Recensione di Wacky Spores: The Chase

Copertina Videogioco
  • Piattaforme:

     PC
  • Genere:

     Gioco di ruolo
  • Sviluppatore:

     Lorenzo Bellincampi
  • Data uscita:

     10 Febbraio 2017
- Meccaniche originali
- Visuali cartoon colorate
- Tante citazioni ad altri media
- Semplice ed immediato
- Realizzato da un solo italiano
- Grinding pesante
- A volte troppo punitivo
- Qualche bug nelle hitbox
- Poca varietà di livelli
- Solo in lingua inglese
A cura di (Gwonam) del
Con un mercato videoludico sempre in maggiore crescita ci vogliono idee il più possibile innovative per poter emergere adeguatamente tra tutti i titoli proposti. Il gioco di cui vi parliamo oggi fa dell'originalità il suo cavallo di battaglia ed è stato realizzato interamente da un unico sviluppatore italiano.


Funghi alla riscossa
Wacky Spores: The Chase si può etichettare come un “Runner RPG”, un titolo che dunque combina il sistema a turni usato nei giochi di ruolo con l’obiettivo di percorrere la maggiore distanza possibile. In questo gioco controlleremo 3 funghi contemporaneamente, muovendoli all’interno del livello di gioco in qualunque direzione vogliamo, facendo attenzione a non scontrarci con gli insetti (i nemici che dovremo affrontare) e i loro proiettili; non appena il timer ce lo permetterà, noi ed i nostri nemici ci fermeremo e potremo attaccarli con diverse armi e mosse speciali a nostra disposizione. E' qui che il gioco mostra la sua vera natura di RPG: ogni fungo possiede delle statistiche e mosse speciali diverse, e sarà importante scegliere accuratamente in che ordine fare sparare i nostri personaggi e con quale arma, dato che spesso non sono disponibili per tutti i combattent. Bisognerà infatti far utilizzare una pistola diversa ogni volta, se vorremo equipaggiare quella utilizzata in precedenza ad un altro dei nostri funghi. I 3 personaggi controllano diverse zone del territorio (il primo starà solo nella zona più alta, il secondo su quella centrale ed il terzo in quella bassa), e non potendosi muovere e spostare liberamente nelle altre aree hanno bisogno di prestare attenzione a non farsi travolgere dai nemici, cosa che potrebbe avvenire molto presto data la natura molto impegnativa del gioco.


Insetti carinissimi, ma letali
Wacky Spores è infatti molto punitivo, e per poter riuscire ad avanzare il più possibile sarà necessario ripetere più e più volte lo stesso identico scenario. Per potere ottenere altri personaggi, nuove armi e artefatti (potenziamenti speciali) dovremo infatti avanzare di livello, e per fare ciò dovremo raccogliere le diverse monete raccolte sconfiggendo i nemici o completando diverse quest all’interno del livello (ad esempio correre per un certo periodo di tempo senza subire danni o uccidere un certo numero di nemici) che daranno ulteriori preziose monetine extra. Il difetto principale del gioco è purtroppo questo: l’eccessivo grinding necessario per poter avere una chance contro gli insetti; all'inizio infatti il gioco rischia di essere monotono, ripetitivo e frustrante a causa dello scarso equipaggiamento e del grinding necessario, riuscendo a decollare veramente solo dopo aver ottenuto abbastanza livelli extra. Wacky Spores riesce però a mantenere un certo fascino, grazie alle sue visuali cartoon colorate ed il suo humor, comprendente diverse citazioni ad altri videogiochi e film famosi che abbiamo apprezzato particolarmente; purtroppo il gioco non è stato tradotto in lingua italiana, quindi se non masticate bene l'inglese potreste non cogliere alcuni riferimenti. Le partite inoltre non durano a lungo, rendendolo dunque un titolo ideale per delle brevi e divertenti sessioni di gioco. Il gameplay stesso è semplice ed immediato da capire: non ci sarà bisogno di seguire lunghi tutorial, essendo tutto facilmente comprensibile. Forse potrebbe risultare non abbastanza profondo per alcune categorie di videogiocatori, ma non riteniamo sia questo il caso: l'immediatezza e la rapidità con cui il gameplay si svolge è ciò che spinge più volte a ripetere i livelli, provando a migliorare il proprio record personale.
Recensione Videogioco WACKY SPORES: THE CHASE scritta da GWONAM Tenuto conto del fatto che si tratta di un titolo realizzato da un solo sviluppatore italiano, Wacky Spores: The Chase è un videogioco sicuramente interessante. Dietro le visuali cartoon ed al suo humor si nascondono meccaniche originali e divertenti, che potrebbero appassionare coloro disposti a sopportare il, a volte eccessivo, grinding iniziale.
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
    Commenti: 1 - Visualizza sul forum
  • Steve69
    Steve69
    Livello: 9
    Post: 2892
    Mi piace 2 Non mi piace 0
    Realizzato da un solo italiano e solo in lingua inglese, non sono uno che si lamenta per la mancata localizzazione dei titoli però cavolo sembra una presa in giro in questo casoRealizzato da un solo italiano e solo in lingua inglese, non sono uno che si lamenta per la mancata localizzazione dei titoli però cavolo sembra una presa in giro in questo caso
caricamento in corso...
SCREENSHOTS
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.