Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
Uncharted 2 : Il covo dei ladri

Uncharted 2 : Il covo dei ladri

Il ritorno di Nathan Drake

Anteprima
A cura di del
Il momento che tanti appassionati stavano aspettando da un paio di anni è finalmente giunto, Uncharted 2 sta per essere pubblicato sul mercato. Negli ultimi mesi gli sviluppatori hanno snocciolato pian piano alcune delle feature che saranno presenti nel gioco finale, fra i quali il contestato comparto online multiplayer. Nonostante l’hype per questa futura killer application non smetta di calare da mesi a questi a parte, il ritorno di Drake si avvicina, e con esso tutte le domande su come sia stato migliorato un titolo che già di per sé non presentava evidenti difetti. Il lavoro svolto da Naughty Dog è stato impeccabile e, salvo clamorosi bug, siamo dinnanzi ad un titolo che sfiora la perfezione in ogni suo aspetto. Se siete curiosi di sapere il perché, non perdetevi questa anteprima sull’atteso ritorno di Nathan Drake.

Sulla via di Marco Polo
Non esisterebbe un Uncharted senza un tesoro o un mistero da svelare. Accantonata la leggenda di Sir Francis Drake, Nate, stavolta, partirà per una lunga avventura alla ricerca del carico prezioso trasportato dalla flotta di navi di Marco Polo. Quella che inizialmente sembra una caccia al tesoro come tante, ben presto si trasformerà in una trama che vi porterà alla ricerca di Shangri-La, la mitica città che si dice fosse situata dentro l’ Himalaya. Senza svelare troppo della storia, è facile immaginare il fascino e la suggestione emotiva che questi luoghi leggendari possono far sorgere e le conseguenti emozioni in grado di suscitare nel giocatore. Tralasciando il superbo lato estetico (di cui parleremo più avanti), soffermiamoci sul gameplay, vero e proprio fulcro di qualsiasi gioco. Dopo l’incredibile, e meritato, successo ottenuto col primo capitolo, sembrava difficile riuscire a raffinare e migliorare un gameplay semplice, ma solido e ben ideato. Nonostante questo ostacolo apparentemente insormontabile, gli sviluppatori Naughty Dog, sono riusciti a rifinire, snellire ed inserire nuove ed interessanti possibilità di gioco. La miscela di combattimento-esplorazione-enigmi, torna anche in questo seguito, stavolta ancora meglio strutturata, tanto da non percepire più le tre entità come pezzi distaccati fra loro, ma come una meravigliosa fusione. Le azioni eseguibili da Nate saranno in gran parte le stesse del predecessore, ma sono state introdotte ottime aggiunte, fra le quali spiccano tutte le meccaniche stealth che sono state implementate. Capiterà spesso, infatti, di trovarsi in minoranza rispetto al numero di nemici che avrete davanti. In questo caso, oltre i possibile scontri a fuoco, sarà possibile cercare di avvicinare silenziosamente i nemici ed avere la meglio senza sprecare munizioni ed energie preziose. La flessibilità e la velocità delle combo corpo a corpo è stata aumentata,rendendo i tre approcci ai combattimenti davvero equivalenti rispetto all’avventura precedente. Ora sarà possibile sparare in tutte le direzioni mentre si è appesi, oppure tirare giù un nemico mentre ci si sta arrampicando, o ancora sfruttare le coperture per sgattaiolare indisturbati. I nemici avranno una visione periferica che reagirà a tutto ciò che avvertono attorno ad essi, costringendovi ad essere cauti e attenti; alcuni, inoltre, saranno equipaggiati con scudi anti-sommossa che li proteggeranno integralmente, e starà a voi scoprire ed attuare la giusta tecnica per fronteggiarli. Il level design vanta scenari multilivello, con possibilità di attacco multiple, rendendo le arrampicate oltre che piacevoli anche funzionali all’economia degli scontri. Gli enigmi saranno più complessi che in passato, costringendovi, spesso, ad osservare per più pagine ed a più riprese il diario di Nate, in cui saranno annotati gli indizi. In pratica ogni aspetto del gameplay di Uncharted 2 è stato passato al vaglio e messo in osservazione, e sono state apportate modifiche in ogni sua parte, rendendo il prodotto virtualmente esente da difetti.

