Recensione di Company of Heroes 2

Copertina Videogioco
  • Piattaforme:

     PC
  • Genere:

     Strategico
  • Sviluppatore:

     Relic Entertainment
  • Data uscita:

     24 giugno 2013
9.0
Voto lettori:
7.0
- Gameplay solidissimo e tattico, reso ancor più profondo dalle novità
- Tantissimi contenuti
- Tecnicamente notevole
- Livello di sfida elevato anche per i veterani
- Accessibilità zero
- Qualche bug
- Poche innovazioni significative al sistema
Loading the player ...
A cura di Aligi Comandini (Pregianza) del
Qual è il genere che più di ogni altro stuzzica la mente di un videogiocatore? I puzzle game e le avventure punta e clicca, penseranno alcuni, i gdr con le loro complesse statistiche e lo sviluppo stratificato dei personaggi, diranno altri sommersi da ricordi di dati e build da studiare. In realtà, tuttavia, il genere che più di ogni altro mette i neuroni sotto sforzo è lo strategico. 
Si sarà anche evoluto da basi semplici e da campi di battaglia inizialmente popolati da una manciata di truppe a malapena controllabili, ma negli anni gli esponenti più poderosi di questa categoria si sono fatti sempre più completi e impegnativi, tramutandosi in versioni evolute degli scacchi con dozzine e dozzine di variabili da tenere continuamente in considerazione, in scontri dove la tensione è alle stelle fino all’ultimo secondo.
Non sorprende dunque che gli rts siano considerati praticamente da sempre un genere di nicchia. Tanti hanno tentato di semplificarli o renderli più accessibili, ma ora della fine il risultato è sempre lo stesso: la massa di giocatori acquista il prodotto al day one attirata dal background o dalla campagna in singolo, e poi il 90% dell’utenza lo abbandona, stranita dalla difficoltà o scoraggiata dalle mazzate prese online. 
Dalle ceneri degli rts sono spuntati i Dota-like, i cui singoli eroi hanno preso il posto delle armate nel cuore della maggior parte dei gamer. Non tutti gli sviluppatori si sono però arresi all’avanzata di League of Legends e compagnia, e nel gruppetto è persino rimasto qualcuno che ha deciso di fregarsene altamente della massa, delle vendite facili e dell’accessibilità. Quel qualcuno sono gli sviluppatori di Relic, che dopo mille peripezie e il fallimento del loro precedente publisher sono finalmente riusciti a pubblicare l’atteso Company of Heroes 2 sotto l’ala protettiva di SEGA.
Il primo capitolo è, per tante ottime ragioni, considerato una colonna portante della strategia virtuale, quindi ci siamo buttati con sommo piacere su questo seguito, dopo averlo testato per un po’ in beta. 
Sarà davvero il titolo che i puristi attendevano da tempo?


Compagni in vita, compagni in morte
Partiamo dall’ambientazione, visto che c’è stato un netto cambio di prospettiva in Company of Heroes 2. I tempi sono sempre quelli della terribile seconda guerra mondiale, ma stavolta prenderemo il controllo dell’armata rossa, durante l’invasione della Russia da parte dell’esercito tedesco. 
Per l’esattezza la campagna inizierà nei panni di Lev Abramovich Isakovich, un abile ufficiale russo imprigionato per alto tradimento, che ripercorrerà gli eventi che lo hanno portato quasi alla gogna tramite una serie di flashback, interrogato dal suo ex comandante.
Relic da sempre cerca di mantenere una certa accuratezza storica, e la loro ultima opera non è da meno, visto che punta tutto sulla brutalità della guerra a ridosso di battaglie realmente combattute. Durante le disavventure di Lev verrete posti continuamente davanti ad azioni disumane giustificate solo in parte dal conflitto, in una serie di cutscene che riescono a narrare gli eventi con chiarezza. 
E’ una strada già percorsa in passato da altri sviluppatori, e spesso in modo migliore, ma la trama di Company of Heroes 2 riesce comunque nel compito di legare le varie missioni e invogliare il giocatore ad avanzare, aiutata dal gameplay notevole.

