Recensione di Total War: Rome II

Copertina Videogioco
  • Piattaforme:

     PC
  • Genere:

     Strategico
  • Sviluppatore:

     Creative Assembly
  • Lingua:

     Italiano
  • Giocatori:

     1
  • Data uscita:

     3 Settembre 2013
9.0
Voto lettori:
8.7
- Ottimo equilibrio tra le fasi a turni e quelle d'azione
- Una quantità gigantesca di contenuti
- Longevità eccellente
- Fornisce un vero senso di battaglia
- Scontri misti navali/a terra
- Inaccessibile per molti giocatori
- Qualche incuria nel polishing
- Richiede un hardware di fascia alta
Loading the player ...
A cura di Lorenzo Mosna (LoreSka) del
Wow. O, meglio, mecastor! Per Castore! Come avrebbero detto nell’antica Roma. Perché Total War: Rome II è un gioco imponente. D’altro canto, dopo l’excursus giapponese di Shogun 2: Total War, il passaggio all’impero romano non poteva che ingigantire anche i contenuti del videogioco. Nella nostra anteprima ne avevamo parlato: 700 unità contro le 50 di Shogun e, soprattutto, una mappa superiore a quella della massima estensione dell’Impero Romano. A confronto, il Giappone sembra un villaggio di contadini.
Tuttavia, nessun dato numerico, nessun paragone con i precedenti capitoli può descrivere la dimensione raggiunta da questo nuovo capitolo della saga. Perché Total War: Rome II ti travolge con i suoi contenuti come una carica di equites romani, ti calpesta come un elefante da guerra e, infine, ti lascia lì a morire sul campo di battaglia. In una parola: è spietato.


Un passo alla volta
La saga Total War per molti versi è l’anello mancante tra gli strategici a turni più complessi in stile Europa Universalis, e i puri RTS più commerciali. Per chi ancora non conoscesse questa saga, il gioco è nettamente diviso in due: vi sono battaglie in tempo reale e fasi a turni che le intermezzano. Nel corso delle fasi a turni possiamo curare gli aspetti di crescita delle nostre città, migliorare gli eserciti, stringere accordi diplomatici, dichiarare guerre e formare alleanze. Durante le battaglie in tempo reale, invece, schieriamo i nostri soldati sul campo e iniziamo degli scontri che possono portare alla nostra gloria, o alla nostra rovina.
Fasi a turni e fasi in tempo reale si bilanciano quasi alla perfezione: è impossibile condurre un attacco se il proprio esercito non è adeguatamente preparato, ed è impossibile affidarsi sempre alla simulazione delle battaglie da parte dell’intelligenza artificiale. In breve, in molti casi dobbiamo scendere in battaglia e girare a nostro favore le previsioni di sconfitta calcolate dalla CPU. Quando ci si riesce, la soddisfazione è straordinaria.
Questa formula si è evoluta nel corso di questa serie, e possiamo affermare che con Rome II ha raggiunto il suo punto più elevato, anche in termini di complessità. La spietatezza di Rome II di cui parlavamo poc’anzi è tutta qui: le meccaniche hanno raggiunto un tale livello di profondità che il solo pensiero di poter apprendere tutto attraverso un tutorial è risibile. Il gioco include un prologo che ci spiega gli elementi di base, ma alla fine di questo primo assaggio di avventura vi accorgerete di avere iniziato soltanto a scalfire la superficie. Ad esempio, il tutorial non dà la minima spiegazione di come mantenere l’economia delle proprie regioni, di come funzionino i molteplici alberi delle abilità, o anche solo di quali siano gli upgrade necessari per terminare il tutorial stesso.
Nel momento in cui si inizia la campagna vera e propria, una voce guida si attiva ogni volta che clicchiamo su di un’icona per la prima volta, ogni volta che entriamo in un menù che non avevamo visto prima. Nella prima mezz’ora di gioco, vi ritroverete completamente inondati da informazioni che, con ogni probabilità, non riuscirete a capire se siete appena entrati nel mondo di Total War.
A peggiorare il tutto, vi basti sapere che le voci guida, a loro volta, contengono degli ipertesti cliccabili che aprono l’enciclopedia di Total War, un browser interno al gioco che si collega a internet e fornisce informazioni su tutti gli aspetti più avanzati del gioco, oltre che su alcuni elementi fondamentali quali la progressione delle abilità, l’uso delle unità in battaglia e l’intricato sistema di arruolamento dei propri soldati. In breve, non pensate di cavarvela senza passare qualche ora a scartabellare in questa enciclopedia.
Vi abbiamo terrorizzato? Beh, ne è valsa la pena. Perché una volta superato l’impatto iniziale, ecco cheTotal War: Rome II si rivela un gioco capace di regalare delle soddisfazioni incredibili e di fornire il senso della battaglia in una maniera mai vista in un gioco strategico.


