Anteprima di Marvel Heroes

Copertina Videogioco
  • Piattaforme:

     PC
  • Genere:

     Gioco di ruolo
  • Sviluppatore:

     Secret Identity
  • Data uscita:

     4 giugno 2013; Primavera 2017 PS4 e Xbox One
A cura di (FireZdragon) del
Londra – Supereroi e cinema sono un'accoppiata vincente e recentemente le produzioni Marvel, con The Avenger e Iron Man hanno veramente fatto il botto in termini di popolarità e incassi. Noi videogiocatori siamo invece un po' più sfortunati e i prodotti a noi destinati non riescono quasi mai a sfondare il tetto della mediocrità, spinti dai facili guadagni possibili grazie semplicemente al nome impresso sulla copertina.
Gazillion cerca di porre rimedio a questo filone con Marvel Heroes, hack 'n' slash in arrivo questa primavera su PC che ci metterà nei panni di uno dei tanti supereroi di casa Marvel in una dura lotta contro i villain di turno. Siamo quindi volati a Londra per vedere come procede lo sviluppo e toccare con mano tutte le novità.



Alta qualità
Per produrre un gioco valido Gazillion non si è semplicemente affidata ad un amante dei fumetti Marvel, ma ha schierato dalla sua parte David Brevik, già coinvolto nello sviluppo di quel Diablo II che tanto fece sognare gli appassionati del genere solo qualche anno fa.
Le competenze al team di sviluppo quindi non mancano, e l'appetibilità di Marvel Heroes cresce a dismisura se pensiamo che il titolo sarà distribuito in maniera del tutto gratuita, affiancato da un sistema di microtransazioni.
Costumi, nuovi eroi e alcune nuove aree sono solo alcuni dei contenuti aggiuntivi che verranno introdotti gradualmente, ma il focus per i contenuti a pagamento rimarrà principalmente indirizzato a modifiche estetiche e bonus per il leveling.
Far crescere di livello un supereroe non è esattamente una passeggiata e se pensiamo che al lancio ci saranno ben 22 personaggi da sviluppare il conteggio delle ore di gioco necessarie per avere un team completo al cap fa veramente girare la testa. Perché parliamo di team? Molto semplicemente perchè Marvel Heroes vi permetterà di cambiare in qualsiasi momento di gioco il personaggio che state usando, permettendovi così di estrarre dal cilindro una classe adeguata alle necessità e al contempo poter fornire al vostro gruppo un supporto adeguato.
Sebbene l'anima dell'hack 'n' slash sia praticamente invariata, il forsennato punta e clicca sugli avversari è infatti sempre presente, è stata inserita anche una componente social marcata, a partire da enormi hub cittadini dove centinaia di eroi si potranno incontrare e dove fiorirà il commercio, un'interfaccia pratica per invitare istantaneamente in un gruppo tutte le persone nel vostro campo visivo, ma anche zone con public quest dal respawn continuo di nemici e istanze pensate per gruppi di quattro giocatori.
Nella sessione odierna ci siamo lanciati così a caccia di Kingpin, spalleggiato da Elektra e da un Bullseye davvero letale.



