Recensione di Xpand Rally Xtreme

Copertina Videogioco XRX
  • Piattaforme:

     PC
  • Genere:

     Guida
  • Sviluppatore:

     Techland
- Buona grafica
- Non è "pesante"
- Se avesse avuto i diritti sarebbe stato quasi perfetto
- Le impostazioni dell'auto potrebbero risultare un tabù per alcuni...
A cura di (Threepwood) del
Ritorna il rally
A poco più di qualche anno dall’uscita di Xpand Rally i ragazzi di Techland ci riprovano e sfornano prontamente Xpand Rally Xtremeche proprio come il suo predecessore si presenta senza diritti e con auto di fantasia, ispirate però ai modelli reali. Solo qualche mese fa, proprio sulle pagine di spaziogames, avevate potuto dare un furtivo sguardo a cio’ che sarebbe stato il nuovo capitolo dedicato al rally. Già allora vi erano tante buone premesse. Ora che abbiamo il prodotto finito possiamo esprimere le nostre impressioni, quindi allacciate le cinture.

Diamo il via alle nostre carriere
XRX propone sin da subito la creazione di un profilo e soprattutto dovremo scegliere se affrontare la nostra carriera rally in modalità simulativa o arcade. Sono sicuro che vorrete sapere quale sia la sostanziale differenza fra le due modalità di gioco. La modalità arcade è fuori da ogni stereotipo, quindi non aspettatevi vita facile, ma non dovrete neanche essere dei grandi piloti per cimentarvi in questa esperienza. Si potrebbe definire una modalità adatta a tutti, tra simulazione e divertimento, dando così al giocatore medio la possibilità di potersi svagare senza prendersi troppo sul serio ma senza doversi annoiare per l’eccessiva semplicità del gioco. La modalità simulativa è invece in grado di accontentare i piloti videoludici più accaniti, poichè questi, oltre a doversi cimentare in un controllo più ostico del mezzo dovranno fare i conti con danni al veicolo più vistosi, ma tratteremo questo aspetto più avanti.

Gran Turismo…ha fatto scuola anche al rally
Una volta selezionato il grado di difficoltà con cui affronterete la vostra avventura rally vi troverete di fronte all’interno del menù. Qui avrete la lista delle prime competizioni alle quali potrete partecipare e il budget a vostra disposizione. Ogni competizione necessita di una determinata categoria di veicoli, volendo scendere nello specifico ce ne sono ben 4: le normali GT, le DRT, le Off-road 4x4 e, come ciliegina sulla torta, le mitiche Monster Trucks.
Il vostro budget iniziale sarà di circa 32.000 euro, sufficienti per comprare un primo veicolo e concorrere alle gare iniziali. Anche in questo settore avrete a disposizione una discreta scelta di veicoli, per ogni categoria è possibile scegliere da 4 a 8 veicoli, ognuno dei quali ha delle precise caratteristiche: peso, cilindrata, potenza, velocità massima, ecc.
Ora che possedete la vostra macchina da rally, potete partecipare alle competizioni per cominciare a farvi strada nel mondo delle corse. Prima della corsa potrete accedere ad ogni sorta d’informazione riguardanti il tracciato: terreno, lunghezza, località ecc. Sfruttando queste informazioni sarà possibile impostare l’assetto della macchina per evitare ad esempio di montare le gomme sbagliate che renderanno più difficile il controllo del mezzo in nostro possesso. Come potete immaginare non avrete di certo tutto ciò che vi serve nel vostro garage sin dall'inizio, ma dovrete usare i soldi che ricaverete dalle corse per comprare i set di gomme, scarichi, freni e anche stili di verniciatura differenti. Come avrete intuito tutto questo ricorda molto la "scuola Gran Turismo" che sembra avere come diplomanti i ragazzi Techland e dobbiamo ammettere che il risultato finale è ottimo. Proprio come nel famoso titolo per la console Sony avrete modo di impostare altri fattori, come ad esempio l’intensità delle frenate, la calibratura dello sterzo ecc. Proseguendo nel nostro campionato si sbloccheranno nuove vetture e nuovi componenti per potenziarle e moddarle.

