Recensione di World of Tanks

Copertina Videogioco
  • Piattaforme:

     PS4
  • Genere:

     Gioco di ruolo
  • Sviluppatore:

     Wargaming.net
  • Giocatori:

     MMO
  • Data uscita:

     12 aprile 2011 - 12 febbraio 2014 (Xbox360) - 29 agosto 2014 (retail Xbox360) - 28 luglio 2015 (Xbox One) -19 gennaio 2016 (PS4)
- Profondo ed appagante
- Strategico puro senza troppi fronzoli
- Gratuito
- E’ pur sempre un free-to-play
- Il comparto grafico non è al passo con i tempi
- Talmente impegnativo che non può essere adatto a tutti
A cura di (Doctor.Oz) del
Nato nel lontano 2008 da uno studio di progettazione bielorusso, World of Tanks è una favola tutta moderna sul come un gioco free-to-play non debba essere forzatamente un pozzo oscuro dove dover gettare i risparmi di una vita se si vuole competere o, perlomeno, divertirsi in modo serio. Nato da appassionati di militaria e mezzi corazzati come un piccolo progetto competitivo per utenti PC, in meno di dieci anni World of Tanks ha saputo guadagnarsi la fiducia di milioni di videogiocatori sparsi un po’ ovunque nel globo, facendo sì che la versione PC fosse poi nel tempo affiancata prima da una versione Xbox 360, poi da una versione Xbox One, e infine una versione PS4 pubblicata gratuitamente sul PSN. Come detto poc'anzi, la creatura di Wargaming.net è cresciuta a tal punto -  grazie ad una community forte di circa 80 milioni di giocatori sparsi nel globo - da divenire nel 2014 il primo e-sport tutto europeo, con tanto di torneo finale a Varsavia, in Polonia. I più assidui del nostro sito, difatti, potranno ricordare l’intervista che proprio il sottoscritto fece a Mohammed Fadl (la trovate QUI, se volete recuperarla) che, nei suoi uffici parigini, ci parlò dei progetti ambiziosi e a lungo termine che Wargaming.net aveva in serbo per la sua splendida creatura. Ma ora, senza dilungarmi oltre, vi spiegherò perché World of Tanks, che viene dall'ottima versione pubblicata su Xbox One, sia a tutti gli effetti un buon titolo anche su PS4 e del perché molti di voi che oggi sentono parlare per la prima volta di Wagaming.net dovrebbero farci un pensiero. Che tanto il primo giro è gratis, non vi preoccupate.


Niente pollici, ora si usa il cervello
Partiamo da lontano che una rinfrescata fa bene a tutti, magari anche a quelli che non hanno mai messo mano a World of Tanks in vita loro. World of Tanks è un competitivo solamente online in cui due squadre si sfidano in diverse modalità a bordo di cingolati di diverse epoche, e gli obiettivi possono variare, andando dal distruggere per intero la squadra avversaria fino al conquistare la base nemica. Dimenticate la frenesia degli fps a cui siete abituati di solito: seppur le partite non durino molto, in WoT la tattica e la pazienza sono gli ingredienti fondamentali per portare a casa la vittoria. Quello che vi troverete tra le mani, difatti, sarà un prodotto ibrido, che si distacca di molto dall'orizzonte del panorama videoludico odierno, e mixa diversi generi in un titolo abbastanza unico. Il giocatore e la sua squadra sono al centro del combattimento, sarà dunque di vitale importanza dividersi per compiti e ruoli, un po’ come succede in altri giochi di natura diversa. Nato come shooter dalla forte inclinazione MMO, WoT è un tps tattico, lento ed intelligente tanto nelle sezioni di shooting quanto in quelle di manovra dell’intera squadra. Del resto, nel competitivo online, le partite si portano a casa solamente con un serrato teamwork. Dal lavoro di scout, fino a quello di artigliere nella retroguardia che serve a bloccare le eventuali avanzate nemiche, tutti avranno un compito ben preciso e solo una buona coordinazione permetterà alla squadra di sottomettere l’altra. A seconda del proprio stile di gioco, i giocatori potranno scegliere centinaia di carri armati, suddivisi in cinque classi a seconda della loro struttura e della loro funzione sul campo di battaglia (leggeri, medi, pesanti, cacciacarri ed artiglierie semoventi). Ogni cingolato, a meno che non venga modificato, avrà una gittata medio-lunga, una velocità e un’armatura variabili a seconda del tipo di mezzo scelto. Vista la complessità del titolo e dei movimenti in campo, l’unica strategia che paga, almeno all'inizio, è quella di specializzarsi in un certo tipo di ruolo, facendo progredire il nostro mezzo verso un certo tipo di sviluppo tecnologico e di equipaggio che ci permetterà di assecondare meglio il nostro gioco. 

