Recensione di Uncharted 3: L'inganno di Drake

Copertina Videogioco
  • Piattaforme:

     PS3
  • Genere:

     Action-Adventure
  • Sviluppatore:

     Naughty Dog
  • Distributore:

     Sony
  • Lingua:

     Italiano
  • Giocatori:

     1 - 16 (multiplayer online)
  • Data uscita:

     Disponibile dal 2 novembre 2011
9.3
Voto lettori:
9.4
- Sorprendente
- Emozionante
- Tecnicamente perfetto
- Online per nulla accessorio
- Permangono alcuni difetti di gameplay
- Leggermente meno longevo
- Pochissime novità
Loading the player ...
A cura di Valerio De Vittorio (Folken) del
Dopo due anni d'attesa, con i titoli di coda che ci scorrono davanti agli occhi, la sensazione è di aver terminato uno dei giochi più emozionanti di questa generazione. Naughty Dog ci è riuscita ancora e, dopo aver solo abbozzato con il primo capitolo un'idea personale totalmente votata alla cinematograficità, portata poi a maturazione ne Il Covo dei Ladri, con Uncharted 3: L'Inganno di Drake chiude una trilogia che resterà nella storia dei videogiochi.
Un'avventura che vi incollerà allo schermo dal primo istante fino ai titoli di coda.

Da umili origini verso grandi imprese
Non vi racconteremo praticamente nulla della trama, vi faremmo un torto imperdonabile, bensì vi descriveremo solo sommariamente qualche elemento del plot. In Uncharted 3: L'Inganno di Drake troverete un Nathan più determinato che mai, ancora una volta alla ricerca di una città leggendaria legata al suo antenato Sir Francis Drake. La perduta Ubar viene soprannominata l'Atlantide del Deserto, un luogo dove un popolo prosperò per poi cadere misteriosamente in disgrazia e svanire nel nulla.
Tale luogo, tanto ambito nei secoli passati e poi a lungo dimenticato, non è oggetto del desiderio del solo Nate, che sembra questa volta mosso da motivazioni personali. Presto imparerete a conoscere il primo vero villain della serie, l'inglese Katherine Marlowe, accompagnata dall'oscuro e spietato Talbot. Merita di distinguersi dagli avversari conosciuti nei primi due capitoli per la sua ottima caratterizzazione che la eleva a personaggio a tutto tondo, sfaccettato e intrigante quanto detestabile, proprio come dovrebbe essere la nemesi di un avventuriero intrepido quale è Drake. 
Come da tradizione la trama vi porterà a visitare diversi luoghi del globo e si concederà del tempo per esplorare il passato del nostro eroe, approfondendo il legame tra lui e Victor Sullivan, vera spina dorsale dell'intera appassionante vicenda. Non mancheranno altri volti noti e l'introduzione di un nuovo comprimario, di cui non vi sveliamo il nome per non rovinarvi un piccolo colpo di scena.
Uno sparatutto avventuroso e cinematografico come Uncharted 3: L'Inganno di Drake ha il suo punto di forza proprio nella sceneggiatura e nella relativa messa in scena. Il canovaccio è ottimamente scritto, annoverandosi, proprio come fu per il suo predecessore, tra i migliori in ambito videoludico non tanto per le vicende narrate quanto per la qualità delle linee di dialogo e dei personaggi, caratterizzati in modo eccezionale.
Nate è sempre la solita simpatica canaglia, un Han Solo del ventunesimo secolo, sfrontato, avventato, che vive al limite della legalità ma dal cuore buono. In Uncharted 3: L'Inganno di Drake il personaggio guadagna ulteriore spessore grazie ad alcune sequenze che svelano dettagli del suo passato e ad un frangente verso i due terzi dell'avventura dove affronterà un momento difficilissimo, isolato da tutto e tutti, per una delle sequenze più emozionanti che ci siano mai capitati di vivere in un videogioco.
Lo stesso vale per Sully, ben più di un semplice comprimario in questo seguito, e il nuovo arrivato, una sorpresa molto gradita all'interno del ricco cast. Lady Marlowe avrà ugualmente modo di farsi apprezzare, grazie ad alcuni dialoghi scritti e interpretati in modo eccellente, così come Talbot, una figura ambigua e odiosa come poche. La qualità delle sequenze filmate è pari, se non superiore, a Uncharted 2, sebbene esse si presentino esponenzialmente estese e arricchite.
Per quanto il giudizio sia totalmente positivo, siamo rimasti un po' contrariati dall'ultimissima parte dell'avventura, di livello elevato in senso assoluto, ma al di sotto dello standard qualitativo della saga, arrivando ad un finale che definiremmo come un rovinoso anti-climax. Un vero peccato, visto il grado di tensione raggiunto dal gioco subito prima degli ultimissimi capitoli.

