Recensione di LEGO Pirati dei Caraibi

Copertina Videogioco
  • Piattaforme:

     PSP
  • Genere:

     Action-Adventure
  • Sviluppatore:

     Travellers Tales
  • Distributore:

     Disney
  • Lingua:

     Italiano
  • Giocatori:

     1 - 2
  • Data uscita:

     10 Maggio 2011
5.7
Voto lettori:
9.0
- Richiamerà schiere di fan grazie alla licenza - Storia assente ingiustificata
- Nulla che non si sia già visto
- Livello di difficoltà insulso
- Noia in agguato
Loading the player ...
A cura di Gianluca Arena (DottorKillex) del
LEGO, LEGO e ancora LEGO: gli ultimi anni hanno visto un proliferare incredibile dei titoli dedicati ai mattoncini colorati più famosi del mondo, tanto che praticamente tutte le saghe più famose a livello cinematografico possono oggi vantare, quasi su ogni piattaforma esistente, uno o più titoli in chiave blocchettosa. Da Indiana Jones a Harry Potter, da Guerre Stellari a Batman, nessuno è stato lasciato indietro e, onestamente, ci sorprendeva l'assenza del capitano Jack Sparrow, interpretato con bravura e senso dell'umorismo sul grande schermo da un poliedrico Johnny Depp. Disney e Traveller's Tales, in concomitanza con il lancio del nuovo episodio nella sale cinematografiche, ci propinano questo Lego Pirati dei Caraibi in versione multipiattaforma, andiamo insieme a scoprire le caratteristiche della versione per PSP.

Ciurma! All'arrembaggio!
Essendo il primo capitolo dedicato alla ciurma di pirati ormai più famosa tra i ragazzini, Lego Pirati dei Caraibi può permettersi di spaziare, a livello narrativo, nel nutrito background che la serie ha fin qui proposto, tra maledizioni e duelli rusticani, passando per località esotiche che tutti noi vorremmo avere la possibilità di visitare, almeno una volta.
Come da consolidata tradizione per i titoli dedicati ai mattoncini danesi, la trama è sfilacciata e risibile, niente più che un pretesto per lanciarsi all'avventura nei panni del capitano Sparrow, cercando di carpirne lo spirito goliardico, la sbruffonaggine e l'innegabile appeal nei confronti dell'altro sesso. Il livello di difficoltà particolarmente accomodante, altra costante delle produzioni LEGO, lascia supporre che il target di riferimento sia abbastanza giovane. Questo lenisce in parte l'altrimenti ingiustificata assenza di una trama che si possa chiamare tale: i fan della saga, o delle spigolose e colorate costruzioni LEGO, non faticheranno a trovare nella loro passione un motivo più che sufficiente per tuffarsi nell'avventura.

Cosa è cambiato
“Avventura” è un termine quanto mai azzeccato, dato il genere cui il gioco appartiene: siamo nel campo, invero abusato, degli action adventure a forti tinte platform, in cui si alterneranno fasi in cui sarà richiesta una certa precisione nel salto ad altre in cui aguzzare (mai troppo) l'ingegno per risolvere semplici enigmi contestuali, il tutto inframezzato da duelli all'arma bianca che, sebbene sulla carta possano sembrare entusiasmanti, nella realtà dei fatti, purtroppo, non lo sono.
Andiamo con ordine: pronti via e il gioco ci metterà subito nelle condizioni, tramite due o tre schermate introduttive prive di reali pericoli per il giocatore, di saggiare il sistema di controllo, che invero ricalca quasi in toto quello già visto nel recente Lego Star Wars III ed offre, tramite un buon uso dei tasti frontali, delle condizioni di discreta comodità.
Le cose da fare, lo si capirà presto, sono sempre quelle: costruire, tramite la ripetuta pressione del tasto cerchio, dei muri piuttosto che delle rampe con gli ammassi di mattoncini nei quali ci si imbatte di tanto in tanto, trovare la manopola giusta da inserire nella feritoia corretta per aprire la porta, centrare il bersaglio con l'arma secondaria (qui la pistola prende il posto del laser del titolo dedicato alla saga ideata da Lucas), così da scatenare reazioni a catena che ci apriranno la strada per proseguire. Se l'elenco vi è sembrato sciatto e desolante, beh... non è un'impressione: le novità non fanno parte del pacchetto che acquisterete, se escludiamo l'ambientazione ed i personaggi. Una cospicua quantità di ore di gioco non ha rivelato alcun elemento innovativo ed ha visto invece materializzarsi molto presto un' infinita serie di sbadigli, dovuti alla piattezza del level design, alla ripetitività delle azioni da compiere ed alla grave mancanza di un punto di svolta, non tanto a livello di plot quanto nelle meccaniche di gioco e nell'esperienza generale. Anche i duelli in punta di spada, che potevano ispirare gli aficionados delle gesta dell'alter ego di Johnny Depp, si risolvono in un button mashing che lascia pochissimo spazio alla tattica, il che, considerando il quantomeno annacquato livello di sfida, si traduce nella virtuale impossibilità di vedere la schermata di game over, che crediamo i ragazzi di TT non si siano nemmeno scomodati a realizzare. Vada un target giovanile, ma i ragazzi sono per definizione giovani, non incapaci. In realtà le colpe del gioco non sono superiori a quelle di tutti i titoli della serie fin qui usciti, anche solo limitando l'analisi alla ludoteca PlaystationPortable: il solo problema di Lego Pirati dei Caraibi risiede nel fatto che sia uscito dopo la marea di titoli – clone che hanno inondato il mercato negli ultimi 3/4 anni, peraltro senza una miglioria, finendo così per fare la fine del capro espiatorio, quantomeno a livello di votazione finale, perché crediamo che, nonostante tutto, le sue vendite non saranno poi così insoddisfacenti. D'altronde, se così non fosse, faremmo davvero fatica a spiegarci un tale sovrasfruttamento del brand.

