Anteprima di Blackroom

Copertina Videogioco
  • Piattaforme:

     PC
  • Genere:

     Sparatutto
  • Data uscita:

     Inverno 2018
ASPETTATIVE
- Il grande ritorno di Romero e Carmack
- Gioco interamente personalizzabile
- Ambientazioni ed idee originali
A cura di (Gwonam) del
John Romero, il noto designer dietro a giochi come Doom, Wolfenstein 3D e Quake è tornato: Prevedere un suo ritorno in grande stile, dopo così tanti anni di assenza, non era in effetti così semplice. Dopo essersi riunito col collega Adrian Carmack, artista con cui ha lavorato a stretto contatto in passato, ha annunciato l’inizio della campagna Kickstarter del suo nuovo gioco: Blackroom. A questi due grandi nomi, si unisce anche il noto chitarrista metal George Lynch, come garanzia che anche la colonna sonora sarà adrenalinica e ben curata. Tre nomi sicuramente importanti: saranno all'altezza delle aspettative?


Una stanza interamente nera
L’annuncio è arrivato grazie ad un simpatico video, in cui si vedono Carmack e Romero parodiare la scena clou dell’ultimo film di Star WarsBlackroom è ambientato nel 2036: una delle più grandi compagnie, la Hoxar, ha sviluppato una tecnologia rivoluzionaria che consente a chiunque di potersi trovare ovunque si desidera, grazie alla generazione di un mondo olografico all’interno di una grandissima stanza nera, completamente indistinguibile dal mondo reale; a causa di un glitch, però, il sistema ha iniziato ad amplificare le paure degli utenti e mostrarle, rendendo i nuovi mondi estremamente pericolosi. Prenderemo, quindi, il controllo di un ingegnere assegnato alla manutenzione di questo sistema: potremo sperimentare in prima persona la nuova tecnologia, rischiando anche di rimanerne uccisi. Grazie alla omonima stanza nera potremo avventurarci in diverse ambientazioni originali: passeremo da un mondo sci-fi ad uno western, arrivando anche all’interno di case infestate. Avremo a disposizione anche uno strumento, chiamato Boxel, per modificare e influenzare l’ambiente in cui ci troveremo, le armi in nostro possesso e i nemici. Blackroom è stato descritto dallo stesso Romero come “uno sparatutto viscerale, vario e violento che richiama i classici FPS, con una miscela di esplorazione, velocità ed intensi combattimenti armati”.  La campagna di gioco durerà dieci ore e vi saranno tre modalità multiplayer: Co-op, 1-on-1 Deathmatch ed Arena, con 6 mappe di gioco incluse e la possibilità di scaricarne ulteriori, create dalla community; saranno inoltre presenti diverse sfide (come lo speedrun di un livello, ad esempio) da poter affrontare, con relative leaderboard online.


