica.... si basa sostanzialmente sulla tempistica del contrattacco. Sarà pure ripetitivo ma la struttura è piacevole e solida. Le esecuzioni sono spettacolari e diversificate pur non essendoci la possibilità di variare arsenale rispetto a quello in dotazione. Ammetto che la longevità lasci a desiderare così come la linearità dei livelli. Tuttavia 5 è un voto dettato da un (pre)giudizio e da un'analisi frettolosa del gioco. Si deve considerare che è stato uno dei primi titoli per xbox one. Difatti, se si osservano le recensioni di altri siti si nota che effettivamente un 7 lo poteva meritare....
  • Danyengine
    Livello: 2
    234
    Post: 60
    Mi piace 3 Non mi piace 0
    Finito il gioco e giocato il multiplayer. Il gioco, secondo i miei standard, è bellissimo. L'unico vero gioco Next Gen. Corto, ma molto coinvolgente, ben fatto e bellissimo, con un immenso piacere nel ri-giocare il primo capitolo perchè ... ok non posso spoilerare !... Procederò con la recensione, che mi auguro qualcuno leggerà. Sono anni che non inserisco più recensioni, ma mi sento in dovere di premiare questo gioco che, non riesco a capire quale motivo, è stato così sottovalutato!
  • Danyengine
    Livello: 2
    234
    Post: 60
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Ho cominciato la mia avventura su Ryse. Sono a metà e il gioco mi sta piacendo molto. Ho sempre dato molto peso alle recensioni di spaziogames nelle valutazioni dei giochi, ma è la seconda volta che mi trovo in disaccordo: ancora devo provare il live, ed è senza dubbio presto per esprimere un giudizio complessivo(che darò appena avrò completato il gioco), ma da quanto ho visto e giocato questo gioco non può prendere 5, per il semplice fatto che la grafica è eccezionale e la giocabilità a buonissimi livelli! Pur essendo piuttosto lineare, il sistema di combattimento è fatto decisamente bene poichè al livello di sfida cui sto giocando è molto, molto coinvolgente. E' una sorta di hack and slash, ma per ogni uccisione che facciamo dobbiamo valutare che premio ottenere (xp etra, bonus salute, furia, oppure bonus danno) e dobbiamo farlo con attenzione (chiaramente ai livelli di sfida alti) altrimenti i nemici ci sovrasteranno. Mi sto divertendo e trovo anche che le sessioni con la lancia, quelle in cui si comanda l'esercito ed i combattimenti si alternino bene. E' stato dato 8 a Battlefield 4 che all'uscita "NON FUNZIONAVA", si perdeva i salvataggi, aveva l'audio che scompariva (oltre a mille altri problemi) e soprattutto non permetteva di giocare con i propri amici. Mi chiedo: come può Ryse prendere 5? mah ... Comunque approfondirò meglio il mio giudizio, magari con una recensione, quando avrò completato e giocato online il titolo
  • den_jocker
    Livello: 1
    163
    Post: 236
    Mi piace 1 Non mi piace -1
    Grafica maestosa e... STOP. Nel 2014 avere un sistema di combattimento stile cadillacs e dinosauri( dove dovevi premere solamente due tasti per menare il cattivo di turno) che giocavo nelle sale giochi non è ammissibile.
  • sld91
    Livello: 1
    -62
    Post: 30
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Ormai i giochi si concentrano solo sulla grafica!!! 5-10 anni fa sono stati fatti giochi epici come la saga di Final Fantasy, dove il livello di trama non è paragonabile con le storie che vengono fatte nei giochi "moderni", dove a farne da padrone è solo la grafica mandando a quel paese gameplay e trama.
  • geppazzo
    Livello: 0
    -28
    Post: 15
    Mi piace 1 Non mi piace -5
    Originariamente scritto da Clan Swiss ITA
    la grafica non farà mai un videogioco. vallo a chiedere agli accaniti di Minecraft se la grafica conta qualcosa. Anzi, aspetta la versione next gen. se davvero la grafica fosse importate, Ryse la farebbe da padrone ma non è così
    La grafica non farà un videogioco. OK. Ma nel 2014 dopo che compro 500 euro di consolle è normale che l'impatto visivo debba essere notevole. Anche l'occhio vuole la sua parte, poi se tu ti accontenti di giocare ancora con i giochi del di 30 anni fa fai pure. Per quanto mi riguarda la grafica nel 2014 con la NEXT GEN è il 60% del gioco!!!
  • davidemartufi55
    Livello: 1
    -240
    Post: 39
