Recensione di Star Fox Zero

Copertina Videogioco
  • Piattaforme:

     Wii U
  • Genere:

     Action-Adventure
  • Sviluppatore:

     Nintendo
  • Distributore:

     Nintendo
  • Data uscita:

     22 aprile 2016
- Buona varietà delle missioni
- Boss fight sopra le righe
- 60 fps quasi sempre costanti nonostante due schermi da gestire
- Rigiocabile...
- Sistema di controllo troppo arzigogolato
- Coop divertente ma solo in locale
- Uno degli episodi più semplici della serie
- ...ma l'offerta ludica complessiva è appena sufficiente
Loading the player ...
A cura di (DottorKillex) del
Star Fox Zero, in arrivo a brevissimo in esclusiva su Wii U, si era mostrato già allo scorso E3, quando rappresentò uno dei titoli di punta della line-up per la console casalinga della grande N: in quell'occasione, le potenzialità superarono i dubbi, ma non li dissiparono del tutto.
A fronte di un gameplay ancora rapido e assai divertente, infatti, c'erano un sistema di targeting non troppo intuitivo, che non si lasciò padroneggiare durante la prova losangelina, e un comparto tecnico lontano dalle vette raggiunte dalla bistrattata macchina Nintendo.
Oggi, dopo diverse ore passate tra i cieli con Fox McCloud e la sua ciurma nella versione definitiva, siamo pronti a dirvi se il ritorno sulle scene di uno dei brand più amati dai veterani Nintendo ha centrato il bersaglio.
Impugnate i GamePad e continuate a leggere.


Generazioni di volpi
Fox McCloud è un figlio d'arte, come gli appassionati della saga sapranno già da tempo: suo padre James era un pilota spaziale prima di lui, caduto in una vile imboscata ad opera del traditore Pigma, ma capace, in punto di morte, di salvare il compagno d'avventura, quel Peppy Hare che adesso fa da chioccia al figlio.
Il villain principale, manco a dirlo, è sempre lo stesso: Andross, dalle sembianze scimmiesche e dall'immensa crudeltà.
A tal proposito, è strano come, nonostante un numero limitato di episodi casalinghi e una trama appena abbozzata, i personaggi che compongono la Star Fox e persino alcuni degli antagonisti (come Wolf O'Donnell, capo della Star Wolf) rimangano tra i personaggi Nintendo più amati di sempre. Questo è dovuto principalmente al senso di cameratismo che ogni episodio ha ispirato nel giocatore, che vola in compagnia di tre amici e condivide con loro tattiche di battaglia e destini: anche in Star Fox Zero, addirittura più che in passato, il gioco di squadra si rivela fondamentale.
Falco, Peppy e Slippy richiedono spesso aiuto al giocatore, chiamato a togliere loro nemici dalla coda per continuare ad usufruire della loro preziosa collaborazione in battaglia: ignorandone le richieste, invece, questi saranno costretti a ritirarsi, rendendo generalmente più complicate le missioni.
Le battute, gli scambi veloci, le esultanze, gli avvisi sugli attacchi nemici sono continui e vengono veicolati tramite gli speaker del GamePad, ricreando perfettamente la sensazione di comunicare via radio con dei compagni di volo.
Fungendo, contemporaneamente, da reboot e da seguito per la saga Star Fox Zero introduce il giocatore ai personaggi come se fosse la prima volta, limitando i riferimenti al passato e contemplando la possibilità di guardare un prologo agli avvenimenti prima di iniziare a giocare.
Peccato allora che, in termini di modalità, l'offerta sia piuttosto scarna: a parte la modalità principale, che consta di un totale di una ventina di missioni (bivi inclusi), i giocatori avranno a disposizione solo il tutorial e la modalità Arcade, che esclude i filmati e le sezioni narrative e incita alla speedrun, così da ottenere record di tempi e punteggio.
La saga si è sempre distinta per la sua anima arcade, questo va detto, ma probabilmente qualcosa in più, sotto questo punto di vista, poteva essere fatto.


