Recensione di Panzer Elite Action: Dunes of War

Copertina Videogioco Dunes
  • Piattaforme:

     PC
  • Genere:

     Strategico
  • Sviluppatore:

     ZootFly
  • Distributore:

     Koch Media
  • Giocatori:

     1
  • Data uscita:

     2007
- Motore grafico flessibile
- Azione immediata e piuttosto divertente
- Le campagne in singolo annoiano presto
- Sistema di gioco eccessivamente semplificato
- Sonoro poco convincente
A cura di (Damien) del
Ritorna la serie Panzer Elite Action, questa volta i marmittoni saranno impegnati in uno dei capitoli della seconda guerra mondiale che viene dimenticato più di frequente: la campagna militare di alleati e tedeschi nel Nord Africa. Rispetto al precedente Fields of Glory, questa espansione (che ovviamente funge come stand alone, quindi funzionerà anche a chi non possiede l’originale) presenta due nuove campagne militari che vi metteranno nei panni di alleati e nazisti e alcune intriganti modalità multiplayer non presenti nel predecessore.

Come si guida un Panzer II?
Innanzitutto cominciamo con il sottolineare che esattamente come Fields of Glory, anche Dunes of War non pretende affatto di travestirsi da simulatore. E ciò si capisce immediatamente dopo i primi minuti di gioco, visto che la mitragliatrice sparerà a raffica anche per ore senza surriscaldarsi o esaurire i proiettili, il nostro carro armato resisterà a una buona decina di bordate e potrà essere riparato semplicemente passando sotto una piccola gru e così via. Insomma siamo in pieno arcade senza minime velleità simulative, dimentichiamoci tutto il sudore e la fatica di comandare un Panzer degli anni ’40. Ed è un peccato, in primis perché di simulazioni accurate di carri armati al momento di certo non ne girano molte e poi perché la giocabilità di Dunes of War scontenterà anche gli amanti di simulazione meno ‘pretenziosi'.
Come avrete immaginato, il gioco dei Zootfly vi mette a bordo di un bel mastodonte in un’ambientazione desertica e, assieme ad altri vostri compagni, vi manderà a seminare il panico dietro le linee nemiche. Né più né meno; le missioni si svolgeranno sempre in modo abbastanza lineare, con obbiettivi da distruggere e ovviamente qualche mezzo da salvare ogni tanto. Per fare ciò avete a disposizioni una mitragliatrice per gli obbiettivi più vicini o meno robusti e un bel cannoncino per abbattere qualsiasi mezzo nemico avrete sullo schermo. E’ presente anche la possibilità di comandare i mezzi amici, certo non direttamente però, bensì attraverso l’uso di pochi semplici comandi da tastiera: F per ordinare di ripararsi, fermarsi o mettersi in formazione e G per attaccare, mettersi al fianco o fare una ricognizione. E a proposito dei comandi, con quelli di default comanderete il vostro mezzo con il classico WASD più il mouse per mirare e colpire i bersagli nemici. Niente di più semplice, e su questo c’è da dire che l’accoppiata funziona egregiamente; certo, il carro armato si muoverà con un minimo di realismo su terreni desertici e quindi ci vorrà un po’ di pratica prima di riuscire a manovrarlo alla perfezione. In caso di problemi comunque, la Zootfly viene in aiuto del giocatore con un sistema di ‘easy driving’ che rende il carro più sensibile ai comandi. Principalmente vi si presenteranno due tipi di bersagli durante le missioni: quelli in movimento (altri carri, automezzi blindati, jeep, soldati e così via) e quelli immobili (torrette, bunker e quant’altro). Di solito tutti i nemici andranno giù abbastanza facilmente e l’unico problema sarà quello di decidere con raziocinio dove sparare con il cannone.

In solitario o in compagnia?
La campagna in single player, per quanto dall’aspetto professionale e arricchita di filmati dell’epoca che aiuteranno a calarsi nel periodo storico, di sicuro alla lunga non riuscirà proprio a essere un motivo per continuare il gioco. Questo perché alla fine gli obbiettivi sono alquanto ripetitivi, ed essendo anche le missioni piuttosto lunghe, di certo non si sarà portati a rifarle per sentire di nuovo i nostri compagni che scambiano quattro chiacchiere tra di loro. La lunghezza delle missioni stesse e l’impossibilità di salvare in ogni momento sono mitigate da un sistema di checkpoint che funziona egregiamente, anche se sicuramente non vi salva la situazione in caso dobbiate spegnere il pc!
Sicuramente meglio il multiplayer, che sopperisce piuttosto bene alle mancanze di AI in singolo e vi offrirà diverse modalità in cui divertirsi con amici (e nemici): sono disponibili le classiche Conquest e Capture the Flag.

A me gli occhi, a voi le orecchie
Graficamente Dunes of War si comporta in modo senz’altro egregio, anche se di certo non farà gridare al miracolo nessuno. Già considerando che non è possibile configurare più di tanto le opzioni grafiche avanzate, farà capire che bisogna contentarsi nel titolo Zootfly. I modelli dei mezzi sono senz’altro la parte migliore del comparto visivo, soprattutto i carri armati si muovono in modo piuttosto realistico e sono coperti da texture di più che buona qualità. L’ambiente non è ovviamente molto ricco di dettagli, ma d’altronde parliamo di una campagna militare desertica, quindi la ripetitività e gli scenari spogli sono caratteristiche a cui bisognerà abituarsi presto. Ciò che ho trovato un po’ esagerato è l’effetto motion blur quando si accelera, è sicuramente carino a vedersi ma è decisamente fuori luogo su un mastodontico Panzer II che non superava i 40 chilometri orari.
Il sonoro idem si attesta su livelli piuttosto mediocri: gli effetti sonori sono adeguati di sicuro, è il doppiaggio che non convince affatto ed è recitato con una svogliatezza piuttosto palese. Le musiche si fanno sentire solo nei momenti più concitati della battaglia e tutto sommato fanno il loro lavoro, anche quella del menu principale per quanto suoni un po’ strana in un gioco del genere, è sicuramente piacevole.

Multiplayer
Fino a 31 giocatori in multiplayer.

Hardware
Requisiti minimi:
Windows XP
256 mb di Ram
Processore Intel Pentium III o Amd 800 mhz
Scheda grafica 3D compatibile con Directx9 da 64 MB
Dvd-Rom, disco rigido con 3 gb di spazio libero

Requisiti consigliati:
Windows XP
1 Gb di Ram
Intel Pentium 4 o AMD a 2.0 Ghz
Scheda grafica da 128 mb
Recensione Videogioco PANZER ELITE ACTION: DUNES OF WAR scritta da DAMIEN In definitiva, Dunes of War non convincerà nessuno tra chi era rimasto poco soddisfatto di Fields of Glory. E’ un gioco che esce a prezzo ridotto e mirato a un target non particolarmente pretenzioso, vi aspetterà qualche ora di divertimento in single player e sicuramente qualcosa di più in multiplayer che rappresenta l'opzione migliore in grado di sopperire ai problemi di AI che minano il coinvolgimeno della campagna in singolo.
caricamento in corso...

 
 
SCREENSHOTS
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.