Recensione di Hard Reset: Redux

Copertina Videogioco
  • Piattaforme:

     PC
  • Genere:

     Sparatutto
  • Sviluppatore:

     Flying Wild Hog
  • Lingua:

     Inglese, Francese, Tedesco, Polacco
  • Giocatori:

     Singolo
  • Data uscita:

     TBA 2016
- Lanciarsi in battaglia con la katana è una goduria
- Tutto il buono del gameplay originale è riproposto integralmente
- Positiva rivisitazione del sistema di illuminazione…
- …ma dal punto di vista grafico si poteva fare di più
- Lo scatto rapido, forse, facilita un po’ troppo gli scontri
Loading the player ...
A cura di (Mastelli Speed) del
Lo sviluppatore Flying Wild Hog ha di certo mostrato una particolare cura nei confronti di uno dei suoi prodotti di punta, ovvero Hard Reset; uscito originariamente nel 2011, questo sparatutto in prima persona ha visto poi nel 2012 l’arrivo di una versione Extended, e ora di una scintillante edizione rivista e ampliata. Scopriamo allora se Hard Reset Redux riesce nella duplice impresa di far riappassionare i fan della prima ora, nonché di intrigare nuovi utenti.



Una città tranquilla
Hard Reset Redux comprende tutti i contenuti rilasciati dal 2011 ad oggi: ciò significa che, accanto ai sette livelli che compongono la campagna originaria, trovano posto anche le cinque ambientazioni incluse nella versione Extended, nonché la modalità survival, anch’essa introdotta nel 2012.
Il fulcro della narrativa, dunque, è sempre il maggiore Fletcher, che verrà invischiato in una storia fatta di una città oramai in balia delle macchine, di corporazioni senza scrupoli, e di personaggi che non riveleranno immediatamente la loro vera natura. Dal punto di vista della narrazione vera e propria, come prevedibile, Hard Reset Redux non propone alcun cambiamento di sorta: il compito di illustrare la vicenda, infatti, è affidato alle ormai familiari cutscene statiche, e presentate a mo’ di fumetto. Consci di questo, abbiamo iniziato la campagna principale memori della nostra esperienza precedente col titolo; la prima immagine che ci è venuta alla mente, ripensando alla nostra prima run di Hard Reset, includeva proprio un quadro pieno di esplosioni, ferraglia assortita, e livelli pieni di elementi da distruggere e far esplodere. Il primo impatto con Hard Reset Redux, in effetti, è stato proprio così, anche se di tanto in tanto ci siamo sentiti un po’ disorientati; la disposizione dei nemici, ora, appare leggermente differente dal passato, mentre non hanno subito variazioni gli obiettivi da raggiungere. Difatti, per la maggior parte del tempo il giocatore sarà chiamato ad attivare interruttori che, una volta innescati, garantiranno l’accesso a nuove aree pullulanti di nemici da abbattere. Il fulcro dell’esperienza di gioco, ovvero la possibilità di sparare all’impazzata e di far saltare in aria praticamente ogni cosa presente su schermo, è ancora ben radicata, e in effetti ci ha ricordato con quanta soddisfazione abbiamo affrontato, nel 2011, la nostra run originaria. Vero è però che, dal punto di vista del gameplay, il gioco non mostra numerose differenze sostanziali; anche in Hard Reset Redux, infatti, partiremo con due armi di base, corrispondenti a un fucile d’assalto e ad un fucile al plasma. Le consuete cabine sparse per i livelli, poi, consentiranno di effettuare l’upgrade dell’equipaggiamento e delle armi; ciò permetterà di contare su dei veri e propri arsenali mobili comprendenti attacchi pesanti e a corto raggio, ma anche soluzioni capaci di immobilizzare i nemici per breve tempo.