Gli ologrammi diventano realtà
L'intenzione di John Romero è quella di dare ai giocatori PC "esattamente quello che vogliono": un gioco veloce, adrenalinico ed interamente personalizzabile: le mod saranno incoraggiate ed avremo la possibilità di poter creare server dedicati. Non pensiamo che sia un caso che l’annuncio di questo gioco arrivi a pochi giorni di distanza dalla prossima uscita del nuovo Doom, data l'importanza di Romero per la serie e dato che entrambi i giochi sembrano condividere lo stesso stile di gameplay: è possibile che abbia scelto proprio questo momento per sfruttare a suo favore la grande attesa per il nuovo capitolo. Il gioco ci appare molto interessante, le idee sembrano solide e vuole essere una lettera d’amore dedicata a tutti i giocatori PC, e in particolare ai fan dei vecchi lavori di Romero. Purtroppo, per ora abbiamo solamente idee, promesse e concept art: il gioco, dopotutto, è stato appena annunciato su Kickstarter e possiamo soltanto aspettare che la campagna di raccolta fondi si concluda e venga arricchita da ulteriori dettagli. Nonostante le buone premesse dietro questo titolo, ci assale un solo, unico, dubbio: John Romero riuscirà a mantenere le grosse aspettative o sarà un flop? È bene ricordare che l’ultima volta che si è occupato in prima persona di un gioco ambizioso è uscito Daikatana: un titolo sì memorabile, ma per tanti motivi sbagliati. Sono passati ben 16 anni da allora, e questa potrebbe essere  l’occasione del riscatto, per dimostrare a tutti che quello fu soltanto un "incidente di percorso", e che John Romero ha ancora molto da dare all’industria videoludica: ci auguriamo davvero che sia così e che ne venga fuori un grande videogioco. La campagna Kickstarter terminerà il 28 Maggio 2016, mentre l’uscita del gioco è prevista per la fine del 2018 solamente per PC. In verità, per il futuro Romero non ha escluso del tutto la possibilità di una release per console.
Recensione Videogioco BLACKROOM scritta da GWONAM Blackroom è un progetto sicuramente interessante, che sembra studiato per poter dare ai giocatori esattamente ciò che vogliono. L’ultimo grande progetto di John Romero non è riuscito nel migliore dei modi, ma vogliamo dargli fiducia: attendiamo con ansia di saperne di più su questo titolo!
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
    Commenti: 8 - Visualizza sul forum
  • Stiffmaister
    Stiffmaister
    Livello: 6
    Post: 1600
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da sirkain
    Scusate correzione, American McGee fu già assunto con Doom 2, appunto perchè Romero pensava a giocare a Doom, e non a svolgere il suo compito.


    E' così...ho letto anche io il libro...troppo impegnato a fare la superstar e a comperare Ferrari.
  • sirkain
    sirkain
    Livello: 4
    Post: 87
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Scusate correzione, American McGee fu già assunto con Doom 2, appunto perchè Romero pensava a giocare a Doom, e non a svolgere il suo compito.
  • sirkain
    sirkain
    Livello: 4
    Post: 87
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da Uchiha Obito
    speriamo che questi 2 geni,riescano a tirare fuori un grande gioco, l'idea sembra molto valida se ben sviluppata, staremo a vedere..


    Romero non è un genio, non ha mai fatto nulla da solo, ha avuto sempre ruoli marginali, più che altro di sostegno nello sviluppo dei grandi capolavori ID. Wolf. 3D fece poco o nulla a parte aiutare John Carmack nello sviluppo dell'engine a progettare e dirigere il gioco fu Tom Hall (colui che sta dietro a Duke Nukem 3D e altri grandi capolavori), nel primo Doom disegno le mappe del primo mondo (che sono le più semplici e con level design più ignorante), e programmò l'editor stip. In Doom 2 fece qualche mappa e stop. Quake... gli viene attribuito ma con Quake non ha nulla a che spartire, intralciò i lavori per tutto il tempo, infatti furono costretti ad assumere American McGee e cacciare Romero. Per colpa di Romero Quake fu fortemente tagliato, doveva essere in origine quello che poi fu Hexen 2, ma con toni gotici.
    Romero è solo un grande venditore di fumo, ossessionato fino alla follia dal primo Doom. Certo il suo supporto morale all'epoca fu importante, ma evitiamo di dare meriti che non ha...
  • James Pat...
    James Pat...
    Livello: 7
    Post: 6769
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    sta bene
  • The_BACH
    The_BACH
    Livello: 8
    Post: 7948
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da Gwonam
    Cielo, speriamo di no :P


    I trascorsi parlano in maniera diversa...
  • Gwonam
    Gwonam
    Moderatore
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da The_BACH
    Daikatana 2

    Cielo, speriamo di no :P
  • The_BACH
    The_BACH
    Livello: 8
    Post: 7948
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Daikatana 2
  • Uchiha Obito
    Uchiha Obito
    Livello: 2
    Post: 331
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    speriamo che questi 2 geni,riescano a tirare fuori un grande gioco, l'idea sembra molto valida se ben sviluppata, staremo a vedere..
caricamento in corso...
SCREENSHOTS
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.