Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
Volante Logitech G29

Volante Logitech G29

L'erede del G27

Speciale
A cura di Lorenzo “LoreSka” Mosna del 05/06/2015
Già, al momento è un rumor. Ma di quelli che sembrano celare un segreto nascosto molto male. Era praticamente scontato che, in una nuova generazione di console dominata dai volanti a marchio Thrustmaster, Logitech non sarebbe stata a guardare. L’azienda svizzera, infatti, ha prodotto il volante più amato di tutti i tempi, il modello G27 compatibile con PC e PS3. Un volante che, a fronte di un costo elevato ma in linea con gli altri modelli della stessa tipologia, offriva una configurazione full optional, con cambio manuale e pedaliera con acceleratore, freno e frizione. Caratteristiche che quasi tutti gli altri modelli prodotti dalla concorrenza offrivano a un costo extra, spesso elevato.
Così, da quando le nuove console sono apparse sul mercato e - soprattutto - con il rinnovato interesse nel mondo della simulazione automobilistica innescato dall’arrivo di Project CARS, un crescente numero di persone si è rivolta a noi quasi ogni settimana con la seguente domanda: quando arriverà la compatibilità tra G27 e Playstation 4?
Finalmente, dopo più di un anno di attesa e una serie di promesse mai fatte ma ritenute verosimili da parte dell’utenza, abbiamo una risposta: mai. Perché Logitech, a quanto pare, arriverà nel mondo della nuova generazione con dei modelli dedicati, senza toccare i suoi precedenti volanti.

Questione di chip
Con l’avvento della nuova generazione, Sony e Microsoft hanno introdotto un sistema di protezione delle proprie console dall’hardware di terze parti. Questa caratteristica, passata inosservata e sommersa dalle polemiche pre-lancio legate alla presenza di strani e invasivi DRM (che, ricordiamo, fecero compiere una clamorosa marcia indietro a Microsoft) è stata introdotta per evitare la proliferazione di hardware realizzati senza il benestare delle case produttrici. E, in particolare, per garantire a Sony e Microsoft accordi milionari con i produttori di periferiche. Così, al lancio della nuova generazione, Thrustmaster riuscì a incassare l’esclusiva per i propri prodotti e ad ottenere la licenza per inserire gli indispensabili chip di controllo nel proprio hardware per almeno un anno e mezzo, ottenendo una sorta di monopolio.
Il problema è che, al momento, non vi sono piani per inserire i chip di controllo nei volanti preesistenti, né nelle altre periferiche uscite prima del lancio di PS4 e Xbox One. E, anche se i produttori decidessero di modificare il vecchio hardware, chi ha acquistato una periferica in passato si ritroverebbe fra le mani un modello incompatibile. Ciononostante, Logitech e gli altri produttori di periferiche hanno sempre mantenuto un basso profilo sulla questione, rispondendo alle numerose richieste di assistenza da parte dei clienti con dei messaggi che negavano la compatibilità dell’hardware, ma aprivano tacitamente a un futuro fatto di speranze. “Al momento il tuo volante non è compatibile, e non lo sarà a meno di un aggiornamento firmware”. Questa risposta la troviamo ripetuta decine di volte nei forum del supporto di Logitech, messaggi che hanno spinto numerosi giocatori a ritenere la questione della compatibilità un problema legato al firmware della propria periferica. L’“aggiornamento firmware” a cui i produttori si riferiscono, con ogni probabilità, è in realtà un aggiornamento da parte dei produttori di console mirato ad isolare il chip di controllo per alcuni modelli autorizzati. La possibilità che ciò venga effettuato in futuro esiste, ma il tasso di probabilità che realmente possa avvenire è molto basso: considerando il giro d’affari attorno alle periferiche di terze parti e gli accordi tra Sony, Microsoft e tutti i produttori di hardware, crediamo che ciò non avverrà mai. Quale azienda accetterebbe di rinunciare alla vendita di una intera nuova linea di prodotti rendendo compatibili le vecchie - e ancora validissime - periferiche? Questo è il capitalismo, baby.
Logitech G29
Così, a circa due settimane dall’apertura dei battenti dell E3 2015, sul web sono stati pubblicati i primi leak realtivi al nuovo volante di Logitech. Chiamato G29, seguirà le orme del G27 inserendosi come volante con force feedback compatibile con le console Sony. Le informazioni, pubblicate da Gamereactor, parlano di un volante compatibile con PS3 e PS4 ma incompatibile con PC, e venduto a un prezzo di 189 euro.
La veridicità della notizia, apparentemente confermata da alcune fotografie decisamente verosimili e rafforzata da un galeotto silenzio da parte di Logitech, lascia però aperta qualche domanda. In primo luogo, per quale ragione è stato rimosso il supporto PC, presente e ipersfruttato sul volante G27? I controller PS4, al momento, non sono compatibili per vie ufficiali con i computer, ed è possibile che Sony abbia messo il veto sull’esistenza di prodotti multipiattaforma PS4/PC. Al contempo, però, non sono occorse che poche settimane agli hacker per creare un driver che rendesse compatibile il DualShock 4 con un PC, e crediamo che accadrà lo stesso con il volante Logitech G29. Attenzione, però: compatibilità non significa supporto: è assai probabile che, anche se il volante funzionerà su PC grazie a qualche custom driver, esso non avrà configurazioni di serie per i giochi disponibili sul mercato. Anche in quel caso, dunque, dovremo affidarci alle community di modder.
In secondo luogo: quali sono gli accessori inclusi? La presenza della pedaliera è praticamente garantita, ma quanti pedali avrà? Considerando il prezzo di 189 euro, sarebbe stata in linea con la concorrenza la presenza di una pedaliera con i soli freno e acceleratore, ma grazie a una foto inavvertitamente pubblicata da uno studio di sviluppo, possiamo confermare che il G29 includerà la pedaliera con acceleratore, freno e frizione. Praticamente certa, invece, l’assenza del cambio manuale che sarà venduto separatamente. Non è chiaro se il cambio manuale del G27 sarà compatibile con il nuovo volante, ma di certo sappiamo che ne verrà lanciato uno nuovo di cui, al momento, ignoriamo il prezzo.
Sembra confermata, infine, la presenza di un indicatore shift light LED in prossimità della parte alta del volante, oltre a un layout di pulsanti completamente diverso da quanto visto su G27, con l’aggiunta dei pulsanti Share e Options e la presenza di tutti i pulsanti presenti su di un DualShock 4.
Ne varrà la pena?
Siamo curiosi di scoprire se i leak emersi nel corso degli ultimi giorni saranno tutti confermati. Con ogni probabilità, la conferma arriverà durante l’E3 dove conosceremo i dettagli su questo volante la cui esistenza, come detto, sembra essere ampiamente confermata. Il prezzo di 189 euro collocherebbe il volante in una fascia ampiamente competitiva, considerando che - attualmente - il monopolio di Thrustmaster ha permesso di praticare prezzi superiori ai 300 euro per volanti con caratteristiche simili. Di certo, l’arrivo di Logitech sul mercato delle console next gen dovrebbe introdurre l’elemento concorrenziale e spingere a un repentino abbassamento dei prezzi. Se siete intenzionati ad acquistare un volante di fascia alta per la vostra console di nuova generazione, dunque, il consiglio è di attendere qualche mese: le vostre tasche potrebbero ringraziarvi.
0 COMMENTI