Mamma, mi hanno invaso la PlayStation
Figlia in tutto e per tutto della versione PC e gemella della sua controparte Xbox One, questa versione di World of Tanks per PS4 mostra tutta la maturità tecnica e creativa raggiunta da Wargaming.net. Nella versione di casa Sony, difatti, potremmo trovare le centinaia di carri armati rilasciati via via nel tempo e tutte le modifiche aggiunte al gameplay. Attraverso un albero tecnico diviso per nazionalità di costruzione, potremo scegliere tra tantissimi modelli di cingolati che spaziano da quelli prodotti negli anni ’30 fino a fine anni ’70. Dalla versione gemella della Xbox One questa versione PS4 eredita anche la fluidità e la semplicità dei comandi. Far migrare un videogioco pensato su mouse e tastiera ad un joypad lo sappiamo che non è mai facile, ma in questo caso gli sviluppatori bielorussi hanno saputo integrare al meglio l’uso dei due stick analogici, che comandano rispettivamente la torretta del cannone e la direzione di marcia del veicolo, e dei dorsali, con i quali è facile mirare, zoomare ed infine fare fuoco. Dunque nulla da dire su gameplay e comparto tecnico, con quest'ultimo che riesce ad attestarsi stabilmente sui 1080p e sui 60fps fissi, e non viene scalfito da cali marginali fino a 55fps in alcuni momenti, forse dovuti allo “stress” da lag. Quello che non convince, invece, è il comparto grafico, molto al di sotto della potenza dell’ammiraglia Sony. Seppur un lavoro di pulizia e rinvigorimento delle texture, rispetto alle vecchie versioni PC ed Xbox, sia stato fatto un po’ dappertutto, di certo World of Tanks non brilla per bellezza scenica, soprattutto di fronte agli effetti di esplosioni e fiamme che appartengono in tutto e per tutto alla generazione passata. Poco male se si pensa al quadro generale, aiutato sicuramente da una scientifica minuziosità nella ricreazione dei carri armati e nella più totale fedeltà in fatto di nomi, forme e volumi dei veicoli(seppur alcuni di quelli inseriti siano solo dei prototipi e mai dati alla produzione in serie). In pratica, appassionati di militaria siete avvertiti, qui c’è del pane per i vostri denti.
Concludendo l’analisi tecnica del titolo, non si può non parlare dei server di Wargaming.net, sempre puntuali e raggiungibili, fondati su una stabilità che ha reso celebre la casa di produzione bielorussa. Nelle svariate ore di test del titolo, i picchi di lag apparenti su cui sono inciampato li potrei contare adesso sulle dita di una mano. E probabilmente mi avanzerebbe pure qualche dito.  