L'Unreal Engine 3 utilizzato come motore di gioco si presta piuttosto bene e la distruttibilità dell'ambiente non manca. E' possibile fare pezzi vetrate e container ma anche sollevare con i personaggi più muscolosi i vari veicoli parcheggiati e scagliarli sui gruppi di nemici che ci fronteggiano. C'è ancora da lavorare su alcune animazioni (la corsa non ci ha convinto), ma in linea generale non si può dire che il motore non faccia la sua bella figura.
Durante la selezione dell'eroe, portato per l'occasione già a livello 16, il nostro gruppo ha optato per Thor, Storm e Iron man, un terzetto ben bilanciato ma al quale mancava chiaramente un po' di dps. Non ci siamo fatti quindi scappare l'occasione di mettere in campo il buon Deadpool, vestito per l'occasione con un costume da pirata davvero fashion. Wade Wilson sarebbe stato davvero orgoglioso di noi.
Durante la lunga sessione di gioco siamo poi passati all'enorme Hulk, a Hawkeye e Black Panther così da provare approcci e stili di gioco differenti.
I tank si sono comportati discretamente anche se le classi ranged, la maggior parte di quelle presenti, avevano molti meno problemi a gestire le numerosissime ondate di nemici presenti su schermo. Difficile invece la vita per i semplici dps melee, spesso costretti a scappare ed incapaci di scatenare tutta la loro furia distruttiva in maniera efficace. I nemici infatti picchiano duro e spesso tendono a sovrastare il giocatore con il numero, costringendolo giocar ein gruppo e ostacolando l'avanzamento in solo attraverso i vari livelli di gioco. Le classi dotate di attacchi a distanza basilari con un po' di esperienza e kiting se la possono cavare egregiamente ma ad ogni modo dovranno sperare in un miracolo per stendere da soli i boss di fine livello.
Questi saranno ovviamente rappresentati dai peggiori cattivi dell'universo Marvel come il già citato Kingpin, le sentinelle o anche il Green Goblin. Ogni boss ha più pattern di attacco ed è caratterizzato da attacchi vari in grado di rendere gli scontri sempre molto dinamici anche se alcune abilità particolari, come il piercing shot di Bullseye, si sono rivelate esageratamente fastidiose. Un bilanciamento in questo senso sarebbe apprezzato.



22 classi per iniziare...
Restando in tema di abilità, ogni supereroe sarà dotato di tre rami specifici che ne cambieranno in maniera radicale lo stile di gioco. La nostra paura era che, essendoci molti supereroi, si presentassero diversi duplicati. David in questo senso ci ha rassicurato prendendo come esempio Hulk, Colosso e La Cosa. Tutti e tre ovviamente sono principalmente dei tank, ma Hulk ha una specializzazione che gli permette grazie alla rabbia di causare ancora più dps, La Cosa è in grado di assorbire un grandissimo quantitativo di danni, mentre Colosso ha poteri grazie ai quali riesce a creare scudi intorno ai propri compagni e attirare le attenzioni del nemico su di sé. Da questo punto di vista insomma sembra che avremo a che fare con 22 personaggi iniziali davvero unici e soprattutto fedeli alla loro controparte cartacea. Il sistema di gioco sarà poi approfondito da un sistema di crafting piuttosto basilare ma efficace, tramite l'uso di un simil cubo Horadrim con il quale distruggere gli oggetti in nostro possesso e riforgiarne di nuovi secondo una recipe list davvero lunghissima.
Nota dolente è lo spazio nello zaino, dato che ve ne sarà solamente uno condiviso tra tutti i supereroi, pensato ovviamente per essere ampliato tramite un piccolo esborso di denaro.
Rispetto alla precedente beta il titolo ha visto un redesign completo dell'interfaccia di gioco, con nuove icone e una minimappa in 3d completamente inedita posta nella parte alta dello schermo.
Gli ultimi minuti della nostra prova si sono conclusi con una missione nell savage land, in un'epico scontro tra dinosauri e supereroi, definita dallo stesso David una win win condition e noi, in questo caso, non possiamo che essere daccordo.
Recensione Videogioco MARVEL HEROES scritta da FIREZDRAGON Marvel Heroes è atteso per la prossima primavera, salvo ulteriori rinvii dovuti a vari miglioramenti, e potrebbe rappresentare per molti, una valida alternativa agli hack 'n slash a pagamento attualmente sul mercato. Probabilmente i giocatori più casual lo preferiranno a Path of Exile e dopo la pessima gestione di Akaneiro non sembrano esserci altri concorrenti papabili per ostacolarne l'ascesa. Se Gazillion saprà sfruttare bene le carte che ha in mano, potremmo vedere finalmente un buon prodotto su licenza Marvel, anche se la minaccia delle microtransazioni resta sempre in agguato.
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
caricamento in corso...
SCREENSHOTS
RECENSIONI E SPECIALI CORRELATI
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.