Recensione di Baby Blues

Copertina Videogioco
  • Piattaforme:

     PC
  • Genere:

     Survival horror
  • Sviluppatore:

     Kumi
  • Lingua:

     Inglese
  • Giocatori:

     1
  • Data uscita:

     15 Gennaio 2013
7.0
Voto lettori:
8.2
- Gratuito
- Ottima suspance e tensione durante tutta l'esperienza di gioco
- Idea concettualmente interessante
- Qualche difficoltà di natura tecnica
A cura di Francesco Ursino (Mastelli Speed) del
Qualche tempo fa, su queste pagine, vi abbiamo parlato di Among the Sleep, un interessante titolo ancora in sviluppo presso Krillbite Studio che ci vedrà indossare i piccoli panni di un bambino di due anni alle prese con le ombre distorte e le cupe atmosfere che solo una casa buia di notte può restituire.
Se il titolo in questione deve ancora mostrare tutte le sue potenzialità (per approfondire, in ogni caso, è possibile leggere la nostra anteprima), il gioco gratuito di cui ci accingiamo a parlare, Baby Blues (presente su diverse piattaforme di digital distribution, tra cui Desura), propone invece un’esperienza tutto sommato simile a quella appena descritta, ma con alcune piccole varianti che potrebbero interessare i più.



”…lo daremo all’uomo nero che lo tiene un anno intero…”
Cominciamo con il contestualizzare il progetto Baby Blues: si tratta di un survival horror sviluppato da Kumi, autodefinitosi un ”solo Indie Game maker ” e già autore del titolo [REC] Shutter, che ci permetterà di impersonare un bambino di cinque anni alla ricerca dei suoi nove orsacchiotti.
Detta così, in verità, la faccenda sembra poco paurosa; l’inizio del gioco, però, farà cambiare subito idea al giocatore: la partita infatti inizierà con uno sfondo nero che viene accompagnato da una nenia dal suono decisamente sinistro. Dopo qualche istante apparirà la nostra stanzetta, piena di giochi innocenti e scherzosi, ma ci si accorgerà subito di come l’atmosfera non sia proprio delle più allegre. Ci troveremo, infatti, soli e disarmati in una grande casa dove le poche luci presenti non riescono ad illuminare tutti gli anfratti nascosti e, anzi, contribuiscono a creare ombre minacciose e dall’aspetto poco rassicurante. Una volta aperta la porta della cameretta, inoltre, il gioco comincerà subito col cercare di spaventare il giocatore in ogni modo: rumori sinistri, oggetti che si muovono da soli, visioni disturbanti e, soprattutto, la sensazione strisciante di non essere da soli.
Abbiamo detto, ad ogni modo, che il nostro piccolo personaggio ha uno scopo preciso: cercare di recuperare nove orsacchiotti sparsi per la casa. Una volta fatto questo, infatti, si potrà tornare al proprio lettino soddisfatti e contenti, e il gioco finirà. Questo, in ogni caso, non sarà l'unico finale disponibile (e, vista la brevità del titolo, preferiamo non dilungarci troppo su questo aspetto).
E’ possibile dire, dunque, che il gioco riesce nel suo obiettivo: per i venti minuti circa di durata, infatti, la tensione si attesterà sempre su livelli più che buoni, e i salti sulla sedia non mancheranno; è bene dire, però, che nella maggioranza dei casi saranno l’aspettativa e l’attesa a tenere il giocatore ben saldo sulla propria sedia. Saranno pochi, infatti, i momenti in cui si potrà chiaramente dire quale sia la reale minaccia che circonda il piccolo protagonista del gioco; nonostante ciò, come già detto, una volta cominciato il titolo la voglia di portarlo a termine e di completare il proprio viaggio nell’oscura casa sarà se non altro presente.