Una bestia da domare
L'elefante nella stanza è rappresentato, ahinoi, dal sistema di controllo, che rimane una bestia assai complicata da domare e che, anche quando scende a patti con il giocatore, non sempre riesce a restituire quel senso di immersione e controllo che era nelle intenzioni del team di sviluppo.
La dicotomia tra i due schermi e il continuo rimpallo di sguardi, che, ad esempio, funziona egregiamente in Star Fox Guard (vi rimandiamo alla nostra recensione per ulteriori approfondimenti), qui detrae talvolta dalla godibilità del titolo, soprattutto nelle fasi di volo libero, in cui è semplice perdere il controllo e finire nel caos più totale. Più nel dettaglio, il televisore gestisce la visuale in terza persona della nostra nave e tenta di tenere in vista anche l'obiettivo corrente, cui ci si può comunque lockare alla pressione del dorsale sinistro, laddove lo schermo del GamePad è invece deputato alla visuale del cockpit, consentendo di inquadrare in prima persona i bersagli.
Se questa accoppiata funziona egregiamente durante le missioni più classiche, in cui si viaggia su binari e ci si deve preoccupare perlopiù di colpire e non essere colpiti, scansando qualche occasionale ostacolo, gestire due schermi contemporaneamente quando si è in modalità volo libro diventa spesso un incubo, perché il volo della navetta è gestito in maniera indipendente dalla visuale in prima persona, creando così situazioni in cui la navetta va alla deriva, mentre il giocatore prova a concentrarsi sul blastaggio dei numerosi nemici a schermo.
Durante il volo libero, insomma, le cose dovrebbero funzionare così: guardando al televisore ed agendo sullo stick sinistro si dovrebbe controllare direzione ed andatura dell'Airwing, mentre prestando un occhio allo schermo del GamePad si dovrebbero inquadrare i bersagli mediante giroscopio e fare fuoco. In una sola parola, il caos.
Va detto che il gioco tenta di assistere il giocatore in tutti i modi possibili, forse conscio della scarsa intuitività di un sistema tale, e che le fasi di volo libero non sono presenti in tutte le missioni, ma, nondimeno, quando si palesano rischiano di gettare il giocatore nel caos, causando morti non del tutto imputabili alla sua avventatezza e momenti in cui all'astronave, semplicemente, non si riesce a far fare ciò che si vorrebbe.
Un altro problema è rappresentato dal fatto che quasi tutte le boss fight del gioco, compresa l'ultima, vanno affrontate in modalità volo libero, fattore che ne aumenta esponenzialmente la difficoltà, non tanto per lo scontro in sé, ma per l'impossibilità di eseguire manovre precise e rapide. E questo succede all'interno di un titolo che invece si rivela mediamente molto più facile dei suoi predecessori, a testimonianza di come Nintendo volesse aprire l'universo di Star Fox ad una nuova generazione di giocatori. Considerando che la durata media di una singola run può variare tra le tre ore e mezza e le cinque (al netto dei bivi multipli presenti come da tradizione), il giocatore non ha il tempo materiale per metabolizzare un sistema di controllo così macchinoso, a meno di non spendere altrettante ore nel tutorial.
I rimpianti derivano anche dal fatto che tutte le altre idee incluse in Star Fox Zero funzionano, e portano una ventata d'aria fresca nel franchise: la presenza di tre diversi mezzi terrestri (il bipede Walker, il Gyrowing che si controlla come un elicottero e il Landmaster, tank potentissimo) aggiunge varietà alle missioni, favorisce fasi di esplorazione dei livelli, alla ricerca di medaglie (ve ne sono settanta in tutto), e spezza efficacemente il ritmo delle sparatorie.
In questa direzione è da intendersi anche la presenza di livelli stealth, in cui tentare di passare inosservati ai nemici, utilizzando il robottino del Gyrowing, o di altri dove il focus è sull'evitare una serie infinita di ostacoli logistici, sulla falsariga di un qualsiasi runner giocato su mobile.
Sul piatto della bilancia positivo finiscono anche le boss fight, che hanno beneficiato del tocco Platinum Games per dimensioni, pattern d'attacco e design dei nemici, e la modalità cooperativa locale, che consente a due giocatori di dividersi i compiti utilizzando l'uno il GamePad e l'altro un controller a scelta tra il Controller Pro e il Wii Mote.