Agli ordini, comandante
Già, possiamo dirlo da subito senza timore di essere smentiti: Company of Heroes 2 è ancora un piacere da giocare. Non serve girarci troppo attorno, dopotutto sfrutta i fondamenti solidissimi del primo episodio, ancora oggi attualissimo e impossibile da criticare. 
Le basi possono sembrare quelle già viste negli strategici Blizzard, ma il lavoro di Relic si distingue da altri rts per un semplice quanto centrale fattore primario. Questo è infatti un titolo che si concentra al 90% sulla microgestione, ovvero la capacità di controllare ogni singola truppa spostandola in modo furbo all’interno della mappa, di utilizzare le abilità attive specifiche di ogni unità, e di passare rapidamente da un gruppetto all’altro senza perdere di vista il posizionamento complessivo della propria armata. Anche la macrogestione è importante, poiché il gioco costringe comunque a costruire baracche ed edifici che sbloccano gradualmente le varie unità, e contiene un’economia da tenere sotto controllo, ma questa è strutturalmente secondaria se paragonata all’importanza delle posizioni e delle abilità, anche perché fortemente limitata dalla gestione delle risorse. 
In pratica, gli scontri si basano principalmente sulla necessità di conquistare aree segnalate sulla mappa, il cui possesso dona introiti maggiori e permette di ottenere nuove truppe e strutture più rapidamente. Oltre a queste, sparse per il territorio ci saranno casse di proiettili e taniche di benzina, che andranno a rimpinguare le casse del proprio esercito, o potranno venir prodotte direttamente ai punti di controllo con l’ausilio di alcuni ingegneri. Il limite di popolazione, in ogni caso, è fisso, pertanto non è mai realmente possibile costruire un’armata gigantesca e inarrestabile, e ogni scontro è pensato per forzare il giocatore a scegliere con arguzia ogni unità.


Credete di poter eliminare un carro armato con una serie infinita di soldati? Lasciate perdere. La corazza del mezzo rimbalzerà qualunque colpo di fucile, e verrà intaccata solo da granate (che costano munizioni e non possono venir abusate), cannoni anti tank, lanciarazzi, altri corazzati o unità come le squadre mortaio. Calcolare male la composizione della propria armata significa perdere, senza se e senza ma, e tale scheletro rende Company of Heroes 2 un prodotto dove ogni azione, dal reclutamento dei soldati alla loro strategia d’attacco, va attentamente ponderata. 
Chiaramente non è tutto qui: il gioco contiene anche un profondo sistema di coperture, che non fa altro che sottolineare ancor di più l’importanza della microgestione. Edifici, bunker, alberi e rocce offriranno infatti cover naturale, che renderà più arduo stanare le vostre truppe o quelle nemiche. L’avvicinamento in copertura è però preciso solo quando si controllano le squadre singolarmente o in numero scarso, dunque non aspettatevi di dare a dieci team un singolo ordine di spostamento e di vederli piazzati dopo pochi secondi dietro a un muretto a sparare. Come già detto, precisione e controllo sono indispensabili per trionfare. Sempre.

Ghiaccio che non conserva
Se fate parte del gruppo che ha giocato il primo Company of Heroes, le meccaniche descritte sopra vi sembreranno fin troppo familiari. Non c’è da stupirsi, dopotutto questo seguito non stravolge la formula, limitandosi ad applicare alcuni cambiamenti marginali. Innanzitutto le fazioni sono state fortemente ribilanciate, e in particolare tank e truppe fin troppo efficaci vengono ritoccati di continuo in base al feedback ricevuto dai giocatori. I Commander, selezionabili da un comodo menu di personalizzazione prima di una partita, permettono ancora di utilizzare vantaggiose abilità con l’avanzare dello scontro, ma queste favoriscono solo stili di gioco specifici (magari fondati sull’artiglieria o particolarmente difensivi, per fare un paio di esempi) e non garantiscono truppe a costo zero spammabili o altre amenità simili.
La neve e il gelo, inoltre, non sono solo di contorno, e introducono nel mix un sistema legato alle temperature, che costringe a cercare fonti di calore nelle mappe invernali o a tenere sempre nelle vicinanze dei mezzi di trasporto, pena il congelamento dei soldati. Il freddo può persino essere utilizzato offensivamente, facendo affondare in laghi ghiacciati dei pericolosi corazzati nemici con un paio di granate ben piazzate, o costringendo gli avversari a uscire dai ripari per scaldarsi nei pressi di un falò in campo aperto. Possono sembrare piccolezze, ma cambiano sensibilmente l’esperienza di gioco, aggiungendo altre variabili a uno strategico dove queste non scarseggiano di certo. 
 

