Recensione di Tiger Woods PGA Tour 10

Copertina Videogioco Tiger Woods 10
  • Piattaforme:

     WII
  • Genere:

     Sportivo
  • Sviluppatore:

     EA
  • Data uscita:

     Disponibile
- Sistema di controllo perfetto e adattabile
- Modalità offline numerose e originali
- Modalità online ottima
- Fisica dei colpi realistica
- Tecnicamente pregevole
- Necessita di un Wii Motion Plus per essere goduto appieno
- Per gli amanti del golf potrebbe produrre assuefazione
Loading the player ...
A cura di (AP) del
Il golf è uno sport che richiede grande controllo e precisione. Considerando il movimento che si deve compiere per colpire la pallina non dovrebbe meravigliare più di tanto il vederlo riprodotto nel primo originale Wii Sports. La simulazione del movimento unita all’impugnatura da mantenere sul controller hanno fatto solo da assaggio alle vere potenzialità di questa tecnologia. Così con Wii Sports Resort si riprende proprio il golf e lo si arricchisce di una precisione che solo il Wii Motion Plus può apportare. Se però le sole diciotto buche del titolo Nintendo vi sembrano un po’ poche, vi viene in aiuto EA, che con Tiger Woods PGA Tour 10 promette di sbalordire tutti con un pacchetto che ridefinisce il concetto stesso di gioco di golf. Seguiteci al Tee della prima buca e vi spiegheremo il perché.

Wii Remote + Wii Motion Plus = Golf
Dopo aver avviato il gioco non vi aspetterà una presentazione incredibile o un menu particolarmente ricco di stile, bensì un semplice elenco di modalità all’apparenza non troppo corposo. Il nostro primo suggerimento è quello di collegare immediatamente un Wii Motion Plus nel vostro controller e sfruttare appieno la sua precisione. Una volta fatto potrete accettare il consiglio che vi chiede se vorrete affrontare un tutorial di base oppure scendere subito sul campo selezionando l’opzione Play Now. Qualunque sia la vostra scelta non potrete che rimanere a bocca aperta davanti alla profondità del gameplay e della precisione che vi si pareranno davanti. Avrete tre diversi possibili metodi di controllo: il più semplice è detto All Play e come suggerisce il nome stesso è adatto ad ogni tipo di utenza. La traiettoria della pallina è ben visibile e l’effetto che si può imprimere alla piccola sfera bianca con Draw (curva a sinistra) e Fade (curva a destra) è minimo. Subito dopo c’è l’impostazione standard che elimina la traiettoria ma mantiene un grande bersaglio ad indicare il punto d’impatto in cui la pallina dovrebbe cadere. In questa modalità vengono mantenute due frecce che indicano fino a dove si può arrivare effettuando i colpi ad effetto. Infine la modalità Avanzata lascia tutto nelle mani dell’utente facendo scomparire indicatori o frecce (rimane solo il cerchio ad indicare la direzione in cui si tira). Quest’ultimo si dimostra il sistema di controllo più complesso ma più soddisfacente sul lungo termine.
Anche per la messa in buca detta putting è stata aggiunta una nuova modalità di tiro che va ad affiancarsi a quella classica. Se questa mantiene ancora la potenza e gli indicatori di direzione come già si poteva vedere nei classici giochi dedicati a questa disciplina, ora si potrà selezionare anche la versione Precision Putting che lascerà sul campo solo gli indicatori che segnalano le diverse inclinazioni del green. Se prima tirare senza frecce di direzione e quant’altro sarebbe parso come un tiro alla cieca, grazie alla perfetta implementazione del Wii Motion Plus (venduto anche in bundle con il gioco) tutto vi sembrerà naturale e mettere in buca (o sbagliare di un soffio) sarà proprio come averlo fatto davvero.
A questi controlli base si aggiungono anche alcune finezze come per esempio il punto d’impatto sulla pallina capace di alzare o abbassare il tiro e di conseguenza l’ampiezza del lancio, ma utile per uscire da situazioni scomode.
Il tiro si esegue mantenendo la pressione sul tasto B ed effettuando il movimento esatto che effettuereste se foste davvero nei verdi prati di un circuito. Se non vi sentite pronti e volete effettuare prima un tiro di prova dovrete mantenere premuto anche il tasto A. Sulla parte alta dello schermo avrete diversi indicatori che visualizzeranno il vento e alcune informazioni sulla buca in corso che potrete però ridurre a icona in modo da avere la visuale sgombra.

