Recensione di Don't Starve

Copertina Videogioco
  • Piattaforme:

     PC
  • Genere:

     Gioco di ruolo
  • Sviluppatore:

     Klei Entertainment
  • Lingua:

     Inglese
  • Giocatori:

     1
  • Data uscita:

     24 Aprile 2013 - 7 Gennaio 2014 (PS4-US) - 3 settembre 2014 (PS Vita)
8.0
Voto lettori:
9.0
- Gameplay senza compromessi, tutto da scoprire e impegnativo
- Stile grafico unico e piacevolissimo
- Aggiornato frequentemente, e potenzialmente infinito se la formula cattura
- O si ama o si odia, senza vie di mezzo
- Meccaniche fondamentali piuttosto semplicistiche, che possono venire a noia
Loading the player ...
A cura di Aligi Comandini (Pregianza) del
Il mondo degli indie games viene visto come un’ancora di salvezza per molti sviluppatori sconosciuti, un’oasi verdeggiante dove i sogni di chi ha sempre voluto sviluppare videogames possono divenire realtà. La situazione, tuttavia, è ben diversa. Sarà anche vero che oggi l’industria offre molte più chance ai programmatori ignoti, ma distinguersi tra la massa di talentuosi studi indipendenti non è un’impresa facile, è una guerra, dove solo i più forti sopravvivono e buona parte dei meno ispirati cadono come mosche. 
I Klei Entertainment sono entrati in questo mondo gradualmente, facendosi notare con un beat ‘em up a scorrimento dalla vivace grafica 2D chiamato Shank, e in seguito esplodendo grazie a Mark of The Ninja, uno stealth game puro sempre privo di poligoni che ha stupito praticamente tutti. 
Questi ragazzi hanno dimostrato di poter gestire generi diversi mantenendo una pulita e piacevole grafica bidimensionale, sfruttando in primo luogo le idee e mettendo in secondo piano la spettacolarità tecnica. Una formula vincente che ha portato ogni loro annuncio a venir accolto con aspettative piuttosto elevate dalla stampa. Con la sua ultima opera il team ha voluto ancora una volta rimescolare gli ingredienti, buttandosi sul poco diffuso (e sempre più snobbato dalle grosse produzioni) genere del survival game. Il loro progetto più recente si chiama Don’t Starve ed è recentemente spuntato su Steam dopo una longeva beta che ha visto gli sviluppatori ritoccarlo in molteplici aspetti. Noi chiaramente abbiamo seguito il titolo durante tutta la sua evoluzione, e oggi siamo pronti a dirvi se i Klei hanno dimostrato ancora una volta di potersi buttare su ogni tipologia di gioco, o se hanno fatto il loro primo passo falso.


