Recensione di Subterrain

- Un survival horror come si deve
- Bella atmosfera
- Longevo
- Crafting ben congegnato
- Ambientazione alla lunga ripetitiva
- La difficoltà poteva essere bilanciata meglio
- I combattimenti non offrono molta varietà
A cura di (Specialized) del
Ammettiamolo. Da quanto tempo non abbiamo a che fare con un survival horror duro e puro, con tanto di crafting, esplorazione, bisogni “corporali” (sonno, sete, fame), loot a manetta, grafica old style, torcia elettrica, buio perenne e un’ambientazione da tipico fanta-horror (siamo su Marte per la precisione)? Molto tempo, ma per fortuna ci pensa Subterrain a riportarci un po’ di sani spaventi in salsa survival e dobbiamo ammettere che lo fa con risultati più che buoni, considerando anche il prezzo richiesto su Steam (14,99 euro) e il supporto continuo che Pixellore sta fornendo alla sua creatura (siamo già al quarto aggiornamento in dieci giorni dall’uscita del gioco). 


In fuga dal contagio
Subterrain, caratterizzato da una visuale dall’alto che può ricordare un twin stick shooter (ma è tutt’altro) e proposto interamente in inglese, è ambientato in una base su Marte dove il nostro alter ego (il Dr. West) si trova imprigionato con l’accusa di omicidio. Mentre se ne sta tranquillo in cella, ecco il finimondo. Le luci si spengono, il silenzio è totale e dopo qualche ora ecco le prime grida, i primi lamenti, rumori sospetti. Qualcosa di molto brutto è successo nella base e West, una volta uscito dalla cella, non ci mette molto per capire di ritrovarsi in un incubo tra corpi smembrati distesi per terra, nessun segno apparente di vita e strane creature che si aggirano per i corridoi. Subterrain inizia subito alla grande con un’atmosfera contagiosa e, dopo aver capito i controlli non proprio immediati (consigliamo mouse-tasitera invece del pad, comunque supportato), eccoci pronti a esplorare questa base con solo i nostri pugni come unica arma, condotti d’areazione come passaggi alternativi e tanta tensione. Ci si immerge subito in questa location da incubo e si impara altrettanto rapidamente a raccogliere il loot e a tenere d’occhio i parametri vitali come sonno, fame, sete e ossigeno, visto che la sostanza gassosa che ha scatenato il macello nella base è ancora attiva. Giusto quest’ultimo elemento finisce con il rendere a volte il gameplay un po’ frustrante vista la scarsità di ricariche di ossigeno, ma per il resto l’aspetto survival è reso molto bene e non diventa mai soverchiante, grazie anche al loot generoso che spinge tra l’altro a esplorare il più possibile.


Craftare su Marte
Ben presto si accede anche al crafting e alla creazione/modifica delle armi e armature. Anche in questo caso Pixellore ha fatto un buon lavoro non rendendo il tutto troppo complicato (anche a livello di interfaccia), anche se alla fine una maggior varietà di armi non avrebbe fatto male. Il bestiario è piuttosto vario e per fortuna non ci sono solo zombi ma anche creature di ogni genere, alcune davvero schifose solo da guardare. Non manca inoltre un po’ di micro gestione dell’inventario vista appunto la quantità di oggetti che potremo raccogliere e la longevità, che si attesta tre le 10-15 ore, non delude ed è anzi superiore alle aspettative. Tutto bene quindi? Non proprio. Dal voto avrete capito che abbiamo apprezzato Subterrain, ma i difetti e le pecche non mancano. La più evidente è l’eccessiva uniformità dell’ambientazione anche nelle aree della base più lontane tra loro. Spesso sembra insomma di essere capitati nelle stesse stanze e negli stessi corridoi visti in precedenza e anche il buio perenne, illuminato solo dalla nostra torcia, potrebbe stancare dopo un po’. L’altro limite, di cui ci si accorge però solo verso il finale, è un bilanciamento della difficoltà non impeccabile. Il gioco in sé non è un’esperienza hardcore e la parte iniziale e quella finale sono tutto tranne che impossibili, mentre a metà gioco si finisce a incontrare passaggi davvero tosti e al limite del frustrante. Terzo difetto, che però ad alcuni potrà anche non sembrare tale, è il sistema di combattimento. Con un approccio melee non andrete molto lontani e quindi si continua a combattere con le armi a distanza indietreggiando di fronte ai nemici e colpendoli dalla massima distanza possibile. Nulla di male, ma dopo una decina di ore si sente il bisogno di qualcosa di più vario che il gioco non riesce però a dare. 

Recensione Videogioco SUBTERRAIN scritta da SPECIALIZED Subterrain è una bella sorpresa per chi da tempo cerca un horror game con meccaniche survival. Pixellore ha fatto un buon lavoro sia nel creare continua tensione, sia nell’offrire un gameplay solido quanto basta tra crafting, combattimenti ed esplorazione. Purtroppo una certa ripetitività di fondo e una difficoltà non calibrata al meglio impediscono al gioco di raggiungere un voto ancora più alto, ma per il resto la promozione è più che meritata.
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
    Commenti: 1 - Visualizza sul forum
  • pino cammino
    pino cammino
    Livello: 6
    Post: 2295
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Titolo che sembra interessante e che tenevo d'occhio da un bel pò (l'ho pure sulla lista dei desideri di steam). Credo che prima o poi gli darò una possibilità, magari quando avrò un pò meno giochi da finire
caricamento in corso...
SCREENSHOTS
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.