Le fasi a turni
Durante le fasi a turni, il gioco ci chiede di prenderci cura del nostro popolo e del nostro esercito. Le risorse militari possono essere ingrandite sia attraverso l’arruolamento che attraverso l’acquisto di mercenari. La tipologia di unità arruolabili deriva dalla presenza di particolari edifici nella nostra provincia, di conseguenza dobbiamo costantemente migliorare le città seguendo i complessi schemi indicati sull’enciclopedia.
Il mantenimento dell’esercito, però, costa denaro. Per ottenere moneta si applica una tassazione sul popolo, che è direttamente proporzionale alla crescita del nostro impero e alla presenza di particolari edifici civili che migliorano la qualità della vita.
Al contempo, la tassazione genera malcontento, ed è necessario tenere costantemente sotto il proprio controllo i livelli di soddisfazione del popolo, nonché sedare le eventuali rivolte che si possono generare.
Le unità militari possono essere spostate per presidiare le città o verso i luoghi di conquista. Quando si varcano i confini del proprio territorio il mantenimento dell’esercito diventa più costoso, e l’arruolamento di truppe fresche viene bloccato. Inoltre, una fitta nebbia di guerra impedisce di scoprire gli eventuali pericoli oltre i confini, ed è pertanto opportuno dotarsi di esploratori e spie per arrivare oltre le linee nemiche ben preparati.
Ma questo è solo l’inizio: le province conquistate non sono felici di accogliere gli invasori, gli eserciti nemici possono trincerarsi, le città possono essere assediate, le truppe di rinforzo possono giungere all’improvviso, ci sono imboscate, sotterfugi, omicidi. Ogni errore condotto nelle fasi a turni si può pagare a carissimo prezzo: ad esempio, è sufficiente lasciare scoperta una propria città per un solo turno e vedersela portare via dai propri nemici. O, ancora, a seguito di un assedio finito male si possono ricevere degli spietati contrattacchi da parte del nemico e ritrovarsi il proprio esercito decimato nel giro di un paio di turni.
L’approccio diplomatico è certamente utile in alcuni casi, sebbene Total War: Rome II sia un gioco principalmente incentrato sulla guerra. Stringere alleanze davvero significative è molto difficile, e sebbene gli sviluppatori abbiano incluso la possibilità di capire perché un popolo straniero ci ama (e ci odia) tramite un comodo riassunto, anche le popolazioni più amichevoli sembrano restie ad offrirci il loro aiuto quando ci troviamo in difficoltà.