Una normale giornata di lavoro
Nathan Drake non fa certamente un lavoro normale. Nell'arco dell'intera avventura il nostro eroe si ritrova invischiato nelle situazioni più assurde, riuscendo a sopportare l'inimmaginabile, mosso unicamente dalla sua straordinaria forza di volontà. Lo guiderete in arrampicate al limite, lo vedrete rovinare al suolo un'infinità di volte, prendere un sacco di pugni e calci e anche qualche proiettile, rischiare l'annegamento e la morte per stenti.
La forza del titolo Naughty Dog è quella di riuscire a coniugare personaggi tanto vivi e credibili con situazioni al limite, mantenendo un buon grado di credibilità per immergere così il giocatore nell'esperienza. Perché Uncharted 3: L'Inganno di Drake, proprio come lo fu il suo predecessore, più che un videogioco è un'esperienza emotiva, un lungo viaggio coinvolgente e appassionante. Tutto questo con alla base un gameplay in realtà molto tradizionale, suddiviso tra fasi esplorative alla Tomb Raider, risoluzione di enigmi e le classiche sparatorie. Il dosaggio dei diversi elementi ci è parso leggermente diverso rispetto al passato, ritrovandoci ad eliminare scagnozzi soprattutto nell'ultima fase della campagna, con il resto dell'avventura principalmente incentrato sullo svolgimento della trama e lunghe sequenze d'azione tra inseguimenti a piedi, arrampicate al limite e momenti stealth.
L'incipit ci introduce inoltre ad una delle poche novità introdotte nel titolo, ovvero il rinnovato combattimento corpo a corpo. Ora vi capiterà in alcuni frangenti di ritrovarvi a cercare di vender cara la pelle in vere e proprie mischie sfruttando un sistema molto vicino a quanto visto nei due Batman di Rocksteady. Col tasto quadrato potrete concatenare una serie di colpi mentre, quando segnalato a video dall'apposita icona, il triangolo vi permetterà di eseguire una contromossa. Il tutto non raggiunge la complessità dei titoli citati, ma adempie egregiamente al suo scopo, condendo l'azione tramite l'interazione con i fondali e gli oggetti dello scenario. Potrete infatti sbattere la testa di uno scagnozzo sul bancone di un bar o sollevare un pesce al mercato per percuotere il malcapitato. Quando prenderete il giusto ritmo, i combattimenti scorreranno fluidi grazie alle ottime animazioni che riescono a concatenare ogni sequenza, adattando lo scontro al contorno.
Se nel caso del platforming non si segnalano novità, se non un uso sensibilmente più massiccio di sequenze animate che rendono l'incedere infinitamente più imprevedibile, lo shooting è stato leggermente rifinito e vede l'introduzione della possibilità di rispedire al mittente una granata, ma solo premendo il triangolo col giusto tempismo.
Il sistema di coperture funziona in maniera del tutto similare ai predecessori, ma purtroppo non riesce a risultare sempre affidabile e preciso, rovinando in parte la godibilità dell'azione. Inoltre, assegnare al tasto della schivata anche il compito di "incollare" Drake alle coperture ci è parsa un'idea davvero poco azzeccata, che porterà un po' di confusione nelle situazioni più concitate.
L'intelligenza artificiale nemica si è rivelata decisamente buona, in grado di aggirarvi e di sfruttare i livelli a proprio vantaggio, mettendo in mostra solo saltuarie defaillance nel lancio delle granate, che a volte rimbalzeranno contro un muro per tornare tra le gambe del mittente. Siamo inoltre rimasti un po' interdetti per la totale mancanza di umanità degli scagnozzi nemici, caratteristica che stride molto con il contesto e la forte caratterizzazione dei protagonisti. Vedrete infatti i soldati nemici continuare ad accanirsi su di voi anche su una nave che affonda o in una casa in fiamme, molto più preoccupati di farvi fuori che di cercare la salvezza.
Fortunatamente il numero sostanzialmente ridotto delle forze nemiche limita in parte il curioso paradosso dei predecessori, che vedevano un novello Indiana Jones come il nostro Drake fare stragi di persone, meglio armato di uno Schwarzenegger dei bei tempi. Questi dettagli, perfettamente normali in altri videogiochi, in un titolo tanto curato come Uncharted 3: L'Inganno di Drake risaltavano enormemente, rovinando in parte la sospensione dell'incredulità.
Nulla da eccepire per quanto riguarda gli enigmi, numerosi e sempre soddisfacenti da risolvere sfruttando i fidati appunti di Nate. Se avrete difficoltà, il titolo include ancora una volta un sistema di aiuti che, se attivo, dopo un po' di tempo vi proporrà un suggerimento, se non la soluzione completa dell'enigma, permettendo ai meno avvezzi a tali fasi di avanzare senza intoppi.

