Recensione di Hard Reset

Copertina Videogioco
  • Piattaforme:

     PC
  • Genere:

     Sparatutto
  • Sviluppatore:

     Flying Wild Hog
  • Data uscita:

     Disponibile dal 3 settembre 2011
8.0
Voto lettori:
8.1
- Dinamiche classiche del genere
- Una certa profondità tattica
- Ottimo comparto grafico
- Longevità non ai massimi livelli
- Il livello di difficoltà potrebbe scoraggiare alcuni
- Completamente in inglese
Loading the player ...
A cura di Francesco Ursino (Mastelli Speed) del
Lo studio Flying Wild Hog, sebbene alla sua prima opera, è composto da figure professionali che, quanto a conoscenza di sviluppo di videogiochi, non sembrano seconde a nessuno. Questa nuova software house annovera elementi provenienti dallo studio CD Projekt RED (il team dietro The Witcher 2), People Can Fly (creatori dell'infernale Painkiller) e City Interactive (protagonisti, tra gli altri, del controverso Sniper: Ghost Warrior). Il primo prodotto di questa collaborazione è lo sparatutto Hard Reset, esclusiva PC che si è dimostrata un degna concorrente di molti titoli blasonati appartenenti al genere; andiamo a vedere nello specifico le caratteristiche essenziali di questo titolo

Su Bezoar non batte il sole
Il contesto in cui è ambientato Hard Reset è un futuro a tinte fosche ed apocalittiche: questa ambientazione, evidentemente frutto di suggestioni cinematografiche e letterarie, è riassunta nella città di Bezoar, un cupo agglomerato urbano in cui le macchine hanno preso il sopravvento sugli uomini. Il maggiore Fletcher, protagonista del gioco, è un mercenario al servizio della CLN, un’agenzia nata proprio per difendere i pochi umani sopravvissuti dagli attacchi continui delle macchine. Durante una pausa dal lavoro, pretesto per una nuova sbronza, Fletcher viene contattato dalla CLN a causa di nuovi attacchi: compito del mercenario, e quindi del giocatore, sarà quello di recarsi sul posto e controllare cosa sia veramente successo. Parte da qui il plot vero e proprio di Hard Reset il quale, pur non segnalandosi come elemento portante dell’intera produzione, ha se non altro il pregio di mantenere un filo narrativo lungo tutto l’arco dell’avventura; la storia proposta, in ogni caso, è di durata appena sufficiente: un particolare, questo, che diminuisce la longevità del titolo.  Boooooooooom
Il gameplay è di stampo estremamente classico: armi in mano, il giocatore dovrà spostarsi per le varie locazioni seguendo le istruzioni, sbloccare eventuali passaggi (il più delle volte ciò significherà agire con la corrente elettrica o azionare interruttori) e far fuori più nemici possibile. Le dinamiche qunidi sono quelle di un FPS solido e senza fronzoli; se però a prima vista tutto questo potrebbe far sembrare Hard Reset come un gioco estremamente ripetitivo, vero è che gli sviluppatori hanno pensato a vari espedienti per rendere il tutto più interessante. In primo luogo, il livello di difficoltà si rivela bilanciato verso l’alto, con la conseguenza diretta che ai livelli più elevati (tra i quattro disponibili) gli scontri si riveleranno veramente ostici da superare. La sensazione è che il titolo sia calibrato in modo corretto per tutte le fasce di giocatori, dato che, anche a livello principiante, i giocatori con meno esperienza avranno modo di sforacchiare i nemici con una certa soddisfazione. Questo ci porta al secondo elemento di analisi: l’ambiente circostante. Il gioco metterà infatti il giocatore davanti a situazioni di assoluta inferiorità numerica; a ciò va aggiunto che i nemici saranno presenti in diverse varianti, nel senso che il titolo comincerà a mostrare fin da subito piccoli robot con lame rotanti incorporate ed automi pronti ad esplodere al contatto col giocatore (avversari non poi così ostici, ma neanche da prendere con le molle); durante il prosieguo, però, si incotreranno macchine di grossa stazza che si lanceranno verso il giocatore (un po’ come il Charger di Left 4 Dead 2), automi dotati di armi a lungo raggio ed altri robot più agili e capaci di raggiungere il giocatore in pochi istanti. Per superare tutti questi ostacoli, il giocatore avrà a disposizione due tipi di armi: un tradizionale fucile con proiettili standard ed una sorta di fucile a energia. Una delle caratteristiche più interessanti di Hard Reset è la possibilità, una volta abbattuto un certo numero di nemici, di spendere una sorta di punti esperienza per potenziare il proprio arsenale; arrivati davanti alle apposite cabine, infatti, si potrà scegliere di inserire un lanciagranate, una sorta di dispositivo per creare cariche statiche in grado di immobilizzare le macchine e molti altri interessanti upgrade. Inoltre, si potrà scegliere di aumentare la grandezza dei caricatori, la quantità di punti vita o aggiungere un radar per visualizzare i nemici nelle vicinanze. Si comprende quindi come il titolo lasci al giocatore la libertà di spendere i propri punti per potenziare l’aspetto di gioco ritenuto più importante. Anche le armi potenziate, però, potrebbero non bastare contro le orde di nemici lanciate verso il giocatore. Molto importante sarà quindi la capacità di sfruttare l’ambiente circostante, facendo esplodere barili, auto o cabine contenenti elettricità: tutto ciò rallenterà ed in alcuni casi eliminerà molti nemici in un solo colpo. Si comprende quindi come il gioco proponga una certa componente strategica, visto e considerato che sapere da che direzione giungano i nemici e quali elementi è possibile far saltare in aria, potrebbe fare la differenza sul campo. Per concludere l’analisi delle dinamiche di gioco è giusto accennare al sistema di controllo: trattandosi di un FPS, per di più di stampo veramente classico e dagli scontri adrenalinici e veloci, la scelta ricade su mouse e tastiera. Il titolo, in ogni caso, non esclude la possibilità di giocare col pad.