Una scheggia
Le perplessità riguardanti il sistema di controllo non si allargano anche al comparto tecnico della produzione Nintendo: rispetto alla prova sullo showfloor dello scorso E3 i passi avanti sono enormi, soprattutto dal punto di vista del framerate e da quello del sistema di illuminazione.
Gestire due schermi contemporaneamente sarebbe impresa complicata anche sulle altre due console di questa generazione, notoriamente più performanti di WiiU, eppure l'ammiraglia Nintendo, al prezzo di una risoluzione di 720p, mantiene i sessanta frame per secondo quasi sempre costanti, con rallentamenti perlopiù impercettibili solamente durante le scene più concitate; condividiamo appieno la scelta della grande N e di Platinum Games di dare priorità alla fluidità in un prodotto come questo, dove i dogfight più frenetici si combattono anche sul millisecondo. Le esplosioni e gli effetti di illuminazione dinamica ispessiscono la cosmesi, rendendo spettacolari gli scontri più elaborati e aumentando la soddisfazione quando si fa esplodere un jet nemico o una postazione fissa, che magari ci bersagliava da diversi secondi.
Pur non raggiungendo, insomma, i picchi della ludoteca Wii U, come Bayonetta 2, Super Mario 3D World e Mario Kart 8, Star Fox Zero si difende egregiamente, accoppiando una mole poligonale buona ad un framerate solido, a ulteriore dimostrazione di quanto la console Nintendo possa ancora dare se adeguatamente sfruttata. Molto bene anche il comparto audio, che si avvale di un solido doppiaggio italiano che rende al meglio i botta e risposta tra i compagni di squadra, soprattutto in volo, e l'iconico “buona fortuna” del generale Pepper alla fine di ogni briefing pre-missione.
L'unico inconveniente dell'intensivo utilizzo degli speaker e dei sensori di movimento del GamePad risiede nel fatto che Star Fox Zero consumerà la batteria della periferica con maggiore velocità rispetto alla media dei titoli fin qui testati su Wii U.
Chiosa finale per il supporto agli Amiibo, invero altalenante: da un lato, quello di Falco sbloccherà un velivolo speciale, dotato di una potenza d'attacco senza precedenti ma anche di una resistenza ai colpi dimezzata, dall'altro, quello di Fox, sbloccherà la versione a 16 bit dell'Airwing, utile solo a muovere alla nostalgia i meno giovani tra gli utenti.
Utile il primo, insomma, che sblocca una sorta di modalità difficile per esperti, accessorio il secondo.




Recensione Videogioco STAR FOX ZERO scritta da DOTTORKILLEX Star Fox Zero è un titolo coraggioso, in cui Nintendo e Platinum Games non hanno esitato ad inserire idee fresche, soluzioni di gameplay inedite e una buona varietà nelle missioni.
Peccato, allora, che il sistema di controllo richieda tanto tempo e pazienza per essere padroneggiato, e riservi frangenti di insoddisfazione derivati dalla differenza tra ciò che si vorrebbe fare e ciò che realmente succede a schermo.
Il pacchetto non è dei più corposi, ma comprende boss fight gargantuesche, diversi bivi e una performance tecnica di buonissimo livello, a spese, però, del multiplayer online.
Se siete fan della saga e non vi spaventa l'idea di spendere più tempo sul tutorial che sulle effettive missioni di gioco, potrebbe comunque fare al caso vostro, altrimenti preparatevi ad acrobazie ed imprecazioni.
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
    Commenti: 54 - Visualizza sul forum
  • WiiUgo
    WiiUgo
    Livello: 3
    Post: 1628
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da Wolf Loz
    Ma la maggior parte della critica lo avrà sì e no giocato 3 ore senza nemmeno rendersi conto che si può giocare a-la Star Fox 64 per gran parte del tempo, che i giroscopi sono parzialmente disattivabili, che esiste l'allineamento del reticolo ai movimenti dell'Airwing e che c'è un pratico tasto MENO ("-") che sposta la visuale del pad su schermo e viceversa, così si può anche non abbassare MAI lo sguardo sul pad. Critica ridicola su questo gioco, omissioni e valanga e tanta superficialità. Ma vabbè, se un gioco non è uno di quelli importanti da trattare con cura e approfondendo ormai sono tutte così le review.