Le fasi di battaglia
Nel momento in cui si incrocia un esercito nemico o si cerca di conquistare una città, possiamo scegliere se simulare la battaglia o scendere in campo. La prima scelta è opportuna nei momenti in cui il nostro esercito è nettamente superiore, mentre in tutti gli altri casi è consigliabile provare il tutto per tutto sul campo di battaglia.
Ogni scontro si apre con l’arrivo del nostro esercito, e ci viene concessa la possibilità di valutare le condizioni climatiche e di attendere un cambiamento, oppure di entrare subito in battaglia. Nebbia e pioggia influenzano il comportamento delle truppe, e in alcuni casi una pessima condizione di visibilità o un terreno fangoso possono giocare a nostro favore. Un altro aspetto che modifica radicalmente l’esito delle battaglie è dato dalla conformazione del terreno. Una carica in discesa, ad esempio, rende le nostre truppe più rapide e letali. Una collina può fornire un ottimo punto strategico per chi impugna armi a distanza, mentre una fitta boscaglia può consentire imboscate o nascondere il proprio esercito in attesa che l’avversario compia qualche mossa avventata.
In molti casi le prime fasi della battaglia sono lunghe, e non si versa nemmeno una goccia di sangue. I due avversari tendono a studiarsi a vicenda, e a capire come meglio intervenire. In questi casi, l’abilità del giocatore risulta provvidenziale, ma è necessario conoscere perfettamente i pro e i contro di ogni unità al fine di ottenere il massimo dalle proprie azioni.
Le varie unità possono essere raggruppate, e a ciascun gruppo si può assegnare un tasto rapido. Così, si possono creare degli schemi di battaglia davvero efficaci che, ad esempio, ci consentono di fare strage degli arcieri con la cavalleria, mentre i nostri frombolieri tengono trincerati i lancieri, e la fanteria si lancia in mischie rocambolesche. La sensazione è di avere davvero il controllo della situazione, e dopo qualche ora di gioco si iniziano a provare le prime grandi soddisfazioni grazie al rovesciamento di situazioni altrimenti considerate impossibili.
Oltre alle battaglie di terra vi sono anche le battaglie navali, che tuttavia in Total War: Rome II non si separano nettamente da quelle a piedi. Ovvero: nel gioco si può combattere una battaglia che si svolge sia a terra che in mare, in quanto le truppe imbarcate possono approdare sulla spiaggia e muoversi verso l’esercito nemico. In alcuni casi si possono ottenere pesanti aiuti dal mare, e le navi dotate di uomini armati con archi, fionde e lance possono intervenire sui nemici a terra dalla tranquillità delle acque. È proprio in questi casi che Rome II mostra il livello di epicità raggiunto dalla serie, con delle battaglie su larga scala che possono cambiare da un momento all’altro, con veri e propri effetti sorpresa che ci hanno lasciato più di una volta a bocca aperta.