Rottami leggeri
Parlando dell’aspetto grafico di Hard Reset, l’elemento che spicca è la sensazione di leggerezza del titolo nella maggioranza delle situazioni. Forte di un motore proprietario, il gioco gira più che dignitosamente anche su sistemi non recentissimi; a parte saltuari rallentamenti durante situazioni in cui sono presenti a schermo gocce d’acqua, fuoco e rottami che volano in pezzi, il titolo scorre fluido ad un frame rate sempre costante. La rappresentazione degli elementi secondari, come ad esempio i menù di scelta dei potenziamenti, è anch’essa più che positiva e, nello specifico, aiuta nella scelta degli upgrade. A questo proposito, però, c’è da dire che il gioco si presenta totalmente in inglese, sia nei testi che nell’audio; sebbene Hard Reset non sia un titolo dove la narrativa abbia un ruolo cosi importante, questo potrebbe far desistere dall’acquisto. Il comparto audio, infine, presenta buoni effetti sonori: la presenza di accompagnamento musicale, invece, risulta una pura nota a margine, rimanendo su livelli abbastanza anonimi.

Hardware
Requisiti minimi:
OS: Windows XP/Vista/7
Processore: 2.5 GHz Intel Pentium 4 / AMD Athlon 64
Memoria Ram: 2 GB
Spazio su hard disk: 4 GB
Scheda Video: 512 MB NVIDIA GeForce 8800GS / ATI Radeon HD 3870 o superiore
DirectX®: DirectX 9.0c
Sound: DirectX Compatible

Requisiti raccomandati:
OS: Windows XP/Vista/7
Processore: Intel Quad Core 2.3 GHz / AMD Phenom II x4 2.5 GHz
Memoria Ram: 3 GB
Scheda Video: 512 MB NVIDIA GeForce 9800 GT / ATI Radeon HD 4870 o superiore
Recensione Videogioco HARD RESET scritta da MASTELLI SPEED Un prodotto di stampo classico, robusto e sviluppato in modo coerente: questi sembrano i tre aggettivi più adatti alla sintesi delle caratteristiche di Hard Reset. Il titolo in questione fa infatti riscoprire ai giocatori il fascino degli FPS duri e puri, senza dimenticare però una certa attenzione alla tattica e alla gestione dei potenziamenti. La mancanza del multiplayer non sminuisce il valore del prodotto, che pecca probabilmente solo nella esigua lunghezza della campagna. In ogni caso, si tratta di un titolo positivo, consigliato agli amanti del genere
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
    Numero commenti: 14
  • Molinex
    Livello: 0
    -11
    Post: 8
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    semplice e molto complesso nello stesso tempo! una vera sfida
  • Steve69
    Livello: 8
    24517
    Post: 2365
    Mi piace 3 Non mi piace 0
    Avevo provato la Demo di questo gioco e non mi aveva convinto un cazzo, questa alla prima andata, ho guardato il voto che gli è stato dato da spaziogames con tutti i pregi e i difetti e mi sono detto, boh forse mi sono fatto un'idea sbagliata, perchè effettivamente quello descritto è proprio il genere di giochi x cui io vado particolarmente matto, riprovo la demo, ci gioco 10 minuti d'orologio e mi dico, cazzo questo gioco è na figata, lo compro subito, non ho resistito, non l'ho ancora finito, io me li gusto abbastanza i giochi, ma questo è davvero una figata, dalle ambientazioni, alla distruttibilità degli scenari, non troppo per il design dei nemici, ma solo per il design delle armi si meriterebbe un voto di più, semplicemente geniale
  • Chaos
    Livello: 8
    1742
    Post: 345
    Mi piace 2 Non mi piace 0
    Finito e rifinito. La longevità comunque si espande se si vuole upgradeare tutto al massimo, due run sono necessari certamente. E poi le due armi, con le loro modifiche dedicate, sono davvero fighissime a mio avviso!
  • Steve69
    Livello: 8
    24517
    Post: 2365
    Mi piace 3 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da ozarmidrashim
    Devo dire che un bel fps classico, con tonnellate di armi e nemici diversi, mi manca. Anche il livello di difficoltà fa molto di vecchia scuola.
    Mi interessa parecchio questo gioco, credo proprio che lo proverò.
    Ben venga uno che va in controtendenza senza fare compromessi controproducenti (come Duke Nukem Forever) staccandosi dalla massa.
    Il bello è che questo sarà un titolo di nicchia quando in realtà il "vero" fps sarebbe come hard reset


