DLC Fable III: Traitor's Keep
Xbox 360

Copertina Videogioco
  • Genere:

     Gioco di ruolo
  • Sviluppatore:

     Lionhead Studios
  • Lingua:

     Italiano
  • Giocatori:

     1 - 2 (Multiplayer online)
  • Data uscita:

     Disponibile
8.0
Voto lettori:
N.P.
A cura di Alessandro Mari (Alex Overkilll) del
Dopo avere registrato diffuso malcontento con il primo contenuto scaricabile per la propria creatura, l’Understone Quest Pack, Lionhead tenta la via della rimonta attraverso una nuova e più corposa espansione nelle terre di Albion, provando ad aggiungere qualcosa di davvero valevole al solido mondo di gioco. Tempo di mettere da parte qualche Microsoft Point per una giusta causa?

Dove eravamo rimasti?
Traitor’s Keep si fa prosieguo della storia principale, continuando la narrazione degli eventi là dov’essa era stata interrotta, ovvero con la piena immersione nella vita di corte dell’eroe incoronato (per comodità si parlerà solo al maschile), dopo le turbolenze contro il fratello e le oscure forze distruttrici. I problemi sembrano apparentemente essere stati annientati, ma il male - è risaputo - resta sempre in agguato. Regnare sa essere più noioso e mortificante di quanto immaginato, sommergendo l’esistenza del protagonista di tedio e deprimente routine, totale piattezza quotidiana e antipatica burocrazia. L’attentato alla sua vita che viene a verificarsi di punto in bianco rappresenta così solo piacevole sollazzo personale.
L’assassino pare essere fuggito dalla Fortezza di Ravenscar, la più sorvegliata prigione di tutta Albion, carcere dei criminali più efferati un tempo in circolazione. Il motivo della tentata uccisione regale sembra essere una conseguenza della rivolta esplosa sull’isola carceraria, e l’intervento del re non tarda naturalmente ad essere chiamato a gran voce. Il problema si dimostra essere presto più grande del previsto; a capo del caos innescato vi sono i tre più pericolosi criminali del regno, fuggiti dalla Fortezza per attuare i propri malvagi piani: il professor Faraday, la strega Mary Godwin e il generale Turner. Indovinate a chi spetterà il compito di riportarli alla giustizia.

Ricco bottino
Il pretesto per tornare a combattere è indubbiamente uno dei migliori e ben si sposa con la trama, permettendo intanto di conoscere una nuova faccia del regno di Albion. Questo si traduce prima di tutto nell’esplorazione di nuove terre, come la stessa Ravenscar, Cluckworld Island e la tenuta Godwin, tre scenari ben fatti, carichi di forte personalità e caratterizzati da una notevole estensione spaziale. Interessante come le atmosfere che permeano queste location siano caratterizzate da toni tetri e desolati, quasi segnale dell’effettivo pericolo dietro ogni angolo. La caccia ai ricercati sarà infatti costellata di incontri decisamente movimentati, con la già nota fauna più insidiosa del regno (hobbes, balverini, umani omicidi e non morti) e nuove letali forme di avversari (macchine di morte robotiche ed esperimenti di laboratorio mutati in cima alla lista); senza considerare i boss, che metteranno a dura prova le doti degli utenti come poche sfide hanno saputo precedentemente fare. Ben inteso, si parla di un accrescimento della difficoltà secondo gli standard della serie, di per sé limitati. Il risultato non è nulla di scoraggiante, e le difficoltà agilmente valicabili da ogni giocatore non nuovo a questa tipologia di giochi. Nulla insomma che un buon paio di buone pozioni curative ingollate al momento giusto non sappiano risolvere. D’altro canto è pur sì chiaro come Traitor’s Keep sia pensato per chi abbia già concluso la trama principale di Fable III, desideroso di nuove occasioni con cui mettersi alla prova.
Il DLC porta con sé pure quanto ci si potrebbe aspettare, vale a dire nuovi costumi, nuove decisive scelte morali, nuovi oggetti (come la pozione per robotizzare il proprio cane) e nuove piacevoli missioni secondarie, che permetteranno di rivisitare i percorsi già battuti e spendere qualche decina di minuti extra nel mondo digitale (tre o quattro le ore complessive assicurate globalmente).
Se ci si potesse fermare qua, poche sarebbero le critiche negative da muovere all’espansione. Così però non è. Perchè il lavoro di sviluppo non è stato finalizzato a dovere, lasciando sguinzagliate non irrilevanti magagne tecniche. Diversi i bug individuati (anche più quelli segnalati dall’utenza sul web), diversi anche i noiosi rallentamenti in specifiche zone, come occasionali difficoltà nella visualizzazione di PNG e porzioni di scenario. Niente di particolarmente grave, ma gradita sarebbe stata una maggiore cura sotto questo punto di vista.
Recensione Videogioco FABLE III: TRAITOR'S KEEP scritta da ALEX OVERKILLL Traitor’s Keep si configura come un’espansione degna di questo nome e del costo a cui viene venduta. La storia si amalgama eccellentemente con la continuity del gioco, e i nuovi scenari donano più profondità allo stesso. Inediti nemici, oggetti e sfide completano così l’offerta, assicurando qualche nuova ora di genuino divertimento nel mondo virtuale Lionhead. Peccato solo per i fastidiosi problemi tecnici dimenticati al suo interno, che si spera vengano presto sanati dalla casa di sviluppo. Questo nuovo DLC ribadisce e conferma che il mondo di Fable ha ancora molto da narrare e offrire, puntando il dito su un futuro ancora molto promettente per l’intero franchise.
Appuntamenti LIVE e Video Rubriche
caricamento in corso...
RECENSIONI E SPECIALI CORRELATI
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967