Ci vuole un supercomputer?
Uno dei problemi che, da sempre, contraddistingue questa saga è dato dall’enorme quantità di risorse richiesta per riprodurre il gioco al massimo del suo splendore. Questo problema era particolarmente evidente in Shogun 2, e in Rome II - nonostante la scala maggiore - appare leggermente attenuato. Il gioco sembra girare a un frame rate decente anche con macchine di due o tre anni fa, anche se l’enorme mole di dati e di calcoli compiuti dal gioco richiede un processore di ultima generazione. Se con una macchina dedicata al gaming siamo riusciti a mantenere i 60 fps anche nelle fasi più concitate delle battaglie, occorrono comunque circa trenta secondi per terminare la simulazione di tutte le varie fazioni controllate dall’intelligenza artificiale nel corso della campagna. Nulla di fastidioso, ma dà l’idea di quanto sia gigantesco questo gioco. A questo si aggiunge l’intelligenza artificiale del gioco, che è stata rivista e sensibilmente migliorata (ora i nemici tendono imboscate e sanno davvero sorprenderci nei livelli di difficotà più elevati), ma che certamente incide sulle risorse hardware assorbite da Rome II.
Nel complesso, però, anche per Total War: Rome II è bene disporre di un buon computer: la differenza in termini grafici tra una macchina che riproduce il gioco in qualità media e una che riproduce il gioco in qualità massima è abissale. Shader, filtri e antialiasing modificano in maniera radicale la qualità del gioco, e il gioco merita davvero di essere riprodotto al massimo della propria potenzialità.
Perché se - da un lato - quello che conta è la profondità della simulazione, dall’altro è davvero piacevole vedere i risultati ottenuti da The Creative Assembly con il motore grafico del gioco. Quando si zooma sulle proprie unità e si notano gli elmi risplendere, quando si vedono i nemici proteggersi dalle nostre frecce sollevando i propri scudi, quando si attiva la modalità cinematica per osservare una carica dei propri uomini dal punto di vista del proprio esercito, non ci si può proprio trattenere dall’esprimere a voce alta la nostra meraviglia. In questi momenti ci si sente davvero parte del proprio gruppo di soldati, e agli sviluppatori va certamente il merito di non aver trascurato la parte estetica del gioco che, indubbiamente, dà a Rome II quel qualcosa in più che tanti altri profondissimi giochi strategici non hanno.
Peccato che, ancora una volta, il gioco faccia affidamento solo in piccola parte alla Storia, e ci presenti un numero esiguo di battaglie realmente avvenute nel corso dei primi secoli dell’Impero Romano. Il doppiaggio non aiuta certamente a migliorare il senso di realismo storico, con un misto inglese-italiano-latino che, in alcuni casi, stona davvero. Specie quando si odono le proprie truppe parlare con accenti stereotipati che avremmo davvero voluto non sentire.
Recensione Videogioco TOTAL WAR: ROME II scritta da LORESKA Ancora una volta, Total War si presenta in prima linea con un gioco tanto bello quanto difficile. Gli sviluppatori, con ogni probabilità, hanno deciso di proseguire questa saga rivolgendosi a chi già la conosce. Total War: Rome II, pertanto, è un gioco che farà innamorare chi già padroneggia la serie, ma che difficilmente riuscirà ad ampliare in maniera significativa il proprio pubblico, a causa di alcune barriere all’ingresso fin troppo elevate. Al contempo, abbiamo notato qualche piccolo screzio nella componente relativa al polishing del gioco, che non si è rivelata completamente priva di bug o di grossolane dimenticanze nella traduzione italiana, oltre a qualche evidente problema di sincronizzazione verticale, specie durante le non proprio bellissime cut-scene. Ciononostante, Total War: Rome II è un titolo di altissima qualità. Superato il duro impatto iniziale, chiunque potrebbe farsi rapire dagli enormi contenuti del gioco e iniziare una vera e propria lotta contro se stessi, nell’attesa di padroneggiare gli aspetti più raffinati del titolo. Con una campagna gigantesca, un’intelligenza artificiale capace di metterci a dura prova e, soprattutto, una profonda campagna online impiegherete mesi, forse anni prima di poter affermare “so giocare a Rome II”.
Appuntamenti LIVE e Video Rubriche
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
    Numero commenti: 172
  • medallo finest
    Livello: 0
    -7
    Post: 3
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da medallo finest

    perché chi si lamenta ha ragione..uno si aspetterebbe un minimo di competenza e non una marea di ca++ate.Adesso dopo 12 patch il gioco non è male soprattutto per le mod,ma al tempo della recensione sto gioco era a dir poco pessimo,non si avvicinava al 6 da quanto era buggato e problemi vari
  • medallo finest
    Livello: 0
    -7
    Post: 3
    Mi piace 0 Non mi piace -1
    Originariamente scritto da progamer85

    Non ti piace il gioco, non ti piace il recensore e la recensione... mi spieghi cosa sei qui a fare ? Io lo so, sei uno di quelli a cui piace scassare le pelotas dal mattino alla sera, hai stufato tutti e continui... Vai, continua pure da solo però bye bye
  • bizzy89
    Livello: 4
    640
    Post: 226
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Manco con la 780ti mi gira decente...ahahahahahahah
  • RebelGamer89
    Livello: 1
    361
    Post: 255
    Mi piace 0 Non mi piace -1
    Originariamente scritto da Sieghart18
    Il gioco è così pieno di "contro" che non basta quel riquadrino rosso, peccato che qui non ne viene citato nemmeno uno. Vedi il 9, vedi i difetti sorvolabili, lo preordini. Apri il gioco, non parte. Aspetti la patch, parte ma anche a molto difficile vinci battaglie perchè gli avversari decidono di fermarsi davanti ai tuoi frombolieri. Provi l'online, che NON ESISTE in questo gioco, e ti disconnetti una volta su 2. Il manuale dice "completamente italiano" ma i soldati parlano inglese, come se non bastasse assedi città già piegate dalla fame e dall'ordine pubblico perchè le altre nazioni non riescono in alcun modo a bilanciare la propria economia, aggiungiamoci pure le lacune grafiche, con hardware di fascia altissima, e ne viene fuori una truffa assurda, e la malafede del recensore. 9 si mette ai bei giochi, non alle beta