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    sarebbe bastato agiungere combo e meccaniche stelt più una mescolanza nella storia, che prevedesse la ricerca di manofatti storici, che avrebbero fatto luce, sulla morte di qualche romano, più la ricerca di artefatti ,che potessero aprire meccaniche segrete, stile god of war in piu a ogni boss, si poteva implementare l' aggiunta di armi e armatura fino a far diventare il nostro eroe fortissimo, in agiunta ancora dei sogni ,dove il nostro eroe incontrasse degli dei ,che gli conferiscano poteri, ma questi dei nella stanza dei sogni prevedevano la risoluzione di enigmi particolari, magari labirinti segreti con ogetti mistici da ritrovare per loro conto, per poi introdurre delle alleanze con gli stessi .le alleanze erano dovute al libero arbitrio in base alle nostre scelte. il nostro alterego avrebbe potuto diventare piu o meno spietato piu o meno uomo o semi dio ecc. ciò avrebbe dato più finali aperti sul punto di vista personale del nostro eroe. Insomma le idee io ne avrei almeno un miliardo , se questa compagnia sa fare un gioco dal livello grafico spacca mascelle e nn solo visto che alcune cose ottime ci sono, ma gli serve uno che gli dia spessore al loro gioco contattatemi faremo dei giochi cosi pazeschi che non si riesce a smettere di giocarci, per quanto diventano convolgenti...ps la crescita del personaggio poi non deve smettere perchè ad ogni partita che si rinizia il gioco si possa trovare armamenti fino a una potenza mai vista prima.ogni rinizio del gioco puo dare la possibilità di vedere tutti i possibili finali, continuando a crescere di forza e combo e armi e armature tutto ciò darebbe uno spessore infinito, garantirebbe giocabilità e molto altro e perchè no se fosse cosi rigiocabile la possibilita di introdurre armi e altri potenziamenti vengono fatti a pagamento e vengono rilasciati periodicamente e sono poi riscopribili nella storia. Dopo averli scoperti rigiocando le stesse missioni.grazie a tutto ciò il nostro gladiatore può poi sfidare nelle arene con altri gladiatori fino adirittura a sfidare gli idei grazie ai vari potenziamenti cioè immaginate le arene degli idei che aprono sfide epiche multy player magari 2 contro due uno impersona un dio l 'altro il semi dio insieme aprono combattimenti tra la magia il richiamo di poteri elementari e la parte semi mortale più fisica piu gueriera con combo che prevedono l essere vicino al nostro alleato combo cosi pazesche da restare disorientati difese cosi impenetrabili da smuovere la terre le montagne le fisiche di tutto ciò che ci circonda insomma siamo la next gen allora non diamo limite alla potenza .
  • Fighter
    Livello: 0
    23
    Post: 110
    Mi piace 1 Non mi piace -1
    Originariamente scritto da FortunatoHayleys
    Io il gioco l'ho provato e l'ho finito, purtroppo a me i giochi non so perché ma durano molto di più di chiunque dica un orario per terminare diciamo il tutto (visto che completo ogni gioco prendendo collezionabili e tutto quanto) tipo in saints row 3, tra sfide, territori, il massimo era 30ore, l'ho platinato in 41 e non perché ho perso tempo o ho ripetuto missioni, ma anzi, sono morto o ho fallito pochissime missioni (su 47) si parlava del fatto che il gioco annoia, ma di molto.Credo che nella recensione uno può dire mille pagine ma ci sarà sempre qualcosa che un ragazzo, un altra persona vede e lui no.L'apparenza inganna, andando a dormire a casa di un amico giocandoci 2 ore di mattina e il pomeriggio è finito già, parata, attacco, Qte, l'unica cosa migliorata sono i nemici che attaccano in molti, non capisco questo difendere un gioco che ognuno considera penoso, tranne quelli che buttano 65€ e devono per forza autoconvincersi che il gioco sia bello per non dire che hanno buttato soldi.Se questi per voi son giochi da 7 o giochi belli, quanti anni avete? Il primo Jak&Daxter durava il doppio ed era divertente, c'era divertimento, intrattenimento.Hanno copiato tutti call of duty ghosts mettendo i punti abilità per salire di livello (vedi questo o dead rising) siamo seri dai, per voi un gioco bello o discreto dura 6 ore, fai le stesse cose per tutta la campagna, percorri un corridoio perché il gioco si basa su questo e premi 4 tasti? ma andiamo bene.( D: )


