Recensione di The Town of Light

Copertina Videogioco
  • Piattaforme:

     PC
  • Genere:

     Avventura grafica
  • Sviluppatore:

     LKA.it
  • Lingua:

     Italiano
  • Giocatori:

     1
  • Data uscita:

     26 febbraio 2015
- Storia d’impatto, con sequenze difficilmente dimenticabili
- Cura stilistica elevata
- Buon doppiaggio in italiano
- Durata esigua
- Scarsa interattività
Loading the player ...
A cura di (Mastelli Speed) del
Nel 1881 il convento di Girifalco, una cittadina in provincia di Catanzaro, fu convertito in manicomio, diventando così uno dei centri principali nel sud Italia per la cura di pazienti con problemi psichici. Sulla porta della struttura, scolpita sulla pietra, furono incise le parole: “Sanus Egredieris”, ovvero: “Uscirai sano”. Quello che può apparire come un augurio anche beffardo, accompagnò da quel momento la vita della cittadina, attraversando generazioni e anni complicati. Cominciamo così questa recensione di The Town of Light per ribadire ancora una volta come i manicomi, un tempo, rappresentassero una realtà viva all’interno delle cittadine in cui erano costruiti, andandone a cambiare la percezione anche da parte degli abitanti degli insediamenti vicini. Nei paesi in cui c’era un manicomio, in altre parole, fiorivano storie e aneddoti duri a morire, riguardanti vite che avevano perso il filo del discorso, o persone che semplicemente andavano (o faceva comodo pensare che andassero) contro la stridente morale comune dei primi del ‘900. Questa era la realtà di quei paesi, e questo è quello che ci vuole raccontare LKA attraverso la storia di Renèe, la protagonista del gioco. Dopo la nostra anteprima di qualche giorno fa, allora, andiamo a dare il nostro giudizio conclusivo su questa coraggiosa produzione italiana.



”Un giorno ho spento la luce, ma il buio non è arrivato”
Alcuni parlano del manicomio di Volterra, l’ambientazione principale di The Town of Light, come del “luogo del non ritorno”. Un posto in cui ci si perdeva, insomma, tra i tormenti della propria mente, indebolita da una serie di costrizioni corporali e mentali che, d’altra parte, sarebbero rimaste pratica comune fino alla Legge Basaglia. Così come anticipato nell’anteprima, The Town of Light è un’avventura esplorativa che ci permette di rivivere quel periodo storico attraverso gli occhi e la voce di Renèe, una ragazza – appena sedicenne - entrata nel manicomio di Volterra nel 1938. Quello che il giocatore avrà davanti, però, sarà quello che è rimasto del manicomio, che ad oggi versa in stato di abbandono. Aggirandosi tra le macerie dei vari locali della struttura, allora, la protagonista ci racconterà la propria storia, in un titolo che fa della narrativa il suo punto forte. Possiamo dire, in effetti, che i primi 30 minuti di gioco rappresentano una delle esperienze videoludiche più forti e d’impatto cui abbiamo assistito di recente: il ritmo è veloce, la storia sembra prendere una direzione precisa, e ogni cutscene di intermezzo è un vero e proprio pugno allo stomaco. La storia di Renèe, infatti, sembra essere quella di un’esistenza sfortunata, vittima del bigottismo e della morale comune degli anni che, è sempre bene ricordarlo, coincisero con l’ascesa al potere di Mussolini, e lo scoppio della Seconda Guerra Mondiale. In altre parole, per apprezzare totalmente The Town of Light è veramente utile avere un minimo di comprensione del background storico e culturale dell’Italia a cavallo tra gli anni 30 e 40 del secolo scorso. Tutto ciò si rivela importante soprattutto per capire il ruolo e il significato cruciale che il sesso, e di conseguenza i rapporti sessuali, rivestono nella storia raccontata dallo studio italiano.
Come dicevamo in sede di anteprima, allora, The Town of Light metterà il giocatore davanti alla storia di Renèe che, è bene ricordare, racchiude in sé frammenti di storie vere e fatti realmente accaduti, e nel fare ciò non dirà mai da che parte sia giusto stare. I dottori che avranno a che fare con Renèe avranno dei sussulti di umanità, sì, ma non metteranno mai in dubbio le pratiche crudeli cui venivano sottoposte le pazienti del manicomio, perché così funzionava, e così bisognava agire. D’altra parte, Renèe sarà quasi sempre consapevole del suo stato, e della sua sorte, fino ad arrivare al climax narrativo finale che, riacquistando la forza dei primi minuti di gioco, lascerà il giocatore con una sensazione precisa. La netta percezione, cioè, che la vita della protagonista, così come quella di molti altri sciagurati spesso rinchiusi e dimenticati nei manicomi, siano state esistenze letteralmente gettate via, spesso per convenienza o negligenza.