    and that's why I say that consoles are, in general, better. No problems...
  • AyoTTePhill055
    Livello: 0
    0
    Post: 0
    Mi piace 0 Non mi piace -1
    No... No... No... Nooo... Nooo... NOOO!!!
  • malato ps3 pc
    Livello: 1
    23
    Post: 15
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    qualcuno ha mica notizie di un ipotetica mod signore degli anelli (se esce quella rome diventa un gioco inutile non lo apriro mai piu solo lord of the ring)
  • phoenix12
    Livello: 1
    -87
    Post: 40
    Mi piace 2 Non mi piace -2
    è veramente un bel gioco
  • XKGhost
    Livello: 0
    -7
    Post: 1
    Mi piace 2 Non mi piace -2
    Devo dire davvero buon titolo
  • alessandro42
    Livello: 6
    2724
    Post: 1484
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da RoadToValhalla
    cioè... i problemi ci sono ancora oggi dopo 5 patch gente che non gioca con delle gtx680 o delle Radeon 7970 ( come me ), 40 fps nella mappa che droppano a 15 quando selezioni l'unità, nemici che girano in circolo durante gli assedi e altre tremila cose già elencate dagli altri, resta che i problemi tecnici non sono proprio soggettivi ma riscontrati da tutti, è semplicemente una BETA ad oggi, alla release un'ALPHA, non un passo indietro da Shogun 2 ma anche indietro dal primo ROME, il che è tutto dire visti gli anni di differenza, 9 iper pompato, probabilmente fosse stato davvero pronto era il voto giusto ma cera inqualificabile voto : N/D, ne pro ne contro, semplicemente scrivere : è un gioco in fase Beta, così da avvertire i consuamtori e recensirlo quando sarà finalmente completo ( non prima di natale di sto passo, e già sarebbe un miracolo )


    Quoto,questo gioco lo vedremo al massimo delle sue potenzialità la prossima estate,quando sarà stato fixato dalla CA(che ci ha fatto una pessima figura)e saranno uscite le prime corpose MOD
  • RoadToValhalla
    Livello: 7
    15771
    Post: 7689
    Mi piace 3 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da LoreSka
    Mi spiace che il gioco non ti sia partito, ma francamente credo che il tuo sia un caso isolato. Perlomeno, per fare la recensione ho usato due diversi computer: un i7 haswell con 8gb di ram e scheda video Nvidia che adesso non mi sovviene, e un più modesto i7 di prima generazione - acquistato nel 2010 - con 6 gb di ram e una modestissima HD5800. In entrambi i casi non ho avuto problemi.


