Speciale Nintendo Classic Mini: NES

A cura di (Valthiel) del
Sviluppatori, produttori e aziende lo hanno capito bene: la nostalgia è un motore trainante potentissimo, capace di disintegrare all'istante ogni residuo di raziocinio in favore di un'impellente necessità che si colloca automaticamente sul gradino più alto. "Ne ho bisogno, lo voglio", ed è assolutamente comprensibile da parte dell'utenza, perché adagiarsi sui ricordi piacevoli e bearsi di questi è più facile che crearne di nuovi. È più immediato, non richiede sforzi; è un battito di ciglia, un desiderio facile da esaudire. La logica delle remastered, al di là di dare una seconda possibilità agli utenti che effettivamente si sono persi per strada qualche pezzo da novanta, sta in fondo tutta qui: posso rivendere qualcosa perché il mercato me lo permette. Il Mini NES è diverso nella forma, non c'è dubbio, ma è in fin dei conti frutto della stessa buona intuizione. E beninteso, diciamo "buona" solo perché funziona ed è destinata ad essere idolatrata da molti giocatori.


Dal software all'hardware
Non si tratta di certo del primo esperimento in tal senso, ma il valore simbolico del Nintendo Entertainment System è davvero sin troppo elevato, al punto che persino i detrattori di queste operazioni votate al revival potrebbero non rimanere indifferenti al suo fascino. Va tuttavia specificato che si tratta di un prodotto adatto più a quella fascia di pubblico amante del collezionismo, che non a chi si è perso (magari per motivi legati all'età) un pezzo di storia videoludica che ha segnato indelebilmente gli anni '80. I motivi, in tal senso, sono piuttosto ovvi: si tratta di una replica in miniatura del NES che rifiuta i vantaggi dell'era moderna; è un pezzo unico con trenta classici indimenticabili preinstallati, a cui non è possibile aggiungere nient'altro. Sessanta euro per la console e dieci per il controller: prendere o lasciare.  
Dopo la confusione dei primi momenti post-annuncio, Nintendo ha messo in chiaro quelle che sono le caratteristiche del Mini NES, spazzando via le speranze di chi aveva l'intenzione di ampliare la libreria disponibile al lancio o rispolverare le vecchie cartucce dopo anni di inutilizzo. Chi lo acquisterà dovrà insomma accontentarsi del pacchetto offerto, così com'è, affidandosi al buon gusto di Nintendo che ha selezionato trenta classici senza tempo. Giochi che in realtà sono pochi, considerando quanti altri grandi esclusi sono rimasti fuori dalla porta.
Fatevelo dire in tutta franchezza: questa "chiusura" è davvero un gran peccato, perché l'azienda di Kyoto avrebbe potuto cogliere l'occasione per inserire tra i titoli più di richiamo anche qualche opera meno popolare, per far riscoprire al grande pubblico quali perle nascoste ospitò all'epoca il glorioso NES. E considerando che si tratta per l'appunto di un prodotto indirizzato soprattutto ai nostalgici, ossia a chi quei classici li conosce ormai a menadito, l'idea di variare l'offerta non sarebbe stata affatto così peregrina.