 
Conflitti interiori
I commenti susseguitisi all’anteprima del gioco in questione proponevano un interessante dibattito sulla presenza di interattività nei titoli esplorativi come The Town of Light. Per amore della pace, diciamo subito che la produzione italiana in oggetto non farà cambiare opinione né a chi reputa questi giochi come eccessivamente passivi, né a chi ne gradisce la potenza espressiva. Non perdiamoci nei preconcetti, allora, e cerchiamo di guardare ai fatti: The Town of Light è un titolo in prima persona, in cui l’attività principale del giocatore sarà quella di scoprire la storia di Renèe. Per fare ciò, bisognerà girovagare per il manicomio e l’esterno della struttura. Non sono presenti enigmi logici, né un inventario: l’interattività, allora, è garantita dall’utilizzo di alcuni oggetti, che sbloccheranno i ricordi della protagonista, e ci faranno avanzare nei quindici capitoli di cui si compone la storia. Capire come agire, in The Town of Light, è abbastanza semplice, visto che tutto quello che bisognerà fare sarà prestare attenzione alle parole della protagonista: in le informazioni sulla prossima area da esplorare, così, possono essere estrapolate dalle riflessioni di Renèe. In caso si rimanga bloccati, d’altra parte, sarà possibile utilizzare alcuni suggerimenti, che diranno in maniera chiara (forse anche troppo) dove andare e cosa fare. Tutto questo porta a un’avventura che non durerà più di due ore, ma che trova alcune ragioni per essere rigiocata, almeno in parte. Alcuni capitoli, infatti, conterranno dei sotto capitoli, se si vuole delle versioni differenti della storia. Si tratta di deviazioni dalla trama principale, che faranno in ogni caso arrivare il giocatore ai medesimi snodi narrativi, ma attraverso direzioni differenti. Si tratta di una trovata che, dopo aver finito il gioco una prima volta, ci ha difatti spinto a spendere un’altra ora in compagnia di Renèe, per cercare di capire alcuni particolari in più sulla sua vicenda. Dal punto di vista del ritmo, a questo proposito, siamo arrivati alla conclusione che il primo quarto di gioco sia quello meglio riuscito: entrare nel mondo di Renèe sarà doloroso ma al tempo stesso affascinante, grazie ad alcune trovate scenografiche di cui parleremo meglio in seguito. La parte centrale dell’avventura, invece, sembra essere un po’ più lenta, a causa anche di una narrativa che si farà più contorta e complessa. Il finale, invece, si rivelerà in tutta la sua drammaticità, risultando ben riuscito e sicuramente di grande impatto. In ultima analisi, dunque, anche The Town of Light presenta le dinamiche dei titoli che hanno una forte componente narrativa, difficili però da traslare in dinamiche videoludiche: ritmo compassato, interattività non altissima, durata esigua.
Vale la pena sottolineare, prima di passare alla disamina della parte stilistica e tecnica, la presenza sul sito ufficiale della produzione del Diario di Renèe. A nostro avviso, è assai utile trovare il tempo per leggere le poche pagine che compongono questo contributo scritto, disponile però esclusivamente in inglese. Il diario, infatti, va a chiarire in modo ulteriore alcuni punti oscuri dell'esistenza della protagonista, e degli episodi che l'hanno portata a varcare le soglie del manicomio.