    cioè... i problemi ci sono ancora oggi dopo 5 patch gente che non gioca con delle gtx680 o delle Radeon 7970 ( come me ), 40 fps nella mappa che droppano a 15 quando selezioni l'unità, nemici che girano in circolo durante gli assedi e altre tremila cose già elencate dagli altri, resta che i problemi tecnici non sono proprio soggettivi ma riscontrati da tutti, è semplicemente una BETA ad oggi, alla release un'ALPHA, non un passo indietro da Shogun 2 ma anche indietro dal primo ROME, il che è tutto dire visti gli anni di differenza, 9 iper pompato, probabilmente fosse stato davvero pronto era il voto giusto ma cera inqualificabile voto : N/D, ne pro ne contro, semplicemente scrivere : è un gioco in fase Beta, così da avvertire i consuamtori e recensirlo quando sarà finalmente completo ( non prima di natale di sto passo, e già sarebbe un miracolo )
  • LoreSka
    Redattore
    Mi piace 0 Non mi piace -6
    Originariamente scritto da Sieghart18
    Il gioco è così pieno di "contro" che non basta quel riquadrino rosso, peccato che qui non ne viene citato nemmeno uno. Vedi il 9, vedi i difetti sorvolabili, lo preordini. Apri il gioco, non parte. Aspetti la patch, parte ma anche a molto difficile vinci battaglie perchè gli avversari decidono di fermarsi davanti ai tuoi frombolieri. Provi l'online, che NON ESISTE in questo gioco, e ti disconnetti una volta su 2. Il manuale dice "completamente italiano" ma i soldati parlano inglese, come se non bastasse assedi città già piegate dalla fame e dall'ordine pubblico perchè le altre nazioni non riescono in alcun modo a bilanciare la propria economia, aggiungiamoci pure le lacune grafiche, con hardware di fascia altissima, e ne viene fuori una truffa assurda, e la malafede del recensore. 9 si mette ai bei giochi, non alle beta


    Mi spiace che il gioco non ti sia partito, ma francamente credo che il tuo sia un caso isolato. Perlomeno, per fare la recensione ho usato due diversi computer: un i7 haswell con 8gb di ram e scheda video Nvidia che adesso non mi sovviene, e un più modesto i7 di prima generazione - acquistato nel 2010 - con 6 gb di ram e una modestissima HD5800. In entrambi i casi non ho avuto problemi.
  • Sieghart18
    Livello: 3
    416
    Post: 120
    Mi piace 3 Non mi piace -2
    Il gioco è così pieno di "contro" che non basta quel riquadrino rosso, peccato che qui non ne viene citato nemmeno uno. Vedi il 9, vedi i difetti sorvolabili, lo preordini. Apri il gioco, non parte. Aspetti la patch, parte ma anche a molto difficile vinci battaglie perchè gli avversari decidono di fermarsi davanti ai tuoi frombolieri. Provi l'online, che NON ESISTE in questo gioco, e ti disconnetti una volta su 2. Il manuale dice "completamente italiano" ma i soldati parlano inglese, come se non bastasse assedi città già piegate dalla fame e dall'ordine pubblico perchè le altre nazioni non riescono in alcun modo a bilanciare la propria economia, aggiungiamoci pure le lacune grafiche, con hardware di fascia altissima, e ne viene fuori una truffa assurda, e la malafede del recensore. 9 si mette ai bei giochi, non alle beta
  • Morfeus
    Livello: 3
    2277
    Post: 346
    Mi piace 2 Non mi piace -2
    Originariamente scritto da OrazioErmenegildo
    Ma che gioco ha provato il recensore? E' assurdo... Meritava appena appena un 8 questo Rome2


    i voti sono molto soggettivi per me... dipendono dai gusti personali dei recensori...
    spesso sono recensioni troppo frettolose.... parlo in generale. Un gioco va provato a fondo secondo me per dare un parere a 360 gradi e per scoprire ogni sfaccettatura... ma ormai le recensioni escono prima del gioco stesso ! con poco tempo magari dedicato a giocarci e a provarlo...

    cmq questo gioco lo voglio a prescindere dal voto... adoro quell'epoca e quell'atmosfera...

    in genere però mi sono trovato d'accordo con le recensioni di spaziogames che seguo ormai da molto....
  • MatteLoL
    Livello: 2
    446
    Post: 94
    Mi piace 2 Non mi piace -2
    Originariamente scritto da OrazioErmenegildo
    Ma che gioco ha provato il recensore? E' assurdo... Meritava appena appena un 8 questo Rome2


    Dato il grande lavoro di remake da parte degli sviluppatori, e tutte le novità che hanno aggiunto penso che quel 9 se lo meriti.
  • OrazioErm...
    Livello: 1
    0
    Post: 3
    Mi piace 0 Non mi piace -6
    Ma che gioco ha provato il recensore? E' assurdo... Meritava appena appena un 8 questo Rome2
caricamento in corso...
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967