Vorrei ma non posso
Placata l'euforia del momento, è giusto fare un riassunto delle funzionalità del Mini Nes e ribadire – qualora non fosse ancora chiaro – cosa può e cosa non può fare. 
Nonostante manchino dei dettagli su alcune specifiche tecniche, il quadro che si è delineato è piuttosto chiaro: il Mini NES funziona in sostanza come un emulatore ed è una macchina "non espandibile" in alcun modo, né può collegarsi a internet (il supporto alle classifiche online sarebbe stata un'ottima trovata, ma tant'è).
La console è dotata di una porta USB, ma questa è utilizzata solo per alimentare il sistema; non è possibile dunque collegare alcun tipo di dispositivo, né tanto meno è previsto il supporto per le schede di memoria. L'unico output accettato dalla console è l'HDMI e ogni gioco dispone di salvataggi che consentono di riprendere le partite senza affidarsi a strumenti antiquati come le password. Il controller dedicato può essere collegato anche al telecomando di Wii per giocare ai titoli della virtual console "come un tempo", mentre per quanto riguarda le vecchie cartucce è stata confermata l'impossibilità di leggerle.
Ricapitolando, il prossimo 11 novembre troverete nella confezione: la versione miniaturizzata del NES, il cavo USB per alimentare la console (senza alimentatore), un cavo HDMI e un mini controller. Nintendo non ha di certo fatto un errore per quanto riguarda il prezzo - assolutamente abbordabile e ragionevole - ma poteva decisamente fare qualcosa in più per il parco titoli, davvero troppo striminzito e con troppi assenti ingiustificati.
Recensione Videogioco NINTENDO CLASSIC MINI: NES scritta da VALTHIEL Il Mini Nes non pretende di essere nulla di diverso da un imperdibile pezzo da collezione che saprà conquistare i giocatori più nostalgici.
Mentre Nintendo tergiversa sul futuro di NX, con una mossa a sorpresa ripropone la sua console più significativa, arricchendo l'offerta con trenta giochi che non hanno certo bisogno di presentazioni. Dispiace un po' per la natura immutabile della macchina, ma i più radicali potranno controbattere dicendo che è in effetti solo una replica miniaturizzata totalmente (o quasi) fedele all'originale. Alla luce di questo, la comprerete? Avete dei dubbi in proposito o è un pezzo di cui sentite di non poter fare a meno?
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
    Commenti: 63 - Visualizza sul forum
  • Blade Runner 80
    Blade Runner 80
    Livello: 4
    Post: 5580
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Alimentatore e controller dovevano essere inclusi nella console. Che spilorci.
  • Diegurtilsaggio
    Diegurtilsaggio
    Livello: 0
    Post: 1
    Mi piace 2 Non mi piace -1
    Originariamente scritto da black_tiger
    la sega è da una vita che li fa a prezzi molto più contenuti di sto cosino ridicolo qui basta vedere l'ultima revisione del mega drive(fatta sia in versione portatile che casalinga) proposto con 80 giochi 2 pad infrarossi e slot cartucce il tutto a poco più di 60 euro altro che sta cacatina qui..... ah ma è vero parliamo di nintendo
    La versione a cui ti riferisci del megadrive ha un soundchip ridicolo, esce ancora con il cavo rca e molti giochi non sono compatibili nello slot. Questo è un prodotto ufficiale Nintendo, esce in hdmi, sarà sicuramente molto molto curato nell emulazione e fa quello che deve fare, propone 30 grandi classici in maniera quanto piu vicina all originale. Ottimo sia per chi non ha mai provato questi classici sia per chi vuole provare un pizzico di nostalgia. Il prezzo poi è più che onesto per l'offerta.
  • Diegurtilsaggio
    Diegurtilsaggio
    Livello: 0
    Post: 1
    Mi piace 1 Non mi piace -1
    Originariamente scritto da black_tiger
    la sega è da una vita che li fa a prezzi molto più contenuti di sto cosino ridicolo qui basta vedere l'ultima revisione del mega drive(fatta sia in versione portatile che casalinga) proposto con 80 giochi 2 pad infrarossi e slot cartucce il tutto a poco più di 60 euro altro che sta cacatina qui..... ah ma è vero parliamo di nintendo
    La versione a cui ti riferisci del megadrive ha un soundchip ridicolo, esce ancora con il cavo rca e molti giochi non sono compatibili nello slot. Questo è un prodotto ufficiale Nintendo, esce in hdmi, sarà sicuramente molto molto curato nell emulazione e fa quello che deve fare, propone 30 grandi classici in maniera quanto piu vicina all originale. Ottimo sia per chi non ha mai provato questi classici sia per chi vuole provare un pizzico di nostalgia. Il prezzo poi è più che onesto per l'offerta.
  • Manilla Road
    Manilla Road
    Livello: 5
    Post: 117
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da Rippingjack27

