Anteprima di Left 4 Dead 2

Copertina Videogioco Left 4 Dead 2
  • Piattaforme:

     Xbox 360
  • Genere:

     Sparatutto
  • Sviluppatore:

     Valve
  • Distributore:

     Valve
  • Giocatori:

     1-8
  • Data uscita:

     Disponibile dal 20 Novembre 2009
ASPETTATIVE
- Ricco di novità ma attento alle tradizioni
- Cooperazione tra quattro utenti
- Modalità di gioco varie e divertenti
Loading the player ...
A cura di (AP) del
Dopo tanti filmati e immagini, supposizioni e dicerie, abbiamo finalmente potuto testare il demo della nuova incarnazione di Left 4 Dead, quel seguito protagonista anche di una petizione partita dai fans del primo episodio con l’intento di boicottare il nuovo nato di Valve. Ora, demo alla mano, possiamo farci un’idea concreta sulla sensatezza di quella petizione e sulla qualità del prodotto che dovrebbe arrivare sugli scaffali tra una ventina di giorni.

Novità e tradizione
Il demo inizia con un filmato d’apertura che mette subito in mostra alcuni aspetti inediti della vostra lotta alla sopravvivenza. I quattro personaggi vengono caratterizzati adeguatamente già in questo breve cortometraggio horror e una volta preso in mano il pad, siamo sicuri che non sfigureranno affatto accanto ai survivors del primo capitolo.
Arrivati al menu introduttivo potrete decidere di affrontare i due livelli presenti nella campagna The Perish in solitaria o tramite la celebratissima componente cooperativa, decidendo se affiancare degli sconosciuti o se invitare i vostri amici in una sala d'attesa creata apposta per voi. Accanto a queste due modalità si possono notare altre quattro possibilità non selezionabili nel demo ma facenti comunque parte del prodotto finale. La prima, chiamata Realistica, elimina completamente l’alone che segnala la presenza dei propri compagni di squadra quando questi saranno nascosti da un muro o da un qualunque altro oggetto. Chi si distaccherà dai compagni per esplorare una stanza o una zona scomparirà dalla vista dei propri compagni e nel caso di un assalto da parte di un hunter o di uno smoker le sue probabilità di sopravvivere saranno pari alla fortuna di essere trovato e liberato da un altro survivor. Torna poi la modalità Avversario, quella Survival, ripresa dal Survival Pack rilasciato gratuitamente per il primo capitolo, e l’inedità modalità Cercatore di cui non si hanno ancora notizie certe.
Una volta deciso se vi volete avventurare in una (breve per via della durata del demo) avventura in solitaria o con altri giocatori, solo un caricamento vi separerà dal molo da cui tutto avrà inizio.
Accanto a voi troverete il solito tavolo di inizio campagna con diverse armi sparse sopra di esso. Anche questa volta potrete portarne con voi solo due e potrete scegliere se impugnare un fucile a pompa o un mitra e una pistola (o due) con munizioni infinite o un’arma da mischia. Queste nel demo sono presenti in quattro diverse varianti: avremo il machete, perfetto per fare a pezzi gli zombi troppo appiccicosi, il manganello, una chitarra elettrica con tanto di suono delle corde quando va a segno e l’ormai celebre padella, molto più letale di quanto si possa pensare. La loro differenziazione è piuttosto sottile poiché sembra riflettersi più sulla velocità del colpo piuttosto che sulla sua efficacia, ma dopo aver fatto un po’ di pratica troverete la vostra preferita e vi chiederete come avete fatto prima senza. Notevole la varietà di armi che, rispetto al passato, troverete sparsa per i livelli. Anche le pistole sembrano godere di almeno due varianti: una è la classica arma da quindici colpi già vista nell’originale, l’altra invece assomiglia ad una Desert Eagle e, seppur con un numero di colpi inferiore, garantisce una maggiore potenza in uscita.

