Anteprima di Red Orchestra 2: Heroes of Stalingrad

Copertina Videogioco
  • Piattaforme:

     PC
  • Genere:

     Sparatutto
  • Sviluppatore:

     Tripwire
  • Data uscita:

     13 settembre 2011
ASPETTATIVE
- Sempre estremamente realistico, ma più accessibile del predecessore
- Perfetto per chi ama le sfide
- Possibilità infinite grazie ad una comunità di modder attivissima
- Si distingue dalla massa
Loading the player ...
A cura di Aligi Comandini (Pregianza) del
Colonia - Il mondo dei videogiochi non manca certo di FPS. Call of Duty, Halo, Battlefield, Team Fortress 2, Crysis... I brand superlativi sono tanti e in grado di soddisfare i gusti di chiunque. Esiste tuttavia un sottogenere degli sparatutto che è stato poco esplorato dagli sviluppatori: parliamo degli FPS realistici, quelli dove un solo proiettile può significare la morte, i soldati non sono precisi come robot e la tattica ed il cervello vincono il 90 % delle battaglie. Proprio di questa categoria fa parte Red Orchestra 2: Heroes of Stalingrad, il gioco che trattiamo oggi. Lo abbiamo provato durante lo showing della line up di 1C Company, e possiamo dirvi subito che si prospetta uno shooter lodevolissimo per coloro che in battaglia preferiscono pensare prima di agire.

La mia mamma è una mod e il mio babbo è l'hardcore gaming
Un po' di Storia: il primo Red Orchestra è nato come mod per Unreal Tournament 2004. La total conversion del gioco vinse la competizione Make Something Unreal organizzata da Epic Games e Nvidia. In palio c'era una licenza gratuita per utilizzare l'Unreal Engine 2.5 e 3. Con la loro licenza nuova fiammante e tanta buona volontà, i creatori della mod fondarono Tripwire Interactive e svilupparono un Red Orchestra standalone, Ostfront 41-45. I membri del neonato studio dimostrarono un certo talento e furono in grado di dar vita ad un titolo di tutto rispetto, che fu ben accolto dalla critica e dal pubblico. Oggi alle spalle della serie c'è una nutrita comunità di giocatori appassionati (tra cui alcuni modder abilissimi), e Tripwire ha giustamente deciso di tentare la strada del sequel.
A noi il gioco lo ha presentato il producer Tony Gillham, che lo stava testando tutto arzillo in uno stanzino. Fin dall'inizio è stato chiaro che non ci trovavamo di fronte al solito shooter. Gillham si stava muovendo all'interno di un tank, e quando diciamo "muovendo" non parliamo del mezzo ma del soldato controllato dal producer, che si spostava di compartimento in compartimento all'interno del corazzato. Il sistema di controllo dei veicoli è rappresentativo della natura votata al realismo di Red Orchestra 2: non si può guidare un cingolato e fare fuoco contemporaneamente, e non ci sono visuali esterne. Volete sparare? Sarete costretti a trovare un guidatore, oppure a mettervi alla postazione di guida, fermarvi nella zona desiderata, e infine prendere il controllo del cannone. Il tutto è estremamente fedele alla realtà ed arduo da padroneggiare, anche perchè la visibilità all'interno del carro armato è fortemente ridotta. Questo realismo non manca ovviamente nemmeno dalle sessioni a piedi: qui le armi hanno una risposta realistica, i proiettili viaggiano seguendo traiettorie paraboliche sulle lunghe distanze, una pistola risulta efficace solo da vicino e per usare un mitragliatore pesante è necessario fermarsi e trovare una sporgenza su cui appoggiarlo per stabilizzarlo (o non colpirete una mazza a causa del rinculo). Persino i fucili da cecchino sono mostruosamente rustici e vanno regolati sulla distanza. Se considerate il cecchinaggio troppo facile, aspettate di provarlo in Red Orchestra 2, vi ricrederete immediatamente.
Non bastasse tutto questo, dovrete tenere conto anche della resistenza psicologica del vostro alter ego. Infatti, proprio come in una battaglia vera, vedersi passare dei proiettili a pochi centimetri dalla faccia ha un certo peso sulla mente di un combattente. Se resterete troppo a lungo sotto il fuoco nemico la vostra visuale inizierà a tremare, i vostri movimenti rallenteranno e in generale il vostro soldato inizierà a farsela sotto dalla paura. Un gameplay tanto brutale non è certo appetibile per tutti, ma è unico, e abbiamo visto davvero raramente un FPS in grado di trasmettere la tensione di uno scontro a fuoco così egregiamente.

