Recensione di Scribblenauts Unlimited
PC

Copertina Videogioco
  • Genere:

     Puzzle game
  • Sviluppatore:

     5TH Cell
  • Data uscita:

     15 febbraio 2013 (PC) - 6 Dicembre 2013 (Wii U-3DS)
7.5
Voto lettori:
N.P.
- Stimola alla grande la fantasia
- Ottimo editor di oggetti
- Su PC l'interfaccia è comoda e veloce
- Più che buono dal punto di vista tecnico
- Puzzle troppo semplici e simili tra loro
- Ripetitivo e piatto dopo le prime ore di gioco
- Mancano alcune parole d'uso comune
Loading the player ...
A cura di Andrea Rubino (jewel) del
Dopo aver provato a fondo la versione Wii U di Scribblenauts Unlimited, nei giorni scorsi abbiamo avuto modo di mettere nuovamente le nostre manacce sul lavoro di 5th Cell, questa volta sfruttando mouse e tastiera per dare sfogo alla nostra creatività. Ecco le nostre impressioni sulla versione PC del gioco.

Buone azioni e quaderni magici
Sulla scia dei precedenti esponenti nella serie, Scribblenauts Unlimited continua ad esplorare le possibilità di un concept videoludico ancora poco sfruttato, che si basa sull'idea di lasciare al giocatore quanta più libertà possibile per risolvere gli ostacoli che si presentano in-game. Nei panni del giovane Maxwell e del suo magico quaderno in grado di portare in vita qualsiasi cosa egli abbia in mente, il gioco ci spinge infatti a spremere le meningi per creare al volo le persone, gli animali o gli oggetti che potrebbero aiutare i personaggi secondari incontrati lungo la strada a risolvere i propri problemi. Si scrive “Jetpack” e si crea un jetpack in grado di portarci in alto fino all'aquilone che quel ragazzino non riusciva a raggiungere da solo. Si scrive “Libro” e si genera un libro per la studentessa che aveva bisogno di prepararsi in vista del diploma. Si scrive “Cthulhu” e si fa apparire proprio quella creatura mistica che risponde al nome di Cthulhu. Ma stiamo divagando.
Ciò che è importante sapere è che se Maxwell viaggia da un posto all'altro rendendo felici quelli che incontra non è affatto per un innato senso del dovere. Il suo obiettivo è quello di salvare sua sorella prima che questa si trasformi definitivamente in pietra a causa di una maledizione. E l'unico modo per farlo è radunare un numero sufficiente di “Starite”, elementi magici a forma di stella che vengono generati quando si rende felice il prossimo.
Come avrete già intuito, la trama non è esattamente originale e non offre colpi di scena o twist pazzeschi, ma a dirla tutta è proprio come vorremmo che fosse in un gioco di questo genere: scanzonata, fanciullesca e innocente.



“Unlimited” è una parola grossa
Quasi ogni personaggio che Maxwell incontra nella sua avventura dà vita a una quest, un puzzle che può essere risolto subito oppure lasciato in sospeso se si preferisce tornare sui propri passi in un secondo momento. Questi enigmi possono ricompensare il giocatore in due modi: con frammenti di Starite semplici o, in alternativa, con Starite interi che richiedono la risoluzione di una serie di quattro o cinque problemi invece che uno soltanto.
Quando si raggiunge un certo numero di Starite acquisiti si può accedere a un nuovo territorio nella mappa del mondo e accedere ai livelli che lo compongono per poi conquistare nuovi Starite e continuare così fino alla fine. Questo è il primo grosso problema di Scribblenauts Unlimited: una struttura eccessivamente ridondante che propone dall'inizio alla fine lo stesso tipo di sfida nello stesso identico modo. In più, come se questo non bastasse, le soluzioni alle mini-quest sono fin troppo semplici da trovare poiché richiedono quasi sempre associazioni di idee veramente elementari. Se incontri uno straniero assetato di conoscenza gli dai un libro. Se hai bisogno di mandare via dei picchi dal tuo amico albero dotato di gambe fai apparire uno spaventapasseri. Certo, giocando di fantasia si possono creare dei siparietti divertentissimi e completamente assurdi, che almeno inizialmente generano grande entusiasmo per il prodotto. Tuttavia, sulla lunga distanza ci si accorge che il fattore -sfida- è quasi inesistente, e quel fervore dei primi momenti, quella smania di mettere Cthulhu in ogni dove, va man mano affievolendosi. Un vero peccato in questo senso.
E' chiaro che per la prossima iterazione della serie i ragazzi di 5th Cell dovranno sforzarsi ancora di più per trovare modalità, situazioni e sfide alternative con cui intrattenere maggiormente propri giocatori. C'è però da dire che la trovata dell'editor, che ci apprestiamo ora a descrivervi, costituisce già un bel passo in avanti in questa direzione.