Ok, ora che ho finito che faccio?
Introdotta con lo scorso episodio, torna in Uncharted 3: L'Inganno di Drake una corposa modalità multiplayer che potremmo definire come un gioco a sé stante, fortemente slegato dall'esperienza in singolo. L'elenco delle modalità comprende i classici Deathmatch a squadre e tutti contro tutti, arricchite dalla divertente 2v2v2, che vede tre team competere sulla stessa mappa. Troviamo poi l'Arena Cooperativa, che riprende le meccaniche dell'Orda di Gears of War arricchita da alcune interessanti varianti. Mentre cercherete di sopravvivere alle ondate nemiche, infatti, verranno attivati degli obbiettivi secondarie chiamati Corsa all'oro ed Assedio. Nel primo caso dovrete cercare un manufatto per poi portarlo fino ad una cassa, mentre nel secondo dovrete barricarvi coi vostri compagni in una zona delimitata della mappa.
Già giocata da moltissimi appassionati in quanto offerta a tutti gli utenti Plus, la componente multiplayer di Uncharted 3: L'Inganno di Drake conferma quanto già visto, proponendosi come una sezione separata dall'esperienza principale, ben dotata dal punto di vista contenutistico e resa più profonda e longeva grazie all'introduzione di abilità in perfetto stile perk. Inoltre l'eccellente qualità delle mappe, davvero notevoli sia da un punto di vista stilistico che, più importante, da quello del design, riescono a rendere l'azione concitata e imprevedibile. Ciliegina sulla torta alcune sequenze cinematografiche inserite anche nei match online ed eventi ambientali capaci di innalzare la spettacolarità.
Torna anche la cooperativa classica, fatta di missioni ispirate alle vicende della campagna da giocare in quattro online (o due sfruttando lo splitscreen). In conclusione, anche se difficilmente sarà un motivo d'acquisto, Naughty Dog ha dimostrato ancora una volta di voler dare un vero valore aggiunto al proprio titolo con un comparto online ricco, ben realizzato e longevo, capace di prolungare la permanenza del titolo nella vostra console ben oltre il termine della campagna principale. Senza contare la promessa di ben sette DLC in arrivo nei mesi successivi all'uscita del gioco. All'apertura dei server invasi dalle migliaia di acquirenti ci premureremo di tuffarci nuovamente nel multiplayer per stilare uno speciale dedicato.