Era davvero una spada di Hattori Hanzo
Le aggiunte più evidenti di questo Hard Reset Redux, in ogni caso, coinvolgono i combattimenti. Durante uno dei primi livelli di gioco, infatti, incontreremo una nuova tipologia di nemico, quella dei zombie cyborg. Di per sé, questa minaccia non presenta particolari pericoli, visto che i non morti si limiteranno esclusivamente a camminare verso di noi. La loro presenza, però, oltre ad essere assai indicata in alcuni livelli (pensiamo allo stage ambientato nell’ospedale), rappresenta il complemento alla nuova arma inserita nel gioco. Durante la parte centrale del quarto livello, infatti, entreremo in possesso della cyber katana: una nuova, goduriosa opzione per gli attacchi corpo a corpo. C’è da dire che utilizzare indiscriminatamente quest’arma contro qualsiasi tipo di nemico, in effetti, vorrà dire andare incontro a morte certa, considerato che alcune delle macchine ribelli che ci daranno addosso sono pensate proprio per esplodere nelle nostre vicinanze. Se ci si lancia con la propria katana contro avversari di questo tipo, dunque, il risultato non può essere che la propria dipartita.
Al contrario, la katana brilla proprio negli scontri contro i nuovi zombie cyborg, ma anche – insospettabilmente – contro i robot lenti e di maggiori dimensioni, a causa anche di una nuova aggiunta al gameplay, ovvero lo scatto rapido. Questa nuova mossa, in sostanza, rappresenta uno spint iniziale di maggiore portata rispetto allo scatto tradizionale, che si rivela di grande utilità proprio negli scontri in cui il nostro avversario cerca di correre velocemente verso di noi, oppure sta sventagliandoci contro missili e proiettili vari. La mossa in questione è talmente utile che, paradossalmente, rende a volte più semplici gli scontri più concitati, difatti mitigando il livello di difficoltà che, comunque, rimane sempre intenso, specie ai livelli più alti. Per quanto riguarda il sistema di controllo, va constatato un migliore feedback del gioco rispetto ai comandi impartiti via pad; in ogni caso, vale la pena sottolineare comunque come l’opzione regina, sotto questo punto di vista, sia ovviamente rappresentata dall’accoppiata mouse e tastiera.



Una nuova luce
Sotto il profilo grafico, i ritocchi maggiori hanno riguardato il sistema di illuminazione, che in alcune situazioni propone un aspetto piuttosto differente rispetto alla versione del 2011. Non sembra si possa dire lo stesso delle texture, che per gli standard attuali sembrano mancare, talvolta, di una buona definizione. Difatti, questo Hard Reset Redux non propone, dal punto di vista grafico, un feeling complessivo così differente dall’originale: da questa angolazione, probabilmente, si poteva fare di più. In ogni caso, sono soprattutto i livelli ambientati all’aperto, inseriti con il DLC del 2012, quelli che beneficiano del rinnovato sistema di illuminazione, proponendo scorci di una certa qualità.
Quello che si presentava come un gioco tutto sommato leggero nel 2011, poi, ha mantenuto tale vocazione anche in questa nuova versione aggiornata; Hard Reset Redux è difatti un gioco leggero dal punto di vista hardware, e che presenta dei caricamenti realmente più rapidi rispetto alla controparte originale. Il solo caricamento iniziale, ad esempio, ora richiede circa la metà del tempo impiegato dalla versione di cinque anni fa. La leggerezza appena citata fa il paio, poi, con una consistente scalabilità: un fattore, questo, che consente di intervenire con precisione su differenti aspetti relativi a filtri e componenti grafiche avanzate.
Ottimo, infine, il comparto audio, che propone accompagnamenti sonori in linea con l’ambientazione cyberpunk, e un doppiaggio in inglese (con sottotitoli in inglese) senza particolari sussulti.

Hardware
Requisiti minimi:
Sistema operativo: Windows XP or Later
Processore: 2.5 GHz Intel Pentium 4 / AMD Athlon 64
Memoria: 2 GB di RAM
Scheda video: 512 MB NVIDIA GeForce 8800GS / ATI Radeon HD 3870 or better
DirectX: Versione 9.0c
Memoria: 5 GB di spazio disponibile
Recensione Videogioco HARD RESET: REDUX scritta da MASTELLI SPEED Hard Reset Redux propone alcuni cambiamenti interessanti nell’ambito di uno sparatutto che si conferma, ancora oggi, come un titolo estremamente valido. L’esperienza di gioco è divertente, frenetica e senza soste, e beneficia dell’aggiunta della katana, che regala una nuova dimensione tattica agli scontri corpo a corpo. L’introduzione dello scatto rapido, poi, dà al giocatore una nuova e potente opzione difensiva, che però rischia di semplificare un po’ troppo gli scontri contro gli avversari più grossi e lenti. La grafica, infine, beneficia sicuramente del rinnovamento del sistema di illuminazione, mentre pare stentare dal punto di vista della resa visiva delle texture, che non sembrano essere state interessate in maniera importante dal rinnovo del motore grafico. In conclusione, questa versione rinnovata del gioco Flying Wild Hog rappresenta ancora oggi un ottimo sparatutto in prima persona: non sappiamo con esatta certezza, però, se le aggiunte proposte possano giustificare l’acquisto per i possessori dell’originale.
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
    Commenti: 12 - Visualizza sul forum
  • PsychoPlay
    PsychoPlay
    Livello: 2
    Post: 108
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da bassplayercasale
    Un bel multiplayer old school ci stava tutto !


    Un Multiche????
  • f0ssile
    f0ssile
    Livello: 6
    Post: 688
    Mi piace 2 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da JigenDaisuke
    Questa versione è purtroppo graficamente inferiore all'originale. Video comparativo: https://www.youtube.com/watch?v=oOHNo2sa9-Y
    Già.