Quando finisce il divertimento ed iniziano i soldi
Di certo i titoli free-to-play sono titoli ostici da valutare e, eventualmente, da consigliare ad un pubblico già mediamente informato che segue abitualmente il giornalismo settoriale videoludico. Il perché è presto detto: un titolo che permette l’avanzamento del giocatore solamente a fronte di un esborso monetario è difficile da analizzare in maniera oggettiva. Nel caso di World of Tanks questa affermazione è vera, ma solamente in parte. In un competitivo online free-to-play, infatti, ciò che potrebbe alterare gli equilibri e assottigliare la differenza di potenziale tra un giocatore esperto e un novizio sta tutto nel bilanciamento dei mezzi e degli equipaggiamenti che si possono ottenere pagando o meno con soldi veri. In World of Tanks questa tendenza è rimpicciolita dal grande lavoro che gli sviluppatori hanno portato avanti in tandem con la community e che il team di Wargaming.net ha implementato con gli aggiornamenti arrivati negli anni. Non nego che avere un account Premium dia diritto ad avere dei vantaggi non indifferenti, come ad esempio il conseguimento di doppia esperienza a fine combattimento che quindi permette di sviluppare il proprio cingolato al doppio della velocità, o per esempio l’accesso ad alcuni carri armati altrimenti bloccati per il resto degli utenti, chiamati proprio per l’occorrenza Mezzi Premium. Ma che questo non vada a sfiduciare troppo i nuovi giocatori o quelli che semplicemente non vogliono investire nel titolo bielorusso dei soldi reali: con molta pazienza e tanto grinding sarà possibile raggiungere gli stessi risultati e soprattutto, cosa assai più importante, competere alla pari con gli utenti Premium. Nonostante il divario di fondo tra utenti che possono permettersi di spendere soldi veri ed utenti che non possono permetterselo, World of Tanks è comunque un titolo gratuito che si lascia giocare da tutti, in modo completo, fin dal primo momento. Ciò che non ho del tutto apprezzato, ma sono sicuro aumenterà con il tempo, è la ricchezza limitata di mappe e modalità, al momento su PS4 ferme ad una manciata.

Recensione Videogioco WORLD OF TANKS scritta da DOCTOR.OZ Forte dell’esperienza maturata negli anni, World of Tanks approda su PS4 nella più splendida delle sue forme. Nonostante la natura free-to-play che permette - senza mai obbligare - di avvantaggiarsi all'interno del titolo con molte microtransizioni, World of Tanks si presenta come uno shooter tattico estremamente competitivo, in cui il lavoro di squadra deve essere coordinato al secondo e dove la più futile delle incertezze può compromettere un’intera partita. Vi avvertiamo, per la sua intrinseca difficoltà e la vitale necessità di fare del grinding, World of Tanks non è un gioco adatto a tutti, meno che mai ai giocatori occasionali che si aspettano partite veloci in cui far roteare i pollici e staccare il cervello. Nonostante ciò, la creatura di Wargaming.net è uno dei tps più completi in circolazione e saprà ripagare il vostro impegno con grandi soddisfazioni. Un giro ve lo consigliamo: il primo è sempre gratis.
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
    Commenti: 17 - Visualizza sul forum
  • Viola4ever_95
    Viola4ever_95
    Livello: 5
    Post: 1130
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da OldGenStyle

    Scusa il commento ma cresci un pochino dai, evolviti, le cose sono così, se vuoi giocare online a tutto (anche i giochi che paghi 70€) hai bisogno del plus su ps4 e del gold su x1/360... oramai lo sanno anche i sassi... non sta bene? Comprati un PC.
    Io non mi abituerò mai a questa politica adottata da Sony (e prima di lei da Microsoft) e riesco ad aggirarla semplicemente non giocando online. Questo WoT l'avevo provato a suo tempo su PC ma non mi era piaciuto, il motivo per cui ho commentato in questa rece era solo per informare eventuali giocatori sprovvisti di plus, anche se a quanto sembra stando al commento sottostante ci si può giocare anche senza abbonamento...
  • dodgydave
    dodgydave
    Livello: 3
    Post: 19
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da Viola4ever_95

    Beh, ma alla fine non lo è. Ho capito cosa intendi dire, cioè che non è giusto mettere tra i lati negativi del titolo che per giocarci bisogna fare l'abbonamento al plus, dopotutto non è colpa dei Wargaming se bisogna pagare per giocare online su PS4 (maledetta Sony)... quello che intendevo è che quantomeno andrebbe specificato all'interno della rece che bisogna comunque sganciare la grana per usufruire del titolo. Prendiamo l'ultima frase detta nell'articolo a mo' di campione: "Un giro ve lo consigliamo: il primo è sempre gratis". Ad esempio questa frase si poteva evitare di scriverla...
    Ma dove sta scritto che per giocare a WoT c'è bisogno del plus? Io gioco tranquillamente e non sono abbonato.
  • OldGenStyle
    OldGenStyle
    Livello: 2
    Post: 1429
    Mi piace 1 Non mi piace -1
    Originariamente scritto da Viola4ever_95