In Soviet Russia game beats you
Nel caso non sia bastata la trafila di qui sopra a scoraggiarvi, sappiate che ci penserà l’I.A. a farvi capire subito con cosa avete a che fare. Basta giocare dieci minuti una partita skirmish a casaccio per capire che i Relic non hanno minimamente pensato ai neofiti, concentrando tutti i loro sforzi nella creazione di un rts apprezzabile principalmente dai giocatori esperti. La campagna vi spezzerà le rotule, mettendovi di continuo davanti a situazioni disperate o quasi, con assalti assidui da parte dei nemici e la costante necessità di aggirare le zone più protette e di mantenere in vita le unità essenziali. A fare spavento è però proprio l’intelligenza artificiale, che persino a facile può mettere in grave difficoltà un veterano del genere, con giocate aggressive, granate usate sempre al momento giusto, e build orders ben calcolati. L’I.A. non è infallibile, ma sa il fatto suo come poche altre, ed è pensata per sculacciare chi la sottovaluta più volte, prima che questi si renda conto di dover variare il ritmo. 
Non una cattiva scelta, specie quando si pensa che la maggior parte dei giocatori di vecchia data tende a snobbare le modalità singleplayer in toto. Company of Heroes 2 potrebbe essere invece uno dei pochi giochi dove anche i più esperti dovranno sudare qualche camicia per completare il tutto alla massima difficoltà.
Alla longeva campagna si affiancano varie missioni sfida extra, in solo o in co-op, e scontri con varianti dell’I.A. programmate per seguire strategie uniche. Il menu di personalizzazione offre poi potenziamenti percentuali alle armate da sbloccare completando degli achievement, skin alternative per i corazzati, e un pregevole stemma del profilo dove vengono indicate tutte le decorazioni ottenute di recente e il ranking totale. 
Online il matchmaking sembra funzionare già piuttosto bene, probabilmente affinato a puntino durante la beta, ma purtroppo non possiamo dire quanto sarà stabile la connessione una volta arrivata la massa di giocatori paganti. Nella beta tutto ha retto benone, e dovrebbe farlo pure al day one senza problemi. Quel che è certo è che gli amanti della tattica avranno di che gioire, visto che il livello è già altissimo prima ancora dell’uscita. Da applaudire la presenza di una finestra dedicata a Twitch, con gli stream più seguiti dedicati al gioco in quel momento, e di un menu dei replay salvati. Uno Spectator Mode live avrebbe rappresentato la perfezione, ma purtroppo si è visto solo in pochissimi titoli finora.


Prestanti poligoni sovietici
Tecnicamente l’opera di Relic è uno spettacolo da guardare, grazie a un motore estremamente dettagliato che permette di zoomare a dismisura e si mantiene più che degno a tutte le distanze. I modelli 3d dei soldati non sono esattamente stupefacenti quanto a conteggio poligonale, ma da lontano risultano più che ottimi, vantano texture lodevolissime e animazioni di alta qualità. Forse  nelle cutscene non renderà altrettanto bene, ma in generale siamo davanti a uno degli strategici più belli graficamente sulla piazza. 
Attenzione però, il motore è estremamente scalabile, ma gli effetti particellari sono tanti e curatissimi, e le mappe estremamente dettagliate, specialmente se invernali. Non aspettatevi di poter far girare tutto questo al massimo su un pc di fascia media, vedreste arrancare la povera macchina come uno zoppo nel deserto. Qualche bug c'è, ma sono radi, e solo un paio di volte ci è capitato di notare intralci al gameplay.
Ottimo infine il sonoro, con doppiaggi impegnati (anche se il solito accento russo forzatissimo ridicolizza un po’ le cose), e musiche adatte alle varie situazioni. Noi abbiamo potuto provare il titolo solo in inglese, ma la versione finale dovrebbe contenere tutte le traduzioni del caso. 

