Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
Dance Central 2

Dance Central 2

Il ritmo nel sangue

Recensione
A cura di del

Affermare che i rhythm games grazie a Kinect stiamo vivendo una vera e propria seconda giovinezza grazie all’immersione che la periferica riesce a dare, è una cosa ormai praticamente scontata. Al di là di questo, esistono software house che riescono a sfruttare meglio le potenzialità proposte dal device e offrire un prodotto estremamente valido all’utenza finale. In questa categoria rientra sicuramente Harmonix, sviluppatore da sempre legato al mercato dei giochi musicali, inizialmente quelli strumentali (Guitar Hero e Rock Band per esempio) e dallo scorso anno impegnata anche in quelli legati alla danza moderna grazie all’ottimo Dance Central. Il titolo in questione era stato decretato all’unanimità come uno dei migliori prodotti per Kinect disponibili al lancio della periferica, grazie ad un riconoscimento dei movimenti pressoché perfetto e un’immediatezza di gioco che ha saputo conquistare una larga fetta d’utenza casual ed hardcore.Un seguito era quindi una conseguenza altamente prevedibile.

Dance crew
Dance Central 2 non fa altro che aggiornare e arricchire l’offerta di gioco proposta dal primo capitolo, a partire da una sorta di challenge mode che ci vedrà impegnati a indossare scarpe comode e scaldamuscoli per impersonare un ballerino alle prime armi che dovrà guadagnare il rispetto e la notorietà in città prima di poter affrontare le diverse dance crew che la affollano. Il gioco avrà un vero e proprio sistema di ranking che ci permetterà, canzone dopo canzone, e in base alla correttezza delle coreografie eseguite, di acquisire un determinato numero di punti e un giudizio finale, stabilito su una scala da 0 a 5 stelline. Come è logico aspettarsi, man mano che avanzeremo, canzoni e coreografie andranno a complicarsi per un totale di tre diversi livelli di difficoltà: quello più estremo, per chi ha dimestichezza con la danza, ricorderà molto da vicino alcune coreografie originali viste nei relativi video in televisione o su youtube.
Il gameplay è lo stesso che abbiamo già avuto modo di conoscere nel precedente episodio: esattamente come avviene nei più classici stage di danza avremo davanti a noi un ballerino che eseguirà la coreografia e noi dovremo semplicemente eseguire a ritmo le sue stesse mosse. Per chi ha più dimestichezza gli sviluppatori hanno inserito nella parte destra dello schermo delle immagini che serviranno sia a far vedere la posizione esatta dei passi sia per anticipare quali saranno le mosse successive e poterle così memorizzare. Saltuariamente inoltre vi saranno diversi secondi in cui potremo esibirci in veri e propri freestyle, in cui ogni evoluzione sarà lecita e che servirà per aumentare il nostro punteggio finale.

Contest a passi di danza!
Oltre a quella che vi abbiamo descritto, che risulta la modalità principale, il gioco offre altre varianti come la classica modalità esibizione, in cui potremo giocare partite veloci sia a canzone singola che creando una playlist, grazie alla quale potremo ballare immediatamente diverse canzoni in successione. Molto interessante è anche la modalità scomponi, che proprio come lascia intendere il significato stesso della parola, darà la possibilità di sezionare i diversi passi all’interno di un brano, rallentarli così da essere in grado di memorizzarli e migliorare le nostre performance globali. Inoltre grazie all’integrazione del controllo vocale di Kinect potremo muoverci all’interno della canzone semplicemente pronunciando diverse parole chiave e senza utilizzare alcun movimento.
Quello che mancava al precedente Dance Central era un buon comparto multigiocatore che gli sviluppatori hanno deciso di integrare e potenziare in questa seconda incarnazione. Sarà presente la possibilità di giocare partite a due giocatori simultaneamente sia in cooperativa che in competizione. Quest’ultima variante si è rivelata in assoluto la più divertente: ogni contendente dovrà ballare nel miglior modo possibile alcune frazione della coreografia della canzone scelta e in base alla bravura e alla precisione dell’esibizione il gioco scegliere il vincitore della disputa. Purtroppo non vi è ancora traccia di alcuna modalità online, cosa che sinceramente ci ha lasciati leggermente costernati, a fronte soprattutto dell’enorme potenziale che il titolo sarebbe in grado di offrire facendo sfidare migliaia di ballerini sparsi per il globo.

Ad ognuno la sua coreografia!
In termini meramente numerici il titolo offre una tracklist contente 44 brani che spaziano dall’hip hop, all’r’n’b e ovviamente alla dance con hit di gruppi o cantanti estremamente famosi come Donna Summer, Lady GaGa, Usher e David Guetta. Oltre alle canzoni iniziali, sarà possibile importante quelle del precedente episodio e come di consuetudine sarà possibile acquistarne delle nuove tramite Xbox Live.Ogni canzone offre la propria coreografia con la diverse peculiarità e movimenti unici. Braccia, gambe, mani e bacino saranno coinvolti in scatenati passi di danza, il tutto grazie anche alla perfetta (e non esageriamo!) precisione con cui il device di Microsoft riconosce i nostri movimenti, sintomo questo di un ottimo lavoro svolto nella programmazione del codice da parte dei ragazzi di Harmonix. Graficamente il titolo utilizza uno stile che si avvicina molto a quello usato in Guitar Hero con colori molto accesi che rendono i modelli poligonali dei diversi ballerini molto caricaturali e assolutamente godibili alla vista. Vi segnaliamo infine che il titolo è localizzato totalmente in italiano sia nei menu che nelle - poche - frasi esclamate dai ballerini tra una prova e l’altra.

  • + Ricezione dei movimenti praticamente perfetta.
    + Immediato ed estremamente coinvolgente.
    + Coreografie ben realizzate.
  • - Mancanza totale dell'online.
    - Non è, ovviamente, un titolo per tutti.
voto
8,8

Dance Central 2 è sicuramente ad oggi il miglior titolo presente su Kinect, soprattutto per quel che riguarda la percezione da parte della periferica dei movimenti, mai cosi precisa. A tutto questo si aggiunge immediatezza, coinvolgimento ed un estremo divertimento di fondo. Un lavoro quasi perfetto, con una macchia però che grava sul giudizio finale la totale assenza di un comparto online, ormai imprescindibile. Rimane ad ogni modo un acquisto altamente consigliato a chi non ha paura di fare un po' di movimento o semplicemente ama ballare.

0 COMMENTI