Recensione di Gears of War 2

Copertina Videogioco Gears of War 2
  • Piattaforme:

     Xbox 360
  • Genere:

     Sparatutto
  • Sviluppatore:

     Epic Games
  • Distributore:

     Microsoft
  • Lingua:

     Italiano
  • Giocatori:

     1-8
  • Data uscita:

     Disponibile
- Un susseguirsi di ambientazioni incredibili
- Nuove armi
- Non c'è tempo di fiatare
- Storia finalmente approfondita
- Longevità migliorata
- Intelligenza artificiale migliorabile
- Il Boss finale non è all'altezza
- La mia nuova fidanzata si chiama Horde
Loading the player ...
A cura di (andymonza) del
Ogniqualvolta un nuovo franchise riesce a diventare il punto di riferimento di un intero genere (e, nel caso specifico, il rappresentante dell’intera line up di una console), per gli sviluppatori si pone l’annoso problema di lavorare su uno o più seguiti.
La sfida per Epic Games ed il suo carismatico leader/portavoce Cliff Bleszinski era, se possibile, ancor più ardua del solito: il rilascio del primo Gears of War ha segnato la next-gen in maniera così profonda, che le attese riposte nel suo sequel hanno ben pochi precedenti nella storia dei videogiochi.
Durante le interviste e gli hands-on che si sono susseguiti dall’estate in poi, a Cliff è stata posta sempre la stessa domanda: “Che cosa c’è di nuovo in Gears of War 2?” ed, immancabilmente, la sua risposta è sempre stata: “Ci saranno nuove armi, nuovi nemici, nuovi veicoli. Ma quello che davvero conta, è che non passeranno cinque minuti di gioco senza che succeda qualcosa di straordinario”.
Quella che ad un primo esame poteva sembrare un’evasiva risposta “clichè”, se non addirittura una velata ammissione di mancanza di vere novità, si è rivelata invece un’affermazione più che veritiera.
Perché giocando a Gears of War 2, in realtà, non passeranno neanche due minuti senza che succeda qualcosa di straordinario.

Come prima, più di prima
Premettendo che la seguente recensione non conterrà spoiler di sorta, cerchiamo di spiegare le sensazioni ricevute durante l’incredibile rush che ci ha portato a completare la campagna singolo giocatore in un'unica tirata. Cominceremo rassicurandovi sulla longevità: giocando la maggior parte dei capitoli a livello “facile”, ci sono volute circa 12 ore per arrivare ai titoli di coda, un valore decisamente superiore rispetto al predecessore.
L’incipit a più riprese che ci cala ancora una volta nei panni di Marcus Fenix è molto lungo ed epico. Una voce femminile, autoritaria e familiare, ci ricollega direttamente agli ultimi minuti del capitolo precedente: le Locuste, tutt’altro che sconfitte dalla Bomba Solare, sono pronte al contrattacco finale, diretto verso Jacinto, il cuore della resistenza umana. Invece di attendere l’inevitabile, gli Umani prendono l’unica decisione possibile: attaccare, prima che sia troppo tardi. Sin dai primi istanti di gioco si fa esperienza di spiegamenti di forze ben più vasti di quanto visto in precedenza, che contribuiranno a restituire una sensazione di guerra totale, un vero e proprio “last stand” dell’umanità intera. Si può affermare che Gears of War 2 centra in pieno l’obbiettivo sin dai primi minuti: l’attenzione del giocatore è catturata con un sapiente mix di dialoghi, immagini e musiche trionfali, e schiodarsi dalla sedia è già quasi impossibile.
Le prime sequenze di combattimento ripropongono la formula che gli appassionati conoscono bene, corredata di un tutorial opzionale per eventuali neofiti: il tasto A per lanciarsi dietro una copertura, il dorsale destro per la “ricarica attiva”; tutto è esattamente come ce lo ricordavamo.
Vi sono tuttavia alcune piccole aggiunte che rendono il gameplay, se possibile, ancora più ricco: avvicinandovi ad un nemico caduto e premendo il tasto A potrete utilizzarlo come scudo, avanzando lentamente e sparando con la pistola; la disgustosa protezione sarà in grado di sopportare un certo numero di pallottole nemiche, dopodiché esploderà letteralmente, lasciandovi nuovamente scoperti. In alternativa sarà possibile raccogliere gli scudi metallici dei Boomer Mauler, decisamente più resistenti di qualsivoglia cadavere di Locusta. L’introduzione di coperture mobili, che nella campagna single player non trovano grandissimi utilizzi, è importante soprattutto sul fronte online, che troverà in questa aggiunta una rinnovata flessibilità.
Nel caso rimaniate vittime del fuoco nemico, vi sarà qualche istante in cui potrete trascinarvi a terra, chiamando furiosamente soccorso: in caso quest’ultimo arrivi in tempo, verrete rimessi in piedi nel giro di pochi secondi. Questa peculiarità funziona allo stesso modo anche per le Locuste, il che renderà necessario assicurarsi che siano decisamente morte prima di voltar loro le spalle. Questa lunga introduzione ci permette anche di familiarizzare con un nuovo elemento del gameplay di Gears of War 2: l’imboscata. Più di una volta nell’arco dell’avventura vi capiterà di trovarvi con i vostri compagni in posizione elevata rispetto ad un plotone di Locuste. Tutti resteranno in attesa di una vostra mossa: alla pressione del grilletto si scatenerà un breve ma intensissimo inferno.

