Recensione di Dead Island Definitive Edition

Copertina Videogioco
  • Piattaforme:

     PS4
  • Genere:

     Action-Adventure
  • Sviluppatore:

     Deep Silver Dambuster Studios
  • Data uscita:

     31 maggio 2016
- Tre giochi ad un prezzo accessibile
- Lavoro su texture e impianto di illuminazione lodevole
- Retro Revenge è una gradevole aggiunta
- I problemi storici della serie permangono
- Effetto blur fastidioso
- Qualche magagna tecnica
Loading the player ...
A cura di (Forla) del
Durante la scorsa generazione di console gli zombie andavano parecchio forte. Da quando Walking Dead è approdata sugli schermi di tutto il mondo infatti,  questi marcescenti non morti dall'incerta andatura hanno vissuto una seconda giovinezza. A onor del vero, sono stati infilati a forza un po' dappertutto e il medium videoludico è stato forse quello che ha subito la farcitura di mangiacervelli più abbondante. Dead Island è uno dei brand che ha saputo sfruttare al meglio questi antagonisti, calando il giocatore in un paradiso tropicale infestato e permettendogli di sfogare la propria brama di violenza attraverso un numero di armi home-made veramente elevato. A distanza di una manciata di anni dalla release i ragazzi di Techland hanno pensato bene di cavalcare l'onda del fenomeno remastered e rifare il trucco al loro titolo di punta e al suo seguito, aggiungendo al pacchetto una sorpresina per i fan. Inforcate gli occhiali da sole perché a Banoi il sole splende come non aveva mai fatto prima.


La crema solare è per i vivi
Per i pochi che non conoscono il marchio, Dead Island è un hack 'n slash in prima persona in cui prendiamo le parti di uno dei quattro sopravvissuti alloggiati presso un resort in un idilliaco paradiso tropicale. Una misteriosa epidemia scoppiata di recente ha trasformato la maggior parte della popolazione dell'isola di Banoi in famelici zombie e noi siamo alcuni dei pochi fortunati a possedere una naturale immunità al virus. La storia principale non riserva grandi gioie a livello narrativo, e le moltissime fetch quest servono solo a darci un buon motivo per esplorare  le splendide ambientazioni e fare incetta di armi e materiali. Nel titolo è presente un solido sitema di crafting, che spinge il giocatore a mettere spesso mano ai propri strumenti di morte aggiornandoli e rendendoli  sempre più letali. Dopo il primo capitolo della serie uscì Dead Island: Riptide, che più che un vero e proprio seguito è considerato da critica e pubblico un Dead Island 1.5. Riptide ha mantenuto la formula di gioco praticamente invariata rispetto al predecessore, riprendendo gli eventi della storyline proprio da dove si erano interrotti alla fine del titolo originale. Se la ricetta del combat system e del crafting è rimasta identica, la narrativa invece è stata ritoccata, con una campagna principale coinvolgente e meglio strutturata, che conduce ad un doveroso climax nelle fasi finali dell'avventura. Anche i nemici sono migliorati, aumentando in tipologie e costringendo il giocatore ad adottare strategie di approccio allo scontro differenti fra loro. Fatta questa breve premessa notifichiamo che  l'articolo che segue è incentrato principalmente sulle migliorie tecniche della remastered e sulle altre novità presenti nel pacchetto. Se siete interessati ad approfondire i singoli titoli vi consigliamo di dare un'occhiata alla nostra recensione di Dead Island e Dead Island: Riptide.