Orsacchiotti demoniaci
L’analisi del gameplay di Baby Blues non riserva particolari sorprese: le attività principali del titolo, dalla visuale in prima persona, consistono sostanzialmente nell’esplorazione della casa e nell’individuazione degli oggetti richiesti. Un tocco “classico” è dato poi dalla ricerca, oltre che dei nove orsacchiotti, di alcune chiavi che si renderanno necessarie all’apertura di alcuni ambienti altrimenti inaccessibili.
Per il resto, gli altri spunti di riflessione sembrano pochi visto che, coerentemente con il proprio stato di infante, il piccolo protagonista non potrà compiere particolari azioni se non camminare più o meno velocemente e interagire, esclusivamente tramite tastiera, con porte e orsacchiotti. La “sopravvivenza” del giocatore, ancora una volta, è basata su un semplice paradigma: trovare il più velocemente gli orsacchiotti e le chiavi, e tornare al proprio lettino al sicuro.
Spostandoci sul lato più tecnico, invece, è possibile dire che il gioco si basa sul motore FPS Creator, che garantisce una realizzazione tridimensionale degli ambienti tutto sommato spartana. Sembra superfluo dire che, data la natura gratuita dal titolo, il risultato sembra comunque essere sufficiente o quantomeno funzionale alla causa.
Lo scarso dettaglio grafico, oltre che la realizzazione mediocre di luci e ombre, influiscono però sulla longevità complessiva: abbiamo detto infatti che il titolo dura circa venti minuti, ma per alcuni giocatori l’esperienza potrebbe anche essere più corta; i più fortunati, infatti, a volte troveranno orsacchiotti e chiavi senza neanche accorgersene, visto che spesso questi elementi saranno nascosti in anfratti bui, e che una volta vicini a un hot spot di nostro interesse sarà il titolo stesso, tramite un’apposita linea di testo, a informarci della presenza dell’oggetto, chiedendoci se intendiamo raccoglierlo.
Nel caso opposto, evidentemente, si potrà quindi perdere anche molto tempo cercando orsacchiotti in giro per la casa, per poi scoprire che questi erano nascosti magari in luoghi talmente oscuri da risultare spesso totalmente invisibili a una prima occhiata.
Il lato audio, invece, svolge bene il suo lavoro, rivelandosi come l’aspetto che meglio riesce a trasmettere la tensione necessaria senza la quale l’intero titolo avrebbe ben poco senso di esistere: già la sola ninna nanna iniziale, tanto per intenderci, costituisce un buon esempio di quanto detto.
Parliamo, infine, di alcune problematiche tecniche, peraltro riconosciute e evidenziate dallo stesso sviluppatore; tra gli intoppi più fastidiosi si segnala il fatto che, sebbene il titolo contempli la possibilità di salvare la propria partita, il caricamento di un qualsiasi salvataggio farà perdere i propri orsacchiotti già raccolti, rendendo difatti il gioco inutilizzabile e costringendo a ricominciare tutto dall'inizio.
La conseguenza di questa mancanza tecnica è che Baby Blues, dunque, andrà giocato tutto d’un fiato; sebbene sia una scelta quasi forzata, la potenziale scarsa longevità e il carattere del titolo paradossalmente ben si sposano con questa particolare caratteristica.

Hardware
Cosi come molti titoli indie gratuiti, anche questo Baby Blues non dispone di requisiti hardware, diciamo cosi, particolarmente esosi. La maggioranza delle configurazioni Windows dovrebbe poter far girare il titolo, dunque, senza alcun problema.
Recensione Videogioco BABY BLUES scritta da MASTELLI SPEED Arrivati alla fine di questa sintetica recensione ci si potrebbe chiedere: qual è il senso di questo Baby Blues? E’ possibile rispondere, senza particolari timori di essere smentiti, che il titolo riesce a garantire una ottima dose di tensione per tutta la durata dell’esperienza, riuscendo a regalare buoni momenti di suspance e più di qualche salto sulla sedia.
Se si è consapevoli dell’impossibilità di salvare la propria partita, se non si è troppo schizzinosi rispetto alla grafica, e soprattutto se si hanno venti minuti liberi, il consiglio è senza dubbio quello di provare il piccolo titolo gratuito proposto da Kumi, trovare i dannati orsacchiotti e tornare a sognare nel proprio lettino.
Appuntamenti LIVE e Video Rubriche
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
    Numero commenti: 9
  • Bonez
    Livello: 1
    160
    Post: 85
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Questo genere di giochi indie horror che circolano su internet sono dei piccoli capolavori e Baby Blues è fra questi.
  • Nerovertigo
    Livello: 7
    16547
    Post: 1501
    Mi piace 3 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da Dai
    italiano ?

    Che ti serve la lingua in questo gioco? xD
  • Dai
    Livello: 3
    479
    Post: 94
    Mi piace 0 Non mi piace -1
    italiano ?
  • jcolell
    Livello: 3
    2167
    Post: 296
    Mi piace 5 Non mi piace 0
    ben vengano giochi come questo,soprattutto gratuiti! :-)
  • Davine
    Livello: 5
    315
    Post: 63
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Installato e provato, devo dire che viene a noia un po' in fretta... a un certo punto era così buio che ho mollato tutto, e avevo trovato solo quattro orsetti.
  • The_Unk
    Livello: 5
    17449
    Post: 2609
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da The Elder Scrolls
    il download è disponibile su desura


    Scaricato grazie, anche se volevo evitare di dover installare Desura! xD
  • The Elder...
    Livello: 5
    1358
    Post: 236
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da The_Unk
    Non riesco a trovare il gioco, qualcuno potrebbe per favore linkarmi il download?


    il download è disponibile su desura
  • The_Unk
    Livello: 5
    17449
    Post: 2609
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Non riesco a trovare il gioco, qualcuno potrebbe per favore linkarmi il download?
  • Vlx
    Livello: 6
    1522
    Post: 2373
    Mi piace 3 Non mi piace 0
    Consiglio alla redazione di provare anche un altro gioco di natura indie: "Paranormal"
caricamento in corso...
SCREENSHOTS
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967