Recensione di Big Beach Sports

Copertina Videogioco Big Beach Sports
  • Piattaforme:

     WII
  • Genere:

     Sportivo
  • Sviluppatore:

     HB Studios Multimedia
- Carina l'idea del golf freesbee - Grafica scadente
- Musiche ed effetti sonori poco incisivi
- Giocabilità penalizzata dalla IA
- Longevità ridotta all'osso e poche azioni effettuabili
A cura di (AP) del
Quando Nintendo ha pensato di allegare alla sua nuova console un titolo come Wii Sports, già sapeva che stava facendo nascere un genere nuovo e che sarebbe potuto esistere solo sulla propria console. Da un successo di questo calibro il passo per produrre altri giochi che permettessero di sfruttare le peculiarità della console è stato veramente breve. Oggi infatti il parco titoli di questa fortunata console è ricchissimo di giochi che provano ad avvicinarsi a Wii Sports, prodotto ancora insuperato nonostante sia stato creato nel 2006. Un mese fa è stato il turno del deludente Sports Island, ora invece che siamo giunti all'estate THQ ci propone il suo Big Beach Sports. Vediamo com’è andata.

Si scende in spiaggia
Big Beach Sports propone al giocatore sei discipline distinte: abbiamo il calcio, la pallavolo, il football americano, le bocce, il cricket e il golf freesbee.
Questi sport vengono praticati utilizzando il solo Wii remote e tutti i movimenti in campo vengono guidati dall’intelligenza artificiale. In realtà viene data la possibilità di muovere il personaggio selezionato in una direzione rispetto ad un’altra ma purtroppo l’uso della croce direzionale si dimostra piuttosto scomodo e di conseguenza anche poco utilizzato. Analizziamo ora gli eventi nel dettaglio:

Calcio - Si gioca con tre giocatori più un portiere. I tasti A e B servono per passare ad uno dei propri compagni e scuotendo il controller si tira in porta.

Football americano - E' consentito avere due giocatori per squadra. Il primo ha la funzione di quarterback, ossia solleva e lancia in avanti la palla, mentre il secondo ha il ruolo di ricevitore ossia di chi una volta afferrato l'ovale corre cercando di fare meta. I controlli anche in questo caso sono piuttosto elementari e vengono spiegati brevemente dal tutorial introduttivo.

Pallavolo - La classica partita di Beach Volley due contro due. Muovendo il controller dal basso verso l’alto si esegue il primo bagger, con il secondo movimento si alza la palla e muovendo dall’alto verso il basso si effettua la schiacciata quando si è all’apice del salto. I pulsanti A e B uniti al movimento avranno alcuni modesti effetti sui colpi effettuati.

Bocce- Avrete un totale di quattro bocce e vince chi si avvicina di più al pallino. Con un mirino potrete decidere dove tirare e con un gesto del Wii Remote potrete lanciare.

Cricket - Simile al baseball ma con molti meno giocatori e solo due basi. Anche in questo gioco come in Wii Sports si affronta prima la battuta e poi il lancio.

Golf freesbee - Lo sport più particolare del lotto mischia i movimenti del freesbee al concetto del golf. Dovrete infatti mettere nel canestro il vostro disco giocattolo in un numero di tiri (si spera) pari a quello suggerito. Vince chi alla fine della diciottesima buca ha effettuato meno lanci per completare il percorso. Si possono utilizzare freesbee diversi per caratteristiche e si deve tener conto della direzione del vento.

Una spiaggia che non fa sudare
I più attenti tra voi avranno notato che tutti i movimenti da effettuare sono molto pochi e spesso banali. Se a ciò si aggiunge la difficoltà nel gestire manualmente il proprio alter ego lasciandoci troppo spesso in balia di un’intelligenza artificiale che toglie il gusto di giocare, si comincia a far largo un’idea inerente alle potenzialità non espresse di questo titolo. I minigiochi in cui il personaggio si muove sul campo lasciano troppo spesso il giocatore in attesa di fare qualcosa. Nel tennis del titolo Nintendo questo non accadeva perché la CPU ci portava vicino alla pallina e noi dovevamo colpirla. Qui purtroppo nel calcio o nel football accade che la CPU decida di sua spontanea iniziativa di andare da una parte magari opposta a quella che noi avevamo inizialmente pensato e spesso quando si arriva sulla croce del pad per fornire la direzione corretta, ormai è tardi e gli avversari ci hanno già placcato o ci hanno rubato la palla. Tutto ciò porta ad un’ennesima considerazione: purtroppo anche Big Beach Sports è un titolo dedicato ad un’utenza di bambini che possono agevolmente giocare mimando alcuni semplici movimenti, ma non per questo lo sviluppo avrebbe dovuto seguire un percorso tanto lineare.

Annegare nella sabbia
Se tutto quello che rappresenta il prodotto THQ è dedicato ad un’utenza prettamente di casual gamer, la grafica, scarna, a tratti plasticosa e sicuramente con una carica di stile minore rispetto ai tanto cari Mii, fa di tutto per farsi dimenticare. Le animazioni poco fluide, gli ambienti sempre uguali (sono sempre spiagge) e gli avversari privi di caratteristiche peculiari, rendono anonimo un gioco che insieme ad un comparto sonoro orecchiabile ma privo di mordente è uscito due anni dopo il capostipite, ma non ha imparato nulla nel frattempo, limitandosi a scimmiottare idee ma senza svilupparle in proprio.
Detto ciò parlare di longevità appare piuttosto superfluo. Il titolo non incentiva in nessun modo il giocatore a rimettere il disco nello slot della console lasciando che rimanga a prendere polvere sullo scaffale (preferibilmente del negozio). Con le vacanze estive ormai alle porte è tempo di dedicarsi ai veri sport all'aperto, rilassandosi poi con titoli di ben altro spessore.
Recensione Videogioco BIG BEACH SPORTS scritta da AP Un'altra occasione sprecata per un emulo di Wii Sports. Così potrebbe essere liquidato in poche righe Big Beach Sports. Dietro ad un comparto tecnico di almeno una generazione fa, si trova un titolo inutilmente semplificato che se avesse avuto il supporto al Nunchuk non ne sarebbe uscito con così tante ossa rotte dal confronto con il prodotto Nintendo. Speriamo che i giochi futuri appartenenti a questa categoria facciano tesoro dei passi falsi dei loro predecessori e ci regalino un prodotto degno almeno quanto la prima e per ora inimitabile collezione di sport. Speriamo che la leziona possa essere utile.
caricamento in corso...
SCREENSHOTS
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.