"Oh quante belle figlie, Madama Dorè, oh quante belle figlie"
Dal punto di vista stilistico, The Town of Light è un titolo che presenta interessanti soluzioni. La maggioranza delle cutscene, ad esempio, sono realizzate in 2D, e mantengono una potenza espressiva notevole grazie a disegni dal forte impatto. Talvolta, invece, il titolo proporrà sequenze tridimensionali, in cui è possibile notare una certa mancanza di definizione nei modelli dei corpi. In ogni caso, la cura scenografica del titolo è veramente notevole; dopo aver smesso di giocare, non nascondiamo di essere tornati con la mente, più volte, su alcune sequenze particolarmente drammatiche, in cui sonoro e video si abbinavano in maniera molto positiva. L’ultima sequenza di gioco, in questo senso, pur essendo in parte senza accompagnamento audio risulta forse la migliore, e di sicuro quella con più impatto.
The Town of Light non è un titolo horror, ma bensì un gioco che spinge a farsi domande riguardanti praticamente ogni cosa appaia su schermo o sia possibile ascoltare (anche le filastrocche dei bambini, come quella di Madama Dorè, ascoltabile verso metà gioco, assume così una connotazione del tutto nuova). Il mondo di gioco, per il resto, è interamente tridimensionale, e denota una cura importante dei particolari: la riproduzione degli interni del manicomio, a questo proposito, raggiunge livelli elevati nella maggioranza dei suoi ambienti. Da sottolineare il fatto che The Town of Light, poi, è fruibile anche su Oculus Rift, di modo da avere una immersività ancora maggiore.
In ogni caso, quello su cui vogliamo soffermarci prima di passare al commento finale è il comparto audio. Appare molto positiva la scelta degli effetti audio, specialmente durante i nostri spostamenti all'interno della struttura. Il titolo, poi, include accompagnamenti sonori che riescono a sottolineare bene i vari climax drammatici cui si andrà incontro, ma quello che ci preme sottolineare è la presenza di un doppiaggio in italiano decisamente riuscito e, francamente, superiore anche alla controparte in inglese, che pure è inclusa nel titolo (insieme a quella tedesca). D’altra parte, ci sentiamo di dire che è senza dubbio l’italiano la lingua in cui andrebbe giocato The Town of Light. Un gioco che punta tutto sulla narrativa e sull’atmosfera, difatti, non può non contare sulla lingua propria dei suoi personaggi per catturare al meglio i loro tormenti interiori.

Hardware
Requisiti minimi:
OS: Windows 7/8/10 64bit
Processor: Intel Core i3 or equivalent AMD
Memory: 4 GB RAM
Graphics: NVIDIA GeForce GTX 460, AMD Radeon HD 6770 with at least 1 GB VRAM
DirectX: Version 11
Storage: 10 GB available space
Sound Card: DirectX Compatible
Additional Notes: Supported Controllers: Xbox 360 or Xbox One compatible

Requisiti consigliati:
OS: Windows 7/8/10 64bit
Processor: Intel Core i5 or equivalent AMD
Memory: 8 GB RAM
Graphics: NVIDIA GeForce GTX 560, AMD Radeon HD 7790
DirectX: Version 11
Storage: 10 GB available space
Sound Card: DirectX Compatible
Additional Notes: Supported Controllers: Xbox 360 or Xbox One compatible
Recensione Videogioco THE TOWN OF LIGHT scritta da MASTELLI SPEED The Town of Light è un titolo estremamente coraggioso, che racconta una storia drammatica, profonda e difficilmente dimenticabile. Diverse sono le sequenze che rimangono impresse nella memoria, grazie anche a una cura stilistica molto elevata, che si esprime attraverso un buon doppiaggio in italiano, e ad una storia che, nonostante un calo durante le fasi centrali, propone delle fasi iniziali e finali molto intense. Nonostante ciò, il titolo soffre dei difetti tipici delle avventure esplorative, ovvero l’interattività limitata, e la mancanza di vere e proprie dinamiche di gameplay, che si risolve nello spostamento attraverso i vari ambienti del manicomio. La durata assai limitata, seppur mitigata dalla presenza di sotto capitoli rigiocabili, non consente dunque di allargarsi troppo con i giudizi finali. In ogni caso, e qui lasciamo uno spunto per una possibile discussione nei commenti, forse questa era l’unica strada percorribile per riuscire a proporre un’esperienza talmente forte dal punto di vista narrativo...
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
    Commenti: 17 - Visualizza sul forum
  • pazzorik
    pazzorik
    Livello: 2
    Post: 366
    Mi piace 2 Non mi piace 0
    Terribile. Mi ha fatto stare male. Giuro che mi è venuto quasi il vomito pensando a quello che facevano a queste povere anime ed una rabbia immensa nei confronti di chi praticava questi abomini e di chi li autorizzava. Non lo so se possiamo chiamarlo videoGIOCO, perchè di gioco qui non c'era niente. Ma c'è una riflessione profondissima, con frasi e pensieri tanto belli quanto veri e tremendi. Un inferno in terra realmente esistito, riprodotto con una sensibilità rarissima. Terribile ma necessario. Abbiamo tutti il dovere di riflettere per non ripetere gli errori del passato. L'inferno non esiste se non esiste coscienza. L'inferno lo può creare solo l'uomo con le sue stesse mani.
  • p3trucci
    p3trucci
    Livello: 4
    Post: 664
    Mi piace 2 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da BOW Nemesis

