Anteprima di Killzone 2

Copertina Videogioco Killzone 2
  • Piattaforme:

     PS3
  • Genere:

     Sparatutto
  • Sviluppatore:

     Guerrilla
  • Distributore:

     Sony
  • Data uscita:

     Disponibile
A cura di (T-002) del
Dove eravamo rimasti
Ancora cieli scuri sulle teste dei soldati ISA, che a bordo di piccoli mezzi da sbarco volanti del tutto simili a quelli presentati nel primo video di Killzone 2, sfrecciano fra le nuvole grigie, in picchiata verso il campo di battaglia. Il fragore di un fulmine, un’esplosione ed ecco che una delle navette viene colpita e precipita fra le urla dei soldati. L’atterraggio avviene in un piccolo piazzale circondato da palazzi dalle fattezze futuristiche ed allo stesso tempo inquietanti. Molto probabilmente si tratta della capitale del pianeta Helgan, patria dei feroci Helgast. La truppa di soldati ISA infatti, fra cui Rico (uno dei protagonisti del primo Killzone) ed il nostro alter ego Seph, sembrerebbe essere stata inviata sul posto per catturare il leader delle armate nemiche.
Nelle immagini successive ci ritroviamo direttamente sul campo di battaglia, proprio come se fossimo entrati in gioco. Da subito è chiaro che rispetto al filmato precedente, in computer grafica, ci troviamo di fronte ad immagini effettive di gioco. Il gameplay sembra più “vero”, così come l’effetto grafico dell’ambientazione. Dei flash spezzano il video e ci mostrano cosa succede. In uno ci facciamo strada fra i rottami in fiamme in una stradina della città. In un altro improvvisamente un soldato ISA è in fiamme. Ancora un flash e ci ritroviamo nel vivo dell’azione: proiettili che fischiano ovunque, compagni che si riparano e rispondono all’attacco. Sotto il fuoco degli Helghast le mura si frantumano in mille pezzi. Stavolta i nemici non sembrano attaccare alla cieca gettandosi insulsamente contro gli avversari per farsi massacrare in serie, ma sono più furbi e restano nascosti sparando anche senza esporsi, portando l’arma sopra le loro teste e tirando a caso, oltre la copertura che li protegge (uno dei vari spunti di gameplay che Guerrilla ha deciso di riproporre riprendendoli direttamente da Killzone: Liberation) .
Continui fulmini, generati dalle batterie aeree degli Helgast denominate ArcCannon (capaci di convogliare la potenza dei fulmini per abbattere le forze terrestri) colpiscono le strutture della buia città, provocando esplosione devastanti.
L’atmosfera è decisamente dark, cupa, oscura; il centro urbano è completamente al buio, avvolto da nuvole nere e dal fumo delle esplosioni. Un vero incubo per un soldato che rischia la vita ogni secondo. Poi inizia il massacro: il video parte con una serie di scene di uccisioni di Helgast da parte del player principale. Incredibilmente realistici i movimenti dei corpi sotto le centinaia di colpi vomitati dal fucile d’assalto ISA, così come i litri di sangue che fuoriescono dal nemico. Il video si chiude però con il colpo letale, inferto con il calcio del fucile, da parte di un Helgast contro il nostro protagonista.