    Ti ultra quoto!
  • Gianp
    Gianp
    Livello: 1
    Post: 911
    Mi piace 1 Non mi piace -1
    Avrai pure la fortuna di non conosce i prezzi e di non dover comprare nulla , ora che sei arrivato , ma lasciatelo dire , sei arrogante e noioso.
    Ovvio che con Renzi di mezzo abbiano dovuto assoldare dei bambini a costi bassi , ma qui si rasenta davvero il ridicolo.
    Ho cercato di seguire il video fino alla fine , ma quando è troppo e troppo.
    Siete diventati tristissimi, un'accozzaglia di personaggi inutili.
    Non credo che vi seguiro più, meglio virare ad altri siti.
    Ciao.
  • Wolf Loz
    Wolf Loz
    Livello: 3
    Post: 13766
    Mi piace 2 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da WiiUgo
    Assolutamente non d'accordo con la recensione! Starfox zero è un gioco almeno da 8, ha un ottimo sistema di controllo, non immediato ma comunque preciso, appena si prende la mano si hanno molte soddisfazioni, in più i sensori sono quasi del tutto disattivabili dando un feeling molto più classico. Assolutamente un ottimo gioco Arcade, molto rigiocabile, unico difetto: LA MANCANZA DEL ONLINE! Con l'online avrebbe avuto delle potenzialità simili a Splatoon!


    Ma la maggior parte della critica lo avrà sì e no giocato 3 ore senza nemmeno rendersi conto che si può giocare a-la Star Fox 64 per gran parte del tempo, che i giroscopi sono parzialmente disattivabili, che esiste l'allineamento del reticolo ai movimenti dell'Airwing e che c'è un pratico tasto MENO ("-") che sposta la visuale del pad su schermo e viceversa, così si può anche non abbassare MAI lo sguardo sul pad. Critica ridicola su questo gioco, omissioni e valanga e tanta superficialità. Ma vabbè, se un gioco non è uno di quelli importanti da trattare con cura e approfondendo ormai sono tutte così le review.
  • WiiUgo
    WiiUgo
    Livello: 3
    Post: 1628
    Mi piace 2 Non mi piace 0
    Assolutamente non d'accordo con la recensione! Starfox zero è un gioco almeno da 8, ha un ottimo sistema di controllo, non immediato ma comunque preciso, appena si prende la mano si hanno molte soddisfazioni, in più i sensori sono quasi del tutto disattivabili dando un feeling molto più classico. Assolutamente un ottimo gioco Arcade, molto rigiocabile, unico difetto: LA MANCANZA DEL ONLINE! Con l'online avrebbe avuto delle potenzialità simili a Splatoon!
  • LawlietL86
    LawlietL86
    Livello: 6
    Post: 778
    Mi piace 2 Non mi piace 0
    Io non ho ancora sbloccato tutte le missioni, però è vero che si possono disattivare i giriscopi (o meglio, lasciarli attivi solo quando si usa il targeting automatico tenendo premuto ZL) e che anche in modalità volo libero, con l'arwing, è possibile ricorrere a questa opzione. Fatta eccezione ovviamente per quei boss in cui ti viene imposto il targeting automatico (scelta che, secondo me, sarebbe stato meglio lasciare al giocatore anche in quelle circostanze. Comunque io dovrei essere verso la fine della prima run e fino ad ora ne ho beccati solo 2, di boss così). Non contesto il voto e non contesto l'opinione del recensore, ma sarebbe stato opportuno almeno specificare che esiste questa possibilità.
  • Wolf Loz
    Wolf Loz
    Livello: 3
    Post: 13766
    Mi piace 2 Non mi piace 0
    Dopo 20 ore di gioco, aver sbloccato tutte le path e le boss fight e aver finito la modalità Arcade (una sola volta però) posso dire la mia "definitivamente" sul gioco (mi mancano giusto 3 missioni avanzate del l'addestramento da sbloccare e i collezjonabili). Non sono affatto d'accordo con la review per quanto riguarda i controlli. Passare di continuo dalla TV al pad non solo non è assolutamente necessario in modo così massiccio come si evincerebbe dalla review, ma può anche essere completamente evitato premendo il tasto meno (-) che sposta la visuale interna sulla TV, se proprio volete usarla (a volte può aiutare). Mi preme anche dire che non è assolutamente vero che la quasi totalità dei boss vada affrontata in modalità col targerting obbligatorio, ma anzi questo succede in una minoranza di boss fight, che per altro funzionano piuttosto bene in questa maniera, poiché il targeting obbligatorio è sempre legato a boss che sparano raggi e che è meglio vedere nella loro interezza anche quando gli si dà le spalle. In una sezione commenti non mi sembra ci sia abbastanza spazio per fare un'analisi dettagliata di tutto, ma se andate nel topic di sezione (Star Fox Zero, in sezione Wii U) troverete una serie di commenti e consigli sui controlli e tante cose che nelle review mancano o sono assenti. Ivi compresa la possibilità di giocare le fasi in Airwing a-la Star Fox 64, senza stare di naso nel pad e senza dover nemmeno necessariamente usare i giroscopi. Finalmente un degno successore a Star Fox 64, col giusto budget dietro ed una realizzazione tecnica al passo coi tempi sarebbe senza ombra di dubbio anni luce davanti all'episodio per Nintendo 64 (sul quale ho accumulato qualcosa come centinaia di run nel corso degli anni). Se vi piace la saga e amate Star Fox 64 aggiungere un bel punto (o qualcosa in più) al voto della recensione e correte a comprare il gioco, non ve ne pentirete.
  • kappa90
    kappa90
    Livello: 4
    Post: 186
    Mi piace 4 Non mi piace 0
    Dopo 3 ore di gioco posso dire di essere molto contento di questo gioco!Divertentissimo e frenetico!Davvero spettacolare!Devo ancora finirlo,ma fino ad ora un 9 come voto ci sta tutto!
  • Wolf Loz
    Wolf Loz
    Livello: 3
    Post: 13766
    Mi piace 3 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da tip