5,5 di fine anno
Testando per voi Lego Pirati dei Caraibi ci è tornato alla mente il lontano passato scolastico, con il compagno di classe scansafatiche che, sul finire dell'anno, confidava nel fatto che il suo 5,5 in matematica sarebbe automaticamente passato a 6 in virtù di chissà quale miracolo del cielo. La cosa che ci irritava era che spesso aveva ragione: il comparto tecnico di questo titolo si comporta un po' come quel nostro compagno, facendo il minimo richiesto, per numero di poligoni, fluidità del motore e animazioni dei personaggi a schermo, conscio che tanto a prevalere sarà la voglia dei fan della saga di rivivere, anche solo per un paio di pomeriggi, le gesta dei loro eroi del grande schermo.
Discorso analogo per il sonoro, senza infamia né lode, e per la longevità globale, che raggiunge ansimando il minimo sindacale per il genere (8/9 ore circa), lasciando la porta aperta alla possibilità, per chi volesse far fruttare i soldi investiti, di spendere altre 4/5 ore supplementari alla ricerca di tutti gli oggetti nascosti e di tutti gli anfratti più reconditi dei livelli di gioco. Non ci sentiamo, in tutta onestà, di bollare l'ultima fatica a marchio Disney Interactive come un brutto titolo, ma nel contempo ci guardiamo bene dal consigliarla a chiunque abbia passato i 20 anni, ed a quanti non sopportano il pizzetto di Jack Sparrow.
Recensione Videogioco LEGO PIRATI DEI CARAIBI scritta da DOTTORKILLEX Se non ne fossero usciti almeno 5 uguali o quasi, se fosse meno noioso progredire tra livelli piatti e nemici ebeti, se non ci fossero valide alternative appartenenti allo stesso genere su PSP, se avessimo 15 anni di meno e se fossimo incapaci di portare a termine un titolo con una difficoltà appena degna di nota, allora ci saremmo innamorati di questo Lego Pirati dei Caraibi. Decisamente troppi “se”, però, per consigliare l'acquisto di un gioco che, pur lungi dall'essere orribile, semplicemente non emoziona, se non durante le brevi e spassose sequenze animate: quanti hanno divorato i lungometraggi lo noleggino pure, e traggano le loro conclusioni.
Appuntamenti LIVE e Video Rubriche
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
    Numero commenti: 7
  • DottorKillex
    Redattore
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da Stu
    Travellers Tales ha inventato un sistema di gioco che crede essere perfetto e sempreverde, ma credo che perfino i bambini sulla decina provino noia a giocare ad un gioco Lego. Almeno mettere un respawn non sul posto, ma dal checkpoint, avrebbe aiutato. Anche il fatto che ce ne sono davvero troppi e tutti riciclati sulla formula del vecchio Lego Star Wars non da una mano a sto gioco. Ora come ora TT deve assolutamente inventarsi una formula nuova, o rimpinguare quella vecchia per darle un senso. Per adesso sa solo di cambio veloce di texture.
    Vedo che avete tutti colto il punto: TT è stata smascherata, speriamo le vendite non la premino così dovrà rimboccarsi le maniche e mettere mano per davvero al cuore della serie.
  • Arty Stu
    Livello: 1
    937
    Post: 23863
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Travellers Tales ha inventato un sistema di gioco che crede essere perfetto e sempreverde, ma credo che perfino i bambini sulla decina provino noia a giocare ad un gioco Lego. Almeno mettere un respawn non sul posto, ma dal checkpoint, avrebbe aiutato. Anche il fatto che ce ne sono davvero troppi e tutti riciclati sulla formula del vecchio Lego Star Wars non da una mano a sto gioco. Ora come ora TT deve assolutamente inventarsi una formula nuova, o rimpinguare quella vecchia per darle un senso. Per adesso sa solo di cambio veloce di texture.
  • [T]ulKas
    Moderatore
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Il problema non è tanto il gioco in sè, è la ripetitività della serie...devo cambiare letteralmente il gameplay in futuro
  • DottorKillex
    Redattore
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da francescopr
    Il voto è meritato ma a me diverte ancora
    Santo subito!Avessero tutti la tua obiettività!
  • francescopr
    Livello: 3
    44
    Post: 4113
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Il voto è meritato ma a me diverte ancora
  • rspecial1
    Redattore
    Mi piace 2 Non mi piace 0
    Peccato, ormai non fanno che riciclare vecchie idee mentre la saga di LEGO era tra le più originali. Speriamo si riprendano con Harry Potter...^^
  • darkzibo
    Redattore
    Mi piace 2 Non mi piace 0
    votazione giusta, il titolo ormai, a parte l'estetica, riporta sempre il medesimo gameplay ! giusto dargli un voto basso !
caricamento in corso...
SCREENSHOTS
RECENSIONI E SPECIALI CORRELATI
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967