Infinite possibilità? Basta dare i tool giusti ai modder
Il primo Red Orchestra è nato da una total conversion di un gioco preesistente. Non stupisce dunque che vanti alcune mod di altissima qualità. Con Red Orchestra 2 tuttavia Tripwire ha fatto la furbata del secolo, e ha dato il kit di sviluppo ai modder prima ancora dell'uscita del gioco! Risultato previsto: contenuti gratuiti, creati dalla comunità e disponibili praticamente dal day one. Gli sviluppatori hanno apprezzato molto gli sforzi fatti dai fan in passato, e sono convinti che sforneranno alcuni scenari estremamente validi per il loro nuovo sparatutto. Per quanto riguarda le modalità "ufficiali" invece, Red Orchestra 2 avrà una campagna principale single player strutturata appositamente per allenare i giocatori e prepararli ad affrontare ogni ruolo (dal soldato d'assalto al pilota di tank). Gillham ha ammesso che i programmatori sono consapevoli di aver creato un gioco difficile da padroneggiare, e per questo motivo hanno pensato ad una serie di missioni la cui funzione principale fosse fare da tutorial. Se avete dubbi sulla validità del singleplayer comunque non avete nulla da temere: l'esperienza non sarà scialba e si rifarà agli eventi storici con una certa fedeltà. Sono previste due campagne, una nei panni di un soldato dell'Asse ed una nei panni di un militare sovietico. Non mancheranno poi le modalità competitive in multiplayer: noi abbiamo potuto osservarne 2 principali, il lockdown (una battaglia a tempo che prevede i respawn) ed il countdown (un deathmatch dove morire una volta significa dover aspettare il prossimo turno), ma ce ne saranno altre a gioco completato. Durante gli scontri si guadagnano punti onore ed esperienza, indispensabili per acquistare armi e modifiche. Non aspettatevi tuttavia di poter comprare gingilli in grado di porvi in netto vantaggio sugli avversari. Qui non è l'arma che conta, è l'uomo dietro all'ammasso di poligoni che la imbraccia.
Recensione Videogioco RED ORCHESTRA 2: HEROES OF STALINGRAD scritta da PREGIANZA Red Orchestra 2: Heroes of Stalingrad è un gioco coraggioso. Niente concessioni allo stile arcade degli sparatutto odierni, niente facilitazioni, solo guerra dura e pura, realismo ai massimi livelli ed un gameplay complesso e profondo che sembra fatto apposta per i giocatori hardcore. L'aggiunta di una campagna single player pensata per insegnare passo passo ai novellini come sopravvivere alla guerra rende quest'opera di Tripwire Interactive più accessibile del predecessore, ma comunque non è roba per i deboli di cuore. Ve la sentite? Buon per voi, perchè questo titolo sembra davvero perfetto per i duri del genere. Preparatevi alla battaglia e, per carità, niente bunnyhopping.
Appuntamenti LIVE e Video Rubriche
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
    Numero commenti: 11
  • darduty55
    Livello: 0
    0
    Post: 1
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    ma sono l' unico a cui non va il singolo giocatore ?
  • rifleman96
    Livello: 1
    0
    Post: 3
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da Ltn.Roby90
    Sapete se ci sarà anche l'italiano tra le lingue del gioco?


    probabilmente no, la versione su steam non include l' italiano
  • rifleman96
    Livello: 1
    0
    Post: 3
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da Ltn.Roby90
    Sapete se ci sarà anche l'italiano tra le lingue del gioco?


    probabilmente no, la versione su steam non include l' italiano
  • rifleman96
    Livello: 1
    0
    Post: 3
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da Ltn.Roby90
    Sapete se ci sarà anche l'italiano tra le lingue del gioco?


    probabilmente no, la versione su steam non include l' italiano
  • Ltn.Roby90
    Livello: 2
    0
    Post: 7
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Sapete se ci sarà anche l'italiano tra le lingue del gioco?
  • TheSlyfwor
    Livello: 0
    0
    Post: 2
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Comunque vorrei fare una piccola correzione sulla modalità countdown:
    Non è un deathmatch, è un Attacco\Difesa a turni. Non c'è respawn, ma a ogni turno c'è una posizione da prendere\difendere. Quindi è a obbiettivi. La lockdown invece è una modalità di conquista a tempo con respawn, con un numero di rinforzi (i respawn rimanenti) esauribile ^^. E in questo tempo bisogna prendere o difendere dei territori (senza turni ecc.)
  • TheSlyfwor
    Livello: 0
    0
    Post: 2
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Ho giocato alla beta, sbloccata oggi. Ci ho giocato 10 ore di fila... ora ho ancora voglia di giocarci.
    MERDA MERDA MERDA
  • buzzo93
    Livello: 6
    10836
    Post: 1635
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Scusate la mia ignoranza, ma si giocherà solo con mouse e tastiera oppure anche copn il joistick per pc?
  • Tronodombra
    Livello: 5
    1203
    Post: 245
    Mi piace 2 Non mi piace 0
    STALINGRADO, a me basta questo
  • howiquitcrack
    Livello: 3
    24
    Post: 20
    Mi piace 1 Non mi piace -1
    pare spettacolare! magari vederlo anche su console...
  • Vexacus
    Livello: 3
    380
    Post: 163
    Mi piace 2 Non mi piace 0
    wow sembra davvero bello
caricamento in corso...
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967