    Come utente alimentato dalle tue "false speranze" posso dire che i tuoi feedback sono stati diecimila volte più precisi e tecnici di quelli del recensore, non hai nulla da difendere, hai spiegato perfettamente e si capisce benissimo a cosa si va incontro, per di più rispondendo educatamente a dei post acidissimi e poco professionali. Grazie per le informazioni.
    Figurati
  • el gianneiro
    el gianneiro
    Livello: 6
    Post: 1688
    Mi piace 5 Non mi piace 0
    Raga, preso il gioco, ci sto giocando da qualche oretta. È vero che i controlli sono un po "complessi", ma una volta superato l'impatto iniziale si va che è una meraviglia! !! È bello fluido, divertente e abbastanza caciarone la grafica è stilosissima e molto gradevole, in puro stile N insomma bel gioco davvero!
  • tip
    tip
    Livello: 4
    Post: 807
    Mi piace 6 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da Wolf Loz

    E per inciso non ho alimentato false speranze, a chi mi ha ringraziato per il feedback ho detto anche di fare attenzione perché in certe fasi sono obbligatorie. Semplicemente mi sorgono forti dubbi su quanto un gioco venga approfondito se su 40 review nemmeno una ha premura di dire che le fasi in volo possono essere giocate senza mirare con i giroscopi. Che è una cosa ABBASTANZA importante da dire, visto che la maggior parte delle critiche (nonché la ragione di voti non sempre entusiasmanti) è rivolta al puntamento tramite giroscopi. È un'omissione importante.
    Come utente alimentato dalle tue "false speranze" posso dire che i tuoi feedback sono stati diecimila volte più precisi e tecnici di quelli del recensore, non hai nulla da difendere, hai spiegato perfettamente e si capisce benissimo a cosa si va incontro, per di più rispondendo educatamente a dei post acidissimi e poco professionali. Grazie per le informazioni.
  • LawlietL86
    LawlietL86
    Livello: 6
    Post: 778
    Mi piace 1 Non mi piace -3
    Comunque sia, anche se fosse effettivamente possibile ignorare i giroscopi come dice Wolf Loz, rimane comunque un peccato. Una delle caratteristiche principali di questo gioco era il sistema di controllo innovativo, che poi è anche ciò che ha costretto gli sviluppatori a scendere a compromessi a causa del doppio schermo. Insomma, sapere che il sistema non funziona come dovrebbe è comunque un duro colpo, che sia ignorabile o meno.
  • AlexNA
    AlexNA
    Livello: 6
    Post: 116
    Mi piace 5 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da Wolf Loz

