Anteprima di The Town of Light

Copertina Videogioco
  • Piattaforme:

     PC
  • Genere:

     Avventura grafica
  • Sviluppatore:

     LKA.it
  • Lingua:

     Italiano
  • Giocatori:

     1
  • Data uscita:

     26 febbraio 2015
ASPETTATIVE
- Narrativa intensa e profonda
- Aspetto stilistico molto curato
Loading the player ...
A cura di (Mastelli Speed) del
A qualche giorno di distanza dall’uscita definitiva sul mercato, torniamo a parlare di Town of the Light, progetto italiano firmato LKA che propone un’esperienza di impatto e dalle tematiche estremamente complesse, ispirate peraltro a fatti realmente accaduti. Andiamo a vedere, allora, quali sono le sensazioni scaturite dalla nostra prova.


L’unico orrore è la verità
Il progetto italiano di cui stiamo parlando è ambientato durante gli anni ’30 e '40 del secolo scorso, nel manicomio di Volterra. Quella che i giocatori rivivranno sarà la storia di Renèe, una ragazza sedicenne che si ritroverà catapultata in una realtà fatta di elettroshock, docce gelate, e costrizioni di ogni tipo. In questa anteprima non ci concentreremo in maniera approfondita sulla trama del titolo, né sulle numerose considerazioni stilistiche che sono scaturite dalla nostra prova; preferiamo tenere da parte questi aspetti, infatti, per la recensione finale, ma già da ora è impossibile negare come l’esperienza sviluppata da LKA abbia l’obiettivo di suscitare sensazioni forti, e riflessioni molto profonde. E’ interessante notare, infatti, come spesse volte il tono che la narrativa assumerà non sarà quello dell’indulgenza verso la stessa Renèe, sebbene sia proprio la protagonista a raccontarci le sue vicende in prima persona. Ci spingiamo a dire che quello che The Town of Light ci proporrà, piuttosto che il racconto di un singolo dramma umano, sia una fotografia netta di un particolare periodo storico, nel più ampio senso del termine. Attraverso le cartelle cliniche della protagonista, i poster e i cartelli ritrovabili per gli ambienti del manicomio, si potrà comprendere parte della realtà italiana durante gli anni che, è bene ricordarlo, trascinarono il nostro paese nella Seconda Guerra Mondiale. Insomma, la sensazione iniziale è che quello che The Town of Light voglia proporci sia una sorta di visuale dall’alto, una vicenda che ci spinga a dire: “è andata così, è successo questo”. La conseguenza più importante di questa impostazione narrativa è che il gioco non sembra invitare il giocatore a schierarsi da una parte piuttosto che dall’altra, ma spinge bensì ad andare avanti nella storia per scoprire la realtà dei manicomi italiani del secolo scorso, a chiarire i suoi punti oscuri, le sue ambiguità, e le sue negligenze.


Camminare tra i ricordi
Nel concreto, The Town of Light viene definito dagli sviluppatori come un’avventura psicologica in prima persona. In termini di gameplay, questo significa che il giocatore dovrà ripercorrere i luoghi del dolore di Renèe. Questi includono le varie aree del manicomio di Volterra, e le sue aree limitrofe. Questa scelta di gameplay permette al giocatore di procedere con il proprio ritmo, e mette pone ancora più enfasi sulle cutscene che avranno modo di spiegare la vicenda della protagonista. Queste scene di intermezzo, peraltro, saranno richiamate nel momento in cui si arriverà in un determinato ambiente, o si utilizzerà un determinato oggetto. L’attività principale che il giocatore di Town of Light sarà chiamato a svolgere, dunque, sarà l’esplorazione degli ambienti, cercando di seguire il filo logico dei ricordi di cui Renèe ci renderà partecipe. L’attenzione, come prevedibile, è tutta sulla narrativa, e perciò gli unici ostacoli che il giocatore potrà incontrare saranno quelli che possiamo definire enigmi solo operando una certa forzatura. In realtà, come anticipato, spesso si tratterà di riuscire a seguire il filo del discorso, cercando di capire in che ambiente andare e cosa fare. Giudicheremo meglio il gameplay in sede di recensione, ma in ogni caso è già chiaro quale sia il tipo di gameplay proposto dal titolo; le dinamiche da avventura esplorativa, peraltro, sembrano essere quelle che meglio si adattano al tipo di narrazione proposta.
Dobbiamo segnalare, però, che la narrazione non sarà poi così statica, considerato che nel corso dei vari capitoli si potrà deviare dal corso della trama principale. A seconda delle proprie scelte, infatti, si andranno ad approfondire determinate dinamiche della storia di Renèe.


