Recensione di Star Wars: Il Potere della Forza

Copertina Videogioco Star Wars: IDF
  • Piattaforme:

     PSP
  • Genere:

     Azione
  • Sviluppatore:

     LucasArts
  • Distributore:

     Activision
  • Lingua:

     Italiano
  • Giocatori:

     1
  • Data uscita:

     Disponibile dal 19 settembre 2008
- Trama interessante
- Grafica esteticamente bella
- Colonna sonora fantastica
- Scontri epici
- Il potere della Forza è ben reso
- Troppi bugs
- Telecamera lenta
- Giocabilità parzialmente rovinata
Loading the player ...
A cura di (Darkzibo) del
Tra le saghe che possono contare su un maggior numero di trasposizioni videoludiche, Star Wars regna ormai sovrana. Il numero di videogiochi che da almeno due decenni è dedicato alle Guerre Stellari create da George Lucas risulta inevitabilmente elevato. Ultimo in ordine cronologico è Star Wars: Il Potere della Forza, che arriva ora anche su PSP.

Una nuova trama
Stavolta non impersonerete i vari Luke o Ian Solo, ma un personaggio del tutto nuovo, un ragazzo dai poteri straordinari adottato e addestrato segretamente sin da bambino da Darth Vader perché potesse divenire il suo braccio destro. Il compito che vi sarà proposto all’inizio sarà proprio quello di interpretare l’oscuro signore alla caccia di uno jedi. Alla fine della sua missione incontrerete per caso un bambino dalla Forza talmente elevata da sottrarre dalle mani di Darth Vader la stessa spada laser, mentre durante il resto della storia interpreterete il giovane jedi ormai cresciuto e lo guiderete nella sua lotta contro soldati dell’impero o ribelli. La storia principale è ben strutturata, con colpi di scena che manterranno desta l’attenzione. Subito, peró, noterete una certa linearitá nello sviluppo delle vicende del giovane jedi, quasi vi trovaste di fronte a un picchiaduro old style dove si segue un canovaccio predefinito, senza possibilitá di scelta alcuna. Nel corso dell’avventura il vostro personaggio svilupperá diverse capacitá nell’uso della spada, della Forza e del potere speciale che lo contraddsitingue. Ogni pulsante sarà infatti assegnato alle peculiarità prima elencate: triangolo per la Forza, cerchio per il Fulmine, quadrato per l’attacco con la spada laser e X per il classico salto (premuto due volte di seguito permette una doppia evoluzione in aria). Unitatamente a triangolo si creerà una sfera di energia in grado di ripulire tutta una zona dai nemici. I comandi funzionano alla perfezione ma, anticipando il commento riguardo al comparto tecnico, purtroppo sono negativamente inficiati da una telecamera non del tutto precisa, danneggiando una giocabilità che pareva collaudata. Le combo, le mosse spettacolari e la stessa Forza, seppur ben realizzate, risulteranno poco precise a causa di questi problemi di visualizzazione. Non si possono inoltre dimenticare neppure gli eccessivi bug presenti che, in alcuni casi, rendono gli scontri epici piuttosto ridicoli: tanto per fare un esempio, durante uno scontro l’antagonista dell’eroe è rimasto incastrato in un muro alla mercè della sua spada laser. Vi lasciamo immaginare la facilità nel finirlo senza troppi virtuosismi. Altro difetto riscontrabile nei nemici ordinari è la loro intelligenza artificiale non eccessivamente sviluppata che si traduce in strategie di attacco priva di qualsivoglia tatticismo o profondità.

