Recensione di ATV Off Road Fury Pro

Copertina Videogioco atv
  • Piattaforme:

     PSP
  • Genere:

     Guida
  • Sviluppatore:

     Climax
  • Data uscita:

     disponibile
- Disponibili 30 mezzi
- Divertente e immediato
- Editor corposo per le auto
- Difficoltà calibrata
- Colonna sonora adrenalinica
- Più di 70 piste
- Grafica migliorabile
- Effetti sonori scadenti
A cura di (Darkzibo) del
Il mondo dei motori è sempre stato affascinante: vedere quei bolidi pronti a sfidarsi l’un l’altro, sentire l’odore della benzina che pervade l’olfatto ed il gas che aumenta poco prima della partenza rappresentano esperienze galvanizzanti. Esistono poi altre discipline che prevedono comunque l’impiego di mezzi motorizzati, ma vi aggiungono la spettacolarità delle evoluzioni che i piloti stessi riescono a far loro eseguire. In questo settore entra ATV Offroad Fury Pro, che fa parte di una serie ben conosciuta dagli appassionati del genere. Vediamo come si paleserà di fronte agli occhi e ai polpastrelli dei possessori PSP.

Evoluzioni alla guida
La serie di ATV ha sempre dimostrato, sia su PS2 che su PSP, un grande valore sia per quanto riguarda la realizzazione tecnica, sia per la giocabilità. Questo episodio sembra voler proseguire la strada (è proprio il caso di dirlo) dei suoi predecessori e si dimostra sin da subito accessibile a tutti, anche a chi non ha mai apprezzato il mondo delle esibizioni fuori strada. Inizialmente avrete a vostra disposizione alcune opportunità come giocatore in singolo, in multi, garage, editor piste (in cui creare i propri tracciati da impiegare in multiplayer), la sala dei record e il contenuto schede. Nella modalità singolo, a parte l’allenamento, vi sarà data possibilità di misurarvi in un combattuto campionato. Da subito sarete contattati da messaggi di posta elettronica che vi spiegheranno il funzionamento di quella modalità e in seguito vi saranno inviate anche dagli sponsor. Lo sponsor giocherà il ruolo di finanziatore in base al posto in cui vi posizionerete durante una gara. Durante il campionato vi cimenterete in tutte le discipline off road con i mezzi più svariati che vanno dagli ATV ai Buggy fino alle motoslitte: Supercross, Rallycross, Freestyle, Endurocross e tutto quello che un appassionato del genere può desiderare sino ad arrivare alle Olimpiadi. Durante il campionato potrete personalizzare sia il vostro alter ego tramite un editor molto povero, sia acquistare nuovi mezzi, potenziare quelli che avete nel garage o cambiare loro il design e le gomme. Il vero fulcro del gioco sta però nel fattore giocabilità: nella serie ATV Offroad dovrete incrementare i vostri punti con evoluzioni degne dei migliori motociclisti freestyle e questo lo farete durante i salti. Le mosse a vostra disposizione sono tantissime e eseguibili tramite immediati comandi (la combinazione del tasto triangolo con l’analogico). Può sembrare semplice, ma non lo è visto che dovrete porre molta attenzione al momento in cui effettuare il trick perché, se doveste farla durante un salto basso, rischiereste di cadere e perdere posti in classifica. I percorsi sono infatti disseminati di trampolini per effettuare salti, e di conseguenza mosse, ma molto dipenderà anche da come li affronterete e se, malauguratamente, doveste arrivare con il quod inclinato, perderete preziosi attimi. Sarà sempre meglio insomma evitare un salto azzardato ed una brutta caduta in modo da proseguire nella gara. In effetti ATV Offroad Fury Pro premia sia il posizionamento in una gara che le evoluzioni che sarete in grado di fare e, in base alla difficoltà e all’audacia delle stesse, verrete di conseguenza premiati. Per quanto riguarda la fisica dei mezzi avrete la sensazione di guidare moto e quad leggerissimi anche se risponderanno per bene ai comandi e rispetteranno le leggi fisiche: partendo da una corta distanza verso un trampolino rischierete di far cadere il vostro personaggio a causa del breve slancio, così come nel caso impennaste troppo, o appoggiaste male il vostro veicolo durante una caduta o andaste contro i cartelloni. Il regolamento è molto rigido e, nonostante le piste siano quasi completamente percorribili (a parte la zona pubblico naturalmente), incorrerete in sanzioni non appena oltrepasserete il limite delle stesse. Il comparto multiplayer consente a due persone di sfidarsi tra di loro in freestyle, in un minigioco, nel campionato o nel percorrere una pista creata dal giocatore tramite l’editor. Per incrementare la rigiocabilità è presente la possibilità di collezionare diverse schede rappresentanti i diversi mezzi in base al tipo e alla cilindrata e in più, nella stessa schermata, ci sono quattro stelle che indicano la rarità della carta. Una cosa in più che avrebbe potuto anche non esserci ma che, a ben vedere, potrebbe essere apprezzata dagli appassionati.
Aggiungete a tutto questo una connessione opzionale verso la versione PS2 con la quale scambiare le piste personalizzate e i tempi fantasma ed otterrete un quadro completo della situazione. Niente di esageratamente innovativo ma, ugualmente, un'aggiunta piacevole insieme all'opportunità di scattare istantanee in qualsiasi momento durante una gara per evidenziare la spettacolarità dell'evoluzione.

In e sulla pista
Nonostante la giocabilità si dimostri su buoni livelli, graficamente il gioco tmostra il fianco a qualche critica. I mezzi sono ben caratterizzati e l’editor è vasto, però quello che lascerà un po’ perplessi è proprio la caratterizzazione dei piloti. A parte il comparto di mosse eseguibili durante i salti quando il pilota si stacca dalla macchina, vi sembrerà di avere a che fare con dei manichini inanimati, specialmente durante le cadute. Le piste sono spoglie e qualche particolare in più non avrebbe guastato (soprattutto per quanto riguarda gli sfondi), mentre i mezzi non lasciano tracce sugli sterrati. Sono presenti diversi bug come gli sprofondamenti del pilota nel terreno una volta caduto, ma non danneggiano la giocabilità. Il comparto visivo fa il suo dovere pur non essendo eccellente.
La colonna sonora, composta da musiche metal e pop-rock in grado di caricare il giocatore durante una gara, è perfetta e gode di sonorità ben valorizzate dall’alto livello audio. Di contro gli effetti sono pessimi ed inseriti con un volume troppo basso rispetto alle tracce audio, tant’è che anche alzando il volume al massimo non sentirete altro se non qualche ronzio.
Recensione Videogioco ATV OFF ROAD FURY PRO scritta da DARKZIBO La regola è rispettata e ATV Offroad Fury Pro si presenta come il miglior titolo disponibile per PSP nel suo genere. Un campionato interessante che risolve il problema delle poche modalità in single player e una giocabilità accessibile, fanno di questo titolo un gioco decisamente "portatile", sempre che si sorvoli sulla realizzazione tecnica di medio livello e gli effetti sonori quasi inesistenti. Quello che deve dare un gioco, prima di ogni cosa, è il divertimento e ATV Offroad Fury Pro vince questa sfida. Il senso che qualcosa in più si sarebbe potuto fare resta ma, nonostante ciò, possiamo consigliare questo titolo sia a coloro che amano il genere sia a quelli che non lo hanno mai provato. Questi ultimi potrebbero rimanerne sorpresi.
caricamento in corso...
SCREENSHOTS
RECENSIONI E SPECIALI CORRELATI
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.