    concordo.si compra e poi biosgna cmq giustificare qualsiasi cosa.se questo gioco vale 7-8 così comè tra longevità e gameplay,ma quelli davvero buoni quando dovrebbero prendere?10 e lode??

    Originariamente scritto da shockwave82


    Concludo ripetendo che a un gioco che mostra i muscoli della console in questo modo non si puo' e ripeto NON SI PUO' dare un voto cosi' basso... non ha senso non dare nemmeno la sufficienza... certo c'è molto da rivedere, ma c'è da contare che doveva uscire al lancio... probabilmente non hanno nemmeno avuto molto tempo per poterlo gestire e pensare a qualcosa per renderlo piu' vario... IMHO han già fatto anche troppo e vale sicuramente il prezzo del biglietto, se non altro per capire cosa realmente vale la nuova console rispetto alla vecchia.


    certo,peccato che questo biglietto di cui parli, per capire realmente le nuove console rispetto alle vecchie!.., costa 60€ e passa,senza parlare dei 500€ di console.robetta insomma.che poi valga 5 o valga di più stò gioco,è unpò caro direi solo per un pò di grafica migliorata.
    se poi nn hanno il tempo di gestire o fare le cose bene..anche i prezzi dovrebbero essere dimezzati allora no!?.eh no,quelli no,sempre pieni.tanto cmq cè sempre chi compra.
  • Danyengine
    Livello: 2
    234
    Post: 60
    Mi piace 0 Non mi piace -2
    Non ho ancora provato Ryse,ma certamente lo proverò quando lo troverò a prezzi bassi e farò le mie considerazioni. Io temo la troppa ripetitività nei giochi, ad esempio ho un pessimo ricordo di Assassin's creed che tutti osannavano ed io non sono riuscito nemmeno a finirlo perchè mi sembrava di fare sempre la stessa cosa! Ho provato anche con Assassin's creed II, ma ho avuto le stesse impressioni (un prodotto commerciale, alla portata di tutti, molto ripetitivo). E' chiaro che ad inizio generazione bisogna tenersi bassi sui voti, altrimenti poi ci sarà difficoltà a dare votazioni in futuro ... però se il primo Assassin's Creed all'epoca prese un voto prossimo al 9 per le sue qualità tecniche pur essendo ripetitivo e qui ci ritroviamo un 5, sinceramente mi aspetto con Ryse di giocare ad una mezza ciofeca ... :p . Io penso che siamo in due epoche videoludiche diverse e mi auguro che non si possa fare un paragone fra il "circa 9" di Assassin's Creed ed il 5 di Ryse . In ogni modo darò il mio giudizio dopo averlo giocato...
  • thesuperf...
    Livello: 2
    229
    Post: 104
    Mi piace 2 Non mi piace -7
    Perchè rovinare in questo modo la civiltà romana? Perchè, Microsoft, perchè?!
  • Anthonuccio
    Livello: 2
    100
    Post: 312
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Giocato ed un pochino analizzato ryse : son of rome a casa di un mio amico durante le feste natalizie, ed il mio parere é che graficamente è davvero stupendo, davvero poco aliasing (solo in certi bordi come scalinate ecc ecc) dettagliatissimo, texture davvero ammalianti come pavimenti con rifrazioni varie, effetti di luce dinamici, la vegetazione che si muove col vento oppure urtandola col personaggio principale e altre cose che sicuramente notate anche voi.. Al tempo stesso purtroppo, le location sono tremendamente limitate, nel senso che per esplorarle ci vogliono 15 secondi per quanto sono ristrette, corridoi manco fosse il primo (meraviglioso) crash bandicot mi sembrano le ambientazioni di Ryse a volte.. Il gameplay invece é parecchio ripetitivo purtroppo, all'inizio é tutto bellissimo, dopo mezzora già comprendevo di aver giá visto tutto quel che potevo fare tra mosse qte parate schivate, tutto questo poi condito dal fatto che non offre molta sfida come gioco, dopo 10 minuti di gameplay ero già diventato una cima nei combattimenti (giocavo a difficoltá "normale"), squartavo tutti, l'unica difficoltà era che dovevo abituarmi alle funzioni assegnabili con la croce direzionale.
    Certo, se alzo la difficoltà il gioco diventa più difficile.. Peccato che per "difficile" intendo che l'unico cambiamento é il volerci 2 minuti in più di ripetitive spadate per abbattere un nemico..
    Confermo che è cortino il gioco, finito in 6 ore e 22 minuti (ho giocato per 3 ore, da metá gioco in sù) e la trama non é che sia molto coinvolgente aggiungerei.. Ma nessuno dice che sia la trama il punto di forza di Ryse.
    La modalitá online potrebbe riempire dei buchi di longevità, ma come la campagna, anche in questo caso è bellissima all'inizio.. Per poi diventare tremendamente ripetitva dopo un pò che si gioca, ma tuttavia meglio di niente, e poi anche se ripetitiva, é realizzata bene.