Anche gli zombie si rifanno il trucco
E' già da un po' di anni, purtroppo, che ci siamo abituati a veder mettere in atto manovre come quella compiuta da Deep Silver. La riedizione di giochi in versione rimasterizzata è il triste simbolo dell'attuale generazione di console, e a quanto pare anche Dead Island si aggiunge alla lunga lista di titoli degni di ricevere una bella svecchiata. Dead Island Definitive Edition comprende Dead Island e Dead Island: Riptide, entrambi in edizione rimasterizzata, in aggiunta ai quali vediamo Dead Island Retro Revenge, una chicca per i fan dell'era Coin Op di cui vi parleremo più avanti. In merito ai due titoli principali possiamo dire che il lavoro fatto per restituire lustro al comparto tecnico è  parzialmente riuscito. La maggior parte delle texture sono ora sono in alta definizione e questo dona a tutte le superfici un aspetto più realistico e piacevole. Purtroppo questo non è sufficiente ad elevare agli standard odierni una produzione che, per numero di poligoni e legnosità delle animazioni, rimane visibilmente della scorsa generazione. Altro elemento che è stato pesantemente aggiornato è il comparto di illuminazione, a cui è stato aggiunto un sistema di shading che migliora la resa visiva di alcuni elementi in base alle condizioni di luce. In aggiunta a tutto questo abbiamo l'introduzione di un anti aliasing che contribuisce a dare una veste più moderna al comparto grafico. Un'aggiunta che invece non abbiamo gradito è l'effetto blur che permea la produzione, e che si fa sentire soprattutto durante gli spostamenti della visuale e in alcune cutscene. La sfocatura che ne risulta è sgradevole in molte situazioni, appanna senza pietà il colpo d'occhio generale e non è nemmeno eliminabile dalle opzioni. Tecnicismi a parte, dobbiamo ammettere che, seppur il titolo sia innegabilmente di qualche anno fa, riesce comunque a regalare scorci di notevole bellezza, invitando il giocatore a soffermarsi sulle guglie rocciose dell'isola per ammirare lo splendido paesaggio. Il pacchetto verrà venduto al prezzo consigliato di 39,99€, ma è possibile acquistare i due titoli principali separatamente al costo di 19,99€ ciascuno. I due giochi sono capaci di intrattenere per un numero di ore veramente elevato, quindi se qualche anno fa vi siete persi questo blockbuster e siete dei tritatutto smaniosi di macellare carne putrefatta il nostro consiglio è quello di valutarne l'acquisto. Se invece siete stanchi di picchiare degli stupidi quanto affamati non morti e magari avete già passato molte ore sui titoli in questione, forse i soli miglioramenti tecnici non sono sufficienti a giustificare nuovamente l'acquisto. ù

