Recensione di Wars of Napoleon

- Accurata ricostruzione storica del periodo napoleonico
- Approfondito focus sull'aspetto bellico
- Ben 3 scenari e 3 campagne
- Il motore di gioco zoppica parecchio
- Qualche crash di troppo
- Schermate e pannelli non sempre chiari
A cura di (Spikedani) del
L’assoluto, la cosiddetta certezza matematica, non trova in nessun luogo una base solida nel calcolo della guerra”. Questa citazione tratta dal Della Guerra - Vom Kriege in lingua originale - uno dei più celebri manuali sull'arte militare, scritto dal generale prussiano Karl von Clausewitz, racchiude in sé l’essenza delle contese che imperversarono in tutta Europa a cavallo tra il XVIII ed il XIX secolo. Napoleone Bonaparte, Michel Ney,  Arthur Wellesley e Gebhard Leberecht von Blücher furono solo alcune delle figure storiche che brillarono in quegli anni, veri e propri geni della tecnica militare e della tattica, in grado di elaborare complesse strategie, piani di vasta portata in un clima di costante incertezza e i cui nomi tuttora rimangono impressi nella mente degli appassionati di storia militare. Proprio per l’abbondanza di queste personalità e per le numerose battaglie che si sono susseguite una dopo l’altra tra la Francia e le molteplici Coalizioni che le si sono contrapposte, il periodo delle Guerre Napoleoniche è uno dei più sfruttati in ambito videoludico, soprattutto quando si parla strategici: Napoleon: Total War, March of the Eagles, Scourge of War: Waterloo sono solo alcuni titoli della lunga lista, cui va ora aggiunto anche Wars of Napoleon, wargame a turni sviluppato da AGEOD e prodotto da Slitherine Ltd. che, con un anno di ritardo rispetto alla prima pubblicazione, il 5 maggio è divenuto disponibile anche su Steam.

     
"Niente si ottiene in guerra se non per mezzo di precisi calcoli" 
Prima di addentrarci nell’analisi di Wars of Napoleon, è bene spendere qualche parola su AGEOD. Per chi non la conoscesse, la software house è sinonimo di wargame e nel suo curriculum appaiono titoli come Thirty Year’s War, To End All Wars e Hannibal: Terror of Rome, produzioni tutte accomunate dalla maniacale ricostruzione storica degli eventi e dei luoghi. Wars of Napoleon segue in pieno lo scia e si propone come una vera gioia per gli amanti del periodo storico delle Guerre Napoleoniche, dato che fino alla più piccola città presente sulla mappa rispecchia alla perfezione ciò che era tra il 1805 ed il 1815.  La fedeltà di Wars of Napoleon emerge non appena si entra nella modalità principale, dove sono presenti ben tre scenari e tre campagne differenti. In generale, la prima tipologia di gioco è limitata a un territorio più circoscritto, mette in scena un evento particolare e coinvolge un numero minori di fazioni. Nello specifico il primo scenario, utile per prendere confidenza con le complesse meccaniche di Wars of Napoleon, racconta gli ultimi giorni del generale corso dopo la sua fuga dall'isola d'Elba ed è concentrato nella zona di confine tra il Belgio e la Francia nel giugno del 1815. La difficoltà aumenta leggermente nel secondo scenario, che porta indietro le lancette dell'orologio fino all'ottobre 1815, nei fatidici giorni che precedettero la battaglia di Austerlitz, che vide contrapporsi  il nascente impero francese e quello decadente austro-ungarico. Infine, l'ultimo scenario racconta la vittoriosa campagna di Prussia di Napoleone, quando nel 1807 l’esercito francese si spinse fin dentro Berlino e costrinse le forze tedesche alla ritirata verso est. Per calare ancora di più il giocatore dentro l'atmosfera di quei giorni, tutti gli scenari sono introdotti ed accompagnati da un accurato resoconto storico che narra in dettaglio tutte le motivazioni che hanno determinato i vari schieramenti, le alleanze e le disposizioni delle truppe sui confini. Avviando uno di questi tre brevi scenari, come sopra detto, il giocatore avrà a disposizione una breve porzione dell'Europa, molte delle peculiarità della campagna che introdurremo più avanti sono inibite e tutta l'azione verterà attorno all'aspetto bellico, dato che le alleanze e le fazioni nemiche sono già determinate. Le tre campagne si caratterizzano invece per abbracciare un lasso di tempo più ampio - approssimativamente dal 1805 fino al 1815 - e per estendere il proprio raggio di azione su tutta l’Europa. A dire il vero, in questa modalità di gioco sono presenti anche alcune regioni chiave extra-europee, come i territori dell’America del Nord, le isole dell’Atlantico o, ancora, gli Urali ma la scelta di relegare queste regioni dentro dei box a sé stanti posti ai bordi della mappa non si è rivelata un’ottima trovata. All'interno della campagna le fazioni giocabili aumentano in modo notevole, e l’Impero Ottomano o della Spagna sono direttamente gestibili, così come assumono una maggiore importanza anche le fazioni minori, non giocabili, ma che svolgono un ruolo fondamentale nel balletto delle alleanze: la diplomazia ha infatti un’importanza cruciale e assicurarsi l’appoggio dei piccoli stati cuscinetto si rivela una mossa vincente nello scacchiere europeo, dove le superpotenze sono in costante lotta fra di loro e sono costrette a difendere i loro estesi confini. Con le dovute proporzioni, in questa fase Wars of Napoleon si avvicina ai grand strategy di Paradox, grazie all'ampio ventaglio di possibili trattati da stipulare con gli altri stati e con un senso di progressione donato al proprio regno o impero dal sistema delle riforme militari. Detto questo, non aspettatevi però di poter plasmare secondo il vostro volere i tratti principali della fazione perché, a differenza di quanto succede ad esempio in un Europa Universalis, non vi sono tecnologie da sbloccare o particolari politiche o forme di governo da stabilire. In ogni caso, si tratti di singolo scenario o di vasta campagna, i feticisti della storia faranno salti di gioia per quello che si troveranno davanti agli occhi: non solo guidando la Francia, la Gran Bretagna o l’Austria si gestiranno i vari Napoleone, Ney, Wellesely o Karl Mack in persona, ma ogni singola truppa proviene esattamente da quel contesto storico: così l’esercito francese conta nelle sue file la Brigada Pietri o la Brigada Ballard, quello Prussiano mette in campo la Leibgarde con la sua divisione di granatieri, mentre le file inglesi contano al loro interno la cavalleria belga-olandese o la brigata di fanti hannoveriana guidata da Sir Henry Clinton. Come se non bastasse, oltre ai nomi ed i rispettivi comandanti, tutti i corpi d’arme, rappresentati dentro le icone disposte sulla mappa, indossano esattamente la loro uniforme: insomma, raramente abbiamo visto così tanto sforzo profuso da parte di una software house per ricreare fino all’ultimo dettaglio l’esatto contesto storico di uno strategico. Proprio per essere pignoli, potremmo forse soffermarci sulla minore attenzione posta verso le fazioni minori, ben visibile nei ritratti dei loro leader molti stilizzati, ma sarebbe davvero come cercare l’ago in un pagliaio.