Hitler, Sonic e Xenomorfi
Una fetta bella grossa dell'offerta di questo Scribblenauts Unlimited è certamente costituita dall'editor di oggetti, tramite il quale è possibile veramente fare di tutto e poi condividere le proprie creazioni via Steam Workshop con il resto della community. Basta farsi un giro tra le creazioni degli altri utenti per capire che le possibilità in questo frangente sono davvero “senza limiti”, il che è un bene visto che di default il gioco non accetta molte parole anche d'uso comune.
Partendo da una parola tra quelle già presenti nel comunque vasto database di gioco, è possibile aggiungere dettagli, colori, forme e quant'altro fino a raggiungere il disegno che si aveva in mente. Volete fare un uomo che ha un tank al posto delle gambe? E' possibile. Riprodurre il personaggio del vostro videogioco o film preferito? Qualche minuto e l'avrete.
La personalizzazione non si ferma poi al solo aspetto fisico: si possono infatti descrivere i precisi comportamenti che deve assumere l'oggetto creato in presenza di fuoco, acqua, altri individui e via discorrendo. Si può andare nel dettaglio scegliendo quali conseguenze deve avere la forza di gravità sulla propria creazione, o addirittura la specifica quantità di danno inferto nel caso si creino abomini in grado di attaccare. Ultima ma non ultima la presenza di script con i quali assegnare a ciò che si è creato una sequenza di istruzioni da eseguire quando si presenta un determinato evento. L'unico limite, insomma, è quello imposto dalla propria immaginazione.



Tooning in
A livello tecnico il titolo 5th Cell si presenta piuttosto solido. Sempre fluido anche nelle situazioni più strane e concitate che si possano immaginare, Scribblenauts Unlimited ha tutto l'aspetto di un cartone animato in due dimensione. Le ambientazioni sono le più svariate: si passa da foreste a castelli, per finire a lande innevate e caserme dei pompieri, tutte location riprodotte con centinaia di colori e forme differenti che si mescolano su schermo in modo impeccabile. Buono anche l'utilizzo di luci e ombre, che a volte si rivela perfino funzionale al gameplay nel risolvere determinati puzzle.
Anche sul fronte sonoro è stato evidentemente svolto un ottimo lavoro, visto che oltre alla musica che accompagna piacevolmente l'intera avventura troviamo diversi set di effetti audio per quasi tutti gli oggetti e le persone che ci si trova di fronte.
Inutile dire, in ultima nota, che con Scribblenauts Unlimited la versione PC risulta più comoda delle altre soprattutto visto l'uso della tastiera, tramite cui si velocizzano tantissimo i momenti creativi.
Recensione Videogioco SCRIBBLENAUTS UNLIMITED scritta da JEWEL Per portare a termine Scribblenauts Unlimited senza indugiare a scrivere cose fuori di testa per risolvere puzzle altrimenti troppo facili, bastano cinque o al massimo sei ore. In questo modo, però, si finirebbe per perdere di vista l'obiettivo stesso del gioco: stimolare la fantasia e darle sfogo a più non posso. I ragazzi di 5th Cell in questo senso offrono ancora una volta un prodotto adeguatamente completo, con la possibilità di far apparire un'enorme quantità di oggetti differenti semplicemente digitandone il nome e di crearne altri qualora non ci si senta soddisfatti del database di base. Tuttavia, la chance di utilizzare la propria inventiva all'ennesima potenza serve a ben poco se poi le soluzioni agli "enigmi" presenti sono fin troppo scontate e sotto gli occhi di tutti. La totale mancanza di una curva di difficoltà non aiuta, e finisce anzi per rendere Scribblenauts Unlimited un titolo piuttosto piatto già dopo qualche ora di gioco.
Nulla da eccepire invece sul fronte tecnico e visivo, che lascia ancora piacevolmente soddisfatti e spinge in parte a sperimentare soluzioni differenti per le quest anche solo per "vedere cosa ne esce". Il team di 5th Cell è certamente sulla buona strada, ma il cammino per arrivare ad essere davvero "senza limiti" è ancora lungo.
Appuntamenti LIVE e Video Rubriche
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
caricamento in corso...
RECENSIONI E SPECIALI CORRELATI
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967