”… qualcosa di straordinario”
Terminata la lunga introduzione, proprio quando Gears of War 2 si sarà conquistato tutta la vostra attenzione, comincia il bello. L’incredibile susseguirsi di ambientazioni che seguirà vi porterà a spasso per setting affascinanti e dettagliatissimi, da montagne innevate, a basi governative in rovina, ad immense grotte, sino a giungere a qualcosa di così disgustosamente geniale che non abbiamo il… cuore di rivelarlo.
Ogni ambientazione è caratterizzata da elementi distintivi: durante l’attraversamento della regione montuosa vi ritroverete a guidare un Centaur (sorta di incrocio tra un Monster Truck ed un carro armato, dotato di Turbo e Ricarica Attiva) su fragili laghi ghiacciati, braccati e bersagliati, mentre l’esplorazione della base governativa vi metterà nel bel mezzo di una micidiale grandinata, che vi ridurrà in poltiglia se non vi terrete al riparo. La ricchezza e la freschezza delle idee che costellano ogni ambientazione basterebbe per riempire sino all’orlo un paio di film di fantascienza come non se ne vedono da anni.
Come non citare le sequenza al buio, in cui procederete lentamente in un oscuro tunnel, guidati solo dai fari del Centaur che vi segue da vicino? Il nero della galleria, le luci bianche, ed il sangue rosso che schizzerà sullo schermo restituiranno una vivacità cromatica unica, che vi rimarrà impressa nella memoria molto a lungo.
Il frequente cambio di ambientazioni dona alla campagna single player di Gears of War 2 un ritmo davvero incalzante, che non maschera tuttavia l’assoluta linearità dell’incedere; i bivi, come già visto nel predecessore, non aggiungono molto in tal senso.
Tale situazione, fortunatamente compensata dalla gran varietà di situazioni di gioco, è peraltro caratteristica di questo tipo di produzioni, e necessaria per supportare una spettacolarità cinematografica.
Ad alternare i furiosi scontri di trincea ci penseranno alcuni momenti di pura esplorazione, in cui metteremo da parte il fucile per addentrarci in strutture dal design affascinante ed appropriato, in cerca di oscuri segreti governativi che legano Umani e Locuste, mentre all’esterno il cielo non promette nulla di buono….
Il talento visionario dei designer di Epic Games, già abbozzato nell’originale Gears, sboccia e trova in questo seguito la sua massima espressione; vorremmo dirvi di più, molto di più, ma per il bene di tutti ci limiteremo a morderci le dita.

