Recensione di Chili Con Carnage

Copertina Videogioco Chili C. Carnag
  • Piattaforme:

     PSP
  • Genere:

     Azione
  • Data uscita:

     23 Febbraio 2007 in Europa
- Graficamente discreto
- Comico e divertente
- Ram ha carisma da vendere
- Difetti grafici
- Alla lunga ripetitivo
- I.A. scarsa
A cura di (Benenath) del
…un ragazzo di nome Ramiro (Ram per gli amici) Cruz che, andando a trovare suo padre per il compleanno, assiste alla tragica scena del suo omicidio e dei gattini che il ragazzo aveva a lui portato.
Parte cosi la grande avventura di Ram nel vendicare la morte del padre, esclusivamente su PSP, composta di 19 livelli di…

…munizioni, armi e tequila!
Il padre di Ram era un politico decisamente di grande spessore e naturalmente con tanti nemici. Inimicizie che hanno cosi portato all’attentato nei suoi confronti e starà quindi a voi scoprire l’assassino e il suo mandante.
Seguito spirituale di Total Overdose, Chili Con Carnage ci immerge subito in un’atmosfera degna naturalmente dell’ambientazione messicana e allegra di cui sfoggia il titolo. Canzoni, bevande, comportamenti tipici del luogo contraddistinguono questo titolo come un gioco decisamente ignorante ma non per questo noioso.
Il gameplay, infatti, ci vede compiere numerosissime mosse spettacolari, che ricordano decisamente giochi come Max Payne o il film “C’era una volta in Messico. Camminate sui muri con salti durante le sparatoie, schivate laterali e quant’altro, con tanto di rallentatore in stile “Bullet-Time” vi daranno dei punti che vi permetteranno di riempire un indicatore a lato che aumenterà consistentemente la vostra adrenalina durante il gioco.
Sono diverse le armi che avremo a disposizione e le missioni godono comunque di una certa varietà risultando raramente ripetitive.
Tuttavia il gioco è noiosetto, almeno dopo una consistente quantità di ore spese. Questo per colpa di un gameplay tanto immediato e semplice quanto ripetitivo e poco profondo. Infatti, fare le mosse speciali non è cosa poi dell’altro mondo, dato che sarà il personaggio, dopo la semplice pressione del tasto “salto” a farne uso a seconda della posizione in cui vi trovate (ad esempio se siete vicini ad un muro, Ram camminerà su di esso per poi saltare per schivare i colpi).
Ram andrà controllato solamente con l’analogico dato che i tasti direzionali servono per altre mansioni, tipo il cambio dell’arma. Diciamo che il controllo non risulta molto preciso, forse è anche colpa della disposizione nella console portatile, ma non è sicuramente pratico agli inizi, anche se come dicevamo le fondamenta del gameplay sono piuttosto immediate e semplici.
Dopo un po’ di tempo non avrete comunque certo le difficoltà iniziali, ma resta il fatto che forse le croci direzionali sarebbero state meglio.
Comunque, nel proseguo di una missione potrete raccogliere diversi oggetti speciali. Questi vi daranno alcune tecniche speciali attivabili con il triangolo della console. Sono una sorta di super-mossa che vi darà per qualche secondo una potenza immane contro i poveri malcapitati nemici.
Inoltre, sarà possibile guidare (quasi) tutti i veicoli che incontrerete durante le missioni e vi serviranno spesso come aiuto per affrontare un’orda decisamente numerosa di nemici.
Le missioni comunque si snodano senza particolari intoppi, la trama non è quelle che distinguono i grandi capolavori, ma il gioco è divertente e decisamente sfrenato, un buon passatempo soprattutto quando avrete voglia di non pensare, di rilassarvi e sparare, sparare e sparare in continuazione.
Va detto, inoltre, che dopo ogni missioni avrete la possibilità di completare diversi stage bonus che vi daranno diversi punti extra se riuscirete nei compiti che vi verranno assegnati all’inizio.

Comparto tecnico e multiplayer
Possiamo dire subito con convinzione che il comparto tecnico non ci ha affatto delusi, anzi. I filmati in CG sono decisamente notevoli ed aiutano anche ad immedesimarsi bene nel contesto messicano.
Durante il titolo, invece, possiamo notare comunque un buon lavoro che pur, ovviamente, allontanandosi dai filmati di cui sopra, riesce a deliziare comunque le pupille del giocatore, grazie soprattutto a buoni effetti d’illuminazioni e cura generale.
Le animazioni del protagonista, infatti, sono decisamente buone, cosi come il modello poligonale che lo compone e il livello di molte textures negli scenari. Tuttavia, come spesso accade, i nemici non sono molto dettagliati, e sembrano spesso dei pupazzi di cartone che hanno solo l’intenzione di sparare e sparare, riducendo quasi a 0 un’IA che ci saremmo aspettati decisamente molto superiore, perlomeno per aumentare il livello di sfida del gioco.
Inoltre, il titolo non mostra mai incertezza da parte del frame-rate e questo sicuramente non può che far piacere visti alcuni esempi recenti di molti giochi usciti su qualsiasi piattaforme
Se il comparto grafico presenta comunque qualche difetto (vedi qualche spigolosità eccessiva), quello audio è forse quello riuscito meglio di tutto il titolo. Da musiche in salsa messicana, versi di galline ovunque compresi i menu, doppiaggio italiano buono e tanto tanto umorismo lo rendono una delizia per le orecchie.
Infatti, Chili Con Carnage, si propone come un titolo decisamente comico. Non sono poche, infatti, le gag spassose ideate dagli sviluppatori disseminate per tutto l’arco dell’avventura.
Questo lo possiamo notare anche nel comportamento di Ram, un ragazzo sempre con la risposta (e la battuta) pronta ma comunque serio e determinato nella rivendicazione della morte di suo padre.
Le diciannove missioni e i relativi extra, rendono questo prodotto discretamente longevo. I limiti e la ripetitività vengono a galla, ma la varietà del level design aiuta a sopprimere, almeno in parte, questo difetto. Quindi vi regalerà diverse ore di gioco, sta a voi poi constatare se il gioco diventa talmente ripetitivo da non meritare altri “gettona menti”.
Presente anche una modalità Multiplayer fino a 4 giocatori, ma ognuno di essi deve possedere una copia del gioco. Sarà cosi possibile sfidarli all’interno di mappe prestabilite e far vedere che siete voi i migliori!
Recensione Videogioco CHILI CON CARNAGE scritta da BENENATH Chili Con Carnage è, in sintesi, un titolo decisamente discreto e divertente che riesce a far dimenticare l’orrore visto con Total Overdose.
Un comparto tecnico, soprattutto dal punto di vista sonoro, buono e un gameplay divertente ma a tratti ripetitivo rendono questo titolo consigliabile per tutti gli amanti dei giochi d’azione, specialmente se estimatori del “bullet-time” di Max Payne o fan del film “C’era una volta in Messico” vista l’eguale localizzazione e, per cosi dire, comicità.
Prendetelo in considerazione, potreste non pentirvene!
caricamento in corso...
SCREENSHOTS
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.