A big show for a big rally
Le competizioni comprendono complessivamente circa 40 tracciati che spaziano fra Malesia, Cina, Italia, Corsica, Regno Unito. Gli sviluppatori hanno cercato di riprendere i tracciati reali, riempiendoli di dettagli e senza lasciare niente al caso, ma prima di trattare l’aspetto grafico parliamo ancora un po’ di gameplay. Prima di ogni gara vi verrà segnalato se state montando delle gomme poco adatte al tracciato o se la macchina non è in grado di correre per i troppi danni subiti. Nel caso in cui non emergesse nessun problema potrete subito iniziare a gareggiare. In questa fase di gioco si nota come siano stati pignoli gli sviluppatori nella realizzazione dello stile di guida e del buon livello d’interazione con gli oggetti presenti lungo la pista. Guidando potrete sbandare e sbattere contro i guardrail, alberi, steccati o qualsivoglia elemento che delimita la pista. L’animazione di questi elementi è ben implementata, e parlando di questo argomento come non citare le conseguenze degli impatti sull’auto. La vostra macchina in seguito agli scontri subirà svariati danni, capiterà di veder esplodere i finestrini o il parabrezza, di vedersi sganciare il paraurti o le portiere ma gli amici della Techland non si sono limitati solo all’implementazione dei danni superficiali. Perdendo il controllo del veicolo ad alte velocità, subirete danni anche al motore, al sistema di frenata, sospensioni e altre parti meccaniche indispensabili per un buon funzionamento del mezzo, così facendo diminuirete le prestazioni della macchina e comprometterete irrimediabilmente la gara. Nell’apertura di questa recensione avevamo accennato ai diversi cambiamenti derivati dalla scelta delle due modalità: arcade e simulazione. E’ proprio questo il momento per parlarne in modo più approfondito. Riguardo alla modalità Arcaderipetiamo che durante le gare tenere in pista la macchina non sarà per nulla difficile, ma vi assicuriamo che non sarà neanche facile, dandovi talvolta un po’ di filo da torcere ma senza diventare troppo impegnativo, quindi via libera a staccate al limite, sbandate, collisioni con elementi della pista e gli immancabili danni. Ritornando sull’argomento danni possiamo notare una prima sostanziale differenza, in questa modalità gli sviluppatori sono stati più buoni e danneggiare la macchina gravemente richiederà tutta la vostra scelleratezza. Gli esperti mangia asfalto selezionando Simulazione troveranno pane per i propri denti, considerando che la stabilità del veicolo sarà determinata maggiormente dalla loro abilità e gli incidenti saranno fatali. Nel caso non lo avessimo specificato, rimediamo subito, aggiungendo che vicino al contachilometri è presente una utile serie di spie che indicano tutti i componenti meccanici che potrete rottamare. I led spia si accenderanno di giallo o di rosso in base alla gravità del danno riscontrata dopo una collisione. Dopo questa piccola precisazione torniamo a noi; i danni a cui potreste andare incontro è alquanto lunga, potreste ritrovarvi a viaggiare all’imbarazzante velocità di 40km\h per un danno al motore, di perdere continuamente il controllo per il danneggiamento dell’asse o addirittura di perdere una ruota. Gli sviluppatori sono stati alquanto benevoli e ogni qualvolta subirete un danno grave, una schermata, sminuendo il vostro orgoglio, vi chiederà se vorrete abbandonare la gara in quanto giudicati non idonei per proseguire. Beh così dicendo neanche io trovo nessun tipo di benevolenza, ma la verità è che se vi accorgerete di aver riscontrato troppi danni e vorrete ritirarvi o abbandonare la gara, la vostra vettura ritornerà in ottime condizioni, liberandovi della maledizione del ricambio parti. E’ vero che se terminerete la gara al primo posto riceverete delle belle somme di denaro, ma è anche vero che riparare la vettura potrebbe costare molti soldi, talvolta talmente tanti da vanificare la vostra vittoria impedendovi di potenziare il vostro veicolo. Inoltre per vostra "fortuna", riparare l'automobile sarà obbligatorio se eccessivamente danneggiata, in tal caso se vorrete disputare le gare successive, una "simpatica finestrella" ve lo impedirà avvertendovi dello stato pietoso del vostro mezzo che è stato ritenuto non idoneo per disputare la corsa. Prima di passare ad un aspetto puramente legato ai dettagli grafici e tutti quei particolari che tanto ci piacciono, ci sembra doveroso evidenziare la varietà di gioco offerta dal campionato rally. Come specificato poco sopra vi sono quattro differenti categorie di macchine che potremo utilizzare, in quanto le competizioni alle quali prenderemo parte ci riserveranno non solo paesaggi della natura selvaggia ma anche qualche percorso cittadino o ci vedranno immersi in una corsa folle con i nostri Monster truck, senza restrizioni di pista ma una partenza e un obiettivo da raggiungere, niente di più divertente per un uomo amante delle macchine e posseduto dal "Dio della competizione selvaggia".