Modalità per tutti i gusti
Una volta appurato che giocare a Tiger Woods PGA Tour 10 è quanto di più reale sia mai stato progettato in termini di sistema di controllo, bisogna valutare se le modalità di gioco sanno essere abbastanza varie da garantire il divertimento sul lungo periodo.
La prima ad essere tirata in causa è la Carriera: qui potrete creare fino a quattro golfisti grazie ad un editor completissimo che vi permetterà di agire su una moltitudine di parametri fisici e di movenze durante gli swing. Potrete poi vestirlo attraverso capi d’abbigliamento ufficiali e assegnare caratteristiche di tiro in base ad un semplice sistema a punti. Poi calendario alla mano potrete decidere a quali competizioni partecipare su un totale di circa cinquanta eventi. Alcuni saranno ad ingresso libero, altri invece necessiteranno delle credenziali per potervi accedere. Queste ovviamente si otterranno grazie ai risultati nelle competizioni minori, garantendovi fama e moneta sonante da spendere nel negozio. Raggiunta una certa reputazione potrete poi partecipare alla FedEx Cup, ossia la manifestazione sportiva più ambita. A tutto ciò non mancheranno infine una cinquantina di sfide capaci di mettere alla prova anche il golfista più abile.
Oltre a questa vastissima modalità, avrete la possibilità di partecipare ad eventi liberi, magari affiancati da altri vostri amici. La scelta del circuito su cui competere è davvero vasta, ma è solo la prima delle possibilità che vi troverete davanti. Oltre a selezionare dove gareggiare dovrete anche decidere come farlo e per questo vi vengono in aiuto un sacco di modalità capaci di rendere l’esperienza sempre diversa. Potrete giocare con la regola dello Stroke Play (vince chi al termine delle 18 buche ha effettuato meno tiri) o con quella detta Stableford (vince chi al termine delle diciotto buche ne ha vinte di più), oppure potreste voler giocare usando una sola pallina da condividere con l’avversario. Non manca nemmeno il gioco di squadra nel quale ci si può alleare con un partner per far squadra contro i propri avversari sia con una sola pallina condivisa, sia nella sua forma più classica. A queste modalità che potremmo definire “realistiche” sono state aggiunte anche altre più fantasiose ed arcade in cui bisognerà far passare la pallina attraverso anelli, centrare bersagli e quant’altro. Per gli insaziabili poi si annoverano anche dei minigiochi tanto vari quanto divertenti.
Chiudiamo questo ghiottissimo comparto single player con il Disc Golf. Questa variante della normale disciplina vi farà accantonare ferri e bastoni a favore di un frisbee che andrà afferrato con il puntatore del controller e dovrà essere mandato dentro il canestro che sostituisce la buca in fondo ad ogni percorso. Decisamente più semplice del golf e capace di attirare diversi utenti grazie alla fisica del disco e (ancora una volta) all’incredibile precisione del sistema di controllo.

