Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
Driveclub

Driveclub

A tu per tu con il racing game next-gen

Anteprima

PS4

Simulazione guida

Sony

8 ottobre 2014 - 13 ottobre 2016 (VR)

A cura di Andrea “jewel” Rubino del 14/06/2013
Los Angeles -  Il titolo automobilistico che sarà disponibile al lancio della prossima console Sony si chiama Driveclub ed è stato presentato al grande pubblico per la prima volta nella conferenza dello scorso 21 febbraio che annunciava l'avvento di Playstation 4. Nel corso della fiera losangelina siamo riusciti a mettere le mani sulla prima build giocabile tirata su dai ragazzi di Evolution Studios e scambiare due chiacchiere con alcuni di loro. Vediamo quindi di scoprire insieme quali sono le premesse per questo racing-game di prossima generazione. 

Partitina social
Il nostro hands-on al booth di Evolution Studios si è svolto a bordo di una McLaren e ci ha visti impegnati in tre giri su un tracciato situato in una zona collinosa e rurale non meglio identificata. La modalità che abbiamo sperimentato ha mostrato subito le peculiarità social di Driveclub, mettendoci nella posizione di sfidare i record di tutti gli svariati colleghi che stavano provando il titolo attorno a noi fino a quel momento. In sostanza il compito del giocatore in questo frangente è quello di fare meglio dei propri sfidanti in determinati punti della pista, dove comunque si trova fisicamente solo la vettura del primo giocatore. In questi punti si avviano quindi delle brevi sfide di drifting o speed test che misurano la performance dell'utente su una sezione di tracciato. Se si riesce a battere il migliore sfidante in questa sezione si passa in testa e da quel momento, allo stesso modo, i nostri amici o chiunque sia collegato alla nostra console dovrà vedersela con il nostro record. 
Questa modalità si è rivelata sufficientemente divertente, soprattutto perché all'inizio di ogni sfida sullo stesso tracciato è possibile vedere il faccione di chi si sta sfidando e rosicare ancora di più quando lo si vede sorridere alla fine della sezione. 
Prev-gen?
Sebbene sufficientemente divertente, Driveclub non ci ha stupiti più di tanto dal punto di vista tecnico. I muscoli dell'hardware targato Sony erano visibili a occhio nudo solo sui dettagli dell'autovettura e dei suoi interni, ma il panorama e i vari elementi che lo popolavano non regalavano all'occhio nulla di nuovo, nulla che sapesse di next-gen. Certo, è bene sottolineare che la demo portata all'e3 è il riflesso di un gioco che è ancora completo solo al 35%, ma spaventa un po' sapere di essere ancora a questo livello a così poco tempo dal rilascio della console e quindi del gioco.
Il feeling di guida sembra sia invece piuttosto convincente anche se, almeno all'inizio, padroneggiare la vettura senza sbandare si è rivelato piuttosto problematico. In attesa di riprovare il gioco in maniera più approfondita, vi lasciamo alla breve intervista che abbiamo avuto l'occasione di svolgere in compagnia del design director Paul Rustchynsky e di Col Rodgers, game director di Evolution Studios
Spaziogames: Gli sviluppatori impegnati su Playstation 4 non hanno ancora parlato più di tanto delle sue potenzialità. E' stato facile lavorare sulla nuova console Sony o avete avuto difficoltà di qualche tipo?
Paul Rustchynsky: Nessuna difficoltà, l'hardware di Playstation 4 è l'unico in grado di soddisfare le ambizioni di un gioco come Driveclub e la nuova architettura della console ha facilitato molto l'intero processo di sviluppo. Perfino il pad è perfetto: estremamente ergonomico e ricco di feature interessanti. 
Col Rodgers: Sì, basti pensare al tasto Share presente sul controller, grazie al quale i giocatori possono condividere istantaneamente foto, video e mandare in streaming la propria partita. In un gioco come Driveclub le possibilità social sono molto importanti, vogliamo che i giocatori siano in grado di vivere la propria esperienza su strada sia da soli che insieme ai propri amici.
SG: Altri titoli automobilistici, come ad esempio Need for Speed: Rivals, stanno puntando molto sul multiplayer e in particolare sulla possibilità di giocare istantaneamente una partita insieme. In termini di modalità, che cosa possiamo aspettarci dal comparto multigiocatore di Driveclub?
Paul Rustchynsky: Purtroppo per ora non possiamo scendere nei dettagli e rivelare esattamente quali saranno i tipi di multiplayer a presenziare, ma posso dirti che ci saranno modalità di sfida e soddisferanno sicuramente le esigenze dei fan del genere.
Col Rodgers: Vogliamo anche che i giocatori abbiano la possibilità di creare un'esperienza personalizzata quando giocano a Driveclub, sia in single-player che in multiplayer. Per questo metteremo a disposizione appositi tool necessari affinché questo accada e continueremo a supportare il gioco online per un lungo periodo di tempo dopo il rilascio aggiungendo nuovi tracciati, nuove vetture e tanto altro. 
SG: Quindi possiamo aspettarci un bel numero di DLC spalmati nel corso dell'anno dopo il rilascio del gioco?
Col Rodgers: Sì, metteremo a disposizione alcuni contenuti aggiuntivi per Driveclub così da continuare a soddisfare i bisogni della community e non abbandonare lì il gioco una volta che questo viene messo sugli scaffali dei negozi. 
SG: Potete rivelare quante autovetture saranno disponibili su Driveclub al momento del rilascio? 
Col Rodgers e Rustschynsky: Anche questo è un dato che non possiamo ancora discutere. Tra quelle disponibili ci saranno vetture di tutti i più grandi produttori di automobili, tra cui Audi, BMW e via discorrendo. Entreremo in questi dettagli soltanto più avanti, quando saremo più vicini al rilascio del gioco.
  • [+] Gioco social molto stuzzicante
    [+] Molte modalità e automobili differenti

Driveclub è uno di quei giochi che ancora non siamo riusciti a inquadrare perfettamente. Se da un lato abbiamo modalità di gioco e intenzioni che appaiono divertenti e stuzzicanti, dall'altra c'è una realizzazione tecnica che per essere "di prossima generazione" lascia piuttosto a desiderare. Speriamo di ottenere chiarimenti nei prossimi mesi quando avremo l'occasione di mettere nuovamente le nostre manacce sul prodotto di Evolution Studios.

0 COMMENTI