Hardware
Requisiti minimi:
Operating System: 32-bit Windows® Vista
CPU: 2.0 GHz Intel Core 2 Duo or AMD Athlon X2 or equivalent.
Memory: 2GB system RAM
Video Card: 256MB Direct3D 10 capable video card (GeForce 8800 or RadeonHD 2900)
Internet connection required
Recensione Videogioco COMPANY OF HEROES 2 scritta da PREGIANZA Company of Heroes 2 è uno strategico durissimo e purissimo, pensato chiaramente solo per quei giocatori che mangiano tattica e respirano piombo. L'accessibilità è vicina allo zero, ma coloro con le dovute basi alle spalle che avranno il coraggio di lanciarsi nella mischia si troveranno davanti a un'opera spaventosamente curata e profonda, che abbandona le semplificazioni per proporre battaglie semi realistiche e costringe a calcolare alla perfezione ogni singola mossa. Volete la guerra su pc? Eccola, è arrivata. E che siate in grado di sopravvivere oppure no, non potete non chinare la testa dinnanzi alla bravura dei Relic.
Appuntamenti LIVE e Video Rubriche
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
    Numero commenti: 34
  • phoenix12
    Livello: 1
    -79
    Post: 40
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    è veramente un bel gioco che ti prenda dal primo momento in cui inizi a giocarci io ce l' ho ed è molto ma molto mellooooo
  • domdam
    Livello: 3
    85
    Post: 36
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Io lo sto giocando.Fantastico!!!
  • sunder1990
    Livello: 1
    -79
    Post: 50
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da Bazz
    per me è la 460... ce l'avevo anche io e sono stato costretto a cambiarla a maggio. E' una scheda economica di 2 generazioni fa, con le nuove direct x fa una fatica pazzesca... prova a vedere se puoi usare le directx vecchie. Certo che 10 frame è poco poco....


    si sarà anche di due generazioni fa ... ma riesce a farmi andare bene tutti i giochi pure del 2012-2013 con dettagli alti ... e non dirmi che starcraft 2 hots e company of heroes 2 hanno una grafica cosi diversa. Anzi forse è piu pesante quella di SC2 che lo faccio andare a ultra a 60 fps fissi. Quindi non dico di farlo andare al max ma almeno a medio a 40-50 fps si cavolo ... sebra di giocare a quel mattone di men of war assault squad che era ottimizzato con i piedi
  • Bazz
    Livello: 2
    35
    Post: 40
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da sunder1990
    oggettivamente tropo mooolto ,ma molto + leggero il primo company of heores , e non ho notato tutta sta grafica migliore .. Per me deve essere decisamente ottimizzato perchè trovo impossibile che mi scatti tutto a medio / basso e dico 10 fps... con una gtx 460 da 1 gb , 4 gb di ram , e intel core duo da 2.4 ghz ( anche se vecchiotto ) . il primo mi va a 80 fps tutto max con anisotropico . Pure starcraft 2 mi va a 60 fps tutto ultra. con crysis 3 faccio 30 fps tra alto/medio .. non riesco a capire sinceramente .


    per me è la 460... ce l'avevo anche io e sono stato costretto a cambiarla a maggio. E' una scheda economica di 2 generazioni fa, con le nuove direct x fa una fatica pazzesca... prova a vedere se puoi usare le directx vecchie. Certo che 10 frame è poco poco....
  • Dariotto 94
    Livello: 2
    221
    Post: 80
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    In generale il gioco merita sia dal lato tecnico che del gameplay e della narrazione, complice il fatto di una trasposizione del fronte orientale realizzata in maniera egregia e di una difficoltà molto competitiva per il suo genere, sopratutto nelle missioni della modalità "Teatro di guerra" che risultano essere molto punitive.
  • sunder1990
    Livello: 1
    -79
    Post: 50
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    oggettivamente tropo mooolto ,ma molto + leggero il primo company of heores , e non ho notato tutta sta grafica migliore .. Per me deve essere decisamente ottimizzato perchè trovo impossibile che mi scatti tutto a medio / basso e dico 10 fps... con una gtx 460 da 1 gb , 4 gb di ram , e intel core duo da 2.4 ghz ( anche se vecchiotto ) . il primo mi va a 80 fps tutto max con anisotropico . Pure starcraft 2 mi va a 60 fps tutto ultra. con crysis 3 faccio 30 fps tra alto/medio .. non riesco a capire sinceramente .
  • salvo800
    Livello: 0
    0
    Post: 2
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da salvo800
    Il gioco è davvero bello....graficamente notevole.....
    ma c'è qualcuno che sa come fare per togliere tutte le linee colorate dal gioco...? sono poco realistiche!