    Giocato e finito, i momenti forti e disturbanti ci sono e valgono il gioco ma il gameplay e una rottura, e dire che ho apprezzato Gone Home e Firewatch che come struttura sono simili. Forse sono solo saturo di questo tipo di giochi XD
    Questi tipi di giochi bisogna prenderli a giuse dosi...altrimenti si rischia, come dici tu, di diventare saturi! A me piacciono tantissimo i giochi basati su fatti reali, storici, proprio come questo..Il gameplay effettivamente è ridotto all'osso, ma alla fine io li prendo quasi sempre come leggere un libro o guardarsi un film e me li godo sempre a pieno! Ma bisogna alternarli a qualcos'altro, altrimenti realmente si entra nella spirale della monotonia (a livello di gaming), perchè a livello di pura storia e narrativa, questi giochi hanno sempre tanto da dire!
  • BOW Nemesis
    BOW Nemesis
    Livello: 8
    Post: 963
    Mi piace 4 Non mi piace 0
    Giocato e finito, i momenti forti e disturbanti ci sono e valgono il gioco ma il gameplay e una rottura, e dire che ho apprezzato Gone Home e Firewatch che come struttura sono simili. Forse sono solo saturo di questo tipo di giochi XD
  • Alucard1983
    Alucard1983
    Livello: 3
    Post: 297
    Mi piace 2 Non mi piace 0
    domanda: si sa nulla dell'uscita su one? la data dico
  • Viola4ever_95
    Viola4ever_95
    Livello: 5
    Post: 1130
    Mi piace 2 Non mi piace 0
    La recensione mi ha incuriosito molto, forse lo prenderò...
  • Desmight
    Desmight
    Livello: 5
    Post: 908
    Mi piace 2 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da Zacca

    Quindi gli stessi fattori negativi li troviamo in Her Story, Firewatch, Amnesia, The Vanishing of Ethan Carter, Everybody's gone to the rapture, Anna, The Stanley Parable, The Beginners Guide? Oppure questo è più semplicemente un genere di videogioco ad alto impatto narrativo? Purtroppo, secondo il mio parere, pessima recensione che non tiene conto dei parametri dei giochi appartenenti a questo genere, ma che invece è forse maggiormente influenzata dai pareri personali del recensore.
    Considerare dello stesso livello interattivo Her Story e Everybody's Gone to the Rapture (ma pure eventualmente Dear Esther) è intellettualmente disonesto però. Nel secondo il ruolo del giocatore è zero, in Her Story è richiesta una grande interpretazione (non intesa come comprensione, ma come partecipazione) al giocatore (e lo stesso se vogliamo vale per Stanley Parable o Beginner's Guide)

  • Livello: 1
    Post:
    Mi piace 2 Non mi piace -5
    Su Multiplayer gli hanno dato 9 http://multiplayer.it/giochi/the-town-of-light-per-pc.html
  • Alucard1983
    Alucard1983
    Livello: 3
    Post: 297
    Mi piace 3 Non mi piace -1
    Originariamente scritto da Zacca

    Quindi gli stessi fattori negativi li troviamo in Her Story, Firewatch, Amnesia, The Vanishing of Ethan Carter, Everybody's gone to the rapture, Anna, The Stanley Parable, The Beginners Guide? Oppure questo è più semplicemente un genere di videogioco ad alto impatto narrativo? Purtroppo, secondo il mio parere, pessima recensione che non tiene conto dei parametri dei giochi appartenenti a questo genere, ma che invece è forse maggiormente influenzata dai pareri personali del recensore.
    sono abbastanza d'accordo con te. ma ricorda che il recensore e' umano. quindi cade in tentazioni, come i propri gusti etc. sta al lettore provare a "leggere tra le righe". io amo gli rpg stile etrian odyssey, ma dalla recensione sembrava un capolavoro assoluto. poi quanti in realta' reggerebbero quel tipo di rpg? la recensione di dariusburst e' stata buona ad esempio secondo me, ma...serviva scrivere prezzo eccessivo quando bastava andare sullo store e non su altri siti per trovarlo a 25 euro? cosi' si e' influenzato il pensiero sul gioco come se costasse 100 euro. pochi giorni fa (non ricordo in che articolo) qua tutti gli utenti parlavano che almeno questo sito fosse imparziale etc. a mio avviso non lo e' moltissimo. altrimenti metterebbero piu' recensioni per vita, meno console war and so on.parere personale sia chiaro ma non mi piace come sta andando l'idolatrizzazione di molti utenti nei confronti di questo sito. fine OT
  • Zacca
    Zacca
    Livello: 4
    Post: 105
    Mi piace 1 Non mi piace -2
    Quindi gli stessi fattori negativi li troviamo in Her Story, Firewatch, Amnesia, The Vanishing of Ethan Carter, Everybody's gone to the rapture, Anna, The Stanley Parable, The Beginners Guide? Oppure questo è più semplicemente un genere di videogioco ad alto impatto narrativo? Purtroppo, secondo il mio parere, pessima recensione che non tiene conto dei parametri dei giochi appartenenti a questo genere, ma che invece è forse maggiormente influenzata dai pareri personali del recensore.
  • bethlehem
    bethlehem
    Livello: 7
    Post: 3388
    Mi piace 3 Non mi piace -1
    ottima storia quindi,sarà mio
  • Nerd2thebone
    Nerd2thebone
    Livello: 3
    Post: 135
    Mi piace 4 Non mi piace -2
    insomma...un corridoio con una storia bellissima...
  • Alucard1983
    Alucard1983
    Livello: 3
    Post: 297
    Mi piace 2 Non mi piace -2
    Originariamente scritto da p3trucci