Online con i professionisti
Se è vero che Wii non ha mai avuto un grande servizio online, con il titolo EA le cose sembrano destinate a migliorare vistosamente. Così come già successo per Grand Slam Tennis, anche stavolta potete dimenticarvi dei noiosi codici amico. Una volta selezionato l’online vi verrà chiesto di collegare il vostro account EA o di crearne uno nuovo. Fatto ciò sarete in rete e potrete decidere se giocare con altri giocatori in scontri diretti oppure se partecipare a Tornei Live.
Nel primo caso vi unirete ad altri giocatori gareggiando per il primo posto. Non ci saranno i turni di attesa tra un giocatore e l’altro poiché i vostri sfidanti saranno come fantasmi che giocheranno simultaneamente a voi. Ciò elimina i tempi morti di attesa e snellisce intelligentemente ogni buca.
I Tornei Live sono invece una vera e proprio novità poiché mettono a disposizione classifiche giornaliere e settimanali del proprio punteggio su un determinato circuito. In questo modo sarete sempre aggiornati sulla vostra posizione e sarete continuamente spronati a migliorare in una sorta di carriera che si preannuncia ancora più interessante di quella single player poiché giocata contro avversari umani.
Inoltre nei giorni in cui si svolgeranno i tornei professionistici, potrete seguire le imprese dei campioni reali e confrontarvi virtualmente con loro, cercando di superare i loro livelli di eccellenza. Per sapere quando si svolgeranno non dovrete fare altro che consultare il calendario in game.
Queste modalità online, un po’ per i server dedicati, un po’ per la natura stessa del gioco, risultano giocabilissime e durante le nostre prove non abbiamo mai avuto problemi di connessione, di lag o semplicemente di reperimento giocatori. Manca purtroppo il supporto per il Wii Speak ma considerando che il golf è uno sport molto riflessivo e tecnico, non sarebbe stato piacevole avere qualcuno che parla durante i vostri tiri più delicati.

Che bel green!
Il comparto grafico con cui si presenta questa versione 2010 del prodotto EA riesce a superare il lavoro svolto nell’annata precedente. Nonostante la presenza di un po’ di aliasing, non si può rimanere indifferenti alle panoramiche che presentano le buche o ai fluidi movimenti dei golfisti durante gli swing. A ciò si unisce anche la possibilità di avere effetti climatici differenti addirittura collegati in tempo reale al meteo del luogo. Le icone a schermo appaiono funzionali e la fisica della pallina appare quanto mai convincente sia per quanto riguarda le diverse superfici che per le diverse inclinazioni. In questo contesto non si può non parlare del comparto audio, capace di immergere il giocatore grazie a suoni paesaggistici, come i cinguettii della fauna, e ai suoni del rotolare della pallina, del suo contatto con il suolo e il rumore del colpo del bastone con esso che differisce in base al tipo di ferro o drive impugnato. Non sono presenti musiche particolari o articolate ma non se ne sente il bisogno.
Ad un gameplay perfetto e ricco di sfaccettature non può che accompagnarsi una longevità stellare garantita da decine di eventi offline su tantissimi percorsi differenti, appassionanti gare multigiocatore da effettuare anche con un solo controller, un comparto online maestoso capace di garantire una sfida costante ed infine la possibilità di confrontarsi direttamente con i migliori punteggi dei professionisti.
A chiunque decida di gettarsi a capofitto nel re delle simulazioni golfistiche occorre solo una raccomandazione: per godersi appieno questo immenso prodotto vi servirà anche un Wii Motion Plus. L’uso del semplice Wii Remote sarà funzionale ma molto distante dai livelli d’eccellenza che si raggiungono con la nuova periferica Nintendo. Se volete giocare davvero, mettetelo in conto.
Recensione Videogioco TIGER WOODS PGA TOUR 10 scritta da AP Tiger Woods PGA Tour 10 è il miglior gioco di golf mai realizzato. Con questa semplice frase si possono riassumere tutte le numerose caratteristiche che rendono il prodotto EA il migliore nel suo campo. La ricchezza di modalità offline ed online unite ad un comparto multiplayer capace di regalare serate indimenticabili tra amici, riescono a raggiungere l'eccellenza grazie ad un sistema di controllo che, con l'accoppiata Wii Remote - Wi Motion Plus riesce a riportare fedelmente il gesto dello swing e tradurlo in azione come se si fosse davvero sul fairway. L'unico motivo per non dare una chance a questo titolo è odiare profondamente il genere golfistico. Per tutti gli altri possessori di Wii l'acquisto rimane quanto meno consigliato.
caricamento in corso...
SCREENSHOTS
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.