"Il fuoco è tutto... Il resto non ha importanza"
Finora abbiamo parlato di tutto, eccezion fatta per il vero cuore di Wars of Napoleon, ossia il fare la guerra. In termini di gameplay, il titolo sviluppato da AGEOD è uno strategico a turni, il quale presente però non poche peculiarità. A differenza di quanto in genere accade, le unità non hanno infatti i classici punti azioni, bensì, dato che un turno simula i sette giorni della settimana, esse si muovono in base a questa finestra temporale, attraversando - in condizioni di normalità - una regione al giorno. Di conseguenza, il giocatore deve pianificare i suoi attacchi tenendo ben presente la variabile temporale per non rischiare di disperdere le proprie truppe in territori non contigui, aumentando il rischio di imboscate. Naturalmente, i parametri da tenere sotto occhio non finiscono di certo qui, anzi: Wars of Napoleon è forse una fra i migliori wargame in circolazione per la sua profondità e per la totale libertà che lascia al giocatore: infatti, nonostante negli scenari e nelle campagne vi siano degli obiettivi prefissati, viene lasciata totale carta bianca sul come raggiungerli. A voi dunque il compito di mettere in piedi la tattica migliore, padroneggiando la miriade di informazioni e di parametri sparsi in tutto il gioco, dai valori di attacco delle unità, alle abilità speciali dei generali, passando ovviamente per la conformazione della mappa e per la gestione delle risorse, come il “solito”  denaro, ma anche il numero di coscritti e di cavalli di riserva. Un altro aspetto molto interessante è la battaglia in sé, che ovviamente prende il via quando due eserciti rivali si trovano a calpestare la medesima provincia. Se i numeri ed il valore dei comandanti hanno certo un’importanza primaria, la situazione può in ogni caso essere ribaltata imbastendo una tattica adeguata a fronteggiare la disposizione degli avversari. Prima che i cannoni inizino a sparare e i cavalieri si gettino all'assalto, va così decisa in due fasi separate con quale formazione - difensiva o offensiva - affrontare lo scontro. In tal modo, è possibile sfruttare al meglio i propri punti di forza e, accorgendosi ad esempio della supremazia della propria cavalleria, decidere di tentare un accerchiamento con i rapidi ma resistenti Dragoni, e di mandare così in rotta le file nemiche. In tutta questa bellezza, purtroppo c'è un ma: la poca chiarezza delle singole interfacce. Infatti, padroneggiare al meglio tutte le nozioni ed i valori dispersi nelle singole schermate non si è sempre rivelato un compito facile, anche a causa della cronica assenza di un vero e proprio tutorial all'interno di Wars of Napoleon, sostituito dall'altrettanto solita manciata di filmati. Almeno questa volta il manuale è di sole 150 pagine. 