La modalità storia è divisa in livelli che vi faranno rivisitare le emozionanti ambientazioni viste nei film ma, purtroppo, la loro scarsa varietà vi porterà a ripercorrere lo stesso livello per più di una volta anche se con missioni diverse. Ogni sezione vi vedrà impegnati in scontri contro nemici ordinari che, come detto precedentemente, sono facilmente eliminabili per poi condurvi allo scontro finale con il boss di turno, caratterizzato da abilità e I.A.. maggiori. Durante gli scontri con il cattivo di fine livello, sarà possibile togliergli energia tramite gli attacchi disponibili nel vostro arsenale, ma anche grazie anche alla rapida pressione dei tasti che compariranno sullo schermo durante un’azione pre-impostata dalla Cpu, come avviene in God Of War.
Oltre alla modalità Storia ne è presente un’altra chiamata il Potere della Forza dove, una volta selezionato il personaggio preferito tra quelli disponibili (molti sbloccabili vincendo gli scontri), lo accompagnerete in diverse situazioni che ripercorreranno anche le cosiddette missioni storiche della saga: ricordate lo scontro tra Luke Skywalker e Darth Fener nella stanza di carbonite? Sì, proprio quello in cui il vecchio Anakin dice al giovane jedi di essere suo padre... Ebbene, potrete riviverlo in prima persona, dalla parte del cattivo. Questa modalità ricorda parecchio un picchiaduro che però si svolge in grandi arene e anticipa quello che sarà il multiplayer. Nel caso vogliate sfidare gli amici vi basterà connettere le console tramite Wi-Fi e decidere se giocare raggruppati in squadre o singolarmente: anche in questo peculiare caso, avrete a disposizione grandi arene e varietà di azione. Sicuramente divertente anche se non avrebbe guastato una connessione online per giocare in rete.

Un film
L'aspetto tecnico può essere analizzato in due maniere: estetica o funzionale. La prima vede una grafica decisamente ben realizzata con ambientazioni ricche e oggetti, anche giganteschi, completamente interagibili e malleabili tramite la Forza. Sarà una soddisfazione afferrare il proprio antagonista e schiantarlo verso una colonna che si sbriciolerà sotto l'impeto dell’attacco. I volti sono estremamente dettagliati e donano una grande espressività ai vari personaggi. La grande varietà di movenze del protagonista rende il tutto molto realistico, mentre qualche sbavatura in questo campo è riscontrabile nei movimenti dei nemici.
Se analizziamo l'aspetto tecnico da un punto di vista funzionale, invece, oltre ai problemi di bug trattati nel paragrafo precedente, si notano gravi rallentamenti durante le sezioni più movimentate dove il motore grafico mostra limiti evidenti.
Il comparto sonoro presenta i classici brani apprezzati nei film e li inserisce alla perfezione in questa nuova storia. Il doppiaggio interamente in italiano è pressoché perfetto riportando le varie flessioni linguistiche delle razze presenti nella galassia di Guerre Stellari. Gli effetti sonori sono una vera gioia per le orecchie e sono talmente curati da sentire nitidamente i rumori delle armi laser, gli "swoosh" delle spade o lo scoppiettio quando cozzano tra di loro o contro una struttura.
Recensione Videogioco STAR WARS: IL POTERE DELLA FORZA scritta da DARKZIBO Star Wars Il Potere della Forza avrebbe potuto, viste le premesse, divenire una killer application per PSP in grado di competere con God Of War. Purtroppo, dopo aver cominciato a giocare, vi renderete conto che non è così: un motore grafico che tentenna e l’eccessiva presenza di bug, cui si aggiunge una telecamera lenta e imprecisa, fanno dell’ennesimo titolo basato sulle vicende narrate da George Lucas un prodotto solo discreto. Alcune idee, come l’impiego della forza, sono ben implementate, ma questo non basta a farne un capolavoro. Tutto da buttare? Assolutamente no: il gioco è divertente e, nonostante quanto sottolineato prima, spingerà il giocatore a completarlo, sia per sbloccare gli extra, sia per vedere l’evolversi della storia. Un titolo che gli appassionati non tarderanno ad apprezzare, nonostante i suoi alti e bassi.
caricamento in corso...
SCREENSHOTS
RECENSIONI E SPECIALI CORRELATI
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.