Bear Grylls insegna
Don’t Starve inizialmente vi mette nei panni di Wilson, una sorta di versione molto stilizzata di Johnny Depp con una passione malsana per la scienza. Come spiegato da uno dei trailer di presentazione (non c’è un video introduttivo della trama nel gioco, né una vera e propria narrativa, anche se una storia di fondo è presente e legata a una modalità descritta più avanti), Wilson dopo un esperimento andato male viene contattato da una non meglio precisata “voce” che promette di svelargli oscuri segreti e teorie arcane che superano la scienza umana. Il nostro, senza calcolare minimamente le conseguenze, segue alla lettera le indicazioni del suo nuovo mentore immaginario e crea una strana porta, che una volta attivata lo conduce di forza in un nuovo mondo. Completamente solo, disorientato, e in un luogo molto più pericoloso di quanto appare, dovrà sopravvivere usando al meglio il suo ingegno e le sue conoscenze scientifiche.
Una premessa semplice e ben congegnata che mette subito in chiaro il compito del gioco, come se non l’avesse fatto già abbastanza il suo titolo. Lo scopo primario dell’opera Klei è restare in vita, e per farlo sarà necessario tenere costantemente d’occhio la salute, lo stomaco e la sanità mentale del protagonista.
Questo non è uno di quei prodotti che prendono per mano il giocatore spiegandogli ogni meccanica passo dopo passo. Si viene abbandonati in un luogo ostile esattamente come Wilson, e l’unica cosa che si osserva con una certa velocità è la capacità del nostro alter ego di raccogliere oggetti dalla mappa e di trasformarli rapidamente in strumenti utili per tenersi stretta la pellaccia. 
Tutto ruota, appunto, attorno a tre indicatori chiaramente visibili. Quello legato alla panza si svuoterà gradualmente con il passare del tempo, quello della salute mentale perderà colpi venendo a contatto con specifici fattori ambientali, mentre quello della salute calerà ad ogni attacco subito dalle bestie feroci che infestano il mondo. 
Ah, non vi abbiamo detto la cosa più importante. La morte qui è permanente e non ci sono salvataggi. Già, non si scherza per niente: gli sviluppatori non hanno minimamente pensato di inserire modalità facilitate o opzioni per i meno allenati, in Don’t Starve un singolo errore può costringere a ricominciare tutto da capo, lasciando al giocatore solo qualche misero punto esperienza. Si tratta di una scelta che inumidirà gli occhioni dei gamer veterani, ma colpirà spesso come una martellata sugli stinchi gli utenti meno pratici, specie quando vedranno il loro personaggio morire dopo giorni di attenta pianificazione ed esplorazione con i piedi di piombo. Vi sono oggetti capaci di evitare la crudele dipartita del proprio simpatico omino, ma sono limitati e quello più utile è praticamente inutilizzabile se si utilizza un protagonista diverso da Wilson.


Da molti punti di vista il sistema fondamentale ricorda quello di Minecraft. All’inizio è necessario raccogliere elementi di base per costruire asce, picconi e pale con cui poi risulta possibile ottenere materiali più avanzati, e continuando a forza di esperimenti si ottengono sempre più competenze fino a divenire costruttori provetti. Come nell’opera di Notch c’è un ciclo giorno/notte, ma qui è definito in modo più netto e vagare al buio è praticamente un suicidio. Quando calano le tenebre è obbligatorio avere una torcia o un falò a disposizione, pena una morte certa per mano di terrificanti bestie d’ombra in una mappa con zero visibilità. La fase notturna dura poco, ma durante il giorno non si sta comunque tranquilli, poiché le creature aggressive non mancano e i pericoli capaci di mandare il protagonista all’altro mondo spuntano da ogni angolo. 
La stessa mappa, nell’unica modalità attivabile dal menu principale, non è altro che un mondo sandbox generato casualmente, dove possono comparire oggetti e mostri di ogni genere e le divisioni tra le zone sono nettissime. Le locazioni paludose nascondono molte insidie, ma anche alcuni elementi utili ritrovabili solo nella fanghiglia, mentre a pochi metri di distanza si possono incontrare facilmente campi zeppi di strani conigli pronti per essere catturati e cucinati, foreste verdeggianti popolate da ragni enormi, zone desertiche ricche di rocce e tante altre peculiari zolle di terreno. Non si parla inoltre di zone limitate, ma di mappe spesso enormi che continuano per chilometri e costringono a ore e ore di camminata per essere navigate nella loro interezza. 
Adesso, detta così potrebbe sembrare un altro gioco senza uno scopo finale proprio come il già citato Minecraft, ma privo della stessa libertà creativa visto che, in Don’t Starve, le costruzioni sono limitate dalla bidimensionalità e dal numero minore di elementi. Invece l’opera di Klei nasconde un numero impressionante di segreti, tanto che tra questi vi è pure una campagna chiamata Adventure Mode, che va attivata durante la modalità Sandbox base trovando una misteriosa porta (ci possono volere decine e decine di giorni in-game prima di beccare casualmente la fantomatica struttura). L’Adventure Mode è diviso in capitoli di difficoltà crescente, segue una trama semplice ricollegata direttamente all’incipit, e in caso di morte riporta istantaneamente il giocatore alla partita iniziale.