Carneficina in pixel art
Il pacchetto proposto, oltre ai due titoli principali, include anche Dead Island Retro Revenge, un giochillo che saprà fare la gioia di coloro che negli anni novanta amavano smanettare sui vecchi cabinati. Il titolo è un side scroller realizzato in pixel art, in cui vestiamo i panni di Max, un brutale metallaro a cui alcuni malintenzionati hanno rapito l'amato gatto che risponde al nome di Rick Furry. Max non ci pensa due volte a scendere per le strade della California infestate da mangia-cervelli pur di riportare a casa il suo amato micio. Egli si dimostra un abile combattente, sfoggiando una conoscenza delle arti marziali da far invidia a Kung Fury in persona! Nel gioco Max avanza autonomamente verso destra, il nostro unico compito è quello di spostarlo alto o in basso, in corrispondenza delle tre corsie disponibili, e di pigiare forsennatamente sui tasti corrispondenti alle sue micidiali mosse di kung fu. Il nostro eroe ha inoltre a disposizione una supermossa, che generalmente stermina tutti i nemici a schermo, e può accedere a vari power up recuperandoli da alcune casse. I nemici sono di diverse tipologie e già dopo una manciata di partite impareremo a riconoscere quelli più pericolosi ed affrontarli nel modo corretto. La produzione è chiaramente votata al trial and error e il livello di difficoltà, tarato verso l'alto, ci costringe a ripetere gli schemi fino a quando non si è interiorizzata la sequenza dei nemici e la relativa strategia per contrastarli al meglio. Si contano tre capitoli ognuno dei quali suddiviso in otto livelli, una volta terminati i quali ci viene assegnato un punteggio in base al numero di combo che siamo riusciti a portare a casa. Dead Island Retro Revenge è un piacevole valore aggiunto, in grado di stuzzicare gli amanti dei coin op, i quali sicuramente ci perderanno molte ore con il solo intento di scalare la classifica mondiale.
Recensione Videogioco DEAD ISLAND DEFINITIVE EDITION scritta da FORLA Dead Island Definitive Edition è l'ennesima remastered ad approdare sulle console current gen. A suo favore abbiamo la presenza di due titoli belli corposi, ai quali si aggiunge una produzione dedicata specificatamente a chi negli anni 90 era solito spendere i propri soldi nei cabinati mangia monete. Sul piano tecnico si riscontrano dei netti miglioramenti, sia delle texture che del comparto illuminazione, e il titolo ne giova sicuramente. Il rovescio della medaglia sono una mole poligonale e delle animazioni chiaramente della scorsa generazione, alle quali si abbina un effetto blur poco convincente. I vecchi problemi della saga, come alcune compenetrazioni poligonali e qualche sporadico calo di frame, tornano a farsi sentire, non inficiando però in maniera drastica sulla bontà della produzione. Insomma se ve li eravate persi questa può essere una buona occasione per recuperare, se invece li avete già giocati risparmiate i vostri soldini e spendeteli su qualcosa di nuovo.
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
    Commenti: 29 - Visualizza sul forum
  • PsychoPlay
    PsychoPlay
    Livello: 2
    Post: 108
    Mi piace 0 Non mi piace -1
    Originariamente scritto da Vegas_DoubleG

    dead island un gioco sotto il mediocre... un gioco incentrato sugli zombi quando in black ops sono fatti MOLTO meglio. chisa perche lo comprano
    https://www.youtube.com/watch?v=cqYaP4kRHN0
  • Ricola
    Ricola
    Livello: 4
    Post: 1404
    Mi piace 1 Non mi piace -2
    Originariamente scritto da Plex
    I giochi occupano lo stesso identico spazio nell'hard disk sia in digitale che su disco; visto che l'installazione è sempre obbligatoria.


    Certo, è vero. però quando li installi (o li vuoi re-installare) se non hai una buona linea di rete ci mette delle ore. Lo ripeto, non è sul discorso digitale o meno è un discorso legato al fatto che se fai un prodotto retail (credo si dica cosi se vendi una copia fisica del gioco) non puoi poi mettermi dentro dei codici quando la controparte XBone ha tutti e tre i titoli su supporto....sopratutto alla luce delle motivazioni per le quali questa opzione non è stata realizata. Se ho poco spazio su hd devo fare delle scelte riguardo alle cose da tenere su, se mi dovesse capitare di optare per disinstallare momentaneamente questo gioco (riptide nel caso specifico) poi dovrei aspettare altre ore quando mi riviene la voglia di giocarlo. Se lo scarichi digitale perchè preferisci è una opzione che metti in conto nell'acquisto, quando dici "uscira il gioco su supporto" e poi (a un mese scarso dall'uscita) ti dicono "no, più della metà sarò digitale"...bhe, un po ci si rimane male.
  • Plex
    Plex
    Livello: 1
    Post: 123
    Mi piace 1 Non mi piace -2
    Originariamente scritto da Rippingjack27
    Diciamo che non avendoli presi su ps3 avrei anche potuto farci un pensierino, ma l'assenza di riptide su disco mi frena dall'acquisto. Un po' perché io il gioco lo voglio fisico, un po' perché con una ps4 da soli 500 gb lo spazio langue...