"Dal sublime al ridicolo vi è appena un passo"
Concludiamo la nostra recensione di Wars of Napoleon spostando la nostra attenzione sul comparto tecnico, che purtroppo vive fra molti alti e bassi. Avviata la partita, il colpo d’occhio restituito dalla mappa è più che buono e sono apprezzabili i molti dettagli riposti nell'arricchimento delle varie provincie, caratterizzate tutte da montagne, boschi, fiumi o laghi. Naturalmente, la cosa più riuscita è la realizzazione artistica delle icone delle singole unità: in quelle dei tantissimi generali - almeno quelli delle fazioni principali - sono presenti esattamente i loro ritratti, mentre quelle della fanteria, della cavalleria o dell’artiglieria danno l’impressione di essere state disegnate a mano, con tutto l’attenzione verso il realismo storico. Purtroppo, la pregevole realizzazione tecnica ed artistica - nei limiti dei 1810 Mb - non è supportata adeguatamente da Athena, il motore di gioco proprietario, che fatica non poco a muovere tutto quello che è presente sulla mappa. Per questo motivo, spostare la visuale da un punto all'altro della mappa è un’azione stranamente complicata e fastidiosa, così come fare lo zoom su una singola zona, operazione che avviene a singhiozzi. Infine, spiace constatare come i mesi intercorsi fra la prima pubblicazione e l’arrivo su Steam non siano stati utilizzati per correggere ed eliminare quei fastidiosissimi bug che non di rado si presentano e che costringono ad una chiusura forzata del gioco. Insomma, tanta cura per la storia e per la strategia, ma molta di meno per la stabilità delle prestazioni e del gioco più in generale. 

Hardware
Requisiti minimi:
- Sistema operativo: XP/Vista/7/8/10
- Processore: Pentium 4 or higher
- Memoria: 2 GB RAM
- Scheda video: 1024Mb video card
- Rete: Connessione Internet a banda larga
- Storage: 1810 MB available space
- Additional Notes: Screen: 1024 x 768 or higher
Recensione Videogioco WARS OF NAPOLEON scritta da SPIKEDANI Wars of Napoleon è una gioia per tutti gli amanti del periodo napoleonico e più in generale della strategia che, come al solito, non scende a compromessi quando di mezzo c’è AGEOD. Mi prendo quindi il permesso di consigliare il gioco a tutti gli appassionati del genere e mi sento quasi in dovere di promuovere questi prodotti di nicchia al grande pubblico. D’altra parte, lo sconcerto permane per la mancata ottimizzazione e per il supporto mancato nei mesi precedenti al lancio su Steam, dove difficilmente la più ampia platea perdonerà i vari crash che puntualmente capitano nel bel mezzo di una battaglia.
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
    Commenti: 7 - Visualizza sul forum
  • varre87
    varre87
    Livello: 4
    Post: 222
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da alessandro42
    Vorrei ringraziare l'autore per queste recensioni di "nicchia" !


    Quoto... e aggiungo i ringraziamenti anche da parte mia .
  • spikedani
    spikedani
    Redattore
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da lokju
    a tuo parere qual è il miglior wargame ambientato nell'antichità (epoca greca/romana)?


    Hannibal: Terror of Rome e Alea Jacta Est. Conta che sono giochi molto complessi, solo in inglese e con i cronici difetti (grafica, ottimizzazioni...) di questo tipo di giochi.
  • lokju
    lokju
    Livello: 5
    Post: 328
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da spikedani
    Sempre lieto di farle... A meno che la tua non sia ironia XD


    a tuo parere qual è il miglior wargame ambientato nell'antichità (epoca greca/romana)?
  • spikedani
    spikedani
    Redattore
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da alessandro42
    Assolutamente no ! Di nicchia perché si può pensare che il pubblico non sia interessato a strategici come questo, mentre io ricordo che si usavano spesso negli anni passati. Il problema è che questo genere non si è mai sviluppato bene tra mancanza adeguata di pubblicità e evoluzione dei motori grafici. Senza la tua recensione (di questo e di quello della WWII ) io per esempio non ne avrei saputo niente.


    Sì, purtroppo è un genere molto tenace, ma che difficilmente raggiungerà un pubblico ampio. In ogni caso, se sei interessato al genere, ti consiglio di tenere sott'occhio Slitherine Ltd e Matrix Games
  • alessandro42
    alessandro42
    Livello: 6
    Post: 1630
    Mi piace 4 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da spikedani
    Sempre lieto di farle... A meno che la tua non sia ironia XD


    Assolutamente no ! Di nicchia perché si può pensare che il pubblico non sia interessato a strategici come questo, mentre io ricordo che si usavano spesso negli anni passati. Il problema è che questo genere non si è mai sviluppato bene tra mancanza adeguata di pubblicità e evoluzione dei motori grafici. Senza la tua recensione (di questo e di quello della WWII ) io per esempio non ne avrei saputo niente.
  • spikedani
    spikedani
    Redattore
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da alessandro42
    Vorrei ringraziare l'autore per queste recensioni di "nicchia" !


    Sempre lieto di farle... A meno che la tua non sia ironia XD
  • alessandro42
    alessandro42
    Livello: 6
    Post: 1630
    Mi piace 5 Non mi piace 0
    Vorrei ringraziare l'autore per queste recensioni di "nicchia" !
caricamento in corso...
SCREENSHOTS
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.