Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
White Knight Story

White Knight Story

Il Cavaliere Bianco si mostra in quel di Tokyo

A cura di del
Dopo la recente distribuzione di Rogue Galaxy, ottimo RPG per PS2 che prolunga ulteriormente la schiera di titoli della vecchia ammiraglia di Sony, ormai vicina al pensionamento, Level-5 ora può concentrarsi completamente su White Knight Story, progetto dalle grandi aspettative, atteso nel 2008 su PS3.
Al Tokyo Game Show è stata presentata una demo giocabile, non molto estesa, ma che ha dato un assaggio di quella che sarà la struttura di gioco e le sue potenzialità.
La missione della demo consiste nel proteggere una carovana. Ad un certo punto si materializza un mostro enorme che prontamente Lenard, il protagonista, provvede a bloccare. Come già abbiamo avuto modo di vedere nei filmati mostrati alcuni mesi fa, il ragazzo è capace di evocare un grande cavaliere bianco (la dinamica è simile a quella degli eoni che troviamo in Final Fantasy), entrando a farne parte integrante, e non semplicemente standogli di fianco a disporre degli ordini. In sostanza lui e il cavaliere divengono un tutt’uno. A dire il vero nel momento in cui si compie la trasformazione la varietà di mosse e combo si riduce estremamente, poiché nei panni del gigante bianco si ha a disposizione solamente un attacco generico ma molto potente.

Azione in tempo reale
Il sistema di controllo è piuttosto intuitivo ed è strutturato per poter reggere la componente d’azione che caratterizza questo titolo. Premendo il tasto cerchio si estrae l’arma e ci si prepara ad attaccare; con il tasto X, invece, si compiono gli attacchi veri e propri, che possono essere concatenati secondo criteri ben precisi, attraverso i numerosi menù disponibili. Ovviamente, come in qualsiasi gioco di ruolo, sarà necessario comprendere che tipo di nemico stiamo contrastando e scegliere armi e mosse nel modo più conveniente possibile. Altri due personaggi assistono il protagonista e, mentre nella demo non c’è la possibilità di controllarli, nell’edizione definitiva si faranno interagire anche questi soggetti.
Stiamo parlando di un RPG d’azione, per questo l’impostazione delle telecamere ricorda il recente Final Fantasy XII: la visuale è posta all’altezza del terreno ed i personaggi, sia amici che nemici, sono tutti perfettamente identificabili sullo schermo, mentre vi state spostando nell’ambientazione. I nemici comunque attaccheranno solo nel momento in cui brandirete la spada per travolgerli. Le battaglie in tempo reale accenderanno gli scontri in quanto i fendenti e le parate dei combattenti saranno effettive, avvicinandosi alla tipologia degli action a scorrimento. Anche la possibilità di selezionare l’arma con la levetta analogica sembra una soluzione immediata ed interessante.
Non ci sarà un sentiero rigido e predefinito, all' interno del quale muoversi, ma grande libertà d’azione. Per effettuare delle combo durante le fasi di scontro non bisogna far altro che predisporre l’attacco e poi continuare a premere il tasto cerchio, ogni volta che sentirete il suono che sta ad indicare il colpo seguente della sequenza prescelta.
Graficamente l’impatto è interessante, anche se ancora ci sono dei difetti da limare, ma comunque mancano ancora diversi mesi all’uscita, quindi è presto per poter valutare come stanno le cose da questo punto di vista. Esteticamente si notano collegamenti sia con la cultura occidentale, che con quella “anime” tipicamente orientale. Gli stessi mostri e il cavaliere bianco sono influenzati da varie culture fantasy, creando una commistione accattivante e complessa.
Il frame rate per il momento presenta vistosi cali, soprattutto in quelle scene dove la mole grafica è più imponente. Anche quest’aspetto comunque è ancora prematuro per essere valutato con precisione.

Conclusioni
La curiosità intorno a questo titolo sta lentamente crescendo, anche se, purtroppo, i dettagli ancora non sono moltissimi. Della trama sappiamo ben poco, quindi è normale che si crei interesse da parte dell’utenza. Level-5 è un team giovane, ma ha già dimostrato ampiamente quello di cui è capace, non solo con il recente Rogue Galaxy ma anche con il più blasonato Dragon Quest VIII. Aspettiamo impazienti di sapere se in futuro verrà distribuita attraverso il Playstation Store una demo giocabile.
0 COMMENTI