Caos matematico
L’attrattiva principale di Don’t Starve è proprio il gusto della scoperta. In questo gioco si può costruire un po’ di tutto una volta trovati gli oggetti giusti, ed evolvere i propri banchi da lavoro da rudimentali “macchine della scienza” a mistici altari d’ombra ove il giocatore può persino dedicarsi alla creazione di artefatti magici e armi oscure. La completa casualità della mappa vi porterà a testare decine di combinazioni, e vi insegnerà ogni volta dove è meglio trattenersi, quali mostri è il caso di sfidare e quali no, e come muoversi per essere sicuri di rimanere in vita per un numero degno di giornate. 
Questa natura randomica del titolo, unita al numero di scoperte che si fanno partita dopo partita, ai personaggi multipli sbloccabili guadagnando esperienza o nascosti nell’Adventure Mode, e alla difficoltà piuttosto elevata legata alla permadeath e al dover tenere costantemente d’occhio lo stato del proprio survivor virtuale, può trasformare Don’t Starve in una vera droga, capace di catturare senza pietà. E’ brillante, nella sua semplicità, e costantemente aggiornato, tanto che i Klei segnalano periodicamente l’arrivo delle patch future e hanno intenzione di introdurre di continuo nuove sorprese nel loro pargolo. 
L’anima caotica e misteriosa del gioco è anche però la sua unica debolezza. Come è vero che la formula può catturare un giocatore, può anche stancarlo dopo poco, specialmente se si considera la basilarità delle interazioni fondamentali con la mappa e la ripetitività della raccolta di certi elementi indispensabili. Il fatto che gran parte dei costituenti più apprezzabili e complessi del titolo siano godibili solo per coloro che vorranno indagare a fondo nella sua struttura, inoltre, aliena automaticamente quei giocatori desiderosi di un’esperienza survival elaborata fin da subito, o profondamente innovativa.
I Klei hanno creato un videogame senza compromessi, che usa ottimamente gli elementi dei sandbox e dei survival, ma non rivoluziona né innalza particolarmente la formula. Insomma, si tratta di un risultato eccellente e coraggioso, che però non ha vie di mezzo. Amerete Don’t Starve fin dai primi minuti o vi annoierà e frustrerà a morte.
Il gioco offre una mappa tridimensionale ruotabile a piacere, sulla quale ogni singolo elemento è in 2D. E’ una soluzione furba, che dona all'opera uno stile grafico con carisma da vendere, ispirato non poco dai lavori di Tim Burton. L’aspetto dark e unico di Don’t Starve è azzeccatissimo, e gli permette di girare su pc non particolarmente performanti senza troppi sbalzi. Noi l’abbiamo provato su una configurazione di fascia alta e l’unico problema che abbiamo riscontrato è stato un crash in fase di chiusura di una partita, che non si è poi in seguito più ripetuto. Anche il sonoro è molto caratteristico, con le voci dei personaggi che non sono doppiate ma rappresentate da specifici strumenti a fiato, ottimi effetti ambientali e musiche che ben si sposano con il resto.
Recensione Videogioco DON'T STARVE scritta da PREGIANZA I ragazzi di Klei Enterteinment stanno rapidamente dimostrando di essere tra i più talentuosi in assoluto nella scena indie. Don't Starve non è un titolo perfetto, non innova i survival né presenta caratteristiche in grado di renderlo un capolavoro da giocare a tutti i costi, ma la sua formula senza compromessi, che lancia il giocatore in un mondo brutale e tutto da scoprire, avvalora ancora una volta la capacità della software house di buttarsi in ogni genere mantenendo la sua unicità. Che la struttura di questo interessante videogame vi catturi o no, è innegabile che si tratti di un prodotto di alta qualità, capace di catalizzare ancor di più l'attenzione della stampa su questo peculiare team di sviluppo. Qualunque progetto futuro abbiano in cantiere i Klei, ormai abbiamo una serie infinita di ottime ragioni per aspettarlo con impazienza.
Appuntamenti LIVE e Video Rubriche
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
    Numero commenti: 18
  • bassplaye...
    Livello: 2
    68
    Post: 545
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da alfaboss
    pensavo che indie voleva dire indiani e dicevo machecazzzz comunque molto bello!