    non c'è bisogno di patriottismo o di avere 2000 ore di gameplay o 2 ore...se un gioco è fatto bene e ti racconta una storia per bene merita di essere comprato e supportato. Ci sono giochi a cui ho giocato centinaia di ore e non mi hanno lasciato quella sensazione che, magari, mi hanno lasciato altri giochi finiti in 4-5 ore...uno di questi è stato Brothers. Finito in 3-4 ore ma il gioco meritava ogni centesimo speso. Non so qual'è il gioco stai citando tu ora. Ho preso il tuo commento solo per far capire che non è la longevità a stabilire il prezzo di un prodotto (che se non erro questo si aggira attorno ai 15 euro)...La gente va al cinema allo stesso prezzo 1 volta sola e magari non ha lo stesso intrattenimento che può darti un'avventura del genere (ripetibile).
    Mi sto riferendo ovviamente a Dariusburst. essendo io un retrogamer, amo i giochi immediati da partita lampo. ma questo a mio modo di parere oltre ad avere poco gameplay ha pure poche ore per gli standard odierni. e' un parere mio personale. l altro giorno ero l unico a difendere darius per il suo prezzo definito eccessivo dai piu nonostante oltre 3000 livelli..
  • Minollo64
    Minollo64
    Livello: 3
    Post: 866
    Mi piace 3 Non mi piace -2
    In estrema sintesi, dalla recensione capisco che il gioco ha un forte impatto narrativo ma, in buona sostanza, non ha gameplay ... cioè non è un gioco. A questo punto non aveva più senso fare un lungometraggio in computer grafica?
  • p3trucci
    p3trucci
    Livello: 4
    Post: 664
    Mi piace 4 Non mi piace -2
    Originariamente scritto da Alucard1983

    ok sara' bello. sara' italiano. ma 3 ore stiamo scherzando? e su una recensione di qualche giorno fa la gente si lamentava del prezzo eccessivo di un titolo che offre oltre 3000 livelli...vediamo la coerenza se si manifestera ' qua o salteranno fuori solo i patrioti (quando fa comodo ovvio..)
    non c'è bisogno di patriottismo o di avere 2000 ore di gameplay o 2 ore...se un gioco è fatto bene e ti racconta una storia per bene merita di essere comprato e supportato. Ci sono giochi a cui ho giocato centinaia di ore e non mi hanno lasciato quella sensazione che, magari, mi hanno lasciato altri giochi finiti in 4-5 ore...uno di questi è stato Brothers. Finito in 3-4 ore ma il gioco meritava ogni centesimo speso. Non so qual'è il gioco stai citando tu ora. Ho preso il tuo commento solo per far capire che non è la longevità a stabilire il prezzo di un prodotto (che se non erro questo si aggira attorno ai 15 euro)...La gente va al cinema allo stesso prezzo 1 volta sola e magari non ha lo stesso intrattenimento che può darti un'avventura del genere (ripetibile).
  • Alucard1983
    Alucard1983
    Livello: 3
    Post: 297
    Mi piace 5 Non mi piace -5
    ok sara' bello. sara' italiano. ma 3 ore stiamo scherzando? e su una recensione di qualche giorno fa la gente si lamentava del prezzo eccessivo di un titolo che offre oltre 3000 livelli...vediamo la coerenza se si manifestera ' qua o salteranno fuori solo i patrioti (quando fa comodo ovvio..)
caricamento in corso...
SCREENSHOTS
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.