    Recensione veloce del retron 5. Perché comprare il retron 5? Retron 5 si compra per poter giocare ai giochi cartucciati di snes/nes/famicom/md/gb/gba/gbc (anche master system se in possesso dell'adattatore SEGA per il megadrive) sui nuovi televisori, grazie ad un ottimo upscale grafico a 720p, a diversi filtri grafici e a un buon generatore di scanlines. Se non si è interessati all'upscale grafico e si punta ad avere una clone console multicartuccia, meglio rimediare sul retron 3 o sul retro trio che costano un centone di meno. Retron5 si sceglie per l'upscale grafico. Altro grande pro del retron5 sono gli slot per usare i pad originali di nes, snes e md, pienamente configurabili per qualsiasi macchina (si possono usare ad esempio i pad snes per giocare ai giochi md e viceversa), oltre che con eventuali funzioni di multitap per i giochi che supportano i 4 giocatori. I difetti del retron5, oltre al prezzo esagerato (160-170€), sono il pad wireless (PESSIMO!) e una non perfetta emulazione dei giochi nes. In diverse cartucce ho infatti riscontrato alcuni lag nel popup degli sprite a bordo schermo... niente di trascendentale ma un po' fastidioso. Devo comunque specificare che la Hyperkin ha comunque rilasciato diversi aggiornamenti di firmware che non ho ancora installato, e che presumo abbiamo risolto i problemi del software di fabbrica. Per quanto mi riguarda non mi pento dell'acquisto: l'upgrade grafico in 720p con le scanlines attivate e in 16:9 è notevole. Il costo elevato e il pad schifoso però non mi permettono di promuoverlo a pieni voti. Lo consiglio ai retrogamer integerrimi che vogliono gustarsi le proprie cartucce con una risoluzione grafica migliorata. Altrimenti, per avere un muletto multiconsole, meglio retron3 o retro trio che costano moooolto meno. Non consiglio retrofreak: è vero che ha anche il lettore carte pcengine ma ha problemi di surriscaldamento, costa di più (senza contare la dogana) e ha un segnale rigorosamente analogico; tanto vale recuperare la console originale!


    Preciso ed esaustivo, grazie mille, gentilissimo! In effetti è un po' caruccio, mi sa che comincerò col mini nes e se poi la mia voglia di retrogames non si sarà placata punterò al retron.
  • Rippingjack27
    Rippingjack27
    Livello: 6
    Post: 3274
    Mi piace 2 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da Manilla Road
    Ero io che te lo avevo chiesto e infatti pure il mio post è sparito. Al di là del fastidio di veder cancellati i commenti quand'essi non contengono turpiloquio, incitazione all'illegalità o altre scorrettezze, sarebbe almeno buona norma che il moderatore facesse il trascurabile sforzo di scrivere "vi abbiamo cancellato i messaggi perchè...", altrimenti come si fa a capire se si ha scritto magari involontariamente qualcosa di sconveniente?
    Al di là di questo (che non è polemica ma una critica, spero, costruttiva), ribadisco la domanda, seguo da tempo il retron 5 e sono sempre stato a un passo dal prenderlo dato che i miei NES e SNES dopo una vita di onorato servizio si sono guastati e vorrei di nuovo cimentarmi con i titoli della mia infanzia. Tuttavia non l'ho mai acquistato dato che non sono mai riuscito a parlare con qualche possessore con cui scambiare due opinioni e a cui chiedere, appunto, se funziona bene e se ne vale la pena. Grazie.

