Speciale Guild Wars 2: Heart of Thorns

A cura di (Lexie) del
A pochi giorni dall’annuncio di un nuovo episodio del Mondo Vivente, ArenaNet ci anticipa che una vera e propria rivoluzione sta per investire la modalità PvP di Guild Wars 2. In esclusiva nazionale, Spaziogames ha avuto la possibilità di fare qualche domanda a Evan Lesh (programmatore del gameplay in PvP) a proposito del massiccio aggiornamento che trasformerà radicalmente gli scontri tra giocatori.


Aria di cambiamenti
La quinta stagione della Lega di Guild Wars 2 porterà con sé numerosi cambiamenti su tutti i livelli, andando a riformare alla radice i capisaldi che caratterizzano il PvP, con l’obiettivo di garantire un’esperienza di gioco più avvincente e imprevedibile.
Analizziamo le novità nel dettaglio, cominciando con il matchmaking: se nelle stagioni precedenti della Lega uno dei criteri che determinavano le squadre era una differenza massima di 15 pip tra i giocatori, con la quinta stagione questa restrizione verrà eliminata. Ciò significa che le combinazioni possibili aumenteranno esponenzialmente e, di conseguenza, i tempi di attesa per la formazione delle squadre si ridurranno drasticamente. “Prima poteva capitare che giocatori di pari abilità non potessero competere tra loro a causa di un’eccessiva distanza tra i loro pip; adesso questo inconveniente è stato risolto” puntualizza Lesh. 
Inoltre, per garantire una maggiore equità ed evitare ingiusti sbilanciamenti, non sarà più possibile accedere ai combattimenti della Ranked Arena con party che includano più di due persone, evitando così che i singoli giocatori si trovino ad affrontare squadre precedentemente organizzate col rischio di essere sopraffatti da chi gioca seguendo tattiche cooperative collaudate.


Show me what you got!
Un’altra importante novità è l’introduzione di un sistema di valutazione delle skill, visibile tramite un valore numerico che, a seconda della sua altezza, collocherà il giocatore nella divisione appropriata per le sue capacità: Bronze, Silver, Gold, Platinum e Legendary. La divisione di appartenenza determinerà quale distintivo comparirà sulla targa del giocatore e anche la velocità con cui potrà guadagnare le ricompense della Lega. I migliori 250 giocatori di ogni regione saranno inclusi in una classifica speciale, dove competeranno tra loro per ricevere titoli esclusivi.
Per rendere la valutazione delle skill il più accurata possibile, sono state studiate alcune accortezze: ogni stagione partirà con un azzeramento della valutazione precedente, dopodiché il giocatore dovrà disputare dieci incontri per ottenere la valutazione con cui iniziare la nuova stagione; in aggiunta ci sarà la possibilità di decadere dalla propria posizione: “Dopo tre giorni di inattività, la valutazione del giocatore comincerà a scendere, fermandosi dopo sette giorni” precisa il programmatore. Anche le sconfitte contribuiranno a far scendere di divisione il giocatore, aumentando così la probabilità di scontrarsi con avversari di pari livello.


Botte e bottini
Anche la distribuzione delle ricompense non è esente da questa ristrutturazione del PvP: la regressione dei pip è stata eliminata, mentre il numero dei pip necessari al completamento di una serie di ricompense è stato riequilibrato, anche grazie all’aggiunta di nuovi metodi di guadagno: partecipare ai match di Lega garantirà sempre una piccola ricompensa, anche se si verrà sconfitti; tra l’altro guadagnare top stats e giocare nelle divisioni più alte rimpinguerà ulteriormente la vostra scorta di pip. Compare inoltre una nuova valuta guadagnabile: “Servirà ad acquistare il set di armature ascended che si preferisce” spiega Lesh. “Prima l’unico modo per ottenere un’armatura ascended nel PvP era trovarla per caso in qualche serie di ricompense. La nuova valuta e l’apposito venditore serviranno a riportare l’equilibrio tra il PvP e il resto del gioco”. Gli equipaggiamenti ascended rimarranno comunque ottenibili tramite i match di lega e le ricompense.
Per quanto riguarda i punteggi personali, vedremo le statistiche ridursi in categorie più essenziali: danni fatti, guarigioni effettuate, uccisioni, morti, riprese e due statistiche specifiche delle modalità di gioco, difesa e offesa, che registreranno il contributo al punteggio di squadra del giocatore. Le top stats saranno calcolate per squadra e alla fine di ogni match ci sarà la possibilità di vedere chi si è aggiudicato determinati riconoscimenti.


Hammer high
Ultima, ma non meno importante, la modifica alla rotazione delle mappe della Ranked Arena: la modalità Stronghold lascerà la selezione, sostituita dalla Skyhammer. Una mossa audace, considerando che la modalità Stronghold è molto amata dai giocatori; ma secondo Lesh questo cambiamento era assolutamente necessario: “Vogliamo che le Leghe rappresentino le skill dei giocatori nella maniera più accurata possibile. Con la Stronghold nella Lega alcuni giocatori non si scontrerebbero per stagioni intere. Eliminandola, si avrebbe un maggior numero di avversari a disposizione, quindi le valutazioni sarebbero fatte in relazione all’intera base di giocatori”.
Vi ricordiamo inoltre che l’evento del Wintersday Festival tornerà il 13 dicembre e durerà fino al 10 gennaio.
Recensione Videogioco GUILD WARS 2: HEART OF THORNS scritta da LEXIE Tra piacevoli sorprese e qualche cambiamento inaspettato, l’aggiornamento del PvP di Guild Wars 2 ne cambia le fondamenta, prospettandosi come un’esperienza di gioco imprevedibile e appagante.
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
caricamento in corso...
SCREENSHOTS
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2017 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.