Recensione di The Girl and the Robot

Copertina Videogioco
  • Piattaforme:

     PC
  • Genere:

     Azione
  • Lingua:

     Italiano
  • Data uscita:

     18 agosto 2016 (PC), entro l'anno su PS4 e WiiU
- Buone meccaniche di cooperazione tra i due personaggi...
- Puzzle ben congegnati
- ... Anche se un po' troppo farraginose
- Molte aree sono desolate e anonime
- Non riesce a trasmettere ciò che vorrebbe
A cura di (Valthiel) del
Non siete stati i soli ad essere tratti in errore quando avete scoperto per la prima volta The Girl and the Robot. Il modo di presentare il gioco, quelle atmosfere da fiaba decadente dove impera la solitudine e un forte senso di abbandono, una bambina rinchiusa nella prigione di un castello e un robot come amico: tutto, in effetti, faceva pensare a un'opera sulla falsariga del mai troppo lodato ICO. Eppure The Girl and the Robot, in fin dei conti, si è rivelato un titolo piuttosto diverso rispetto dal capolavoro di Ueda, distante da quell'impostazione di gioco; al contrario, possiede delle meccaniche più vicine a quelle tipiche di un puzzle game, dove la cooperazione e l'uso delle diverse abilità dei due personaggi hanno più peso di ogni altro elemento.


Cuore di bimba, cervello di latta
Il primo impatto col gioco è un po' spiazzante. Non per le immagini che si vedono su schermo, ma per il disperato tentativo di comunicare delle emozioni al giocatore senza tuttavia riuscirci. La sequenza iniziale è goffa, ha dei tagli mal gestiti, la grafica è un po' scarna e ciò che viene mostrato non riesce a far immedesimare nel gioco chi sta per affrontare l'avventura; al contrario, lascia indifferenti e con una strana sensazione di imbarazzo.
Accantonato il filmato - dove la bambina viene liberata dalla sua prigione da un misterioso anziano che aziona una leva - The Girl and the Robot mostra dei segni di ripresa. Lo fa nel momento in cui la piccola protagonista incontra un robot, immobile al centro di una gabbia circolare sospesa; dal momento in cui, insomma, i due diventeranno dei compagni d'avventura. 
Gli intermezzi musicali, all'inizio, sottolineano i momenti in cui i due sono vicini e si danno manforte; ma lungo il resto del gioco è un elemento che viene messo da parte, lasciando il posto a quell'obbligo di praticità che andrà avanti per tutta la storia, chiudendo la strada a momenti poetici o di grande impatto emotivo. Quando questi si presentano, lo fanno con sin troppa debolezza; ed è francamente un peccato, perché The Girl and the Robot – per quanto riguarda il concept – ha davvero del gran potenziale. 
Al di là di tutto ciò, The Girl and the Robot è ben strutturato e presenta dei puzzle ben congegnati, che vi costringeranno spesso a un continuo "ping-ping" tra i due personaggi. La bambina è meno pesante e può saltare più in alto, raggiungendo aree che al robot sono precluse; è però totalmente indifesa, e nel momento in cui si trova di fronte a un nemico armato deve immediatamente fuggire, rifugiarsi da qualche parte e lasciare la strada al suo compagno di metallo. Il robot reca con sé una spada e uno scudo, può schivare i colpi con un salto verso dietro ed è l'unico personaggio in grado di difendere e offendere. Va però considerato che farlo avanzare per primo non è sempre la più efficace delle strategie, perché talvolta i livelli presentano delle insidie inaspettate come l'apertura di porte che liberano dei nemici, l'attivazione di trappole e meccanismi che si mettono in funzione dopo aver tirato delle leve. Potrete portare la bambina con voi issandola e posandola sulla vostra spalla, ma in quel caso sarete impossibilitati a usare la spada. Bisogna dunque progredire con attenzione, capendo quando è possibile muoversi con relativa sicurezza e quando invece è meglio passare continuamente tra un personaggio e l'altro per accorciare le distanze e non trovarsi in situazioni spiacevoli.