    Genius!...@.@
  • BONZO1
    Livello: 4
    1064
    Post: 439
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da alfaboss
    pensavo che indie voleva dire indiani e dicevo machecazzzz comunque molto bello!


    hauhauhauahuahuhuahuahauahu XD
    Comunq dite che parte un po su tutti i pc?
  • alieno24
    Livello: 0
    -2
    Post: 5
    Mi piace 6 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da Daaka
    Solo 8???? Ma ci avete giocato seriamente?


    è vero hai ragione, non capisco in quale dimensione esistono tutti questi survival games puri...io ne conosco qualcuno minore, minecraft e questo.

    Ma Minecraft considerando soltanto la componente survival deve imparare molto da don't starve: non esiste la sanità mentale puoi barricarti anche in un parallelepipedo con spazio 2x1 cubetti solo per il tuo personaggio e puoi tranquillamente passare la notte, inoltre puoi ricaricare il salvataggio (se non giochi nella modalità hardcore). Secondo me meritava ALMENO 8,5.
  • Daaka
    Livello: 1
    10
    Post: 3
    Mi piace 7 Non mi piace -4
    Solo 8???? Ma ci avete giocato seriamente?
  • stepunk81
    Livello: 4
    574
    Post: 109
    Mi piace 6 Non mi piace -6
    per me è il gioco dell'anno!
  • alfaboss
    Livello: 6
    1970
    Post: 199
    Mi piace 6 Non mi piace -8
    pensavo che indie voleva dire indiani e dicevo machecazzzz comunque molto bello!
  • Manilla Road
    Livello: 4
    1289
    Post: 103
    Mi piace 8 Non mi piace -1
    Concordo in pieno con i commenti precedenti e aggiungo che se non avessi scoperto il mondo indie, dal quale sono rimasto totalmente rapito, probabilmente non giocherei più con la stessa passione di qualche anno fa! Nulla in contrario con le produzioni più blasonate ma in questi titoli indie si respira un'atmosfera che mi riporta un po' indietro a quando il mondo videoludico era un po' meno calcolato sul profitto a tutti i costi e un po' più "umano"..
  • JaiK
    Livello: 2
    3566
    Post: 570
    Mi piace 4 Non mi piace -1
    Gli Indie mi stupiscono sempre sempre in positivo..Si vede che sono fatti a volte anche da pochi ragazzi ma sono disegnati e creati con passione e originalità non dall'idea del "come possiamo spillare pù soldi di anno in anno"? e anche questo sembra FIGH ISSIMO..grazie a Super Meat Boy che mi ha aperto gli occhi su questo mondo haha
  • gobbobian...
    Livello: 4
    663
    Post: 389
    Mi piace 4 Non mi piace -1
    Lo stò gicando da qualche mese,e devo dire che oltre a essere un ottimo gioco è sempre in via di sviluppo,gli update arrivano puntualmente ogni due settimane e sono sempre sostanziosi,quando ho iniziato c'erano poche cose da fare,costrire e scoprire,ora invece è un giocone tutto da esplorare e scoprire,e a chi a primo acchitto può sembrare un giochino semplice....non lo è!!!!! E veramente difficile,sopratutto per chi lo inizia adesso che ha un sacco di cose già implementate,io le ho scoperte man mano che le aggiungevano,per chi lo dovesse iniziare adesso...auguri Comunque è un gioco che consiglio a tutti,veramente bello,divertente e innovativo
  • luke tartu
    Livello: 2
    279
    Post: 33
    Mi piace 10 Non mi piace -1
    in questa gen caratterizzata da free to play (o forse è meglio chimarli pay to win),giochi che durano una manciata di ore, eccessivamente facili e sommersi di dlc i giochi indie sono forse la cosa migliore
  • Link130890
    Livello: 3
    2350
    Post: 789
    Mi piace 1 Non mi piace -3
    Originariamente scritto da ri-arzak
    I giochi indie rappresentano uno degli aspetti più creativi dell'industria dei videogiochi e meritano di essere presi maggiormente sul serio. Non saranno tutti capolavori, ma è importante che il grande pubblico li prenda sul serio.