    Possibile che un recensore di giochi PC non se ne accorga?
    La - positiva per lui - rivisitazione dell'illuminazione consiste nell'averla tolta... (Almeno risparmiaci da commenti simili)

    Non so se sia meglio che un redattore si faccia infinocchiare o che menta consapevolmente...

    Trattasi di truffa bella e buona, visto che l'originale l'hanno tirato spesso su Steam.

    Operazione frutta-soldi pura; Dubito che, lavorandoci meglio, non avrebbero raggiunto su console la resa di un gioco PC 2011.

    Hanno anche avuto il coraggio di negare il downgrade affermando che hanno migliorato il gioco movimento (?). Pecacto per loro che il video parla chiaro e in movimento...

    Spero che su Steam ci sia un fottio di richieste di risarcimento.
  • JigenDaisuke
    JigenDaisuke
    Livello: 3
    Post: 2665
    Mi piace 4 Non mi piace 0
    Questa versione è purtroppo graficamente inferiore all'originale. Video comparativo: https://www.youtube.com/watch?v=oOHNo2sa9-Y
  • Jaxk
    Jaxk
    Livello: 0
    Post: 169
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Si sa se esce una versione retail come per Shadow warrior?
  • bassplaye...
    bassplaye...
    Livello: 3
    Post: 601
    Mi piace 0 Non mi piace -2
    Un bel multiplayer old school ci stava tutto !
  • The Elder...
    The Elder...
    Livello: 6
    Post: 717
    Mi piace 6 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da IlCavaliereOscuro
    OK, ma è lo stesso gioco riproposto per la 3 volta!


    Veramente sono due, l'originale su PC e questo su console, Exile è solo un espansione.
  • The Elder...
    The Elder...
    Livello: 6
    Post: 717
    Mi piace 2 Non mi piace 0
    Finito di scaricare da Steam, in poco meno di 30 minuti ho finito i primi 2 livelli praticamente con "ZERO" impegno, la schivata rende troppo facile l'avanzamento, graficamente è peggiorato a mio modo di vedere, si deve pur sacrificare qualcosa per girare a 60fps su console, è questo si nota praticamente dappertutto, le armi, la fisica, gli effetti particellari quasi non si vedono, hanno eliminato il filtro FSAA sostituito dal misero FXAA, meno impostazioni grafiche, tutto questo si nota nelle prestazioni, più di 150fps tutto al massimo, l'originale su PC era uno spettacolo, schegge, scintille, nessuna facilitazione al gameplay, nonostante le critiche lo finirò più volte per sbloccare tutti i potenziamenti.
  • Steve69
    Steve69
    Livello: 9
    Post: 2892
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    "Lo scatto rapido, forse, facilita un po’ troppo gli scontri" quando ho letto questo difetto ho pensato, è esattamente la stessa cosa che ho pensato io vedendo i gameplay prima dell'uscita, comunque il gioco resta stupendo, e che sia un filo semplificato ci sta, il gioco era veramente difficile soprattutto ai livelli piu alti di difficoltà
  • T87
    T87
    Livello: 3
    Post: 3943
    Mi piace 1 Non mi piace -1
    Originariamente scritto da buconerosenzafine
    A me anche l'originale è piaciuto da morire!!! Sono però indeciso nell'acquisto di quest'ultimo, ho controllato ora su steam, e se avete l'originale lo pagate solo 3 euro (stessa cosa per dead island definitive edition), direi che ne vale la pena Vi saprò dire e comunque bella recensione.

    ... oddio, non sapevo di Dead Island!
  • IlCavalie...
    IlCavalie...
    Livello: 6
    Post: 431
    Mi piace 1 Non mi piace -1
    OK, ma è lo stesso gioco riproposto per la 3 volta!
  • xXProphet56Xx
    xXProphet56Xx
    Livello: 7
    Post: 861
    Mi piace 4 Non mi piace 0
    Che strano effetto vedere il pentium 4 tra i requisiti di sistema di un videogame del 2016 anche se si tratta di una versione aggiornata del titolo uscito nel 2011. L'ultima volta che lo vidi nei requisiti fu tipo nel 2008 con alone in the dark
  • buconeros...
    buconeros...
    Livello: 2
    Post: 23
    Mi piace 5 Non mi piace 0
    A me anche l'originale è piaciuto da morire!!! Sono però indeciso nell'acquisto di quest'ultimo, ho controllato ora su steam, e se avete l'originale lo pagate solo 3 euro (stessa cosa per dead island definitive edition), direi che ne vale la pena Vi saprò dire e comunque bella recensione.
caricamento in corso...
SCREENSHOTS
RECENSIONI E SPECIALI CORRELATI
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.