    I giochi occupano lo stesso identico spazio nell'hard disk sia in digitale che su disco; visto che l'installazione è sempre obbligatoria.
  • Ricola
    Ricola
    Livello: 4
    Post: 1404
    Mi piace 0 Non mi piace -1
    Originariamente scritto da stele
    Chiaro e sintetico e penso anche che sia una valutazione utile che poteva anche essere sviluppata nella recensione. Recensire le remastered comporta fare considerazioni di questo tipo secondo me.


    Perdonami ma non sono in accordo. Dead island 1 e 2 sono giochi che hanno le loro primavere sulle spalle...sarebbe un rapporto sbilanciato paragonarle con un prodotto (recente) che è la loro diretta evoluzione (in positivo,poco ma sicuro). é come se io facessi una valutazione su kick off e poi volessi un paragone con pro evolution (ok, è un esempio esagerato ma solo per farti capire che di base i due giochi provvengono da due periodi differenti del realizzare un game).
  • ROTU47
    ROTU47
    Livello: 4
    Post: 733
    Mi piace 1 Non mi piace -1
    Se comunque avete anche solo un amico con cui giocarlo, il divertimento è garantito e l ignoranza generale che si scatena è IMPAGABILE...io adoro questo gioco e non mi stufo di giocarci, finiti 2 volte tutti e 2 e questa è la terza run...deve piacere ovviamente.
  • ROTU47
    ROTU47
    Livello: 4
    Post: 733
    Mi piace 2 Non mi piace -1
    Originariamente scritto da Bruce Quint
    Domanda: una delle cose che più mi ha dato fastidio del gioco su Old gen è che sul retro della scatola (per 360) vi era scritto "co-op locale: 2", ma il gioco non era giocabile in split screen. Al che mi chiedo questa versione lo è?


    No il multi è solo online...provato ieri,apparte la lustrata generale è identico alla precedente versione e a meno che non siate degli zombi killer affamati come me ne potete fare a meno, se avete già giocato i titoli sulla precedente console...COMUNQUE È VERO Che SE PENSI A DYING LIGHT MENTRE GIOCHI A QUESTO TI SENTI NEL MEDIOEVO, però il gioco resta ottimo e poi divertono anche le animazioni pacco e le urla degli zombie...sa molto di B MOVIE e comunque non è male .
  • stele
    stele
    Livello: 4
    Post: 186
    Mi piace 2 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da gameroldgen
    dopo aver giocato a dying light,questo gioco è una ciofeca..
    Chiaro e sintetico e penso anche che sia una valutazione utile che poteva anche essere sviluppata nella recensione. Recensire le remastered comporta fare considerazioni di questo tipo secondo me.
  • Bruce Quint
    Bruce Quint
    Livello: 7
    Post: 246
    Mi piace 2 Non mi piace 0
    Domanda: una delle cose che più mi ha dato fastidio del gioco su Old gen è che sul retro della scatola (per 360) vi era scritto "co-op locale: 2", ma il gioco non era giocabile in split screen. Al che mi chiedo questa versione lo è?
  • f0ssile
    f0ssile
    Livello: 6
    Post: 688
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Sulla disamina tecnica sono d'accordo.

    Le animazioni e i poligoni non reggono proprio il passo delle texture e dell'illuminazione.

    C'è da dire che su PC il Motion Blur (la prima cosa che tolgo in generale) si può disabilitare, così come l'aberrazione cromatica. In questo caso l'ottimo lavoro su texture e illuminazione si nota davvero.

    Devo dire che credevo peggio. Gira anche piuttosto bene, disabilitando l'aberrazione cromatica, il motion blur (che incidono poco, ma se danno anche fastidio...) e abbassando la mappatura delle ombre da molto alto ad alto (questa, invece, fa tipo il 20% solo abbassando una tacca), gira benone.

    Secondo me la v. PC meriterebbe un 8 (oltre al blur, mettici pure i 60fps).
  • Ricola
    Ricola
    Livello: 4
    Post: 1404
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da gameroldgen
    dopo aver giocato a dying light,questo gioco è una ciofeca..


