Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
Holobunnies: Pause Cafe

Holobunnies: Pause Cafe

Caffettino e minigioco

Recensione

PC

Action-Adventure

Inglese

22 marzo 2017

A cura di del
Steam è la patria degli sviluppatori con buone intenzioni e pochi mezzi ma anche di chi, sfruttando la facilità di pubblicazione rispetto ad altre piattaforme, si prende delle licenze più o meno creative. C’è chi riesce incredibilmente a pubblicare prodotti al limite dell’accettabile grazie al via libera del fu Greenlight, ma anche chi, tutto sommato, porta sulla libreria digitale di Valve qualcosa di mediamente interessante.
Holobunnies: Pause Cafe si colloca idealmente in mezzo a queste due categorie. Si tratta infatti di un assaggio di Holobunnies, titolo dei candesi q-bit Games ancora in sviluppo dopo un clamoroso successo Kickstarter, che di fatto è una raccolta di tre minigiochi con protagonisti gli “oloconiglietti” che vedremo nel titolo originale. Uno scampolo videoludico molto breve che, se non altro, è venduto ad onesti €4,99.



Macchiato pixellato caldo
Non si può certo dire che Holobunnies: Pause Café, pur con le sue mancanze, passi inosservato. Il titolo è infatti costruito con una pixel art delicata, una soluzione estetica ormai inflazionata che, se riprodotta con eleganza come in questo caso, non è mai fastidiosa. L’idea dei coniglietti spaziali che combattono degli alieni è allo stesso modo intrigante, se come me siete affascinati dalla follia creativa che può scaturire dal cervello umano.
Sempre parlando di stile, i pochi personaggi con cui è possibile parlare (che non hanno alcuna funzione utile) si esprimono a versi in stile Banjo & Kazooie, ma lo fanno usando le vocali pronunciate alla francese.
Inoltre la musica, che passa da pezzi jazz e delicati all’hard rock all’interno dei livelli, che siano le sfide con i boss o i deliranti trial and error.
Purtroppo, essendo un assaggio di una produzione che arriverà in seguito, il titolo non ci offre molti altri spunti per capirne l’essenza. Tra questi ci sono le descrizioni dei quattro eroi nella modalità Legacy Boss Rush, tra ubriaconi e chitarristi radicali, qualunque cosa significhi.



Poche pretese e buone
Holobunnies: Pause Cafe è esattamente ciò che il titolo suggerisce, ovvero una pausa dall’avventura principale in cui i coniglietti possono prendersi un caffè, oppure accendere il PC e fare una partita ad uno dei tre minigiochi presenti all’interno.
Brawler, in cui due giocatori si sfidano come una sorta di Smash Bros in 2D in arene piene di pericoli e nemici, solo in locale purtroppo. Ognuno dei quattro conigli, lo accennavo prima, hanno delle abilità peculiari come la possibilità di diventare invisibili, di curarsi, oppure sono dotati di una sorta di mitraglietta che spara carote a velocità molto più elevate degli altri. Per quanto riguarda questa modalità c’è poco da dire, proprio come nel titolo Nintendo si può scegliere di giocare a tempo e decretare il vincitore in base al rateo più alto di vittorie e sconfitte, oppure con il classico stock di vite e puntare alla sopravvienza.
Il secondo minigioco è Kitcat Adventure, nonché quello che personalmente trovo più riuscito. Si tratta di un endless runner con elementi platform in cui, nei panni di un gatto, bisogna superare una serie di livelli, il cui tempo di completamento andrà ad inserirsi nell’immancabile leaderboard mondiale. Il personaggio si muove sempre e solo in avanti, può saltare a mezz’aria e sopra ai nemici, ed interagire con degli elementi ambientali (delle frecce) che modificano il suo movimento. Le frecce blu permettono di invertire la direzione, quelle verdi e rosse aumentano e diminuiscono rispettivamente la velocità di movimento, mentre quelle gialle permettono di effettuare un salto a mezz’aria aggiuntivo. Ogni livello va superato con una dose di tempismo, riflessi e pazienza non indifferente, trattandosi di un trial&error piuttosto classico. Devo dire che, nonostante l’esigua durata, questo è stato il minigioco che mi ha trattenuto con più gioia al suo interno, ma una volta completati i livelli un paio di volte (magari a diverse difficoltà) per scoprire anche strade alternativi e modi diversi di completarli, non c’è molto altro da fare.
L’ultimo minigioco dell’offerta è il già citato Legacy Boss Rush, ovvero una serie di boss fight che, tra l’altro, sono un ottimo modo per conoscere i protagonisti del gioco e ciò che sono in grado di fare. Le sfide non sono sempre esaltanti, né ben congegnate, perché il nemico di turno non fa che ripetere lo stesso pattern di attacco in continuazione. Una volta imparati i movimenti, neanche la difficoltà più alta rappresenta una sfida sufficiente.
  • + Stile e follia
    + Prezzo risibile
    + Inizialmente impegnativo...
    + Kitcat Adventure è intrigante...
  • - Davvero poca carne al fuoco
    - ...ma capiti i trucchi la sfida scompare del tutto
    - ...gli altri due minigiochi un po' meno
voto
6

Holobunnies: Pause Cafe è un prodotto piccolo e onesto. A questo prezzo si merita una possibilità se avete voglia di giocarvi qualcosa di inizialmente impegnativo che possa intrattenervi per qualche ora, una raccolta di minigiochi divertenti il cui effetto non dura a lungo. Un po’ come i dolcetti di accompagnamento al caffè pomeridiano: sono deliziosi, ma sono piccoli ed il loro sapore sparisce in fretta.

0 COMMENTI