    Nono fermiamoci un attimo. Ho fatto 7 missioni su 11. L'Airwing e il LandMaster in fase volante possono essere guidati come succedeva con Star Fox 64 senza bisogno di disabilitare nulla. In volo, se ci di sposta in una qualunque direzione, il reticolo si sposta con noi (anche ai bordi dello schermo, proprio come in SF46). Questo accade anche nelle fasi di volo libero. Certo, se si preme ZL per fare targeting se ne va tutto a farsi benedire perché cambia l'inquadratura per inseguire il bersaglio. Ma per il resto anche nelle fasi "A tutto Campo" vale lo stesso discorso (es. battaglia con lo Star Wolf o precedente incontro con Pigma). Purtroppo il targeting È FISSO ED OBBLIGATO NELLE BOSS FIGHT. Anche se purtroppo è un parolone. Ad esempio nella prima boss fight grazie all'inquadratura superiore schiviamo i colpi è appena ci rimettiamo dritti verso il boss, guardando il paddone si può giocare normalmente anche senza dover mirare tramite giroscopi (ovvero sempre col pad fermo basta semplicemente dirigersi verso dove si vuole colpire come nei vecchi SF). Ovviamente Walker e Gyrowing richiedono NECESSARIAMENTE di mirare con i giroscopi poiché ad esempio non potendo spostarsi in alto e in basso (come invece può un velivolo) il reticolo va spostato "manualmente" per l'appunto coi giroscopi. C'è da dire però che le fasi col Gyrowing sono molto compassate e si spara poco, quindi la mira tramite giroscopi non è un problema. Quasi lo stesso discorso vale per il Walker, che muovendosi in ambienti spesso stretti non richiede di dover muovere il pad eccessivamente. Anche se, personalmente, trovo il Walker il mezzo più scomodo nel complesso, tra movimenti suoi e della mira. Magari ci farò la mano, magari no. Per il resto quando si vola con l'Airwing o col Landmaster si gioca come SF64 e per farlo basta non spadellare in giro il paddone ma tenerlo come un joypad qualunque e fare tutto spostandosi con l'analogico sinistro e senza usare il targeting che incasina la visuale. Targeting che, ricordiamolo, non c'era in SF64. Non l'ho provato in fretta e furia, ci ho fatto 7 livelli su 11 e mi sono fermato per godermelo meglio domani. I punti deboli per me sono il Walker macchinoso e il Gyrowing che si sposa poco alla frenesia di Star Fox (ma ad alcuni il cambio di ritmo può piacere, parlo semplicemente di mie impressioni). Le fasi di volo le trovo perfettamente in linea con lo spirito della saga è perfettamente godibili oltre che fruibili in 2 modi. Avvalendosi massicciamente del targeting e dei giroscopi, oppure giocarlo come se fosse Star Fox 64. Fai un tentativo se non mi credi e dimmi se non puoi giocare così anche le fasi A tutto Campo (boss fight escluse).
    Commento solo per congratularmi con l'utente Wolf Loz per come, molto educatamente, ha risposto al redattore. Senza toni aggressivi, ma riproponendo la sua opinione rispondendo a tutte le critiche mosse dal giornalista. Bravo.
  • Wolf Loz
    Wolf Loz
    Livello: 3
    Post: 13766
    Mi piace 2 Non mi piace 0
    Cioè io in 7 missioni ho guardato il pad solamente in 2 momenti: prima boss fight e boss fight di Titania. In tutte le altre situazioni non ho fatto nessun rimpallo di sguardi. E quando potevo (fasi in volo) non ho nemmeno mai mirato con i giroscopi.
  • Wolf Loz
    Wolf Loz
    Livello: 3
    Post: 13766
    Mi piace 2 Non mi piace 0
    E per inciso non ho alimentato false speranze, a chi mi ha ringraziato per il feedback ho detto anche di fare attenzione perché in certe fasi sono obbligatorie. Semplicemente mi sorgono forti dubbi su quanto un gioco venga approfondito se su 40 review nemmeno una ha premura di dire che le fasi in volo possono essere giocate senza mirare con i giroscopi. Che è una cosa ABBASTANZA importante da dire, visto che la maggior parte delle critiche (nonché la ragione di voti non sempre entusiasmanti) è rivolta al puntamento tramite giroscopi. È un'omissione importante.
  • Wolf Loz
    Wolf Loz
    Livello: 3
    Post: 13766
    Mi piace 3 Non mi piace 0
    "Limitare la sensibilità dei giroscopi al momento in cui punti" è un'opzione del gioco. Si può scegliere di avere i giroscopi sempre arrivati o far sì che si attivino solo quando si fa fuoco.
caricamento in corso...
SCREENSHOTS
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.