Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
Company of Heroes 2

Company of Heroes 2

Fitta neve orientale

Anteprima
A cura di del
Sono passate pochissime ore dall’annuncio ufficiale che tutti gli amanti degli strategici bellici aspettavano: THQ e Relic Entertainment hanno infatti confermato lo sviluppo di Company of Heroes 2. Lo strategico verrà ufficialmente presentato all’E3 di giugno e, salvo ritardi, arriverà su tutti gli scaffali dei negozi e negli store online nel 2013.
Sono dovuti passare ben sei anni dunque prima di ottenere qualche informazione ufficiale per il seguito dello strategico più innovativo, capace di raccontare la propria versione dell’Asse e degli Alleati durante lo sbarco in Normandia e gli scenari seguiti di lì a poco.

Un varco per Berlino
Company of Heroes 2 prosegue il racconto, con lo stile inconfondibile di Relic che prova a portare sul campo di battaglia non solo la storia così come l’abbiamo studiata nei libri, ma anche le sensazioni, le difficoltà di una battaglia, gli imprevisti e soprattutto la consapevolezza di quanto valga un secondo.
Le truppe alleate avanzano agguerrite e i nazisti iniziano a sentire il fiato sul collo di una guerra cui numeri continuano vertiginosamente a salire in maniera folle. Tuttavia, il teatro degli scontri è il Fronte Orientale, punto cardine del conflitto, che vede protagonisti l’Unione Sovietica e la Germania Nazista. L’obiettivo per tutto il gioco sarà quello di invadere Berlino e porre fine al regime Hitleriano, ripercorrendo però le fasi più importanti che hanno contraddistinto l’invasione russa, costretta a fronteggiare un nemico tosto e di sicuro non abbattibile a fucilate: il clima.
La cura per gli scenari e gli eventi storici che Relic ha garantito con il primo titolo, sembra poter essere riproposta anche nell’attuale generazione videoludica, tanto da portare il videogiocatore a compiere il viaggio dell’Unione Sovietica proprio come sappiamo, senza saltare alcun passaggio fondamentale di quelli che hanno portato alla caduta del Nazismo.
In videogame di questo tipo, molto esposti alla concorrenza, a far la differenza possono essere proprio questi fattori: maggiore è la fedeltà degli argomenti trattati, migliore sarà la risposta dell’utenza, e con queste mosse Relic, grazie al costante supporto di THQ, ha gettato le basi per un nuovo titolo in grado di bissare il successo ottenuto con il predecessore.

Essence of war
Siamo davvero all’inizio per parlare di gameplay e soprattutto novità, ma Relic Entertainment  promette una grafica che lascerà a bocca aperta: Company of Heroes 2 sarà mosso dall’engine proprietario Essence 3, nato e scritto proprio per il venturo strategico in tempo reale. Il punto più importante che andrà a sbalordire il videogiocatore è la fisica, che pare essere il vero e proprio pallino del team di sviluppo, quasi imposto dalla visuale del titolo che, a differenza dei cugini FPS e TPS si concentra maggiormente sul territorio circostante.
Ecco dunque che il famoso clima russo viene riproposto fedelmente, grazie a fitta neve che ricopre gli edifici e avanzate a piede via via più difficili. Il tema della guerra reale, della sensazione di quanto valga un secondo - come scritto in apertura - viene ricreato tramite espedienti tecnici come la distruzione parziale delle strutture per via di armi da fuoco pesanti o granate.
Le granate metterebbero in risalto gli effetti particellari che, stando ai primi screenshoot ufficiali, si rivelano assolutamente perfetti: colonne di fumo che si espandono nel campo circostante, limitando la visibilità anche come mossa strategica per aggirare l’avversario, tutto nel giro di un attimo.
Le prime indiscrezioni parlano anche del sistema di copertura rinnovato, ma non si sa molto altro se non che vi sia la possibilità di scavalcare i vari muretti e che anche in questo la neve potrebbe rivelarsi un utile alleato o un nemico in più da fronteggiare.
Andrà rivista anche la telecamera, punto fondamentale della gestione tattica per i videogiocatori che non vogliono lasciare nulla al caso: in particolare, pare che Relic abbia studiato il modo di non visualizzare tutti gli elementi ambientali, bensì scoprire a poco a poco la zona riproponendo ciò che i soldati starebbero guardando mentre li si guida sul campo di battaglia.
Non sappiamo nulla sulla modalità multiplayer, se non che questa sarà certamente presente.
  • [+] L'ambientazione svolgerà un ruolo fondamentale
    [+] Gameplay più completo e immersivo

In attesa di prendere in mano mouse e tastiera e provare l’attesissimo Company of Heroes 2, possiamo dire che le certezze di Relic Entertainment rasserenano l’ambiente e danno fiducia ai fan del titolo.
Per chi non è mai sazio di vivere in un videogame gli scontri della Seconda Guerra Mondiale e la conquista di punti strategici in territorio nemico, il gioco saprà offrire il massimo: cammino fedele alla Storia, nuovi protagonisti da guidare alla gloria e tensione che si taglia con un coltello.
Non da meno il comparto tecnico per i tutti i pc gamer più assidui: a giocare un ruolo fondamentale sarà la fisica dell’Essence 3, che gestirà la neve e le esplosioni, strizzando l’occhio sulla cura per i dettagli e gli effetti particellari.
L’E3 è la miglior occasione per ottenere nuove informazioni sul titolo, e noi saremo lì a coglierle.

0 COMMENTI