    Hai pienamente ragione, il loro lavoro va (secondo mia oppinione) a migliorare da titolo a titolo e quest'ultimo e un titolo interessante e originale però mirato sicuramente ad una fetta di videogiocatori limitata ma che sa apprezzare il lavoro fatto dai ragazzi di klei enterteinment giudicandolo sicuramente geniale e più tosto non tanto semplice da finire ma personalmente questo e un bene secondo il mio punto di vista. In conclusione penso che nel suo modesto palcoscenico sie meritato un applauso da tutti i utenti che l'anno saputo apprezzare .
  • khaoste
    Livello: 3
    582
    Post: 148
    Mi piace 2 Non mi piace -1
    Originariamente scritto da Pregianza
    Cel'ha, è finire l'adventure mode. Solo che già cominciarlo è un'impresa XD

    Vero, solo una volta mi e' capitato di incontrare il portale, ma ero al terzo giorno e non ho avuto il coraggio di cominciarlo...
  • Pregianza
    Redattore
    Mi piace 5 Non mi piace -1
    Originariamente scritto da frattonen
    Io sono uno di quelli Questo mi piace molto, però devo dire che è davvero tosto. Non hai un attimo di tempo per respirare; se arriva la notte e non hai raccolto abbastanza legname per farti un falò sei finito, e qui morire vuol dire ricominciare il gioco da capo (tranne rare eccezioni)! E poi dopo un pò ti chiedi: ma perché devo farmi questo? Perché se non sbaglio il gioco uno scopo non ce l'ha, nè una trama. Però è geniale XD


    Cel'ha, è finire l'adventure mode. Solo che già cominciarlo è un'impresa XD
  • khaoste
    Livello: 3
    582
    Post: 148
    Mi piace 8 Non mi piace -2
    Erano anni che non giocavo ad un gioco cosi' bast*rdo! E' stata una piacevolissima scoperta. Meno male che ogni tanto c'e' ancora chi sviluppa titoli che non sono solo dei tutorial di una manciata di ore di durata. In don't starve la soddisfazione sta davvero nel cercare di sopravvivere, anche solo un giorno in piu' rispetto alla partita precedente. Chi si definisce hardcore gamer non puo' non provarlo almeno una volta, e' una vera sfida.
  • frattonen
    Livello: 7
    12517
    Post: 1211
    Mi piace 1 Non mi piace -1
    Originariamente scritto da ri-arzak
    I giochi indie rappresentano uno degli aspetti più creativi dell'industria dei videogiochi e meritano di essere presi maggiormente sul serio. Non saranno tutti capolavori, ma è importante che il grande pubblico li prenda sul serio.


    Io sono uno di quelli Questo mi piace molto, però devo dire che è davvero tosto. Non hai un attimo di tempo per respirare; se arriva la notte e non hai raccolto abbastanza legname per farti un falò sei finito, e qui morire vuol dire ricominciare il gioco da capo (tranne rare eccezioni)! E poi dopo un pò ti chiedi: ma perché devo farmi questo? Perché se non sbaglio il gioco uno scopo non ce l'ha, nè una trama. Però è geniale XD
caricamento in corso...
SCREENSHOTS
RECENSIONI E SPECIALI CORRELATI
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967