    Ryse é bellissimo da vedere.. ed da giocare sopratutto le prime volte ovviamente ahah, poi chi prima e chi dopo, dovrá fare i conti con la ripetitivitá, la sua personalizzazione nulla, ed il poco mordente che ha il gioco stesso a conti fatti.

    Considerando gli standard di spaziogames, il "voto" é giusto.. Considerando i miei standard molto di bocca buona, gli darei 7.5 ma ammetto che questo voto lo dò praticamente solo per la grafica e per il genere di gioco.

    Ciau
  • Andreword
    Livello: 2
    8
    Post: 3
    Mi piace 7 Non mi piace -5
    Voi siete pazzi...ho appena comprato il gioco...ok non sarà da 9, ma ci vuole coraggio a dare 5 ad un gioco del genere...non riesco a capire il vostro accanimento del tutto gratuito...
  • ZaluTheBoss
    Livello: 4
    -268
    Post: 548
    Mi piace 4 Non mi piace -1
    Originariamente scritto da The Starving Man
    Sul voto non mi esprimo perché non l'ho giocato ma sono d'accordo con quello che l'ha recensito; il gameplay deve essere il punto centrale di ogni gioco, il resto deve essere contorno. A sto punto se è solo grafica tiro fuori il dvd de "Il Gladiatore".
    Ancora più deluso visto che lo avevano annunciato all'inizio come un titolo che avrebbe utilizzato il kinect nel gameplay, il motivo per il quale ha acquistato cosi tanta notorietà all'inizio.


    La grafica elemento di contorno..?? Bè allora perchè stiamo a cambiare le console...mettiamoci tutti a giocare con la prima play che ha tanti giochi dal gameplay fantastico ma grafica vecchi di 15 anni! Dai ma che discorsi sono!!!!! Grafica e e gameplay sono i due elementi più importanti e sono alla pari in ordine di importanza! E' sempre stato così è sarà sempre così! Per quanto riguarda il voto, quella è un opinione del recensore e non di certo un metro di paragone dettato da DIO!!! Ribadisco che personalmente ritengo quel voto completamento sbagliato e riscrivo che il suo voto esatto è 7!
  • shinokuni
    Livello: 1
    94
    Post: 86
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    premetto che è solo una mia teoria ,ma io credo che all il gioco fosse stato concepito in maniera diversa,ovvero una specie di film interattivo che alternava scene guidate a scene di gameplay solo cosi si puo giusticare la poca longevità e la mancanza di contenuti vari.
    Io non ho xbox xo ero interessato a questo gioco e ne ho seguito piu o meno le varie fasi tramite news....ricordo che ad una presentazione c erano una marea di qte e che dopo le varie critiche si erano giustificati dicendo che li avevano messi solo per poter mostrare una versione di prova giocabile...secondo me il gico era proprio quello e sti somari hanno cambiato idea perchè hanno avuto paura...sono convinto che se avessero perseguito la strada che si erano prefissati senza farsi influenzare avrebbe fatto un bel gioco e quel 5 sarebbe stato un 7

    sembra poca la differenza ma 5 è un flop....7 è discreto, come voto sarebbe stato un ottimo inizio poiche avrebbe dimostrato un buon gioco con tutte le carte in regola per essere migliorato via via negli anni con i capitoli successivi
caricamento in corso...
SCREENSHOTS
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967