    Bhe. Grazie. Son passati chissa quanti anni dal riptide a dying light.
  • gameroldgen
    gameroldgen
    Livello: 1
    Post: 11
    Mi piace 2 Non mi piace 0
    dopo aver giocato a dying light,questo gioco è una ciofeca..
  • Forla
    Forla
    Redattore
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Ragazzi, rispondo a tutti coloro che hanno precedentemente chiesto e chiedo venia per non aver specificato il particolare nell'articolo. Il pack contiene il disco fisico di Dead Island, mentre Reptide e Retro Revenge sono da scaricare.

    @Ricola per quanto riguarda il comparto tecnico secondo me non ci sono poligoni "in più", magari sbaglio, ma a parer mio si tratta solo di texture e un buon anti aliasing.

    @Jacoviz fidati, poterlo disattivare è una gran bella roba! A me infastidisce parecchio, anche in uncharted 4 c'è e non si può togliere
  • Ricola
    Ricola
    Livello: 4
    Post: 1404
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da Ricola
    Scusa Andrea Forlani ma alla fine PS4 ha davvero solo il primo game in formato fisico (e quindi le voci delle scorse settimane erano fake) oppure ci sono entrambe. Ho proposto la domanda su amazon e sto aspettando una conferma ma nelle recensioni che leggo online questo dettaglio non viene mai menzionato. So che ai fini della recensione tale dettaglio non interessa ma credo sia giusto chiarire con l'utente ciò che si ritroverà fra le mani quando farà l'acquisto. Inteso, io ho dato credito alle notizie uscite sino ad ora ( e ammetto di averle prese male) ma se non avessi la propensione a seguire tutte le notizie penserei ancora di comperare una edizione "fisica" con tutte le versioni del gioco. In più, ho letto che il gioco ha subito trasformazioni (sopratutto sui personaggi) anche a livello di poligoni (hanno detto non molto influenti ma presenti, sopratutto nel tentativo di mettere il primo DI al pari del riptide per dettaglio visivo) e l'utilizzo di un nuovo motore grafico su cui fare girare i due giochi (da che ho capito quindi la variazione non riguarda solo le texture). >Mi puoi confermare se sono notizie false o c'è un fondo di verità?


    Errore mio, i riferimenti al fake dovevano essere messi dopo la seconda affermazione (cioè ..oppure ci sono entrambe)
  • Ricola
    Ricola
    Livello: 4
    Post: 1404
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Scusa Andrea Forlani ma alla fine PS4 ha davvero solo il primo game in formato fisico (e quindi le voci delle scorse settimane erano fake) oppure ci sono entrambe. Ho proposto la domanda su amazon e sto aspettando una conferma ma nelle recensioni che leggo online questo dettaglio non viene mai menzionato. So che ai fini della recensione tale dettaglio non interessa ma credo sia giusto chiarire con l'utente ciò che si ritroverà fra le mani quando farà l'acquisto. Inteso, io ho dato credito alle notizie uscite sino ad ora ( e ammetto di averle prese male) ma se non avessi la propensione a seguire tutte le notizie penserei ancora di comperare una edizione "fisica" con tutte le versioni del gioco. In più, ho letto che il gioco ha subito trasformazioni (sopratutto sui personaggi) anche a livello di poligoni (hanno detto non molto influenti ma presenti, sopratutto nel tentativo di mettere il primo DI al pari del riptide per dettaglio visivo) e l'utilizzo di un nuovo motore grafico su cui fare girare i due giochi (da che ho capito quindi la variazione non riguarda solo le texture). >Mi puoi confermare se sono notizie false o c'è un fondo di verità?
  • Jacoviz
    Jacoviz
    Livello: 1
    Post: 279
    Mi piace 3 Non mi piace 0
    Questa recensione è per le versioni console? Perche su PC la grafica è spaventosa e sopratutto il blur si può disattivare.
caricamento in corso...
SCREENSHOTS
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.