    Recensione veloce del retron 5. Perché comprare il retron 5? Retron 5 si compra per poter giocare ai giochi cartucciati di snes/nes/famicom/md/gb/gba/gbc (anche master system se in possesso dell'adattatore SEGA per il megadrive) sui nuovi televisori, grazie ad un ottimo upscale grafico a 720p, a diversi filtri grafici e a un buon generatore di scanlines. Se non si è interessati all'upscale grafico e si punta ad avere una clone console multicartuccia, meglio rimediare sul retron 3 o sul retro trio che costano un centone di meno. Retron5 si sceglie per l'upscale grafico. Altro grande pro del retron5 sono gli slot per usare i pad originali di nes, snes e md, pienamente configurabili per qualsiasi macchina (si possono usare ad esempio i pad snes per giocare ai giochi md e viceversa), oltre che con eventuali funzioni di multitap per i giochi che supportano i 4 giocatori. I difetti del retron5, oltre al prezzo esagerato (160-170€), sono il pad wireless (PESSIMO!) e una non perfetta emulazione dei giochi nes. In diverse cartucce ho infatti riscontrato alcuni lag nel popup degli sprite a bordo schermo... niente di trascendentale ma un po' fastidioso. Devo comunque specificare che la Hyperkin ha comunque rilasciato diversi aggiornamenti di firmware che non ho ancora installato, e che presumo abbiamo risolto i problemi del software di fabbrica. Per quanto mi riguarda non mi pento dell'acquisto: l'upgrade grafico in 720p con le scanlines attivate e in 16:9 è notevole. Il costo elevato e il pad schifoso però non mi permettono di promuoverlo a pieni voti. Lo consiglio ai retrogamer integerrimi che vogliono gustarsi le proprie cartucce con una risoluzione grafica migliorata. Altrimenti, per avere un muletto multiconsole, meglio retron3 o retro trio che costano moooolto meno. Non consiglio retrofreak: è vero che ha anche il lettore carte pcengine ma ha problemi di surriscaldamento, costa di più (senza contare la dogana) e ha un segnale rigorosamente analogico; tanto vale recuperare la console originale!
  • Idrox
    Idrox
    Livello: 1
    Post: 215
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Carino...è un prodotto decisamente di nicchia,davvero simpatica la forma,io avrei messo la possibilità di usare le proprie cartucce,diciamo che è un prodotto per chi ha amato questa console o vuole provare dei classici immortali (sarò scontato ma il primo mario a me piace ancora un casino,ogni volta mi sembra la prima),il prezzo lo reputo onesto per un oggetto che alla fine è da collezione.
  • akkakappa909
    akkakappa909
    Livello: 1
    Post: 0
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da JinChamp
    Almeno le cartucce le dovevano lasciare. Così non è meglio di quelle robe tarocche da mercatini...


    ???? da un redattore???? sono basito e costernato
  • Manilla Road
    Manilla Road
    Livello: 5
    Post: 117
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da Rippingjack27
    Vorrei dire al moderatore che mi ha cancellato tutti i commenti in cui citavo il retron 5, peraltro rispondendo ad una richiesta di un utente che domandava se valesse la spesa, che se li ha cancellati convinto che parlassi di pirateria si sbaglia alla grande, visto che il retron5 (come altre cloneconsole) è una console legale al 100% visto che la "lettura" di una cartuccia non è piú protetta da copyright da almeno 20 anni e il retron non supporta rom/iso ma solo cartucce originali (a meno di non moddarlo al pari di qualsiasi altra console, cosa che tra l'altro ho sconsigliato di fare).


    Ero io che te lo avevo chiesto e infatti pure il mio post è sparito. Al di là del fastidio di veder cancellati i commenti quand'essi non contengono turpiloquio, incitazione all'illegalità o altre scorrettezze, sarebbe almeno buona norma che il moderatore facesse il trascurabile sforzo di scrivere "vi abbiamo cancellato i messaggi perchè...", altrimenti come si fa a capire se si ha scritto magari involontariamente qualcosa di sconveniente?
    Al di là di questo (che non è polemica ma una critica, spero, costruttiva), ribadisco la domanda, seguo da tempo il retron 5 e sono sempre stato a un passo dal prenderlo dato che i miei NES e SNES dopo una vita di onorato servizio si sono guastati e vorrei di nuovo cimentarmi con i titoli della mia infanzia. Tuttavia non l'ho mai acquistato dato che non sono mai riuscito a parlare con qualche possessore con cui scambiare due opinioni e a cui chiedere, appunto, se funziona bene e se ne vale la pena. Grazie.
  • Rippingjack27
    Rippingjack27
    Livello: 6
    Post: 3274
    Mi piace 2 Non mi piace 0
    Vorrei dire al moderatore che mi ha cancellato tutti i commenti in cui citavo il retron 5, peraltro rispondendo ad una richiesta di un utente che domandava se valesse la spesa, che se li ha cancellati convinto che parlassi di pirateria si sbaglia alla grande, visto che il retron5 (come altre cloneconsole) è una console legale al 100% visto che la "lettura" di una cartuccia non è piú protetta da copyright da almeno 20 anni e il retron non supporta rom/iso ma solo cartucce originali (a meno di non moddarlo al pari di qualsiasi altra console, cosa che tra l'altro ho sconsigliato di fare).
  • black_tiger
    black_tiger
    Livello: 4
    Post: 464
    Mi piace 2 Non mi piace -2
    la sega è da una vita che li fa a prezzi molto più contenuti di sto cosino ridicolo qui basta vedere l'ultima revisione del mega drive(fatta sia in versione portatile che casalinga) proposto con 80 giochi 2 pad infrarossi e slot cartucce il tutto a poco più di 60 euro altro che sta cacatina qui..... ah ma è vero parliamo di nintendo
  • TexasRanger
    TexasRanger
    Livello: 3
    Post: 2199
    Mi piace 1 Non mi piace -1
    interessante iniziativa,anche se con qualche limitazione ma vabbè si tratta sempre di un'operazione nostalgia.cmq mi auguro abbia successo,magari pensano di fare lo stesso per Snes e N64 che troverei molto più accattivante come cosa.
  • MrSkellington
    MrSkellington
    Livello: 7
    Post: 5998
    Mi piace 0 Non mi piace -1
    Originariamente scritto da LukeSaian
    Su questo non posso darti torto: 30 giochi acquistati su VC verrebbero a costare una fortuna Riguardo i salvataggi, quelli della VC non sono dei salvataggi veri e propri, semplicemente quando riapri il gioco lo ritrovi dove l'avevi lasciato: è come mettere in pausa.
    Su wiiu tocchi il paddone (oppure schiacci zl e zr contemporaneamente) e ti esce il menu dove puoi creare un salvataggio, idem su 3ds toccando lo schermo touch
  • LukeSaian
    LukeSaian
    Livello: 5
    Post: 1047
    Mi piace 0 Non mi piace -1
    Originariamente scritto da MrSkellington