Sono bello e lo so
Sotto il profilo tecnico Uncharted 3: L'Inganno di Drake non compie il medesimo balzo in avanti visto tra i due precedenti capitoli, senza però perdere la capacità di stupire. Graficamente il miglioramento è tangibile, con un dettaglio generale sia nella modellazione dei personaggi sia nella costruzione delle ambientazioni, semplicemente impressionante.
Allo stesso modo il rendering generale può vantare un'illuminazione eccezionale e un repertorio di effetti eccellente, in grado di adornare senza strafare. Il design estetico del titolo Naugthy Dog ha proprio questo pregio, riesce a far cadere la mascella senza investire gli occhi del giocatore con luccichii, blur o altri effetti eccessivi. Ogni livello appare perfetto in ogni dettaglio, tratteggiato con cura per risultare impressionante tecnicamente e allo stesso tempo meraviglioso da guardare.
Il vero fiore all'occhiello rimane comunque il campionario virtualmente infinito di animazioni di cui è dotato Drake, il quale si muove negli ambienti con incredibile naturalezza reagendo a ciò che lo circonda, ad esempio appoggiandosi con le mani al muro, adattando il proprio passo a un gradino e così via. Persino la semplice camminata viene influenzata dagli eventi, così che lo vedrete incedere arrancando se ferito o stordito, o correre a perdifiato all'inseguimento.
Tanta qualità viene sottolineata in ogni istante da una regia intelligente, capace di muovere la telecamera sempre nel momento giusto per sottolineare l'azione senza mai rivelarsi un ostacolo. La linearità dell'avventura permette di giocare molto sulla spettacolarità, ma l'equilibrio tra il controllo concesso all'utente e la costrizione data dal titolo è sempre ben bilanciato, allontanando sapientemente la sensazione di star giocando ad un film interattivo.
Di pari livello l'accompagnamento sonoro, dotato di ottimi effetti e di musiche che in perfetto stile cinematografico sottolineano ogni momento di gioco con partiture scritte da una mano sapiente. Promosso infine il doppiaggio in italiano, inferiore a quello originale, ma solo di poco nell'interpretazione, grazie a voci azzeccate e a linee di dialogo ben recitate.
Peccato per qualche fuori-sincrono, ma nulla di trascendentale; inoltre, visto che abbiamo avuto tra le mani un codice review, non è da escludere che tali dettagli siano già stati sistemati prima della stampa. Per quanto riguarda la longevità, abbiamo notato una durata leggermente inferiore rispetto al precedente capitolo, ovvero poco meno di dieci ore. Ciò ha di contro favorito l'eliminazione di sequenze eccessivamente tirate per le lunghe, come visto invece nelle fasi finali di Uncharted 2. A favorire la rigiocabilità troviamo i cento tesori da scovare, oltre ai classici trofei, invero non molto ispirati, salvo qualche piccola eccezione.
Recensione Videogioco UNCHARTED 3: L'INGANNO DI DRAKE scritta da FOLKEN Come dicevamo in apertura, Uncharted 3: L'Inganno di Drake è un titolo emozionante, un'esperienza videoludica che vale la pena di essere vissuta. Permangono alcuni difetti ormai congeniti alla serie, come la limitata interattività di alcune sezioni, sacrificata in favore della spettacolarità, o un gameplay nelle fasi shooting non rifinito, difetti che gli sviluppatori dovranno risolvere in futuro e che vanno per forza di cose a incidere sul giudizio finale, ma così com'è questo terzo capitolo è la perfetta conclusione di una trilogia sorprendente.
Proprio sorprendente è la parola che vi verrà in mente più spesso giocando al capolavoro Naughty Dog, imprevedibile dall'inizio fino alla fine (o quasi), nella trama ma sopratutto pad alla mano. A fianco di una campagna da vivere tutta d'un fiato troviamo poi una solidissima quanto ricca componente online.
Il tutto adornato da uno dei comparti estetici più impressionanti della corrente generazione, coraggioso nel nascondere le prodezze tecniche di cui è capace in favore del puro piacere visivo. Non possiamo quindi che consigliarvi ancora una volta di portarvi a casa questo titolo, impugnare il pad e lasciarvi travolgere dalle incredibili avventure di Nathan Drake.
Appuntamenti LIVE e Video Rubriche
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
    Numero commenti: 837
  • ri-arzak
    Livello: 1
    249
    Post: 66
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Adoro i giochi con delle belle storie, e Uncharted 3 mi è piaciuto moltissimo. Non voglio neanche entrare nel merito del confronto con gli altri capitoli della saga, che peraltro ho giocato con piacere. Elenco i pregi di questo terzo capitolo, che secondo me lo rendono un acquisto obbligatorio: - il titolo spazia come mai prima nel tempo (adolescenza di Drake) e nello spazio (da Londra al Sudamerica e alla Francia, dallo Yemen al deserto); - la varietà delle situazioni in cui vi troverete (e spalancherete la bocca per la meraviglia!) mi sembra possa dirsi in tutto superiore a quella degli altri due capitoli della saga; - l'eccellente qualità e rifinitura "tecnica" del titolo. - perfetto rapporto durata del gioco/svolgimento degli eventi raccontati (non annoia con fastidiose ripetizioni) In sintesi, ve lo consiglio senza riserve: compratelo. I fattori che qualcuno indica come limiti non avranno alcun impatto sull'esperienza di gioco.
  • rqkbve
    Livello: 4
    235
    Post: 69
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Il gioco potrà non piacere come gameplay (assurdo ma possibile) potrà stare antipatico il personaggio (io l'ho trovato simpatico) ma ragazzi vale la pena provarlo anche solo per la grafica... l'altro giorno guardavo Infamous ss per PS4 in un centro commerciale, l'ho provato e non riuscivo a smettere di pensare che per quanto bella la grafica non mi stava ammaliando come alcune parti di Uncharted 3!!! :O Non lo so forse il mio led potrà essere un po superiore alla tv che avevano in prova o altro...so solo che ancora oggi non riesco a spiegarmi come un gioco con una grafica così possa girare su una console del 2006....
  • wedcutty flam
    Livello: 0
    -14
    Post: 98
    Mi piace 0 Non mi piace -4
    Originariamente scritto da Uistian
    Per me perde anche perché ci sono troppe sparatorie, mi pareva Killzone in TPS non ne potevo più. Ho preferito molto di più il 2 era più bilanciato tra fasi esplorative e sparatorie ^^ Per me è stato una delusione.