    Beh, ma alla fine non lo è. Ho capito cosa intendi dire, cioè che non è giusto mettere tra i lati negativi del titolo che per giocarci bisogna fare l'abbonamento al plus, dopotutto non è colpa dei Wargaming se bisogna pagare per giocare online su PS4 (maledetta Sony)... quello che intendevo è che quantomeno andrebbe specificato all'interno della rece che bisogna comunque sganciare la grana per usufruire del titolo. Prendiamo l'ultima frase detta nell'articolo a mo' di campione: "Un giro ve lo consigliamo: il primo è sempre gratis". Ad esempio questa frase si poteva evitare di scriverla...
    scusa il commento ma cresci un pochino dai, evolviti, le cose sono così, se vuoi giocare online a tutto (anche i giochi che paghi 70€) hai bisogno del plus su ps4 e del gold su x1/360....oramai lo sanno anche i sassi....non sta bene? Comprati un PC
  • The gianmy
    The gianmy
    Livello: 4
    Post: 441
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da Zippi

    ma infatti, se ci si approccia al gioco con l'idea che si vuole tutto e subito, allora ok... il panzer gigante per girare nelle mappe a sfasciare tutto, lo si deve pagare. Che poi pure questo è da vedere, a gratis con un carro medio se sai giocare ti diverti a penetrare parecchi pesanti che girano senza un minimo di tattica. Ma si può arrivare a un tier 7 giocando senza una lira... il gameplay è onesto, non avvantaggia quasi nulla chi paga... giusto per qualche rara munizione. Avvantaggia chi vuole collezionare, che è un'altra cosa. Non sono d'accordo col recensore sull'assoluta necessità di fare grinding, perchè per divertirsi basta un carro normale.
    se per panzer gigante intendi l'e100 o il maus quelli sono normalissimi tier 10, scusate ma non continuate con queste inesattezze e luoghi comuni, i carri più forti NON necessitano alcun pagamento.
  • Zippi
    Zippi
    Livello: 2
    Post: 69
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    ma infatti, se ci si approccia al gioco con l'idea che si vuole tutto e subito, allora ok... il panzer gigante per girare nelle mappe a sfasciare tutto, lo si deve pagare. Che poi pure questo è da vedere, a gratis con un carro medio se sai giocare ti diverti a penetrare parecchi pesanti che girano senza un minimo di tattica. Ma si può arrivare a un tier 7 giocando senza una lira... il gameplay è onesto, non avvantaggia quasi nulla chi paga... giusto per qualche rara munizione. Avvantaggia chi vuole collezionare, che è un'altra cosa. Non sono d'accordo col recensore sull'assoluta necessità di fare grinding, perchè per divertirsi basta un carro normale.
  • Viola4ever_95
    Viola4ever_95
    Livello: 5
    Post: 1130
    Mi piace 1 Non mi piace -1
    Originariamente scritto da mircoct

    Sarebbe ingiusto dire che non è un freetoplay a causa dell'abbonamento al psn, secondo me... alla fine il gioco è pur sempre gratis...
    Beh, ma alla fine non lo è. Ho capito cosa intendi dire, cioè che non è giusto mettere tra i lati negativi del titolo che per giocarci bisogna fare l'abbonamento al plus, dopotutto non è colpa dei Wargaming se bisogna pagare per giocare online su PS4 (maledetta Sony)... quello che intendevo è che quantomeno andrebbe specificato all'interno della rece che bisogna comunque sganciare la grana per usufruire del titolo. Prendiamo l'ultima frase detta nell'articolo a mo' di campione: "Un giro ve lo consigliamo: il primo è sempre gratis". Ad esempio questa frase si poteva evitare di scriverla...
  • mircoct
    mircoct
    Livello: 3
    Post: 66
    Mi piace 1 Non mi piace -1
    Originariamente scritto da Viola4ever_95