In fuga dall’orda
Il primo livello assomiglia un po’ ad una sorta di benvenuto per i nuovi arrivati e come un bentornato per chi ha spolpato il primo episodio in lungo e in largo. La sua durata è piuttosto breve e richiama alla mente quella del primo livello della prima campagna dell’originale. Vi troverete a muovere i primi passi in alcune stradine ormai fatiscenti ma curiosamente alla luce di un bel sole splendente. Non mancheranno alcuni passaggi bui all’interno di alcune strutture, ma l’ambientazione solare non può che far piacere a chi voleva un bel cambio di prospettiva. Per questi viottoli farete la conoscenza di alcune new entry che vanno ad ingrassare le fila degli infetti speciali. Ad Hunter, Smoker, Boomer (ora anche in versione femminile), Witch e Tank si affiancano Charger, Spitter e Jockey. I primi, pur non avendo la resistenza di un Tank, riescono a creare guai soprattutto se affrontati in spazi ristretti. Come il nome suggerisce, caricano i survivors e li afferranno sbattendoli ripetutamente a terra. Gli Spitter invece sputeranno acido che potrà colpire i giocatori producendo ingenti danni o potrà semplicemente cadere al suolo creandoo una pozza acida che danneggerà chiunque osi passarci attraverso. Il Jockey invece salta addosso alla sua preda e invece di danneggiarla come farebbe un Hunter, la fa correre verso pericoli ambientali o verso gruppi di nemici che cominceranno poi a ferire il malcapitato.
Completato questo breve livello entrando nella classica stanza sicura, dopo un breve caricamento sarete di nuovo operativi. In questo secondo ed ultimo livello le cose si faranno più complicate visto che dovrete prima attraversare un parco ricco di zombi e capace di confondere chi lo attraversa data la sua planimetria, e i seguito dovrete affrontare l’orda che vi verrà scatenata contro da un allarme che non vorrà saperne di smettere di suonare. Se in passato l’orda di zombi andava superata eliminando tutti i nemici che si facevano avanti, stavolta, per vivacizzare la situazione, dovrete farvi largo tra la folla per raggiungere l’interruttore che sarà in cima ad un impalcatura. Solo allora potrete eliminare i nemici senza che questi si rigenerino ad oltranza. Per fortuna su questa struttura potrete raccogliere un fucile di precisione con cui fare un po’ di tiro al bersaglio sui famelici esseri che cercheranno di arrampicarsi fino a voi. Il numero di nemici che dovrete tenere a bada è sicuramente elevato e chi pensava che questo fosse stato diminuito per permettere una grafica maggiormente particolareggiata si dovrà ricredere. Essa è più pulita e grazie alla luce del sole è più facile vedere lo sforzo compiuto per migliorare il motore di gioco Source, lasciando intatta la fluidità ma andando a rendere più vari i tanti modelli dei nemici e la qualità generale. Poco dopo questo assalto anche il secondo livello avrà termine e voi e i vostri amici non potrete far altro che attendere con impazienza il 20 Novembre prossimo, giorno in cui l’orda di zombi raggiungerà gli scaffali dei negozi e si preparerà ad infettare la vostra console.
Recensione Videogioco LEFT 4 DEAD 2 scritta da AP Il demo che da oggi gli utenti gold potranno scaricare da Xbox Live si preannuncia un perfetto antipasto per tutti quelli che amano giocare con i propri amici affrontando mostruosità assortite e facendosi quattro risate in compagnia. La modalità single player si rivela buona grazie ad un’intelligenza artificiale valida ed efficiente, ma è innegabile che sarà la possibilità di giocare con i propri amici di sempre a rendere quest’avventura assolutamente coinvolgente e valida. Ci sono molte armi nuove, nuove dinamiche, nuovi nemici (probabilmente impersonabili nella modalità avversario), nuove campagne e una nuova e ancor più sadica intelligenza artificiale del Director, ossia l'IA che sceglierà dove far apparire armi, medikit e nemici. Gli ingredienti per un’esplosiva caccia agli zombi ci sono tutti, ancora un po’ di pazienza e poi potrete ritornare ad impugnare la doppietta e a gridare FIRE IN THE HOLE!
caricamento in corso...

 
 
SCREENSHOTS
RECENSIONI E SPECIALI CORRELATI
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.