Anteprima di Divinity: Original Sin II

Copertina Videogioco
  • Piattaforme:

     PC
  • Genere:

     Gioco di ruolo
  • Data uscita:

     14 settembre 2017
ASPETTATIVE
- Nuove opzioni per la creazione del personaggio
- Totale libertà di approccio alle missioni
- Quest personali legate a ciascun personaggio
A cura di (Dark Nightmare) del
Dopo il successo del primo Divinity: Original Sin, a Colonia abbiamo avuto modo di vedere alcune delle novitá portate dal suo sequel, dall´originale titolo: Divinity: Original Sin II. Analizziamole insieme.


La mia storia
La prima novità visibile sin dal momento della creazione del personaggio è la possibilità di scegliere tra razze differenti: umano, lucertola, nano, elfo. Gli sviluppatori hanno detto che cercheranno di inserire anche i non-morti tra le razze disponibili, ma nella presentazione di Colonia questa razza era assente. A seconda della razza (e del sesso) che sceglieremo, avremo relazioni diverse con i personaggi all'interno del gioco: alcuni odiano le lucertole, altri provano simpatia per i nani e così via. A questo si vanno ad aggiungere le "origins story", vale a dire il background narrativo del nostro personaggio. Potremo scegliere tra diverse opzioni, alcune legate a razze specifiche ed altre selezionabili indipendentemente dalla razza: ciascuna di esse ci farà vivere l'avventura come quel preciso personaggio, dando vita ad una serie di quest personali non disponibili per gli altri. E' prevista anche la possibilità di scegliere un personaggio neutrale, senza alcuna storia di background, ma in questo caso non potremo accedere alle quest personali, per ovvi motivi. I personaggi delle "origins story" che non avremo scelto potranno essere trovati nel mondo di gioco e reclutati all'interno del proprio party, che potrà contenere fino ad un massimo di quattro giocatori (sia reali che controllati dalla CPU). Se vorremo reclutare un quinto membro, saremo costretti a cacciare prima uno di quelli già all'interno del gruppo. I personaggi delle "origins story" che si muovono per il mondo di gioco hanno una loro vita e potranno essere anche uccisi, in quanto Original Sin II, come il proprio predecessore, offer un'assoluta libertà d'interazione con gli altri personaggi. Si aggiunge poi la possibilità di inserire dei “tags” per il nostro personaggio che andranno a definire il suo carattere: saremo persone divertenti? Saremo nobili eroi rinomati dai nostri concittadini? Saremo noi a deciderlo. Ciascuna caratteristica apre scelte di dialogo altrimenti non disponibili, che ci permetteranno di ottenere il favore dei nostri interlocutori, di intimorirli e cosi via. Potremo infine selezionare una classe predefinita per giocare tra le classiche degli RPG occidentali (mago, guerriero, etc), ma gli sviluppatori hanno inserito anche l'opzione di creare da zero la propria classe, settando ogni parametro a proprio piacimento, in modo da accontentare sia i novizi, che potranno gettarsi nell'avventura con una delle classi già testate dai creatori del gioco, sia i veterani che vorranno testare la propria abilità. Infine, potremo selezionare uno strumento musicale che accompagnerà i momenti salienti della nostra avventura, scegliendo tra flauto, violino ed altro ancora.


Il mio personaggio
Come possiamo vedere, la libertà gioca un ruolo fondamentale in Original Sin II. Rimanendo su questa linea, saremo in grado di selezionare le abilità del nostro personaggio da una rosa piuttosto ampia, e queste abilità si svilupperanno in modo diverso a seconda della razza scelta. Ad esempio, ci è stata mostrata l'abilità di mangiare i corpi dei nostri nemici: se utilizzata da un elfo, essa permette di venire a conoscenza dei ricordi della persona morta, rivelandoci importanti informazioni per proseguire nella storia, un'altra abilita ci permetterà di parlare con gli animali, che potrebbero avere per noi segreti che ci aiuteranno nelle nostre quest o che potrebbero addirittura aprire nuove storyline, e così via. 
Il focus sul comparto narrativo vale non solo per i protagonisti (giocanti e non) ma anche per i nemici: a detta degli sviluppatori, non ci saranno solamente bianco e nero nella storia, ciascun personaggio avrà le sue motivazioni, rendendo il confine tra buoni e cattivi molto labile, proprio come nella realtà. Inoltre, se anche nel mondo di gioco ci saranno antipatie tra razze, non è detto che tutti gli esponenti di un certo popolo provino gli stessi sentimenti dei loro consanguinei. Tutto dipende dalle storie personali di ciascuno, con l'intenzione di rendere il mondo di gioco un'entità viva e pulsante.
Come detto in precedenza, potremo affrontare l'avventura con altri tre compagni online, e in questo caso è possibile che le storie dei nostri personaggi vadano ad intersecarsi in molti modi. Può darsi, ad esempio, che un giocatore abbia la missione di uccidere un certo personaggio che però serve vivo a un altro giocatore: questo contribuisce a sviluppare anche un certo spirito competitivo nel titolo, perché alla fine saremo in grado di vedere chi ha completato più missioni tra i giocatori.