    Comunque vorrei sottolineare il fatto che alla fine questo titolo non è proprio gratis... cioè, per chi è già abbonato al plus lo è ma per chi è sprovvisto di abbonamento deve farselo, visto che il gioco è always online, e quindi deve pagare.
    sarebbe ingiusto dire che non e' un freetoplay a causa dell'abbonamento al psn,secondo me..alla fine il gioco e' pur sempre gratis..
  • Viola4ever_95
    Viola4ever_95
    Livello: 5
    Post: 1130
    Mi piace 1 Non mi piace -3
    Comunque vorrei sottolineare il fatto che alla fine questo titolo non è proprio gratis... cioè, per chi è già abbonato al plus lo è ma per chi è sprovvisto di abbonamento deve farselo, visto che il gioco è always online, e quindi deve pagare.
  • The gianmy
    The gianmy
    Livello: 4
    Post: 441
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da Sieghart18

    motivo per cui l'ho abbandonato, i primi tier li fai anche agevolmente ma quelli successivi o paghi o ti ci metti anima e corpo, ricordo di munizioni speciali che costano un occhio ed un premium le monta praticamente sempre mentre chi non paga può permettersele una partita su 3 se va bene, mi dispiace contraddire il post di zippi ma questo gioco è pay to win, proprio perchè non tutto è alla portata di chi non paga
    Ribadisco il concetto, con il premium sicuramente ci metti meno per arrivare a sbloccare e comprare un tier X ma non pensiate certo che non si debba grindare, nè tanto meno che non li si possa sbloccare anche senza premium, assolutamente, semplicemente, come scritto anche in rece, bisogna dedicarci del tempo, se si vuole avere tutto e subito come un tier X dopo 20 ore di gioco allora lasciate perdere, non è un gioco che si presta a questo tipo di mentalità, la stessa curva di apprendimento per padroneggiare al meglio le meccaniche e poter fare la differenza in battaglia è lunga e complessa. Riguardo le munizioni gold nessun account premium con un minimo di cervello gira in full gold, se uno paga mensilmente lo fa per avere soprattutto il bonus crediti, così da poter comprare quanto prima i carri di tier alto, e l'ultima cosa che vuole è scialacquare tutto in munizioni; mediamente le gold occupano il 10% del caricatore e si usano con estrema parsimonia solo se si è costretti ad affrontare faccia a faccia alcuni carri che vuoi per il tier, vuoi per la loro conformazione, risultano molto difficli da penetrare frontalmente.
  • The gianmy
    The gianmy
    Livello: 4
    Post: 441
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da ilpazzo78ps