    Vorrei aggiungere che lo zoom più lontano mi sembra troppo ravvicinato per avere una visuale di insieme del campo di battaglia, una visuale dall'alto in sostanza non c'è e questo complica le cose.


    Vorrei soprattutto anche una visuale più da lontano e ovviamente la possibilità di girare intorno al campo di battaglia....come in total war!
  • salvo800
    Livello: 0
    0
    Post: 2
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Il gioco è davvero bello....graficamente notevole.....
    ma c'è qualcuno che sa come fare per togliere tutte le linee colorate dal gioco...? sono poco realistiche!

    Vorrei aggiungere che lo zoom più lontano mi sembra troppo ravvicinato per avere una visuale di insieme del campo di battaglia, una visuale dall'alto in sostanza non c'è e questo complica le cose.

    Originariamente scritto da salvo800
    Il gioco è davvero bello....graficamente notevole.....
    ma c'è qualcuno che sa come fare per togliere tutte le linee colorate dal gioco...? sono poco realistiche!

    Vorrei aggiungere che lo zoom più lontano mi sembra troppo ravvicinato per avere una visuale di insieme del campo di battaglia, una visuale dall'alto in sostanza non c'è e questo complica le cose.


    Vorrei soprattutto anche una visuale più da lontano e ovviamente la possibilità di girare intorno al campo di battaglia....come in total war!
  • salvo800
    Livello: 0
    0
    Post: 2
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Il gioco è davvero bello....graficamente notevole.....
    ma c'è qualcuno che sa come fare per togliere tutte le linee colorate dal gioco...? sono poco realistiche!
  • Argan
    Livello: 3
    1870
    Post: 491
    Mi piace 2 Non mi piace 0
    Perchè qualcuno non fa qualche bel gioco simile a commandos? un gioco un pò vecchio ma fantastico...
  • TheOnlyan...
    Livello: 4
    3012
    Post: 834
    Mi piace 3 Non mi piace -2
    Originariamente scritto da Pregianza
    La costanza è l'unico reale modo di appassioanrsi a un rts. Mollare per lunghi periodi può portare a un gap di abilità brutale, che porta il multiplayer a divenire poco godibile. Sono titoli complessi che richiedono molta dedizione. O ti pigliano subito senza pietà, o è dura farseli piacere.

    Già, esattamente come dice il caro Pregianza. O ti fai catturare subito o niente. Personalmente è uno dei miei generi preferiti, e sono molto tentato all'acquisto di questo gioco, ma c'è un titolo che esce il 9 agosto che avrà la precedenza... Tales of Xillia xD
  • TheOnlyan...
    Livello: 4
    3012
    Post: 834
    Mi piace 1 Non mi piace -2
    Che dite, con questa configurazione ce la faccio a farlo girare con tutti i dettagli medi e la qualità texuture massima?
    Processore: AMD Phenom X4
    Scheda video: RadeonHD6670 DirectX11
    OS: Windows 7 64bit
    Rispondete please?

    Originariamente scritto da Pregianza
    La costanza è l'unico reale modo di appassioanrsi a un rts. Mollare per lunghi periodi può portare a un gap di abilità brutale, che porta il multiplayer a divenire poco godibile. Sono titoli complessi che richiedono molta dedizione. O ti pigliano subito senza pietà, o è dura farseli piacere.

    Già, esattamente come dice il caro Pregianza. O ti fai catturare subito o niente. Personalmente è uno dei miei generi preferiti, e sono molto tentato all'acquisto di questo gioco, ma c'è un titolo che esce il 9 agosto che avrà la precedenza... Tales of Xillia xD
  • IronMario
    Moderatore
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Stupendo!
  • stepunk81
    Livello: 4
    533
    Post: 107
    Mi piace 1 Non mi piace -3
    giuro, nella beta non ci ho capito una mazza xD
  • buzzo93
    Livello: 6
    9900
    Post: 1464
    Mi piace 3 Non mi piace -1
    Fra questo e Rome 2 fra un paio di mesi, ci sarà da divertirsi per altri 5 anni!
caricamento in corso...
SCREENSHOTS
RECENSIONI E SPECIALI CORRELATI
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967