Recensione di Cinema Empire

Copertina Videogioco Cinema
  • Piattaforme:

     PC
  • Genere:

     Simulazione
  • Sviluppatore:

     Comport Interactive
  • Data uscita:

     luglio 2007
- Potrete gestire sale cinematografiche
- Prezzo contenuto
- Gira su pc poco potenti
- Manageriale poco profondo e ripetitivo
- Grafica che causa abbruttimento colossale
- Privo di attrattiva
A cura di (Damien) del
Il settore cinematografico, fino ad ora, non è stato così saccheggiato da manageriali e simulazioni di ogni tipo come il city building o, ultimamente, il tema ospedaliero. Questo perché tutto sommato è un settore dove solo gli appassionati possono trovare divertimento in cose apparentemente poco emozionanti come scegliere film, gestire sale cinematografiche o, al limite, i capricci degli attori. Beh, per questi ultimi naturalmente sarà The Movies la scelta più ovvia, l'ottimo sim/manageriale di Peter Moulynex ancora resta un gran gioco a distanza di quasi due anni dall'uscita. Invece, per quanto riguarda la gestione delle sale cinematografiche? Beh, a quelle ci pensa Cinema Empire!

Stasera mandiamo L'esercito delle 101 scimmie!
Il titolo dei Donkey Games è appunto concentrato sulla gestione, o forse dovremmo dire microgestione, di una sala cinematografica... e col tempo anche di due, tre, fino ad arrivare al numero non indifferente di otto. All'inizio potrete scegliere se affrontare una nuova campagna, una partita senza fine (e fini, oserei dire!) oppure il classico tutorial. Quest'ultimo è realizzato in maniera abbastanza egregia anche se fin troppo breve, numerose schermate vi spiegheranno il funzionamento dei biglietti, come comprare qualche filmetto e come cominciare a portare avanti un minimo la vostra saletta di 'periferia'. Stranamente il tutorial si ferma lì e non va oltre, la cosa è alquanto sospetta... e infatti i vostri sospetti saranno presto confermati in pieno, ma andiamo avanti. Il gioco ha visuale isometrica, cliccando sui vari palazzi accederete a tutto ciò di cui avrete bisogno: il vostro cinema, l'agenzia pubblicitaria, l'archivio dei film, il negozio di alimentari e così via. Purtroppo la visuale è fin troppo ravvicinata e nessuno dei due modi disponibili di spostarsi da un luogo all'altro è particolarmente comodo. Il primo è, ovviamente, quello di ricercare il posto che ci serve e cliccarci sopra... sconsigliato. Il secondo è usare i comodi bottoni sul fondo dello schermo. Ho detto comodi? Certo, se non fosse che ogni volta il gioco inizierà a 'scrollare' per cercare il palazzo giusto con una buona attesa dai 5 ai 10 secondi ogni volta, cioè ma perché non andarci subito? Saranno dettagli, ma vi assicuro che se andate di fretta, ci sarà di che inquietarsi.


Ogni impero deve colpire... ancora?
Dunque cosa vi serve per far prosperare la vostra sala? E' presto detto. Cominciamo dalla base, un filmetto (o due) da far vedere ai vostri spettatori. Potrete affittarli per un tempo limitato all'archivio film, c'è da dire che qualcuno dei titoli storpiati è abbastanza divertente e inoltre la cosa è utile per ricordarseli. Poi ovviamente vi serve il personale! Ah no, quello non potrete assumerlo, semplicemente potrete spendere dei soldi per migliorarne le abilità o rimpiazzarlo con qualcun' altro (che verrà scelto in automatico dal gioco). Naturalmente ogni sala che si rispetti deve essere attrezzata di snack per tenere gli stomaci degli spettatori ben riempiti, e per quello basterà comprare una fornitura di popcorn, panini, gelati e bevande e poi rivendere tutto al doppio. Ma la gente naturalmente non accorrerà in automatico alla nostra sala, vero? Beh, quindi sarà il caso di farci conoscere; l'agenzia pubblicitaria ci potrà aiutare in questo, magari con qualche banner su internet o qualche annuncio alla radio. No no, non fatevi strane idee, non potrete sceglierli nè tantomeno sentirli o goderveli in alcun modo. Semplicemente spuntate la vostra scelta, pagate i soldini e via. Avrete capito che il titolo dei Donkey Games, nonostante sia palesemente un titolo budget, è fin troppo penalizzato da una chiara mancanza di fantasia e di larghe vedute. Perché offrire delle possibilità intriganti per poi renderle monche e totalmente non interessanti? Era meglio toglierle direttamente, non è che una casella di spunta ci mancherà più di tanto. In questo senso Cinema Empire ci offre il ‘minimo sindacale’ di una simulazione di gestione di sale cinematografiche. Potremmo fare quasi tutto ciò che si fa nella realtà, ma in modo così poco originale e poco divertente che alla fine inizierete quasi a provare pietà per quei poveri gestori di sale che passano ventiquattro ore da un palazzo all’altro, a vedere sempre le solite facce e ad annoiarsi a questo modo.


Mr Budget: il ritorno!
Anche la parte tecnica di Cinema Empire si mantiene su un livello di decenza e semi-mediocrità che indubbiamente rende merito alla sua intrinseca natura di titolo budget. Carini invece i filmati che vedremo in basso a destra nella rappresentazione della sala cinematografica, tutti molto simili ma perlomeno di discreta figura. Il resto... beh, la visuale standard è un isometrico 3D, come detto in precedenza, abbastanza decente da vedere in qualche immagine, ma proprio triste dopo venti minuti di gioco. I Donkey si sono anche sforzati d'inserire qualche cambio metereologico, come se ciò in qualche modo mettesse una pezza sulle stradine sempre vuote che vedremo, quelle tre texture in croce e i due tipi di macchine che passano in continuazione. Le schermate fisse all'interno dei vari palazzi se la cavano un po' meglio, lo stile fumettoso è sempre gradito, però ci voleva tanto a cambiare le facce dei tizi? Son tutti lo stesso baffone biondo, cambiano solo leggermente i connotati. Perfino l'omino che sta lì fermo al bancone del nostro cinema ha i baffi ed è biondo! I cloni, aiuto! Scherzi a parte, chiudiamo qui che è meglio. Il sonoro? Beh, pochissimi effetti sonori, si contano sulle dita di una mano. Le musiche sono decenti indubbiamente, anche se la qualità lascia un po' a desiderare.


"C'hai venti euri?"
Se li avete e il vostro sogno è stato sempre quello di gestire una sala cinematografica... beh, effettivamente questo è l'unico titolo in circolazione che vi permette di farlo, quindi prendere o lasciare. Avrete capito che si tratta di una simulazione molto poco intrigante e divertente solo a tratti, da prendere con molta pazienza e da non giocare troppo a lungo, pena un rigetto che vi farà riprendere il gioco in mano solo a distanza di giorni. Se non avete venti euro, beh, mi viene un mente un titolino dei tempi che furono che si chiama Mad TV...e fortunato chi se lo ricorda.

Multiplayer
Non disponibile

Hardware
Processore 1 Ghz
Ram 256 MB
Scheda grafica 3d da 64 MB
250MB di spazio libero su disco
DirectX 9
Windows Media Player 9
Recensione Videogioco CINEMA EMPIRE scritta da DAMIEN Cinema Empire non tradisce le aspettative di gioco budget, purtroppo. E' una simulazione che non vale davvero di più del basso prezzo di listino, consigliato quindi solo agli appassionati ed eventualmente a persone con tanta pazienza.
caricamento in corso...
SCREENSHOTS
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.