    ci sto giocando e devo dire che se vuoi competere con gli altri giocatori devi spendere soldi , perchè giocare contro gente che fa il premium è praticamente impossibile visto che i più giocano con carri premium di livello 7 contro altri che non hanno pagato di livello 3. Ho giocato contro carri che solo per aquistarne 1 ( CARRO IS-6 ) non tutti servono 50 euro....... secondo me era meglio se avessero fatto pagare il gioco una cifra onesta e aver messo tutti i giocatori a pari livello.
    Non sono assolutamente uno dei giocatori con più esperienza di WoT, ma con le mie 6K partite a mio tempo su pc rientravo più o meno in una fascia media, parto dal fatto che sulle versioni console ho fatto si e no 2 partite perchè trovo il comando con l'analogico altamente impreciso e poco responsivo rispetto alla tastiera, ma suppongo che le meccaniche generali siano assolutamente le stesse della versione pc quindi vorrei risponderti. giocare contro i giocatori con account premium è tutt'altro che impossibile, lo status premium assicura al giocatore solo un maggiore guadagno di exp e crediti del 50% che non incide certo sul gioco degli altri, l'unica cosa forse che potrebbe influire è la possibilità di sparare qualche munizione gold in più visto il maggiore guadagno in crediti, ma, da ex premium account, ti assicuro che chi spende la quota mensile per tale bonus non butta certo tutto alle ortiche per sparare gold a profusione. Riguardo i carri premium se hai trovato partite dove c'erano is-6 (tier 8 non 7) contro tier 3 la colpa è solo di questi ultimi che sicuramente erano in plotone con amici che avevano carri di tier superiore, il matchmaking dei carri premium è uguale o quasi a quello degli altri carri, per tutti vale la regola di poter affrontare al massimo carri di 2 tier inferiori e di 2 tier superiori tranne alcuni per i quali vige un matchmaking speciale che gli consente di trovare carri con un livello tier superiore di massimo un livello; i carri con questo matchmaking agevolato però sono solitamente dotati di limiti non indifferenti che li renderebbero quasi inutilizzabili in un matchmaking normale. Tutti i carri premium invece vengono comprati non certo per la loro potenza e capacità di vittoria (praticamente tutti loro hanno controparti non premium decisamente più forti e performanti) ma per i bonus ricompensa sull'esperienza, sia del carro che delle crew, e dei crediti guadagnati. Checchè se ne possa pensare il sistema di monetizzazione della wargaming è tutto fuorchè pay2win, al massimo è pay2grind a little less.
  • AtomAnt
    AtomAnt
    Livello: 5
    Post: 975
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Un applauso per il sottotitolo della recensione, perfetto!
  • Hawkins 34
    Hawkins 34
    Livello: 1
    Post: 154
    Mi piace 0 Non mi piace -1
    Gioco per shopponi
  • Zippi
    Zippi
    Livello: 2
    Post: 69
    Mi piace 2 Non mi piace 0
    Sieg, se devo arrivare a tier 10 ti do ragione, ma arrivare al tiger ad esempio, con un po' di pazienza ci si arriva... bisogna grindare, ma ogni partita è a se e giocare per grindare non pesa. Io anche se sono arrivato al Panzer IV spesso mi diverto di più con un leggero come il P38t, e anzi a volte faccio pure più danni. Le munizioni normali penetrano bene, ovvio che se incontro un carro pesante col mio non posso pensare di bucarlo con un paio di colpi, ma mi sembra normale. E' molto meno penalizzante di altri ptw. Io win senza pay molto spesso :-) Ok pazzo, ti cerco.
  • Sieghart18
    Sieghart18
    Livello: 5
    Post: 321
    Mi piace 1 Non mi piace -1
    Originariamente scritto da ilpazzo78ps

    ci sto giocando e devo dire che se vuoi competere con gli altri giocatori devi spendere soldi , perchè giocare contro gente che fa il premium è praticamente impossibile visto che i più giocano con carri premium di livello 7 contro altri che non hanno pagato di livello 3. Ho giocato contro carri che solo per aquistarne 1 ( CARRO IS-6 ) non tutti servono 50 euro....... secondo me era meglio se avessero fatto pagare il gioco una cifra onesta e aver messo tutti i giocatori a pari livello.
    motivo per cui l'ho abbandonato, i primi tier li fai anche agevolmente ma quelli successivi o paghi o ti ci metti anima e corpo, ricordo di munizioni speciali che costano un occhio ed un premium le monta praticamente sempre mentre chi non paga può permettersele una partita su 3 se va bene, mi dispiace contraddire il post di zippi ma questo gioco è pay to win, proprio perchè non tutto è alla portata di chi non paga
  • ilpazzo78ps
    ilpazzo78ps
    Livello: 5
    Post: 192
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da Zippi

    non sono d'accordo. Non ho speso una lira e sono riuscito ad arrivare in una settimana al panzer IV tedesco, e risco a demolire anche carri superiori al mio. Le partite sono molto tattiche. Il matchmaking compone le due squadre in maniera equilibrata. Certo, se lo si gioca come un destiny, si muore alla velocità di un gatto in tangenziale.
    io sto cercando giocaori italiani per giocare assieme se ti va mandami l amicizia . cerca ILPAZZO78 ciao vale anche per altri
caricamento in corso...

 
 
SCREENSHOTS
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.