    Però sulla vc costano più del doppio (e i salvataggi ci sono anche li in realtà). Sarò una minoranza ma per me ha senso anche proprio per i giochi, alla fine ne ho giocati seriamente solo pochi e nn c'è un metodo più economico per averli legalmente
    Su questo non posso darti torto: 30 giochi acquistati su VC verrebbero a costare una fortuna Riguardo i salvataggi, quelli della VC non sono dei salvataggi veri e propri, semplicemente quando riapri il gioco lo ritrovi dove l'avevi lasciato: è come mettere in pausa.
  • MrSkellington
    MrSkellington
    Livello: 7
    Post: 5998
    Mi piace 0 Non mi piace -1
    Originariamente scritto da LukeSaian
    Obiettivamente è un pezzo da collezione, nient'altro. Perchè chiunque possieda una console Nintendo recente (Wii, 3DS, WiiU) può recuperare quei titoli sulla virtal console, non ha certo bisogno di comprarsi un mini-nes, oltretutto incompleto e non aggiornabile. Detto questo, ammetto che io stesso sono tentato dall'acquisto, anche solo per il gusto di giocare quei titoli con in mano un controller nes: seguo nintento solo dai tempi del N64 e non possiedo le console precedenti. Inoltre la presenza dei salvataggi (assenti negli originali ma anche in quelli per VC) è molto interessante, perchè li rende più accessibili al pubblico moderno. Comunque a novembre ho già in programma Paper Mario e The Last Guardian, temo che i soldi non mi bastino
    Però sulla vc costano più del doppio (e i salvataggi ci sono anche li in realtà). Sarò una minoranza ma per me ha senso anche proprio per i giochi, alla fine ne ho giocati seriamente solo pochi e nn c'è un metodo più economico per averli legalmente
  • LukeSaian
    LukeSaian
    Livello: 5
    Post: 1047
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Obiettivamente è un pezzo da collezione, nient'altro. Perchè chiunque possieda una console Nintendo recente (Wii, 3DS, WiiU) può recuperare quei titoli sulla virtal console, non ha certo bisogno di comprarsi un mini-nes, oltretutto incompleto e non aggiornabile. Detto questo, ammetto che io stesso sono tentato dall'acquisto, anche solo per il gusto di giocare quei titoli con in mano un controller nes: seguo nintento solo dai tempi del N64 e non possiedo le console precedenti. Inoltre la presenza dei salvataggi (assenti negli originali ma anche in quelli per VC) è molto interessante, perchè li rende più accessibili al pubblico moderno. Comunque a novembre ho già in programma Paper Mario e The Last Guardian, temo che i soldi non mi bastino
caricamento in corso...
RECENSIONI E SPECIALI CORRELATI
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2017 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.