Grandi armi per grandi Locuste
Quando il gioco si fa duro, ci vogliono armi da duri. Le due new entries che più ci hanno fatto divertire sono il Mulcher ed il Mortaio. Entrambi questi ferri hanno un peso e dimensioni tali da limitare di molto la velocità di corsa, e non possono essere portati con sé a spalla: switchare ad un'altra arma presente nell’inventario significherà abbandonarli a terra.
Il Mulcher è una railgun caratterizzata da un altissimo rateo di fuoco: oltre a far fuori munizioni (e Locuste) alla velocità della luce, essa si surriscalda rapidamente, il che richiederà un utilizzo mirato alle varie situazioni.
Il Mortaio è, come il nome dice, un tubo da poggiarsi a terra, in grado di catapultare a grande distanza simpatiche supposte esplosive: nonostante un sistema di mira all’inizio un po’ ostico da gestire, ed una ricarica realisticamente molto lenta, esso vi regalerà soddisfazioni irripetibili, e tornerà utile anche per aprire la strada ad altre squadre oltre alla nostra.
Più tradizionale è invece il Lanciafiamme: esso occupa uno dei tre slot dedicati alle armi da fuoco. E’ dotato di ricarica attiva, la quale se eseguita correttamente allungherà la gittata della fiammata successiva.
Facile da usare, in quanto non c’è alcun bisogno di mirare, torna utile contro i Reietti, i cui rapidi movimenti uniti al basso profilo li rendono difficili da mirare con armi a proiettili.
Le armi già apprezzate nel primo episodio sono rimaste invariate tanto nella forma quanto nella sostanza: dal Lancer (che ora presenta un nuovo minigioco quando si incrociano le motoseghe, inutile, ma divertente online), al revolver, all’arco Torque, al fucile da cecchino (rinnovato il mirino dell’ingrandimento), sono ancora tutti come li ricordate.
Novità arrivano anche dalle fila nemiche: faranno il loro ingresso nel party delle Locuste i Ticker, scarafaggetti kamikaze infarciti di esplosivo, ed i Boomer Mauler, armati di scudo e di palla chiodata, molto pericolosi da distanza ravvicinata.
L’intelligenza artificiale fa registrare qualche miglioramento, soprattutto nelle tattiche di gruppo dei vostri compagni, che si riveleranno un po’ più tattici e cauti che in passato. Non mancano tuttavia sbavature, evidenti soprattutto in certi blocchi di fronte ad ostacoli ambientali, ed in una generale predisposizione a mettersi sulla linea di fuoco del giocatore.
L’IA nemica è rimasta praticamente invariata, e già al livello medio la sfida si presenterà discretamente impegnativa.

Humor Nero
Uno degli aspetti più chiacchierati di questo Gears of War 2 è senza dubbio la storia: laddove il plot del predecessore si rivelò piuttosto risicato, il desiderio degli sviluppatori era quello di infondere un po’ più di personalità nei vari protagonisti della storia. Il risultato è un plot senza dubbio più articolato, in grado di raggiungere vette di emotività di tutto rispetto; esso scava a fondo nel rapporto tra il comandante Fenix ed i suoi sottoposti, nonché amici. La ricerca della moglie di Dom è un ottima side story, che si integra perfettamente all’insieme. Oltre alle cut-scene, sono stati introdotti nuovi veicoli narrativi: le famose piastrine, già presenti nel primo episodio, sono ora corredate da log testuali, come ad esempio lettere alle famiglie dei caduti; oltre a queste, sparsi per i livelli troverete anche documenti e rapporti di guerra, che faranno luce su alcuni retroscena del plot. Tutti questi elementi andranno a raccogliersi nel Diario di Guerra, consultabile dal menu principale. Interessante anche l'introduzione di una barra di percenutale di completamento degli Obbiettivi, in particolare di quelli che richiedono che una certa azione venga effettuata più volte: ogni volta che questo accadrà, la barra rimarrà visibile nell'angolo in basso a destra dello schermo per qualche minuto. Per quanto i dialoghi siano ampiamente caratterizzati da un humor nero che vi strapperà ben più di un sorriso, la storia narrata da questo sequel non lascia molto spazio al buonumore, né tantomeno alla speranza. Il viaggio che la squadra Delta compie è un viaggio all’Inferno, uno di quelli che ti cambiano per sempre, e non per il meglio.
Il finale è lasciato ovviamente aperto, ma già si sapeva. Alla voce femminile che apriva l'avventura, risponde una maschile che la conclude, chiudendo un cerchio narrativo davvero ben riuscito.

Multiplayer
Il comparto multiplayer, fattore chiave del successo del primo episodio, si presenta anch’esso arricchito di nuove modalità. La vera star è senza dubbio Horde, una cooperativa per cinque giocatori, che si troveranno ad affrontare 50 ondate consecutive e sempre più numerose di Locuste assortite. Il respawn dei giocatori caduti avviene solo nelle pause tra un’ondata e l’altra. Nonostante il concept semplice, questa modalità si rivela davvero divertente, e richiede soprattutto nelle fasi finali uno sforzo cordinativo non indifferente.
Tra le nuove modalità competitive citiamo invece Meatflag, un cattura la bandiera dove il vessillo è sostituito da un personaggio a centro mappa da usare come scudo umano, Guardian, simile ad Assassinio (modalità presente in Gears 1) ma con respawn, e Wingman, dove si affronteranno minisquadre da due giocatori.
Il numero massimo di partecipanti agli scontri online è stato elevato a 10, ed ogni modalità online può essere affrontata contro l’IA tramite l’aggiunta di Bot, ottima idea qualora ci si voglia allenare, o semplicemente tappare qualche buco.
Le 15 mappe (di cui 5 sono remake di classici visti in Gears 1, scaricabili tramite un codice presente nella confezione) presentano un’ottima varietà di ambienti e possibilità tattiche, e sono impreziosite da svariata coperture retrattili già apprezzabili nella campagna single player.
Diversi vantaggi relativi all’essere host di un match sono stati eliminati, rendendo così gli scontri molto più bilanciati; si riscontra ancora un po’ di lag, e qualche sporadico bug, ma confidiamo in un lavoro di ottimizzazione da parte di Epic.
Nel complesso, c’è materiale a sufficienza per dire che Gears of War 2 infiammerà l’Xbox Live come e forse più del predecessore, grazie ad un buon quantitativo di modalità originali, che trovano in Horde la massima espressione del divertimento marchiato Epic Games.