Folli al volante…ma di bell’aspetto
XRX ha dimostrato ampiamente di essere capace di divertire e di stupire nonostante l’assenza di tanti nomi e diritti presenti nei titoli concorrenti di oggi o di grandi giochi del passato. Un buon punto di forza di questo gioco risiede senza dubbio nell’aspetto grafico. E' stata data nuova vita al Chrome Engine, i modelli grafici dei veicoli sono ottimi e lo sono altrettanto gli elementi dei tracciati. Gli sviluppatori non si sono semplicemente limitati a tener fede alla riproduzione dei percorsi, ma sono andati oltre, creando un ambiente dettagliato, pieno zeppo di elementi di flora e fauna generalmente trascurati in questo genere. Le foreste che attraverseremo facendo rombare i nostri motori sono ricche di alberi, erba, fiori, tutti ottimamente resi, lo sviluppo stesso della terra e dell’asfalto sui quali correremo sembreranno curati in maniera maniacale, pixel per pixel. Non mancano all’appello ottimi effetti luce, vedremo spesso i raggi di sole far capolino tra la fitta rete di rami; ottimi anche i riflessi sull’auto, e i laghi e i mari che costeggeremo illuminati dal sole luccicheranno come oro. Capiterà inoltre di attraversare piccoli specchi d’acqua i quali al nostro passaggio si alzeranno in schizzi e getti d’acqua perfettamente curati. Questi posti incontaminati sono completati dalla presenza degli animali che impauriti si scanseranno scorgendoci da lontano. Troveremo anche gli immancabili spettatori ai bordi delle strade che si collocheranno talvolta anche al centro del tracciato in trepidante attesa del vostro passaggio, ma occhio a non investirli, ciò comporterebbe una penalità che comprometterà la vostra corsa. Quando danneggerete l’auto non mancheranno ammaccature, vetri in frantumi, portiere distrutte o addirittura cofani e paraurti che penzolano o si staccano durante la corsa. In caso di piccole collisioni invece ne risentirà la verniciatura dell’auto che si scrosterà lasciando piccoli buchi bianchi. Beh visto che attraverserete pianure e montagne selvagge, non potete pretendere di ritornare ai box con una macchina linda, perciò sappiate che la polvere e la terra provvederanno a sporcare il vostro veicolo per bene. Infine volendo scavare nel cuore del motore grafico dobbiamo fare delle lodi speciali in quanto, nonostante questo bel tripudio d’effetti, non è difficile giocare con il massimo dei dettagli o con alte risoluzioni, garantendo così un buon divertimento anche a chi non ha computer "spaziali". Il gioco non sembra presentare cali di frame rate o rallentamenti anche quando la macchina è a pezzi o quando trascinate i cartelloni degli sponsor o quando attraversate zone piene d’effetti grafici. Applausi a scena aperta anche per il reparto audio che, oltre a offrirci delle buone riproduzioni dei rombi delle auto, riempie le gare con effetti acustici della fauna e di tutti gli elementi naturali che accompagnati dalla voce del copilota completano un quadro tecnico degno di nota.


Multiplayer
La schermata Multiplayer ci permetterà di creare una partita lan, oppure di aprire un server per accedere alla rete mondiale. Entrambe offrono la possibilità di impostare alcune opzioni, ad esempio la selezione della modalità di gioco (simulativa o arcade) oppure potrete scegliere di effettuare più di un giro per tracciato o di dar vita ad un piccolo campionato. Giocando in multiplayer potrete accedere a tutte le piste esistenti nel gioco e quindi selezionare i vostri tracciati preferiti per competizioni con altri piloti videoludici. L’uso di tutte le piste non è l’unico lusso, avrete modo di usare tutte le macchine del gioco o in alternativa utilizzare solamente le vostre preferite, a voi la scelta. Premettiamo che la nostra partita non era particolarmente gremita…anzi quasi desertica, ma è pur vero che nonostante avessimo impostato i dettagli al massimo e avessimo mantenuto il realismo delle gare single player (danni alla macchina, ecc.) non abbiamo riscontrato problemi di lagg e siamo riusciti a giocare senza intoppi. L’unica piccola stranezza riguarda un minuscolo difetto che abbiamo prontamente notato. Durante le gare single player più volte ci siamo scontrati con i nastri rosso\bianchi fissati ai margini della pista, sradicandoli dal terreno e trascinandoli via con noi. Nella modalità on-line nonostante tutte le impostazioni, durante un incidente analogo non abbiamo ottenuto il risultato aspettato, limitandoci quindi ad attraversare il nastro come fosse un fantasma. Ora come ora non sappiamo se possa trattarsi di una semplice dimenticanza o di un bug.

Hardware
Requisiti Minimi: Windows 2000/XP; Pentium 4/AMD Athlon 1,8 GHz; 256 MB RM; 2 GB liberi su Hard Disk; Scheda Video DX9 compatibile con 128 MB VRAM (GeForce 5700/ATI Radeon 9600); Scheda Audio DX8 compatibile; DVD-ROM; modem 56,6 kbps per multiplayer online
Recensione Videogioco XPAND RALLY XTREME scritta da THREEPWOOD Techland è stata in grado di migliorarsi dopo l’uscita del primo capitolo di Xpand Rally, azzeccando in pieno questo nuovo capitolo, riempiendolo di tante buone idee, alcune nuove e altre già viste. Il titolo è uno di quelli da avere, in grado di divertire tutti, dal giocatore occasionale all’esperto, anche se la modalità simulativa rimane troppo legata solo ai danni e alla stabilità del mezzo. Infine, un plauso agli sviluppatori che sono stati in grado di unire un buon gameplay ad una buonissima grafica, Xpand Rally Xtreme è un nuovo esempio di come anche un gioco che non disponga dei diritti ufficiali e degli sponsor possa uscire dall’ombra e rivelarsi alla luce del sole per gareggiare alla pari con i titoli più blasonati.
caricamento in corso...
SCREENSHOTS
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.