Metal Knight
La ragazzina è in sostanza la più debole tra i due personaggi, ma è anche l'unica che può lenire le ferite di battaglia del robot, il quale dispone di un vero e proprio moveset che costituisce il sistema di combattimento. I movimenti comprendono una poco aggraziata schivata (fondamentale per non trovarsi nei pressi dell'esplosione provocata dai nemici meccanici che si autodistruggono quando vengono sconfitti), una lenta parata con lo scudo e dei colpi semplici che che possono essere eseguiti fino a un massimo di tre consecutivi. È insomma tutto molto semplice e basilare, e vi basterà qualche minuto per capire quali sono i tempi di attacco e difesa per avere sempre la meglio contro i nemici. Il robot può anche utilizzare un arco, ma si tratta di un'arma che vi tornerà più utile quando durante la risoluzione dei puzzle dovrete colpire dalla distanza alcuni bersagli, così da attivare dei meccanismi e proseguire lungo l'avventura. 
Il level design di The Girl and the Robot non è molto articolato e complesso, ma offre alcuni spunti degni di nota soprattutto nella sezione comprendente un labirinto o quando bisogna incamminarsi lungo deviazioni multiple per risolvere dei puzzle. In generale (e ciò vale in particolar modo con una boss fight importante) si nota come alcune soluzioni siano assai simili a quelle adottate nei giochi di almeno un paio di generazioni fa, con arene circolari da cui si dipanano diversi corridoi o con piazze di forma irregolare ai cui margini si trovano delle cancellate da superare o dei covi di nemici. Gli sviluppatori sono dei veterani dell'industria, ma The Girl and the Robot è un titolo a basso budget che non va oltre l'essenzialità e al di là di escamotage già visti in sin troppi platform e puzzle-game. 
I limiti concettuali vanno a braccetto con quelli tecnici, che anzi sono ancora più evidenti all'interno della produzione. A tal proposito, vanno segnalati degli ambienti disadorni e anonimi, realizzati tramite una modellazione poligonale altalenante e alquanto deficitaria. L'aspetto generale è buono, ma l'intenso color seppia che ammanta gli ambienti tende ad appiattire e appesantire gli antri e gli esterni del castello prospiciente il villaggio in cui, talvolta, è necessario tornare per via di un obbligato backtracking.
Non mancano bug e glitch dovuti ad alcune compenetrazioni tra gli oggetti, mentre la colonna sonora si limita a sottolineare i momenti clou senza mai sfociare in melodie drammatiche o particolarmente memorabili. Tuttavia The Girl and the Robot è un titolo discreto, sebbene assai derivativo, che riuscirà a intrattenervi per una mezza dozzina di ore. 

Hardware
MINIMI:

Sistema operativo: Windows XP SP3
Processore: Intel Core 2 Duo
Memoria: 4 GB di RAM
Scheda video: Direct 9 compatible card
DirectX: Versione 9.0
Memoria: 4 GB di spazio disponibile
Recensione Videogioco THE GIRL AND THE ROBOT scritta da VALTHIEL Chi cercava un erede in salsa indie di ICO deve volgere le sue mire altrove o attendere speranzoso che qualcuno possa esaudire questo desiderio, ma se siete amanti dei platform-puzzle dove la cooperazione tra due personaggi è essenziale, potrete dare una chance a questa insolita coppia.
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
    Commenti: 2 - Visualizza sul forum
  • XCOM
    XCOM
    Livello: 6
    Post: 2559
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    mmm un gioco che promette un futuro di giochi che guardano con un occhio più attento al gameplay? quetso ho pensato e non solo visionando la recensione di questo gioco ma anche altri titoli,gli sviluppatori stanno finalmente capendo che cè bisogno di lavorare sul un progetto mettendo insieme un pò di tutto.Ho detto questo però bisogna ragionare che solo piccoli sviluppatori guardano in un panorama più ampio,le grandi industrie fanno sempre i giochi standardizzati sia di genere che gameplay,i piccoli lavori come questo devono affrontare diverse insidie,prima di tutto l'impatto grafico che toglie una buona percentuale di aquirenti e non solo occasionali videogiocatori,poi un gameplay a cui non si è abituati (potrei anche dire che non si è abituati ad andare di logica insomma ragionare ormai...),come possono titoli del genere uscire illesi da critica e publico? non possono sopratutto se non offrono una dose di gameplay raffinato o grafica almento ultra dettagliata,una generazione difficile sopratutto se pensiamo che girano giochi che non dovrebbero nemmeno portare il nome videogames tanto sono buggati oppure quasi delle tech demo ma che in qualche modo vengono venduti a prezzi perfino alti e vendono!,ditemi,con queste premesse come se ne esce fuori da questo panorama ludico dove le persone non riescono a distinguere immondizia ben confezionata da titoli discreti del tipo "può dare di più ma non si impegna" quando il massimo invece lò si dà ma non basta,traetene le giuste riflessioni da questo mio ragionamento.
  • bethlehem
    bethlehem
    Livello: 7
    Post: 3388
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    insomma lontano da un capolavoro ma giocabile.penso gli darò una possibilità
caricamento in corso...
SCREENSHOTS
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.