No zombie
Spulciando la descrizione ufficiale del titolo, è curioso constatare come gli sviluppatori abbiano scelto di inserire tra le feature principali di questo prossimo The Town of Light anche il fatto che il titolo non conterrà zombie, né presenze sovrannaturali. Si tratta di un modo come un altro per ribadire, ancora una volta, come l’attenzione sia rivolta alla narrativa che, non va dimenticato, prende spunto da storie realmente accadute.
Desideriamo soffermarci brevemente già in sede di preview, poi, sull’aspetto tecnico del titolo. Dal punto di vista grafico, infatti, The Town of Light propone soluzioni estremamente piacevoli, con una grafica 3D che svela una realizzazione certosina del manicomio di Volterra, riprodotto nei minimi particolari. Il grande lavoro di ricerca storica svolto, poi, emerge dalla creazione dei vari cartelli posti all’interno dei locali del manicomio, che presentano una certa potenza evocativa.
Sottolineiamo, infine, come il comparto audio benefici di doppiaggi in differenti lingue, tra cui spicca l’italiano: il giudizio finale su questo aspetto verrà dato in sede di recensione, ma già da ora è possibile dire che il lavoro svolto, sotto questo aspetto, è più che buono.
Recensione Videogioco THE TOWN OF LIGHT scritta da MASTELLI SPEED The Town of Light è un progetto coraggioso, che cerca di proporre un’esperienza molto profonda e una narrativa intensa. L’aspetto che più ci ha affascinato finora risiede nel fatto che la produzione italiana in questione, difatti, sembra proporsi come una sorta di fotografia del determinato periodo storico in cui è ambientata la vicenda, rendendoci partecipi di un mondo su cui, forse, fa spesso comodo soprassedere.
In ogni caso, rimandiamo ogni altra considerazione alla nostra recensione finale, che potrete leggere, ovviamente, sempre su queste pagine.
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
    Commenti: 10 - Visualizza sul forum
  • tripla
    tripla
    Livello: 3
    Post: 113
    Mi piace 2 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da lollo_dwlin

    asp... io sono il primo ad apprezzare i giochi che regalano un "esperienza" diversa dai soliti FPS e co, ma in molti nn capiscono che stiamo parlando di un GIOCO, un elemento che a volte si trascura in molti prodotti anche piu blasonati di questo. Il Produttore parla di un esperienza esplorativa che ci fa rivivere cosa accadeva in quel manicomio, che di per se è un idea molto interessante e simile a quella di outlast, ma cio che nn mi convince è che per come ne parla, sembra piu che stia parlando di un film, di un libro e nn del gioco ed è questa la cosa che mi preoccupa... Ripeto, il gioco è molto interessante, ma nn vorrei che sia il solito "trova la chiave, apri la porta", oppure "trova il generatore, accendi la luce", ancora "non farti scoprire dallo pseudo mostro" e cosi via... Un gioco, perche stiamo parlando di un videoGAMES, si puo creare con un po piu di azione, perche di giochi tediosi di questo stile o ipotetico cene sono fin troppi ad oggi...
    si chiamano avventure grafiche, se non ti piacciono amen ma nei giochi non sempre si mena o si spara, a volte è necessario far funzionare il cervello
  • soullessita
    soullessita
    Livello: 4
    Post: 1462
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da lollo_dwlin