    In effetti gli unici difetti che trovo a Duke Nukem Forever sono la modernizzazione di certi elementi di gameplay, come il fatto di poter tenere solo 2 armi e che la vita si ricarica da sola
  • Escopazzogame
    Livello: 1
    -39
    Post: 145
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da Aminodextrous
    ...ma per il resto è pura dinamite. Non vedo l'ora di vedere il loro prossimo lavoro.


    Anche a me ha divertito molto... Veramente bravi!
    Poi con quell'ambientazione alla Blade Runner...
    Fantastica!!!
  • Aminodextrous
    Livello: 6
    7936
    Post: 949
    Mi piace 5 Non mi piace 0
    I ragazzi del team Flying Wild Hog hanno fatto un lavoro eccellente. Peccato solo per la mancanza di contenuto in termini di varietà, nemici e soprattutto ore di gioco (ma dopotutto occupa solo 3,09gb) ma per il resto è pura dinamite. Non vedo l'ora di vedere il loro prossimo lavoro.

  • Livello: 4
    1384
    Post:
    Mi piace 3 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da supermario96
    Possibile che le software house siano capaci solo di fare FPS?!

    ma se non fossero tutti copia incolla benvengano! è un ottimo genere che può dare molto se sfruttato come si deve, e mi pare che questo Hard Reset abbia qualcosa in più dei vari sparatutto militari
  • tondy
    Livello: 7
    11674
    Post: 1112
    Mi piace 3 Non mi piace 0
    un'altro ottimo gioco che purtroppo passerà in sordina e che invece avrebbe meritato più di altri titoli...
  • Mastelli Speed
    Redattore
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da bertux
    Il livello di difficoltà potrebbe scoraggiare alcuni...

    questo non è un difetto, anzi finalmente un gioco difficile


    infatti "potrebbe" scoraggiare qualcuno
  • supermario96
    Livello: 6
    1374
    Post: 1836
    Mi piace 0 Non mi piace -7
    Possibile che le software house siano capaci solo di fare FPS?!
  • Joseki
    Livello: 1
    30
    Post: 7708
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Ho provato la Demo, veramente un bel gioco, molto bello stilisticamente e tecnicamente, meccaniche FPS molto curate. Al primo sconto su Steam è mio.
  • AXL83
    Livello: 4
    -400
    Post: 501
    Mi piace 1 Non mi piace -1
    L'unica cosa che mi lascia perplesso e' il design dei nemici e la caratterizzazione degli stessi che ho trovato in diverse occasioni banale. Per non parlare del HUD in basso a sinistra dello schermo, veramente BRUTTISSIMO! Il resto e' buono e merita una chance!
  • bertux
    Livello: 4
    33
    Post: 58
    Mi piace 6 Non mi piace 0
    Il livello di difficoltà potrebbe scoraggiare alcuni...

    questo non è un difetto, anzi finalmente un gioco difficile

  • Livello: 6
    9572
    Post:
    Mi piace 7 Non mi piace -1
    Devo dire che un bel fps classico, con tonnellate di armi e nemici diversi, mi manca. Anche il livello di difficoltà fa molto di vecchia scuola.
    Mi interessa parecchio questo gioco, credo proprio che lo proverò.
    Ben venga uno che va in controtendenza senza fare compromessi controproducenti (come Duke Nukem Forever) staccandosi dalla massa.
    Il bello è che questo sarà un titolo di nicchia quando in realtà il "vero" fps sarebbe come hard reset
caricamento in corso...
SCREENSHOTS
RECENSIONI E SPECIALI CORRELATI
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967