Comparto Tecnico
Come anticipato, la varietà di ambientazioni che visiterete lungo l’arco dell’avventura è davvero eccezionale: ognuno di questi setting presenta una quantità di dettagli naturali, architettonici e strutturali davvero unica. Texture ad altissima definizione, modelli poligonali dettagliati, ed a tenere insieme il tutto un design che definire visionario è dir poco. Non dimentichiamo i giochi di luce ed ombra, che come anticipato vanno ad impreziosire alcune sequenze destinate a rimanere a lungo nell’immaginario collettivo.
Il motore di gestione della fisica è stato aggiornato, e gestisce ora una parziale distruttibilità delle coperture: le colonne di cememento ed i muretti perderanno pezzi se sottoposti ad un fuoco continuato. Tale feature non è stata purtroppo sfruttata a sufficienza, data la scarsità di tali superfici, e influsice molto marginalmente sul gameplay.
La neointrodotta dinamica dei fluidi è stata utilizzata sapientemente per dar vita ad alcune memorabili sequenze a sfondo acquatico, una delle quali coinvolgerà anche uno dei boss meglio disegnati dell’intera produzione. Nel complesso, ciò che davvero colpisce di questo comparto tecnico nel suo insieme, è la vastità dei paesaggi che esso propone al giocatore: persino i setting sotterranei presentano volte altissime, ed un orizzonte davvero ampio, che riempiono ogni sguardo di un numero elevatissimo di elementi.
Il frame rate è riuscito a mantenersi su ottimi livelli anche nelle situazioni più affollate e costellate di veicoli, lasciandosi andare a brevi rallentamenti solo in qualche rara occasione.
Il comparto audio gode di un ottimo campionamento per l’effettistica, mentre la regia musicale è stata affidata a Steve Jablonsky, compositore conosciuto soprattutto per i suoi lavori in quel di Hollywood (Transformers e The Island tra gli altri); il risultato è un mix epico e coinvolgente, che vi spingerà ad alzare il volume sempre di più.
Il doppiaggio rema purtroppo controcorrente: una sincronia non eccezionale ed una recitazione un po’ carente rovinano in parte la drammaticità di alcune sequenze.
Recensione Videogioco GEARS OF WAR 2 scritta da ANDYMONZA La sensazione generale è che ci sia davvero ben poco da rimproverare a questo Gears of War 2: l’unico appunto che si può muovere alla produzione riguarda uno scontro finale leggermente sottotono rispetto al resto dell’avventura. Tutte le promesse fatte da CliffyB e dal suo team (nello specifico "bigger, better and more badass", ovvero più grande, migliore e più spacca*****) sono state ampiamente mantenute e, in qualche caso, addirittura superate.
Gears of War 2 è, dall’inizio alla fine, il miglior esempio di azione mista a fantascienza che ci sia mai passato per le mani, e siamo fermamente convinti che difficilmente verrà superato nei prossimi due anni, prima che Epic esca nuovamente allo scoperto. Se ciò non bastasse, la componente online è destinata a diventare un must per tutti gli appassionati di azione in possesso di una piattaforma Xbox 360, e nonostante qualche leggero problema di lag (si spera risolvibile in fretta) il meritato successo è assicurato.
Se il primo Gears rimane il Re, per aver aperto le porte ad una radicale innovazione nel concetto di action in terza persona, questo sequel è senza dubbio il Principe, degno erede in grado di portare avanti la tradizione arricchendola e migliorandola.
La decisione di assegnare a questo sequel un voto leggermente inferiore si deve al voler riconoscere al primo Gears una carica innovativa che fu in grado di condizionare l’intero mondo degli action, che un seguito, per sua stessa natura, non può avere.
caricamento in corso...
SCREENSHOTS
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.