    asp... io sono il primo ad apprezzare i giochi che regalano un "esperienza" diversa dai soliti FPS e co, ma in molti nn capiscono che stiamo parlando di un GIOCO, un elemento che a volte si trascura in molti prodotti anche piu blasonati di questo. Il Produttore parla di un esperienza esplorativa che ci fa rivivere cosa accadeva in quel manicomio, che di per se è un idea molto interessante e simile a quella di outlast, ma cio che nn mi convince è che per come ne parla, sembra piu che stia parlando di un film, di un libro e nn del gioco ed è questa la cosa che mi preoccupa... Ripeto, il gioco è molto interessante, ma nn vorrei che sia il solito "trova la chiave, apri la porta", oppure "trova il generatore, accendi la luce", ancora "non farti scoprire dallo pseudo mostro" e cosi via... Un gioco, perche stiamo parlando di un videoGAMES, si puo creare con un po piu di azione, perche di giochi tediosi di questo stile o ipotetico cene sono fin troppi ad oggi...
    Non penso proprio con in questo titolo dovrai amarti di fucile e uccidere i fantasmi che girano nella tua mente. Quindi sì, mi aspetto tante lettere da leggere... porte da aprire con chiavi o enigmi... e magari qualche scena in cui devi scappare dalle visioni create dalle tue paure. Spero infatti che la storia sia interessante e poco scontata.
  • theonas
    theonas
    Livello: 4
    Post: 631
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da lollo_dwlin

    asp... io sono il primo ad apprezzare i giochi che regalano un "esperienza" diversa dai soliti FPS e co, ma in molti nn capiscono che stiamo parlando di un GIOCO, un elemento che a volte si trascura in molti prodotti anche piu blasonati di questo. Il Produttore parla di un esperienza esplorativa che ci fa rivivere cosa accadeva in quel manicomio, che di per se è un idea molto interessante e simile a quella di outlast, ma cio che nn mi convince è che per come ne parla, sembra piu che stia parlando di un film, di un libro e nn del gioco ed è questa la cosa che mi preoccupa... Ripeto, il gioco è molto interessante, ma nn vorrei che sia il solito "trova la chiave, apri la porta", oppure "trova il generatore, accendi la luce", ancora "non farti scoprire dallo pseudo mostro" e cosi via... Un gioco, perche stiamo parlando di un videoGAMES, si puo creare con un po piu di azione, perche di giochi tediosi di questo stile o ipotetico cene sono fin troppi ad oggi...
    Troppi? La loro esistenza comporta la scomparsa di titoli di altro stampo piu fruibili e movimentati? Mi pare il contrario, lol
  • DreamDrawer
    DreamDrawer
    Livello: 5
    Post: 268
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Molto interessante, sicuramente il più promettente fra i giochi italiani. Qui sembra esserci una chiara direzione a guidare il progetto, gli do fiducia
  • lollo_dwlin
    lollo_dwlin
    Livello: 5
    Post: 1449
    Mi piace 0 Non mi piace -2
    Originariamente scritto da Filsero

    È un aggettivo che c'entra poco col gioco in questione, secondo me.
    asp... io sono il primo ad apprezzare i giochi che regalano un "esperienza" diversa dai soliti FPS e co, ma in molti nn capiscono che stiamo parlando di un GIOCO, un elemento che a volte si trascura in molti prodotti anche piu blasonati di questo. Il Produttore parla di un esperienza esplorativa che ci fa rivivere cosa accadeva in quel manicomio, che di per se è un idea molto interessante e simile a quella di outlast, ma cio che nn mi convince è che per come ne parla, sembra piu che stia parlando di un film, di un libro e nn del gioco ed è questa la cosa che mi preoccupa... Ripeto, il gioco è molto interessante, ma nn vorrei che sia il solito "trova la chiave, apri la porta", oppure "trova il generatore, accendi la luce", ancora "non farti scoprire dallo pseudo mostro" e cosi via... Un gioco, perche stiamo parlando di un videoGAMES, si puo creare con un po piu di azione, perche di giochi tediosi di questo stile o ipotetico cene sono fin troppi ad oggi...
  • Filsero
    Filsero
    Livello: 1
    Post: 25
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da lollo_dwlin

    Ma é divertente?
    È un aggettivo che c'entra poco col gioco in questione, secondo me.
  • Ambromon
    Ambromon
    Livello: 2
    Post: 106
    Mi piace 2 Non mi piace 0
    Da tenere d'occhio
  • bethlehem
    bethlehem
    Livello: 7
    Post: 3388
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    interessante
  • lollo_dwlin
    lollo_dwlin
    Livello: 5
    Post: 1449
    Mi piace 1 Non mi piace -4
    Ma é divertente?
  • ElRey
    ElRey
    Livello: 2
    Post: 253
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Ehm, perché leggo i codici di scrittura?
caricamento in corso...
SCREENSHOTS
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.