Tecniche di battaglia
Ma passiamo al gameplay vero e proprio. Non avendo avuto la possibilità di provare una demo, anche in questo caso ci rifacciamo ad un serie di video rilasciati durante le principali fiere videoludiche del 2007: dall’ E3, al TGS fino alla convention di Lipsia.
Nel video che abbiamo scelto a modello ci ritroviamo stretti in un vicolo oscuro e tenebroso (coerentemente con il video precedente). Il player imbraccia un fucile d’assalto Helgast (stavolta è presente un contatore in basso a destra relativo alle munizione rimaste), e da subito ci viene mostrata l’ottima interattività con l’ambientazione circostanze. L’esempio lampante è dato da un pneumatico appoggiato ad un muro, che colpito diverse volte non solo risponde in maniera davvero convincente alle sollecitazioni del giocatore, ma addirittura prende a rotolare da solo esibendo una fisica sufficientemente efficace. Per quanto poco illuminata l’ambientazione, che come detto risulta essere una serie di stretti vicoli cittadini, vanta una resa grafica che pare essere abbastanza realistica: molto varia, caotica e ricca di particolari; il tutto reso e gestito da un motore grafico 3d da urlo.
Allo scoppiare della battaglia ecco però che Killzone 2 ci mostra subito le sue strabilianti doti di illuminazione dinamica, riguardo le varie esplosioni ma in particolare le ombre degli Helgast. Dopo un certo numero di colpi subiti gli avversari si accasciano al suolo in una pozza di sangue proprio come se fossero veri (emerge un avanzato utilizzo del motion capture), ed anche da morti risultano avere una fisica eccellente se colpiti di nuovo (ricordiamo però che il manuale di battaglia ISA vieta di infierire sul nemico ormai abbattuto). Procedendo da un vicolo all’altro intanto ci si accorge di come sia coinvolgente l’ambientazione, con scuri palazzi che protendono minacciosi sulla strada, sopravanzati da un cielo nero bucato da fulmini continui. Impossibile non fermarsi ad osservare per qualche secondo i panni stesi al vento, ma attenzione perché sovente vi usciranno soldati Helgast appostati in attesa del nemico.

Differentemente dal primo capitolo fra l’altro si ha la sensazione che l’avanzare del giocatore non sia condizionato da un percorso fisso, bensì che sia possibile prendere più strade per raggiungere l’obiettivo finale. A giudicare dalle immagini poi, ma anche dalle parole dei programmatori, saranno presenti dei miniboss (in questo caso un Helghast dotato di un fucile d’assalto pesante, anche questo ripreso direttamente da “Killzone: Liberation” per psp) in modo da spezzare il ritmo di gioco. Come da tradizione poi encomiabile è la varietà e l’estetica delle armi, che vanno dai mitragliatori d’assalto (di entrambe le parti), ai fucili ecc. fino ad arrivare ai ben più distruttivi lanciamissili e granate a mano. Da notare infine che non sembrano evidenziarsi rallentamenti grevi anche durante le fasi di battaglia più concitate, nonostante ci siano effetti particellari e di illuminazione molto complessi da gestire fra esplosioni, polvere, fumo e fulmini vari.

Qualcosa da migliorare
Certo ci sarebbe da chiedersi se Sony/Guerrilla non si siano tagliate le gambe da sole mostrando il video in CGI del 2005 e volendolo far passare per una vera cutscene di gioco. Per quanto molto simili riguardo regia e “sceneggiatura” infatti è abbastanza chiaro come i due video siano tecnicamente inconciliabili. Per quanto quest’ultimo trailer del 2007 infatti possa essere decisamente convincente dal punto di vista prettamente grafico (mostrando che anche PS3 comincia a fare davvero sul serio) è chiaro che un livello di detail e texture come quello del primo video mostrato risulta essere ancora inarrivabile, soprattutto relativamente alle complesse strutture presenti nel livello mostrato. Personaggi, nemici, mezzi ed ambientazione infatti per quanto tecnicamente eccellenti non riescono a regalare quel colpo d’occhio realistico che invece era facile individuare nel precedente. Anche la frenesia e la velocità della battaglia così come le animazioni di mezzi, personaggi ed esplosioni rivelavano già nel 2005 un realismo forse ancora prematuro per i nostri tempi e per le possibilità delle case di sviluppo.

Restiamo in attesa...
Le premesse sembrerebbero esserci tutte. Estremamente realistiche le ambientazioni, in particolare grazie gli effetti particellari e le luci dinamiche, così come le animazioni dei personaggi e dei nemici. Anche l’atmosfera sembra rispettare le premesse e mantenere l’alto livello del primo Killzone, anche se stavolta la tensione della battaglia è trasmessa in maniera molto convincente, soprattutto vista la veste dark che permea il titolo. Certo da fare ci sarebbe ancora molto, ma data l'attuale mancanza di una data di uscita ben definita (si parla di fine 2008), c'è ancora spazio per ulteriori miglioramenti. Non ci resta altro da fare che attendere, sperando che sviluppatori Guerrilla rispettino in pieno le nostre aspettative.
caricamento in corso...
SCREENSHOTS
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.