Anteprima di Dead Rising 3

Copertina Videogioco
  • Piattaforme:

     Xbox One
  • Genere:

     Survival horror
  • Sviluppatore:

     Capcom
  • Data uscita:

     22 Novembre 2013 - 5 settembre 2014 (PC)
ASPETTATIVE
- Centinaia di zombie da massacrare
- Tantissime armi disponibili
- Mappa liberamente esplorabile
A cura di (Mugo) del
Los Angeles - I giochi non sono certo mancati durante la conferenza che Microsoft ha tenuto il 10 giugno scorso nella città degli angeli, anzi, possiamo dire che sul fronte del ritmo si è trattata di una delle migliori presentazioni degli ultimi anni. Molti dei titoli presentati sono stati in grado di far scattare l'applauso del Galen Center, uno di questi, Dead Rising 3, si propone come una delle esclusive più forti per la nuova console della casa di Redmond. In arrivo a novembre, nel periodo di lancio di Xbox One, il titolo Capcom può vantare moltissimi estimatori grazie al suo mix di azione, zombie, e personalizzazione delle armi. Siamo stati invitati ad una presentazione dettagliata della produzione, curiosi di sapere cosa abbiamo scoperto? 


Zombieland 
Fare il meccanico non è considerata una professioni particolarmente adrenalinica. Certo, può dare le sue belle soddisfazioni visto il contatto con bolidi di ogni livello, ma da qui ad essere una continua lotta tra la vita e la morte ce ne passa. Va detto però, che un'apocalisse zombie è in grado di rimescolare non poco i ruoli sociali, e può essere che anche il più tranquillo personaggio si ritrovi invischiato in situazioni ad alto rischio sopravvivenza. Il protagonista di Dead Rising 3 capita proprio in una di queste occasioni quando la sua cittadina californiana viene invasa da migliaia e migliaia di non morti affamati di carne umana, e deve fare di necessità virtù, diventando nel giro di pochi giorni un esperto cacciatore di zombie.
Los Perdidos, questo il nome del ridente agglomerato urbano, è suddivisa in quattro settori esplorabili senza soluzione di continuità, sia a piedi, che in macchina o in moto. I veicoli che abbiamo visto durante la presentazione andavano dalla supercar al pick-up, dal chopper alla moto da corsa, ognuno col suo sistema di guida con gli ovvi punti forti e deboli: travolgere decine di non morti a bordo di una vettura dalla carrozzeria solida è cosa facile, un po' meno se si sta guidando una due ruote, per quanto massiccia. Va detto però, che anche le auto non sono del tutto al riparo dagli attacchi nemici, visto che gli zombie di Dead Rising 3 sono in grado di aggrapparsi ai veicoli in corsa (cambiandone la manovrabilità) e addirittura di sfondarne i finestrini alla ricerca di carne fresca. 


What would MacGyver do? 
Tutti sappiamo che una delle caratteristiche più forti della serie di Dead Rising è la possibilità di creare e personalizzare decine e decine di armi. Anche il terzo capitolo non sarà da meno, mettendo a disposizione del giocatore l'usuale valanga di strumenti di distruzione, oltre che i mezzi per combinarli per ottenere meravigliosi ibridi letali. Un martellone può essere combinato con una sega circolare, oppure un fucile a pompa può diventare un lanciagranate, il tutto a patto di avere i pezzi necessari per l'operazione e la relativa ricetta.
Il bello di queste armi, chiaramente, è che ognuna ha il suo effetto particolare sui corpi degli zombie, grazie ad un soddisfacente sistema di smembramento capace di smontare i cadaveri ambulanti e di sezionarli con precisione chirurgica, magari tramite una finisher spettacolare.
La scelta dell'arma, poi, non dipende esclusivamente dal livello di libidine del giocatore, ma viene influenzata dal tipo di zombie che si va ad affrontare, visto che alcuni godono di caratteristiche particolari capaci di aggiungere un piacevole livello di tattica all'esperienza. 

Sopravvissuti 
Il protagonista di Dead Rising 3 non è solo a Los Perdidos, ci sono altre persone che sono riuscite a superare i primi momenti di panico seguenti l'esplodere dell'epidemia, organizzando la resistenza. Segni della loro esistenza sono le safehouse, edifici che, una volta liberati dagli zombie, ci permettono di accedere al nostro inventario di armi e costumi, pianificando così le prossime mosse. Sarà possibile anche andare a salvare alcuni di questi sopravvissuti, ottenendo in cambio un bel gruzzolo di punti esperienza da spendere nel potenziamento del personaggio nelle aree più utili al proprio stile di gioco, scegliendo per esempio tra l'abilità con le armi e la capienza dell'inventario. Sparse per il mondo di gioco, poi, potremo trovare delle riviste capaci di potenziare determinate abilità del protagonista tramite un sistema simile a quello dei perks, spingendo così il giocatore a scegliere quali attivare a seconda della situazione. 


Scatti di varietà 
Dal punto di vista del gameplay Dead Rising 3 ci è stato presentato come formato da diversi elementi: fasi di pianificazione, fasi puramente action, fasi più simili a un survival horror e fasi alla Carmageddon, il tutto, però, viziato da un frame-rate decisamente insufficiente. Oltre a non essere un titolo che pare sfruttare in maniera eccessiva le potenzialità hardware di Xbox One, tolta una buona gestione di illuminazioni e riflessi, ci siamo ritrovati ad assistere a una sequenza di scatti e cali di frame-rate purtroppo molto evidente. E' chiaro che da qui a novembre, mese previsto per l'uscita del titolo, non manca il tempo da dedicare all'ottimizzazione del motore grafico, anche se stupisce come questo possa venire messo in difficoltà da operazioni in realtà molto semplici come l'apertura di un menù.
Da ultimo segnaliamo l'integrazione con Smartglass, il servizio di Microsoft che permette di interfacciare tablet e smartphone con la nuova console ammiraglia: tramite Smartglass abbiamo visto ordinare un attacco aereo o richiamare il supporto di una squadra di droni volanti, resta da vedere se si tratterà di funzioni disponibili anche per chi non avesse un device con installata l'applicazione Microsoft.
Recensione Videogioco DEAD RISING 3 scritta da MUGO Da un lato Dead Rising 3 ha tutta l'aria di essere una produzione molto divertente, del resto la possibilità di massacrare centinaia e centinaia di zombie con le armi più improbabili è sicuramente nella top ten delle preferenze dei videogiocatori, ma dall'altro il titolo Capcom soffre di gravi mancanze sul fronte del comparto tecnico. Si tratta di problemi che possono sicuramente essere risolti in vista dell'uscita della produzione, evitiamo dunque facili allarmismi e rimaniamo in attesa di un prossimo incontro.
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
caricamento in corso...
SCREENSHOTS
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2017 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.