Tecnicamente Superbo
Impossibile non restare impressionati dallo splendore dei suggestivi scenari di gioco. Sia che vi troviate in una giungla, sia fra i resti diroccati di una città abbandonata, che sulle nevi dell’ Himalaya, i vostri occhi resteranno abbacinati da tanta bellezza. Oltre una modellazione poligonale magistrale ed un comparto texture fra i più definiti in assoluto (texture multiple, bump mapping, normal mapping e tecnologie assortite), ciò che lascia davvero senza fiato sono i dettagli. Ogni angolo degli ambienti di gioco è intriso di particolari, foglie, ramoscelli, sassi, rovine, etc. La cura riposta dai designer è assoluta, nulla è lasciato al caso e difficilmente troverete zone spoglie o sottotono. Gli effetti di luce, i riflessi, i riverberi e le trasparenze sono all’ordine del giorno, incrementando notevolmente l’aspetto visivo. Gli screen rilasciati non rendono affatto giustizia alla bellezza di tanta qualità e cura messa assieme. Le fasi di esplorazione saranno più fluide grazie ad una qualità delle animazioni davvero ottima ed armoniosa. Menzione d’onore spetta agli innumerevoli filmati in game, davvero stupefacenti per il taglio cinematografico impresso alla regia, e la qualità generale. Le musiche saranno epiche ed incalzanti, e gli effetti sonori si riconfermano ad hoc per questo tipo di gioco, fra sparatorie, fruscii, ruscelli, cascate, vento ed esplosioni, il range è vario ed ottimamente realizzato.
Sembrerebbe quasi ridondante sottolineare l’immensa qualità che nasconde Uncharted 2, tuttavia non farlo sminuirebbe il magistrale lavoro svolto da programmatori, grafici, designer, sceneggiatori e tecnici vari.

Online
Novità di quest’anno, recentemente andata in beta, è il comparto online vero e proprio fautore delle (poche) critiche iniziali. Chiunque creda che il multiplayer sia stato inserito per un semplice fattore commerciale deve ricredersi, perché il lavoro svolto in questo senso, è assolutamente dignitoso ed accurato. Da quanto mostrato e provato in questi giorni, le modalità presenti saranno molte sebbene non originali nel contesto degli shooting. In cooperativa sarà possibile affrontare alcuni scenari di gioco in cui la collaborazione sarà d’obbligo per proseguire. In queste fasi, infatti, i nemici vi circonderanno facilmente e vi troverete spesso spaesati senza la giusta copertura. Inutile sottolineare quanto sia divertente partecipare con 3 amici a questa modalità in cui ognuno deve guardare le spalle all’altro, cercando appigli, posizioni sicure, coperture ed armi, per portare a termine l’obiettivo comune. La controparte competitiva vede il classico death match 5 versus 5, un cattura la bandiera opportunamente ridisegnato e modalità di controllo della zona. Nulla di particolarmente originale, ma talmente ben inserito nelle meccaniche tipiche di Uncharted, da risultare incredibilmente appagante.
  • [+] Level design superbo
    [+] Online divertente e appassionante
    [+] Suggestivo, affascinante, visivamente eccellente
    [+] Meccaniche stealth ben inserite

La nuova avventura di Nathan Drake e soci e oramai alle porte. Da quanto visto in fase di preview il titolo Naughty Dog sembra essere migliorato sotto tutti gli aspetti, aumentando le possibilità di gioco, migliorando il level design ed inserendo anche un notevolissimo comparto multiplayer online. Uncharted 2 si presenta in forma splendida in ogni sua parte : graficamente non teme rivale sul mercato, il gameplay è stato ulteriormente rifinito e strutturato, le nuove meccaniche stealth si integrano alla perfezione con le opzioni tipiche della serie. In definitiva un capolavoro (quasi) annunciato ed una killer application come non se ne vedevano da anni. Restate con Spaziogames per la succosa recensione.

0 COMMENTI