    guarda io ho la play3 da pochi mesi e il gioco mi è uscito in bundle,ora sarà che ha me TPS e FPS non piacciono,ma a me Uncharted è sembrato il solito TPS,niente di speciale.Te dici che nel 2 ci sono piu fasi esplorative??
  • Prozalius
    Livello: 0
    -168
    Post: 7654
    Mi piace 2 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da Ale1899
    vale la pena fidati


    got it!
  • Ale1899
    Livello: 2
    16
    Post: 11
    Mi piace 3 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da umberto75
    vale la pena prenderlo o e solo un ripetersi del primo episodio con la grafica migliorata?

    vale la pena fidati
  • Prozalius
    Livello: 0
    -168
    Post: 7654
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    vale la pena prenderlo o e solo un ripetersi del primo episodio con la grafica migliorata?
  • Uistian
    Livello: 7
    13136
    Post: 1282
    Mi piace 1 Non mi piace -3
    Originariamente scritto da d_m_j
    Inutile dire che è fantastico e rispetto al 2 perde solo per longevità


    Per me perde anche perché ci sono troppe sparatorie, mi pareva Killzone in TPS non ne potevo più. Ho preferito molto di più il 2 era più bilanciato tra fasi esplorative e sparatorie ^^ Per me è stato una delusione.
  • rossi___96
    Livello: 0
    -14
    Post: 7
    Mi piace 0 Non mi piace -2
    Se il precedente capitolo ha emozionato molti giocatori,questo ,di certo,non è da meno.Nulla da criticare da nessun punto di vista;come il precedente(uncharted:il covo dei ladri),anche questo titolo(uncharted:l'inganno di drake)è riuscito,anche se non pienamente,a trasmettere,in colui che gioca,una certa immedesimazione e emozione.Tutto questo è stato reso possibile grazie all'indiscussa competenza che la naughty dog utilizza nella realizzazione dei suoi videogiochi.Piu che definirlo VIDEOGIOCO,oserei chiamarlo FILM(interattivo),in quanto tutto sembra tendere alla realtà e alle sensazioni che provoca nel giocatore.
  • Diodellag...
    Livello: 1
    -55
    Post: 25
    Mi piace 1 Non mi piace -6
    Ok e ora ttt qll schifezze di spin-off e prequel prodotte da case produttrici sconosciute ci toccano cm ttt le generazioni della naughty dog...
  • bennypier_
    Livello: 1
    31
    Post: 23
    Mi piace 6 Non mi piace 0
    Tecnicamente fantastico, la grafica è sublime come il doppiaggio e tutto il resto. Storia molto coinvolgente, peccato per lo scontro finale (ho preferito di gran lunga quello del 2..), multiplayer davvero vario e bello.
  • Doc.Hunter
    Livello: 4
    5743
    Post: 490
    Mi piace 16 Non mi piace 0
    AMO la saga di UNCHARTED...
  • virus killer it
    Livello: 6
    279
    Post: 92
    Mi piace 12 Non mi piace -2
    secondo mè il migliore resta il secondo capitolo .
  • supermario96
    Livello: 6
    1370
    Post: 1894
    Mi piace 2 Non mi piace -8
    Bello, ma ha fatto un netto passo indietro rispetto al predecessore. Troppo lineare, corto e narrativamente sottotono. Il numero elevatissimo di momtnti da antologia riesce a compensare in parte però...
  • AndriAsRoma
    Livello: 0
    4
    Post: 1
    Mi piace 4 Non mi piace 0
    Stupendo.. veramente nulla da dire
  • Silvio
    Livello: 3
    289
    Post: 74
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Anche questo 3 capitolo e' molto divertente e semplice da giocare! Graficamente eccezionale! anche la campagna coop e' ben fatta e diventa sempre piu' una sfida aumentando il livello di difficolta'! il giocatore diventa piu curioso dalle prossime battute di Drake che dal evolversi della trama, ma fa parte ormai dello spirito di questa serie! da avere!
caricamento in corso...
SCREENSHOTS
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967