Il mio mondo
Dal punto di vista tecnico, il gioco si difende bene, godendo di un engine costruito in-house dal team Larian. Rispetto al primo titolo sono state migliorate le animazioni cosi come gli effetti particellari, e sebbene non si possa parlare di capolavoro, si può comunque godere dello spettacolo visivo offerto dalle ambientazioni variegate proposte dal mondo di gioco. Con una release prevista per fine anno, dubitiamo che ci saranno grossi passi in avanti da questo punto di vista, ma non è escluso che gli sviluppatori possano continuare a migliorare il gioco anche dopo la release, magari risolvendo i piccolo difetti di compenetrazione dei poligoni visti nella sessione presentata qui alla Gamescom.
Recensione Videogioco DIVINITY: ORIGINAL SIN II scritta da DARK NIGHTMARE Divinity: Original Sin II vuole espandere tutto ciò che era il suo predecessore, proponendo una maggiore libertà per la creazione del personaggio e un rinnovato focus sulla storia. Non abbiamo potuto vedere tutte le novità di questo sequel, che saranno mostrate col tempo, ma le premesse per un gioco che saprà fare la gioia degli amanti del genere ci sono tutte. Attendiamo con ansia la release definitiva, mentre ricordiamo che il gioco sara già in early access su Steam a settembre.
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
    Commenti: 5 - Visualizza sul forum
  • lollo_dwlin
    lollo_dwlin
    Livello: 5
    Post: 1449
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Non scordiamoci capolavori come pillars of eternity che mi ha garbato non poco!! Questo genere mi cattura sempre, non so il perche, ma forse il suo stile impareggiabile e la possibilità di gestire un gruppo in un mondo fantastico e vivere una storia fuori da ogni regola, mi regala sempre grandi emozioni!!!
  • lollo_dwlin
    lollo_dwlin
    Livello: 5
    Post: 1449
    Mi piace 1 Non mi piace -3
    Ritengo questi giochi, veri e propri capolavori, come lo furono bardurs gate, hacewindale, divinity e altri. Veri e proprie pietre miliari del mondo videoludico. Non vedo l'ora di metterci le mani sopra!!!
  • SoulCalibuRULER
    SoulCalibuRULER
    Livello: 4
    Post: 1253
    Mi piace 2 Non mi piace 0
    le abilità che io ritenevo fondamentali erano parlare con gli animali e lo scassinamento (per evitare grossi backtracking). in questo sequel già mi ci vedo con un elfo arciere scassinatore (il mio sogno bagnato nei gdr) e una lucertola in contatto con gli animali che odia la razza umana. e la cosa più bella sarà poter impostare il carattere della lucertola affinchè sia scontroso verso gli umani nel gioco e non solo il frutto della mia interpretazione. le origins story concretizzate poi nelle quest sono una cosa fantastica dato che nel primo c'era un accenno ma non aveva nessun riscontro successivo. per la grafica non mi aspetto il miracolo...solo la perfezione del primo, senza bug, glitch o difetti grossi. alla fine è un isometrico fantasy, basta che sia molto colorato e pittoresco. unico difetto a parer mio del primo era l'inventario: difficile da gestire per i troppi oggetti diversi, macchinoso per via dei quattro inventari del party e pesante quando dovevi far vendere tutta la merce posseduta dal team all'unico membro con reputazione alta....un casino ogni volta. per non parlare della merce negli zaini che doveva prima essere spostata fuori e poi venduta
  • p3trucci
    p3trucci
    Livello: 4
    Post: 664
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    il primo è stato un capolavoro...assolutamente da prendere anche questo.
  • TwoPunchMan
    TwoPunchMan
    Livello: 1
    Post: 24
    Mi piace 2 Non mi piace 0
    Assolutamente da provare allora
caricamento in corso...
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2017 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.